Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 18-10-2006, 09.42.59   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
l'oscuro oggetto del desiderio

L'oscuro oggetto del desiderio

Nel terzo millennio i comportamenti sessuali di maschi e femmine si sono uniformati o rimane qualche differenza di genere? Sembra che nelle femmine permanga una zona residua dedicata all'affetto e all'intimità, mentre i maschi più coinvolti nell'eclissi delle emozioni in prevalenza restino orientati all'istinto animalesco e al sesso visivo vissuti come unione di organi e prestazione. Molti ritengono che la donna non abbia un valore in sé ma sia un oggetto funzionale ai propri bisogni, senza implicazioni sentimentali. L'elaborazione mentale di un immaginario soggettivo è loro quasi sconosciuta. Eppure sovente suscitano nelle donne un' irresistibile e molte volte arrischiata attrazione.

Già Bataille affermò che l'erotismo maschile consiste nel profanare la sublime leggiadria femminile fissandosi per contrasto sulle sue oscene parti celate. Massimo Fini conferma tale tendenza nel suo “Dizionario erotico”: “E' brutta, laida, umidiccia, maleodorante, percorsa nei due sensi da deiezioni. Fa schifo. Non ha una forma definita, è un buco slabbrato”. Descrizione realistica e impudica, ben lontana da certe metafore poetiche di letterati d'ogni tempo. Tale idea maschile dominante viene ben rappresentata in un passo dell'ultimo libro di racconti di Banana Yoshimoto “Ricordi di un vicolo cieco”. E' la confessione di un innamorato alla sua ragazza: “Sì, ma l'uomo non vede che il buco. Una ragazza può essere truccata,ben vestita, e si può fare la conversazione più normale, ma uno pensa: Lì in fondo c'è quel buco, e non riesce a pensare e a vedere che quel buco umido e provocante. Basta che ci pensi solo per un attimo, e poi non riesci a pensare più ad altro”.
Tuttavia questa premessa materialistica non esclude che la vicenda si concluda con un amore dolce e romantico. Mentre nel caso di una mentalità maschilista la donna rimane il contorno di un buco.

Cos'è l'erotismo? La maggior parte ne limita il significato indicando l'impulso istintuale, la sessualità, la sessuologia, la pornografia. Sono state le fiction dei romanzi e dei film a spiegarci che tale termine può evocare le molteplici e a volte inesprimibili sfumature e sensazioni dei modi di vivere l'amore. La sua quintessenza era racchiusa in quella mitica scatolina che nel film “Bella di giorno” un orientale schiude davanti agli occhi affascinati di Severine (Catherine Deneuve). Ora dopo quaranta anni nel sequel “Bella sempre” presentato a Venezia ricompare quel misterioso carillon nelle mani di Husson ( l' ormai ottantenne Michel Piccoli ) ma ancora non si riesce a vederne il contenuto. Pure in Undici minuti di Coelho un orientale solleva il coperchio di una strana scatola. Si vedono due bacchette da elettrizzare per piaceri particolari. Cosa mai d'altro potrebbe nascondere? Noi riflettiamoci dandone un significato personale riferito a un nostro vissuto oppure ispiratoci da un'opera letteraria, una poesia , un film. Anche in senso metaforico, in tempi in cui una grave crisi del desiderio sta investendo la coppia.

E' forse parola e linguaggio? Oppure immagine e memoria? Scoperta o invenzione dell'altro? Novità e gioco? Disvelamento e violazione? O cosa altro?
arsenio is offline  
Vecchio 18-10-2006, 11.01.49   #2
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
L'oscuro oggetto del desiderio

Nel terzo millennio i comportamenti sessuali di maschi e femmine si sono uniformati o rimane qualche differenza di genere? Sembra che nelle femmine permanga una zona residua dedicata all'affetto e all'intimità, mentre i maschi più coinvolti nell'eclissi delle emozioni in prevalenza restino orientati all'istinto animalesco e al sesso visivo vissuti come unione di organi e prestazione. Molti ritengono che la donna non abbia un valore in sé ma sia un oggetto funzionale ai propri bisogni, senza implicazioni sentimentali. L'elaborazione mentale di un immaginario soggettivo è loro quasi sconosciuta. Eppure sovente suscitano nelle donne un' irresistibile e molte volte arrischiata attrazione.

Già Bataille affermò che l'erotismo maschile consiste nel profanare la sublime leggiadria femminile fissandosi per contrasto sulle sue oscene parti celate. Massimo Fini conferma tale tendenza nel suo “Dizionario erotico”: “E' brutta, laida, umidiccia, maleodorante, percorsa nei due sensi da deiezioni. Fa schifo. Non ha una forma definita, è un buco slabbrato”. Descrizione realistica e impudica, ben lontana da certe metafore poetiche di letterati d'ogni tempo. Tale idea maschile dominante viene ben rappresentata in un passo dell'ultimo libro di racconti di Banana Yoshimoto “Ricordi di un vicolo cieco”. E' la confessione di un innamorato alla sua ragazza: “Sì, ma l'uomo non vede che il buco. Una ragazza può essere truccata,ben vestita, e si può fare la conversazione più normale, ma uno pensa: Lì in fondo c'è quel buco, e non riesce a pensare e a vedere che quel buco umido e provocante. Basta che ci pensi solo per un attimo, e poi non riesci a pensare più ad altro”.
Tuttavia questa premessa materialistica non esclude che la vicenda si concluda con un amore dolce e romantico. Mentre nel caso di una mentalità maschilista la donna rimane il contorno di un buco.

Cos'è l'erotismo? La maggior parte ne limita il significato indicando l'impulso istintuale, la sessualità, la sessuologia, la pornografia. Sono state le fiction dei romanzi e dei film a spiegarci che tale termine può evocare le molteplici e a volte inesprimibili sfumature e sensazioni dei modi di vivere l'amore. La sua quintessenza era racchiusa in quella mitica scatolina che nel film “Bella di giorno” un orientale schiude davanti agli occhi affascinati di Severine (Catherine Deneuve). Ora dopo quaranta anni nel sequel “Bella sempre” presentato a Venezia ricompare quel misterioso carillon nelle mani di Husson ( l' ormai ottantenne Michel Piccoli ) ma ancora non si riesce a vederne il contenuto. Pure in Undici minuti di Coelho un orientale solleva il coperchio di una strana scatola. Si vedono due bacchette da elettrizzare per piaceri particolari. Cosa mai d'altro potrebbe nascondere? Noi riflettiamoci dandone un significato personale riferito a un nostro vissuto oppure ispiratoci da un'opera letteraria, una poesia , un film. Anche in senso metaforico, in tempi in cui una grave crisi del desiderio sta investendo la coppia.

E' forse parola e linguaggio? Oppure immagine e memoria? Scoperta o invenzione dell'altro? Novità e gioco? Disvelamento e violazione? O cosa altro?

..istinto innato alla procreazione della specie
acquario69 is offline  
Vecchio 18-10-2006, 11.23.16   #3
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Arsenio, personalmente cerco di capire e comprendere sia il mio intimo sentire sia quello del partner, così come le diverse testimonianze delle amiche o i libri letti (apprezzo gli scritti di Banana Yoshimoto e di Coelho) mi portano a tentativi di immedesimazione con i protagonisti. Non nascondo che le mie vie mi abbiano portato a riconsiderare certi tabù e poi a riscoprire da sola il perché del No da parte di una donna. L’universo maschile lo conosco solo per sentito dire e leggendo (un bel libro è anche quello di Leonard Cohen “Belli e perdenti”).
<<Nell’erotismo come “arte” io vedo una sorta di dipendenza, una continua fuga in un’altra dimensione>>; questa sarebbe una mia risposta al perché le donne si sentono attratte da questa sorte dell’”arte”. Per gli uomini, penso , che sia veramente una necessità fisiologica, soprattutto quando non hanno assicurato il minimo indispensabile. Penso che (può darsi che mi sbaglio di molto) un maschio medio (non dico normale perché non so cos’è la normalità e per quali ragioni uno segue un certo cammino e non un altro) nel momento in cui ha il suo “buco” assicurato, non senta questo impulso in modo così arduo come uno che deve andare alla “caccia” e magari si deve consolare alla fine solo con l’immaginazione, il che porta ad una dipendenza. Mi domando per quale ragione un maschio arriva a desiderare ad un certo momento della sua vita anche il sesso anale e/o fruste e compagnia bella? Che cosa può riempire un vuoto così grande? Magari ci cascano anche le donne.
Ho girato e raggirato queste domande nella mia testolina e sono rimasta, diciamo, desolata. L’erotismo è come una droga?
Magari l’essere umano (vedi soprattutto il maschio) non sa neanche che cosa cerca ed arriva a cercare il sesso in modo compulsivo senza avere una vera e propria soddisfazione. E se la risposta a questo quesito fosse il tantra? Se la risposta si trova anche in quel libro di Coelho “11 minuti” (non solo di là, ma diciamo che è lui che lo spiega in modo più comprensibile agli occidentali) nella descrizione della sensazione provata dalla protagonista con il suo futuro marito?
Basterebbe una completa partecipazione da entrambi i partner senza tanti contorcimenti e aggeggi, per avere la risposta?

Semplicemente

edali
edali is offline  
Vecchio 18-10-2006, 14.26.59   #4
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

La paura in una donna di essere considerata solo in qualità di oggetto esiste oggi ed esisteva ieri.
In un recente passato venive esorcizzata con la verginità fino al matrimonio, oggi con il rifiuto di chi è percepito come interessato solo a quello oppure al contrario comportandosi esattamente come un uomo.
Non trovo convincente che a una donna interessino parti anatomiche singole oppure parli come un uomo di un partner.
Di adeguamento in adeguamento, forse certi comportamenti nuovi sono derivati logici: depilazioni maschili e cerette ad esempio, riviste maschili che somigliano sempre più a quelle femminili.
Non credo che nessuno dei due pianeti possa ritornare a emozioni condivise su più livelli se non recuperando la proprie caratteristiche profondamente maschili e femminili.
cannella is offline  
Vecchio 18-10-2006, 16.05.40   #5
Tommy2005
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-09-2006
Messaggi: 176
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Ciao Arsenio,

scusa ma non ho ben capito che cosa sia in esama se l'erotismo o la sessualità, ed in merito a quale aspetto lo si stia esaminando.

Ciao
Tommy2005 is offline  
Vecchio 19-10-2006, 13.34.46   #6
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Acquario69, edali, cannella, tommy2005


La mia è una lunga premessa finalizzata alla domanda finale, che è stata un po’ glissata: Cos’è per voi personalmente l’erotismo? Risposta che in genere rivela anche un po’ della personalità sul piano affettivo. Nonostante i comportamenti sessuali disinibiti ormai comuni in maschi e femmine credo ci sia ancora molta diversità su quanto concerne l’espressione del loro erotismo.
Ad es. la mia concezione soggettiva è un pizzico di tutto quello che ho prospettato come ipotesi alla fine del post. Soprattutto sono le rappresentazioni del mio “teatrino interiore, a volte anche fuori da ogni canone estetico, ma che escludono perversioni del tipo sado-maso.


Il presente argomento mi è stato ispirato dal racconto di Banana Yoshimoto. Ma anche da un mal-amore diffuso specie in Italia. L’erotismo e la tenerezza hanno ceduto il posto alle sopraffazioni maschili, e a tal proposito c’è anche un appello firmato da 500 intellettuali, politici, opinionisti.

Grazie per l'attenzione

arsenio is offline  
Vecchio 21-10-2006, 01.14.20   #7
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Acquario69, edali, cannella, tommy2005


La mia è una lunga premessa finalizzata alla domanda finale, che è stata un po’ glissata: Cos’è per voi personalmente l’erotismo? Risposta che in genere rivela anche un po’ della personalità sul piano affettivo. Nonostante i comportamenti sessuali disinibiti ormai comuni in maschi e femmine credo ci sia ancora molta diversità su quanto concerne l’espressione del loro erotismo.
Ad es. la mia concezione soggettiva è un pizzico di tutto quello che ho prospettato come ipotesi alla fine del post. Soprattutto sono le rappresentazioni del mio “teatrino interiore, a volte anche fuori da ogni canone estetico, ma che escludono perversioni del tipo sado-maso.


Il presente argomento mi è stato ispirato dal racconto di Banana Yoshimoto. Ma anche da un mal-amore diffuso specie in Italia. L’erotismo e la tenerezza hanno ceduto il posto alle sopraffazioni maschili, e a tal proposito c’è anche un appello firmato da 500 intellettuali, politici, opinionisti.

Grazie per l'attenzione



Credo che l'erotismo sia tutto ciò che sovrastruttura, in senso marxista, il bisogno sessuale, ogni qual volta esso possa concretamente essere appagato.
Weyl is offline  
Vecchio 21-10-2006, 02.04.54   #8
Daniele99
Ospite
 
Data registrazione: 11-10-2006
Messaggi: 33
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

Quelle che citi sono provocazioni di scrittori culturaloidi!!!
Non lo considero solo un instinto animale, ma anche un eccitamento intellettuale
In realtà l'uomo e la donna non sono poi cosi diversi, l'educazione ha indotto le donne a reprimere gli istinti e le ha dato la vanità sessuale; l'uomo a reprimere la sensibilità sessuale ed ha imparato ad usare il sesso come potere e competizione
Ci sono troppi ricami sul sesso, e viene usato per i motivi più svariati.. invece và preso per quello che è... l'unione del corpo, mente e sensi quando c'è intimità e anche dell'anima quando c'è l'amore!!

Non farei distinzione tra i sessi... se c'è onestà e schiettezza l'uomo si comporta esattamente come la donna e viceversa... la diversità nasce negli schemi mentali indotti dalla società... parlando di sesso...
Nella seduzione invece siamo molto diversi ... anche se le cose stanno cambiando

Gli oggetti non fanno mai la differenza .. sono sempre le persone ... uomini o donne che siano .. a farla!!!
L'organo sessuale in sè è un oggetto....
Daniele99 is offline  
Vecchio 21-10-2006, 07.40.09   #9
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

L'amore genitale e' istinto puro, pulsione, soddisfacimento del proprio corpo...la donna si e' molto avvicinata all'uomo nel vivere la sua sessualita', si e' liberata da preconcetti, sovrastrutture, e tende ad usare l'uomo nello stesso modo in cui l'uomo usa la donna (almeno una percentuale di donne) e si sta creando un baratro nel rapporto a due ...l'amore erotico e' qualcosa di diverso, e' un gioco d'amore tra due partners, e' scoperta dell'altro, e' piacere, e' un coinvolgimento anche mentale, non soltanto fisico, che puo' indurre a qualcosa di piu' forte ancora...

Vaniglia
Vaniglia is offline  
Vecchio 21-10-2006, 10.24.10   #10
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: l'oscuro oggetto del desiderio

secondo me qualcosa sta cambiando nel rapporto tra uomini e donne.Anche secondo me le donne vedono gli uomini in maniera diversa,più "animalesca",mentre invece gli uomini stanno diventando più femminili.E' una mia impressione o sbaglio?sia gli uomini che le donne stanno perdendo il loro istinto.guardate come ad esempio gli uomini stiano così attenti al look,prima non succedeva.E guardate quanti omosessuali ci sono nel mondo!è una cosa spaventosa...
dany83 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it