Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 19-12-2006, 15.12.02   #21
MIMMO
Ospite abituale
 
L'avatar di MIMMO
 
Data registrazione: 21-11-2006
Messaggi: 349
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
In questo contesto scavalcare Dio vuole significare, scavalcare l'idea di Dio, cioè come espresso subito dopo, il concetto che noi abbiamo costruito di Dio.
Un qualche cosa che conosciamo molto bene visto che l'abbiamo creato noi.


quindi accantore qualcosa che di natura (un idea - un pensiero) gia non esiste......impresa ardua.....siamo messi bene!
usa il termine "immaginato noi" creare è ben altro, il pensiero non lo può fare!
MIMMO is offline  
Vecchio 19-12-2006, 17.44.25   #22
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Addirittura è il primo libro della Bibbia che inserisce nel palcoscenico della vita appena scoccata – o creata – il concetto di peccato.
Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Essere cristiani non significa rinunciare alla propria natura umana, ma, consacrandola a Dio, ad un Dio creatore altro da sé, sublimarla in un’altra dimensione ove la luce divina ne traccia il percorso. Essere Cristiani significa indirizzare la propria esistenza verso qualcosa che è creduto vero,

Il Peccato!!
non amare e' il peccato, l'unico peccato.
sembra facile amare ma e' difficile, molte volte neanche i genitori amano i figli ma li vogliono possedere.
la liberta' e l'accettazione del diverso nella comprensione sono l'amore e cosi' veniamo amati da Dio.
Io penso che non siamo noi a consacrare la nostra vita a Dio, ma e' Lui che ci ha con-sacrati cioe' ci ha fatto partecipare alla Sua natura Divina, perche' noi comprendiamo il mondo, le sue leggi fisiche e riusciamo a sottomettere o a usare a nostro vantaggio la fisica. Cioe' siamo fatti come Lui.
Reputo vera la tua affermazione:"Sarebbe sufficiente portare alla luce, far emergere il sentimento di compassione che non è esclusivo appannaggio del cristiano, diversamente non si spiegherebbe il perché dell’esistenza di tanti uomini che hanno immolato la propria vita al servizio del prossimo pur non conoscendo né Dio né Cristo."ed anche Gesu' nel vangelo, ad una domanda precisa risponde come hai detto tu, per cui veramente non so cosa significa essere cristiani, forse solo aver bisogno di un maestro che ci spieghi cio' che altri uomini hanno il privilegio di sentire senza sapere.Non so...
aurora is offline  
Vecchio 21-12-2006, 20.28.35   #23
aurora
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 250
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

[quote=visechi]il sentimento di compassione che non è esclusivo appannaggio del cristiano, diversamente non si spiegherebbe il perché dell’esistenza di tanti uomini che hanno immolato la propria vita al servizio del prossimo pur non conoscendo né Dio né Cristo.

non sono daccordo, senza un credo religioso, l'uomo puo' dertamente compiere un gesto eroico, anche qualcuno, ma mettre la propria vita al servizio degli altri, annullarsi per gli altri, ...non conosco esempi di laici in tal senso.
L'uomo ha bisogno del sostegno costante per il suo spirito, un cibo per lo spirito come il cibo per il corpo, altrimenti come il corpo deperisce cosi' deperisce anche lo spirito.
.almeno....penso cosi'...
ciao
aurora is offline  
Vecchio 24-12-2006, 09.02.27   #24
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

[quote=aurora]
Citazione:
Originalmente inviato da visechi
il sentimento di compassione che non è esclusivo appannaggio del cristiano, diversamente non si spiegherebbe il perché dell’esistenza di tanti uomini che hanno immolato la propria vita al servizio del prossimo pur non conoscendo né Dio né Cristo.

non sono daccordo, senza un credo religioso, l'uomo puo' dertamente compiere un gesto eroico, anche qualcuno, ma mettre la propria vita al servizio degli altri, annullarsi per gli altri, ...non conosco esempi di laici in tal senso.
L'uomo ha bisogno del sostegno costante per il suo spirito, un cibo per lo spirito come il cibo per il corpo, altrimenti come il corpo deperisce cosi' deperisce anche lo spirito.
.almeno....penso cosi'...
ciao
su questo credo che sia d'accordo sia l'oriente che l'occidente.
L'oriente esorta al raccoglimento e alla meditazione (allo scopo di esperire)
l'occidente alla preghiera e alla comunione allo scopo di rafforzare la fede......
Sono vie che servono a rafforzare la spiritualità ma purtroppo spesso
per l'occidente si risolvono in partecipacione a riti, ripetizione mnemonica di preghiere e litanie etc......Certamente tutto è nutrimento ed è utile
(meglio andare in chiesa e frequentare le funzioni che stare seduti
davanbti a uno schermo televisivo a cibarsi di spazzatura) tuttavia le vie sono diverse, e non esistono vie migliori, ognuno usa quella che trova più adatta al suo spirito o entrambe. Buon Natale!!!
paperapersa is offline  
Vecchio 24-12-2006, 11.16.41   #25
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

[quote=paperapersa]
Citazione:
Originalmente inviato da aurora
su questo credo che sia d'accordo sia l'oriente che l'occidente.
L'oriente esorta al raccoglimento e alla meditazione (allo scopo di esperire)
l'occidente alla preghiera e alla comunione allo scopo di rafforzare la fede......
Sono vie che servono a rafforzare la spiritualità ma purtroppo spesso
per l'occidente si risolvono in partecipacione a riti, ripetizione mnemonica di preghiere e litanie etc......Certamente tutto è nutrimento ed è utile
(meglio andare in chiesa e frequentare le funzioni che stare seduti
davanbti a uno schermo televisivo a cibarsi di spazzatura) tuttavia le vie sono diverse, e non esistono vie migliori, ognuno usa quella che trova più adatta al suo spirito o entrambe. Buon Natale!!!
penso che la via migliore sia quella sulla quale che ognuno ha scelto di camminare e se il fatto di essere cattolico comporta l'esclusione di chi non è cattolico, significa che cattolico come lo intendiamo non è uno stile di vita, ma un'ideologia politico/religiosa e quindi è meglio essere "niente" ma vivere comunque con amore.
angelo2 is offline  
Vecchio 24-12-2006, 13.20.13   #26
Wuaw
Ospite abituale
 
L'avatar di Wuaw
 
Data registrazione: 01-01-2005
Messaggi: 83
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

Ciao Angelo,

splendida capacità di sintesi!
Se consideriamo bene tutte le più grandi religioni cercano di attribuire a Dio il carattere di somma perfezione.
E non fa parte di questo "carattere" il non avere dato tutta la verità ad un solo credo solamente?

Per me tutte le vie conducono alla cima, se percorse con coerenza, con umana comprensione, con compassione.
Le verità metafisiche sono al di la della ragione umana ma non sono in opposizione con la ragione umana.
E forse proprio a questo voleva riferirsi Gesù Cristo quando parlò della imperdonabilità del peccato contro lo Spirito Santo.

Qualunque sentiero, qualunque ricerca, anche quello dell'interrogativo con cui Val Lang ha iniziato questa discussione, è perfettamente legittimo se condotto alla luce della ragione e della ragionevolezza.
Sarà la ragione stessa a dirci ad un certo punto: più in là non ti posso portare, perchè questo è il pensiero più elevato che la ragione può concepire.
Un caro saluto a tutti per un felice Natale, qualunque sia l'importanza ed il significato che diate allo stesso.
Wuaw is offline  
Vecchio 24-12-2006, 18.17.58   #27
angelo2
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-08-2006
Messaggi: 237
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

Citazione:
Originalmente inviato da Wuaw
Ciao Angelo,

splendida capacità di sintesi!
Se consideriamo bene tutte le più grandi religioni cercano di attribuire a Dio il carattere di somma perfezione.
E non fa parte di questo "carattere" il non avere dato tutta la verità ad un solo credo solamente?

Per me tutte le vie conducono alla cima, se percorse con coerenza, con umana comprensione, con compassione.
Le verità metafisiche sono al di la della ragione umana ma non sono in opposizione con la ragione umana.
E forse proprio a questo voleva riferirsi Gesù Cristo quando parlò della imperdonabilità del peccato contro lo Spirito Santo.

Qualunque sentiero, qualunque ricerca, anche quello dell'interrogativo con cui Val Lang ha iniziato questa discussione, è perfettamente legittimo se condotto alla luce della ragione e della ragionevolezza.
Sarà la ragione stessa a dirci ad un certo punto: più in là non ti posso portare, perchè questo è il pensiero più elevato che la ragione può concepire.
Un caro saluto a tutti per un felice Natale, qualunque sia l'importanza ed il significato che diate allo stesso.

sono d'accordo con te. anche chi segue la via del Vangelo in ogni momento della sua vita troverà un versetto in cui vi sono scritte le parole che più gli servono in quel dato momento, altre magari non verranno comprese perchè non rispondono alle sue domande interiori, quindi, anche se si vuole dare al Vangelo una visione univoca e uguale per tutti, non è affatto così; siamo sei miliardi di persone in sei miliardi di mondi. Credo che Il vero progresso spirituale stia nel "comprendere" che ci sono anche sei miliardi di mondi in una sola persona.
Buon Natale anche a Te.
angelo2 is offline  
Vecchio 24-12-2006, 18.51.04   #28
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Riferimento: Scavalcare Dio per una vera ricerca spirituale.

Io credo in un periodo della mia vita di essere stato abbastanza spirituale, ma non ho mai parlato di Dio. Anzi, la mia ricerca spirituale è partita proprio da Nietzsche e dalla morte di Dio, paradossalmente. Probabilmente volevo colmare il vuoto dovuto al fatto che mi sentissi un "abbandonato da Dio"...

Superfluo, decisamente, almeno per me...probabilmente ho con Dio un rapporto evitante..insomma, non so se è lui che mi ha abbandonato od io che lo evito..
sisrahtac is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it