Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 17-10-2005, 18.51.57   #11
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Re: Re: Re: L'universo

-
Per nexus6

Citazione:
Messaggio originale inviato da nexus6
da spiegare, ad iniziare dal termine "pensiero"...
"pensiere", ant. "pensero", s. m. : attività psichica mediante la quale l'uomo elabora dei contenuti mentali, acquisendo coscienza di sé e della realtà...
Citazione:
da spiegare, ad iniziare dal termine "vivente"...
aggettivo: che vive, che è in vita
Citazione:
da spiegare ad iniziare dal termine "nulla"...
pron. indef. invar.: niente, niente, nessuna cosa.

Tutto secondo Garzanti
http://www.garzantilinguistica.it/

Ciao
Rolando is offline  
Vecchio 17-10-2005, 20.40.46   #12
Dade1607
Ospite abituale
 
L'avatar di Dade1607
 
Data registrazione: 20-08-2004
Messaggi: 44
Osservando la realtà che ci circonda, con un semplice ragionamento, nulla mi porta a pensare che l'universo sia infinito.

Restando al contenuto dell'universo... abbiamo mai osservato qualcosa di infinito? No.

Nessun oggetto,
nessun pianeta,
nessun sistema,
nessuna stella,
nessun ammasso di stelle,
nessuna galassia,
nessun ammasso di galassie

... è stato osservato e "stimato" di dimensioni infinite

Ora, considerato che anche la fisica moderna afferma che spazio/tempo/materia sono strettamente collegati, aspetti diversi di un unica cosa... perchè l'universo dovrebbe essere infinito, quanto tutto mi fa pensare che invece sia finito?.
Le cellule del corpo umano, per non parlare delle molecole o degli atomi che lo compongono, sembrerebbero infinite, innumerevoli... ma sappiamo che non lo sono, e il nostro corpo è finito... come lo è il "corpo" dei pianeti, delle stelle, ecc.
Il "corpo" dell'universo intero (spazio/tempo/materia), quindi, per analogia e deduzione, è più facile che sia finito, come tutto ciò che contiene.

Per non parlare dell'espansione... cosa si espande? Tutto l'universo, quindi tutta la sua struttura spazio/temporale/materiale... e se si espande, vuol dire che è un universo che muta, cambia le sue dimensioni... vuol dire che c'è un "PRIMA" in cui l'universo è grande "100", e un "DOPO", in cui l'universo si è ingrandito "100 + X"... e se la dimensione è variabile (in aumento), si esclude automaticamente e logicamente che possa essere già infinito (questo mi sembra evidente).

E se ancora non basta, ci sarebbe tutto un (lungo) discorso da fare sul concetto generale di infinito, applicabile anche all'universo:

https://www.riflessioni.it/lettereonl...o_infinito.htm

Ognuno può ragionare diversamente, adottare una logica diversa, arrivando così a conclusioni anche opposte.
I lettori poi sceglieranno ciò che più li convince
Dade1607 is offline  
Vecchio 17-10-2005, 23.21.13   #13
Salomè
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-08-2004
Messaggi: 0
Citazione:
Messaggio originale inviato da Dade1607
Osservando la realtà che ci circonda, con un semplice ragionamento, nulla mi porta a pensare che l'universo sia infinito.

Restando al contenuto dell'universo... abbiamo mai osservato qualcosa di infinito? No.

Nessun oggetto,
nessun pianeta,
nessun sistema,
nessuna stella,
nessun ammasso di stelle,
nessuna galassia,
nessun ammasso di galassie

... è stato osservato e "stimato" di dimensioni infinite

Ora, considerato che anche la fisica moderna afferma che spazio/tempo/materia sono strettamente collegati, aspetti diversi di un unica cosa... perchè l'universo dovrebbe essere infinito, quanto tutto mi fa pensare che invece sia finito?.
Le cellule del corpo umano, per non parlare delle molecole o degli atomi che lo compongono, sembrerebbero infinite, innumerevoli... ma sappiamo che non lo sono, e il nostro corpo è finito... come lo è il "corpo" dei pianeti, delle stelle, ecc.
Il "corpo" dell'universo intero (spazio/tempo/materia), quindi, per analogia e deduzione, è più facile che sia finito, come tutto ciò che contiene.

Per non parlare dell'espansione... cosa si espande? Tutto l'universo, quindi tutta la sua struttura spazio/temporale/materiale... e se si espande, vuol dire che è un universo che muta, cambia le sue dimensioni... vuol dire che c'è un "PRIMA" in cui l'universo è grande "100", e un "DOPO", in cui l'universo si è ingrandito "100 + X"... e se la dimensione è variabile (in aumento), si esclude automaticamente e logicamente che possa essere già infinito (questo mi sembra evidente).

E se ancora non basta, ci sarebbe tutto un (lungo) discorso da fare sul concetto generale di infinito, applicabile anche all'universo:

https://www.riflessioni.it/lettereonl...o_infinito.htm

Ognuno può ragionare diversamente, adottare una logica diversa, arrivando così a conclusioni anche opposte.
I lettori poi sceglieranno ciò che più li convince

hai colto perfettamente il problema
Salomè is offline  
Vecchio 17-10-2005, 23.50.52   #14
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
Oziose divagazioni della mente.

Citazione:
Messaggio originale inviato da Dade1607
Osservando la realtà che ci circonda, con un semplice ragionamento, nulla mi porta a pensare che l'universo sia infinito.

Bravo Dade! ... tutto giusto, tutto razionale! ... ma ...
... cos'è mai, allora, amico mio... questa nostalgìa sorda d'infiniti spazi che dentro scava, nostalgìa che scava, silenziosamente scava? ...

... nostalgìa, nòstos (ritorno, in greco: scusa i ricordi d'un vecchio): cos'è mai questa nostalgìa - dicevo - che anela al ritorno? ...
... tornare dove poi?

... sì, certo, l'Universo può essere finito, può espandersi, creare nuovo spazio-tempo-materia, ma ... questa nostra finitudine, questo nostro essere in relazione col Tutto, cos'è?
... una ragnatela cosmica di contatti, forse?

... forse: come il nostro cervello, come ogni sua (sens)azione-(in)formazione che corre corre corre, vento nella taiga che (dis)perde connessioni sinaptiche e neuroni, catena di Sant' Antonio cosmica, fluidificante, vivificante, vortice dove tutto, scorrendo, si (tras)forma ...

... STOP! ... di colpo la morte! ... sì, inevitabile, la NOSTRA ...
... allora? ... l'universo increato finisce?
... dove si disperde questo IO, putrido composto di cellule sfatte, atomi spenti con cui (stupidi!) ci identificavano, noi, esseri RAZIONALI! ...



... ma io, Dade, non posseggo la gnosi, sono a-gnostico (... è forse questo il vero significato della parola!?!)

... lasciamo dunque alla notte, al sogno ad occhi aperti d'una notte ... questi fantasmi, inutile passatempo di filosofi perditempo: il nostro compito, in fondo, è solo vivere ... (ti par poco?) ...


... non sviarmi più, Dade.

fabrizio
oizirbaf is offline  
Vecchio 18-10-2005, 11.19.23   #15
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Credo che l'universo sia sia finito che infinito.

Dunque secondo il mio pensiero quando si arriverebbe alla "fine dell'universo" non si farebbe altro che tonare al punto di partenza dunque possiamo viaggiare quanto ci pare poichè l'universo è infinito, ma di fatto e finito.

Questo ragionamento deriva da questa semplice deduzione: I pianeti sono sferici, le galassie sono sferiche, gli ammassi di galassi sono (più o meno) sferici, dunque è probabile che anche l'universo sia sferico. Una volta raggiunto il limite si torna al capo opposto.
Ovviamente l'universo potrebbe non essere così come dimostrato dalla frase sottostante...


ALLA DOMANDA: Esiste un limite?

Si, Esiste un limite. Ed è possibile superarlo.

Ci accorgiamo troppo tardi che una volta superato siamo tornati al punto di partenza.
E un cerchio infinito. Puoi camminare quanto vuoi, ma alla fine tornerai sempre al punto di partenza.

Solo una via è quella giusta. Fermarsi e accorgersi che il cerchio non è piatto...
alessiob is offline  
Vecchio 18-10-2005, 11.22.16   #16
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
un pò di cosmologia...

Citazione:
Messaggio originale inviato da Dade1607
Osservando la realtà che ci circonda, con un semplice ragionamento, nulla mi porta a pensare che l'universo sia infinito.
Beh...la realtà che ci circonda non è un buon parametro...

Comunque i tre modelli cosmologici "classici" che descrivono l'universo sono:
1. modello chiuso
2. modello aperto
3. modello piatto

in parole molto povere:

1. spazio finito, ma illimitato con curvatura positiva tipo superficie sferica (nessun punto della superficie sferica può dirsi confine); si avrebbero una successione di big bang e di big crunch.

2. spazio infinito e illimitato con curvatura negativa tipo superficie iperbolica; l'universo ha avuto un solo big bang, ma si espande asintoticamente e non ha confini; in un tempo tendente all'infinito l'universo continuerebbe ad espandersi con velocità non nulla.

3. usuale spazio euclideo con curvatura nulla; big bang ed espansione tendente a zero.

L'adozione di uno dei modelli dipende dalla densità dell'universo; fino a pochi anni fa i risultati sperimentali hanno dimostrato che il modello valido è il 2); ma con la scoperta della materia e dell'energia "oscura" che nemmeno gli addetti ai lavori sanno bene definire, il modello corretto sarebbe quello di un universo in accelerazione ovvero in espansione con velocità crescente ovvero nessuno dei modelli precedenti.

Nell'universo in espansione ogni punto dello spaziotempo è esso stesso centro dell'espansione... e non si può vederlo come una sfera in espansione in cui l'universo è ciò che sta dentro... come distinto da ciò che sta fuori... il fuori non esiste...; il big bang è stata un'esplosione dello spazio e non nello spazio, come spesso si dice ovvero è lo spaziotempo che si espande. Le questioni di relatività generale non sono affatto semplici e spesso vengono usati modelli bidimensionali per figurarsi situazioni tridimensionali o quadridimensionali.

Penso che i più adatti a discutere di queste questioni non siano i filosofi...

Ultima modifica di nexus6 : 18-10-2005 alle ore 11.28.43.
nexus6 is offline  
Vecchio 18-10-2005, 11.39.33   #17
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Re: un pò di cosmologia...

Citazione:
Messaggio originale inviato da nexus6


Penso che i più adatti a discutere di queste questioni non siano i filosofi...

Personalmente propendo per cosmologi e matematici che si esprimono come poeti trascendentalisti, come Brian Swimme.
Yam is offline  
Vecchio 18-10-2005, 16.17.33   #18
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Citazione:
Messaggio originale inviato da alessiob
Dunque secondo il mio pensiero quando si arriverebbe alla "fine dell'universo" non si farebbe altro che tonare al punto di partenza dunque possiamo viaggiare quanto ci pare poichè l'universo è infinito, ma di fatto e finito.

E questa è proprio l'idea espressa da Jack, cioè quella attualmente più accreditata dalla cosmologia moderna.

Citazione:
Messaggio originale inviato da Salomè
Ma, l'universo è infinito? Si da per scontato ormai, si studia in tutti i manuali e non ci sinterroga minimamente sulla fondatezza di questa affermazione.

Come ti ha detto Jack, la moderna cosmologia non suppone proprio l'infinità dell'universo: per ora l'universo è finito.

Citazione:
Messaggio originale inviato da Dade1607

Osservando la realtà che ci circonda, con un semplice ragionamento, nulla mi porta a pensare che l'universo sia infinito.
Restando al contenuto dell'universo... abbiamo mai osservato qualcosa di infinito? No.

Come dice nexus, "la realtà che ci circonda non è un buon parametro", infatti bisogna stare attenti con le analogie. L'analogia sbagliata è: "Non ho mai visto cose infinite, quindi è improbabile che l'universo sia infinito.". L'analogia giusta sarebbe: "Tutti gli universi che ho visto erano finiti, quindi è probabile che lo sia anche il nostro".
D'altro canto sostengo nexus anche quando afferma che tale questione non è risolvibile 'filosoficamente', e io dico questo intendendo che non è possibile scoprire la finitezza o l'infinitezza del nostro universo solo tramite argomentazioni a priori o per analogia o per induzione: il problema è risolvibile (se lo è) solo da (metodi da) cosmologi.


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 18-10-2005, 17.29.17   #19
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
A SI? Be non sapevo che la teoria da me esposta fosse la piu accreditata, sono andato semplicemente ad intuito...forse anche loro
alessiob is offline  
Vecchio 20-10-2005, 09.03.14   #20
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Infinito (manoscritto)

Manoscritto originale

fonte:qui
Immagini allegate
Tipo file: gif infinito1.gif (32.0 KB, 84 visite)

Ultima modifica di Yam : 20-10-2005 alle ore 09.05.15.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it