Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 07-05-2004, 15.53.48   #1
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
cattedrali

Vorrei sapere se qualcuno ha visitato qualche cattedrale ( gotica principalemente) con la consapevolezza del sapere che è celato in esse....
Purtroppo io ho visitato notre-dame a parigi quando ne ero ancora inconsapevole...ma mi piacerebbe visitare chartres, amien e reims....

Grazie
Paolo77 is offline  
Vecchio 07-05-2004, 20.33.49   #2
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Ciao Paolo,
Qual´è il "sapere che è celato in esse" ?
Rolando is offline  
Vecchio 11-05-2004, 14.12.55   #3
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
L'alchimia
Paolo77 is offline  
Vecchio 10-06-2004, 14.23.17   #4
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
se parlassimo qua delle cattedrali?
Paolo77 is offline  
Vecchio 28-06-2004, 15.49.04   #5
el cid
Ospite
 
Data registrazione: 21-06-2004
Messaggi: 36
io sapevo che le chiese nell'antichita venivano costruite su posti dove vi era una forte influenza di energia negativa,cosi che se entravi dentro eri piu' debole e la classe dominante che era quella clericale aveva maggiore potere nelle parole e nelle funzioni religiose.questa energia negativa abbassava in un certo senso le tue funzioni di difesa intelletiva cosi da essere piu facilmente convincibile!
el cid is offline  
Vecchio 28-06-2004, 19.04.00   #6
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
Davvero? E da dove hai tratto questa informazione?
Paolo77 is offline  
Vecchio 29-06-2004, 10.19.26   #7
el cid
Ospite
 
Data registrazione: 21-06-2004
Messaggi: 36
ho fatto il cammino di santiago ed ho incontrato e parlato con persone che si interessavano di queste cose ma purtroppo non so nient´altro
el cid is offline  
Vecchio 29-06-2004, 21.42.28   #8
Paolo77
Ospite abituale
 
L'avatar di Paolo77
 
Data registrazione: 20-12-2003
Messaggi: 480
interessante...ho letto il libro di coelho IL CAMMINO DI SANTIAGO e l'ho trovato molto affascinante, puoi dirmi qualche tua impressione?
Paolo77 is offline  
Vecchio 30-06-2004, 09.43.00   #9
el cid
Ospite
 
Data registrazione: 21-06-2004
Messaggi: 36
anche io ho letto il libro mesi prima di intraprendere questo viaggio e mi sono ritrovato in una realta´ completamente diversa da quella descritta da cohelo.da premettere che egli ha fatto questo viaggio a luglio dell´83,io a settembre del 2003 cioe´ vent´anni dopo.tutto questo mistero descritto come viaggio verso l´ignoto egli lo ha vissuto perche´ a quei tempi questa cosa era quasi sconosciuta ma oggi non e´ diventata altro che una vacanza a basso costo dove l´unica cosa e´ riuscire a prendere l´ultimo posto per dormire all´ostello del pellegrino correndo 100 metri prima di esso,litigando e sorpassando.dove trovi ospitaleri che dovrebbero dare ospitalita´ ma che alla fine solo annoiati,stressati dove te alla fine diventi un numero e basta.tutto questo perche´ negli ultimi anni si e´ avuto un crescente fenomeno di questo tipo di vacanza-escursionistica dove e´ possibile avere un letto in questi ostelli per 2 euro,alcuni anche gratis finche´ c´e´ posto!questo a incrementato negli ultimi 5 anni a livello vertiginoso il flusso di genti e cosi gli abitanti del luogo anno fatto orecchie da mercante e sfruttano per vivere questo pellegrinaggio...cosi se non riesci ad avere un posto all´ostello devi andare in un B&B dove ti chiedono 40-50 euro a notte a persona.ci sono villaggi dove non ci sono supermercati,solo ristoranti dove un piatto di pasta costa 11 euro.Io adesso non voglio farti vedere questo viaggio dal lato prettamente economico ma cerca di capire la mia amarezza quando ti fai un´idea con il libro di cohelo e poi ti trovi di fronte questa realta.le tappe comunque le decidi te e possono variare da 2 a 45 km dove si mettono alla prova non solo le gambe ma anche i nervi.ora sul cammino si trovano in movimento all´incirca 1 milione di persone in un´anno e cosi la possibilita di incontrare e di parlare con gente che non e´ fatto con lo stampo,cioe´ non e´ la classica persona prodotta dalla societa´ ti da modo di allargare le tue conoscenze,punti di vista,esperienze cosi che alla fine del cammino(per me durato 45 giorni)ti ritrovi piu ricco di quando sei partito a livello mentale e piu´ magro perche´ la gente durante il cammino perde dai 5 ai 1o kg.sei hai deciso di intraprendere questo viaggio fammelo sapere che ti posso dare qualche consiglio e poi non mi resta che augurarti HASTA LAUEGO E BUEN CAMINO!!!
el cid is offline  
Vecchio 30-06-2004, 10.46.21   #10
Agora
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-01-2004
Messaggi: 278
!!!

Non ho letto il CAMMINO DI SANTIAGO, ma sono convinto che gli influssi negativi li emanassero di più i rappresentanti di un certo clero che non le chiese stesse.
Per quanto riguarda le cattedrali, so che all’inizio esse non venivano utilizzate soltanto come luogo di culto; al loro interno si svolgevano feste e processioni, con animali e uomini in costume che beffeggiavano i preti; i pellegrini e i malati trovavano rifugio e cure; i dottori in medicina si riunivano in convegno, e addirittura si teneva il mercato. Insomma, una città dentro una città, oppure un “foro”, come succedeva nell’antica Roma. Un’altra cosa importante è che all’interno delle cattedrali, nei pressi dell’altare maggiore, venivano iniziati quanti entravano a far parte della libera muratoria (oppure venivano innalzati a un grado superiore della gerarchia).
Ho visitato soltanto Notre Dame di Parigi, per ora, e posso parlare soltanto delle mie impressioni, riprendendo ciò che ho già affermato in un altro forum:

“Le cattedrali sono qualcosa di particolare per me e hanno un richiamo speciale. Imponenti e allo stesso tempo aeree, la loro struttura sembra voler sottrarsi alla legge di gravità. Chi vi entra sente come innalzarsi.
Un’architettura che più d’ogni altra sa esprime il senso e il desiderio di elevatezza spirituale, dove ognuno e ogni cosa, con lo slancio verso l’alto, tende a riunirsi al Principio, e la materia abbandona il suo stesso peso per compiere questa unione. Dall’Uno viene la materia, con la cattedrale la materia torna all’Uno.
Poi ci sarebbe da parlare dei simboli alchemici, esoterici, ecc. Ma qui il discorso è un po’ più complesso e non ne so abbastanza per poterne parlare.”

Già, per quanto riguarda i simboli credo che dovrò documentarmi di più.
Agora is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it