Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 02-01-2007, 15.03.53   #11
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Ho l’impressione freedom che ci stiamo fraintendendo, tu forse parli della Verità (con la v maiuscola), quella assoluta, io di verità(con la v minuscola), quella appurabile, a portata dell’uomo.
Così si capisce quello che stai dicendo che occorre prendere atto che non si può conoscere, e io aggiungo che non si può nemmeno dire che una Verità, assoluta, con la maiuscola possa davvero esistere.
Ma non è questo il thread della Verità.
Qui mi limitavo a cercarne di minuscole, storiche, condivisibili, argomentabili.
La Verità (Dio) nessuno l’ha vista. Ma se ne può parlare, magari nell’altro tuo thread.

No no nessun fraintendimento........almeno credo.....

Non sto parlando di quella con la V maiuscola cioè quella, a mio modesto avviso, completa. Oddio completa.......diciamo soddisfacente per l'uomo.

Sto parlando anche di piccolissime verità. E quelle storiche (che sono l'oggetto del thread) possono essere condivisibili, argomentabili addirittura logicamente dimostrabili.

Ma sperimentare.............beh quella è un'altra cosa. Ed è esattamente il suggerimento di lavoro che dò (prima di tutto a me stesso). Dunque tutto ciò che è storia e che tu stai così approfonditamente (e probabilmente correttamente) studiando non sarà mai da te sperimentabile. E non avrà mai lo stesso valore che dona l'esperienza diretta.

Faccio un esempio: il terzo principio della dinamica (azione e reazione) dice che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Lo puoi comprendere logicamente, intuitivamente ma se monti su una barca lunga qualche metro ferma in mezzo al mare e cerchi di saltare su un'altra nave simile parallela a mezzo metro di distanza...........

.....ti ritroverai a bagno nell'acqua! Quella sì che è una verità!
freedom is offline  
Vecchio 02-01-2007, 17.33.29   #12
Wuaw
Ospite abituale
 
L'avatar di Wuaw
 
Data registrazione: 01-01-2005
Messaggi: 83
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
.........con molti più anni di studio di me ha accertato con studi linguistici che certe parti sono più antiche (le parabole) perché scritte in un greco con eccessivi semitismi, altre parti (come certe spiegazioni o certi racconti che tentano di far collimare le gesta di Gesù con le profezie dell’A.T. ) sono scritte in un greco più moderno, di un’altra epoca. Da questo si dice che la struttura dei vangeli è stratificata e nel corso dei secoli il racconto si è evoluto di volta in volta con l’interpretazione dell’autore.
..................

La_viandante richiama sinteticamente la situazione base per esaminare e "comprendere" i vangeli e per trovare risposta alla domanda posta nel 3d ed a molte altre.
I Vangeli, canonici ed apocrifi, sono una raccolta di storie e detti attribuiti o riferiti a Gesù, in buona o cattiva fede.
Senza nulla togliere a tutti gli studiosi che hanno espresso le loro opinioni sulla datazione e sull'origine delle varie parti dei Vangeli e sulla stessa esistenza storica o meno di Gesù, io ho trovato illuminante esaminare la autenticità delle varie parti del vangelo a partire .... dal vangelo stesso.
Intanto il nome Vangelo, cioè lieto annuncio.
Di che cosa?
..........
(non do le risposte perchè sarebbero le mie risposte ed a voi servono le vostre)
Continuando: ammesso che Gesù sia persona i cui insegnamenti vale la pena di conoscere chi meglio di lui ci può illuminare su ciò che è più importante e ciò che è meno importante e così, allo stesso modo, capire se in mezzo al grano c'è la zizzania?

No, non occorre chiamare un medium, e tanto meno un sacerdote o un pontefice. Basta semplicemente leggere nei vangeli ciò che lui dice essere più importante e, di conseguenza, ciò che lo è meno (o addirittura, per l'evidente contrasto, è falso).
E' scritto a chiare lettere e con la massima evidenza, quindi non sta a me indicarlo, perchè altrimenti sarebbe di nuovo la mia opinabilissima opinione.
Buona rilettura!
Namastè
Wuaw is offline  
Vecchio 02-01-2007, 17.35.25   #13
du74
Ospite
 
Data registrazione: 20-06-2005
Messaggi: 33
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Questa idea per me viene rafforzata dal fatto che Gesù non ha mai guarito nessuno senza chiedere prima il consenso. Senza una precisa richiesta.

Ci son parole di Gesù valide per ogni essere umano: ama Dio, te stesso, il prossimo.

Mary

Io direi anche di più, chi gli toccava le vesti veniva guarito, come se la sua attenzione rispondesse al richiamo intimo di un'anima senza che lui dovesse in qualche modo deciderlo. L'anima parlava all'anima, e Gesù come un calice ricolmo di grazia donava per abbondanza.. Se il Verbo stesso operava attraverso di Lui, è assai difficile oggi separare le sue parole e i racconti su di Lui dall'esperienza di contatto con il Verbo. Ma attarverso i testi molto trapela che non sappiamo e fa pensare ad un insegnamento esoterico per pochi (ma non per eletti, bensì per coloro che potessero digerire senza provare disagio... Dio è rispettoso della volontà di ognuno e se l'attenzione è rivolta al mondo ci lascia nel mondo ..). Indicazioni come 'Dio è Luce..''...colui che vede il Padre mio entrerà nel Regno dei Cieli..'' quando il tuo occhio sarà singolo il tuo corpo splenderà di luce..' fanno tutte intendere che l'esperienza di contatto con Dio sia Una e la 'cruna dell'ago' ne costutisca il passaggio. L'abbandono dei desideri e il ritiro dell'attenzione dal mondo ( è più facile......che un ricco nel Regno dei Cieli) è simile agli insegnamenti fondamento di molte religioni.
Forse molto avveniva ad un livello veramente pratico di esperienza esoterica che non richiedeva spiegazioni e particolari rivelazioni. Il Verbo operava nel rivelare la via di ritorno alle anime che desideravano ritornare ed alle altre donava degli elementi per ricordare il luogo abbandanato della Casa del Padre in modo che potessere desiderare il ritorno a Dio; questo forse avveniva in parte attarverso le parole, ma molto attraverso l'attenzione, come se l'intossicazione per l'Amore del Padre di diffondesse come una malattia, un risveglio interiore che scioglieva i legami dei sensi con il mondo riportando l'attenzione 'nell'occhio singolo' dove l'esperienza di luce eleva l'anima facendole provare l'abbandono del corpo e del mondo, prima della vera morte fisica. Così colui ri-legato a Dio, perdeva il timore della morte e nulla poteva il mondo nel trattaenere la sua anima una volta finito il debito della vita terrena. Dio non opera per sotterfugi ma non è nemmeno stupido, e questo spiega perchè molto di ciò non venisse svelato, proprio per far vivere queste esperienza in pace e senza inteferenze. L'indicazione ' imparare a morire ogni giorno..' lascia intendere che il cammino era fatto di quotidiano apprendimento. Non si tornava a Dio in un battibaleno, si poteva avere esperienza di Lui, ma per rendere stabile quella esperienza di unione la via '... si va alla luce attarevrso l'oscurità..' doveva essere percorsa praticamente. Qui si celava il lato esoterico e pratico. Molti sognano che Dio desideri provocare sconvolgimenti di massa che è come desiderare di ritornare a lui nell'ultimo istante di vita; è certo molto più facile di pensare che tornare a Dio consista anche in un duro lavoro...
saluti
Luca
du74 is offline  
Vecchio 02-01-2007, 20.15.37   #14
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
È infatti la lettura in chiave paolina che romanizza la predicazione, smessianizza il profeta Yehoshua, lo depura dalla più accentuata missione politica che avrebbe potuto addirittura essere zelota, come sostengono alcuni, cioè rivoluzionaria, violenta, armata, contro i dominatori romani.
Restituisco il cristianesimo nascente alla sua realtà storica del periodo, cercando di esaminare cose che di volta in volta emergono sulla sua predicazione che altri (con molti più anni di studi in materia) hanno ipotizzato sottoponendole al vaglio critico.
Non è cioè in gioco qui quello che soggettivamente mi piacerebbe fosse stato, ma la scientificità, l’oggettività di queste ipotesi.

Yeshua (e non Yehoshua, che è sì la forma più antica del nome in sé, ma Gesù si chiamava con la forma breve Yeshua - i rabbini tornarno nel II sec. d.C. alla forma lunga...),
un personaggio violento?

Il Messia che si aspettavano gli ebrei era sì un rivoluzionario politico e militare, e molti furono le persone (al di là di Gesù) che arrivarono e dichiararono di essere tali Messia...
Ma Yeshua si distinse da tutti questi Messia rivoluzionari, politici e violenti (indipendentemente dai testi che prendiamo in considerazione, cioè canonici o gnostici - o tu sostieni altro? Se sì, cosa?).

Il popolo si aspettava infatti un Messia potente e splendente, armato fino ai denti, pronto a fare guerra, il quale avrebbe ristabilito il Regno di Dio.

Ma arrivò Yeshua il quale diceva che il Regno di Dio è amore per il prossimo, cura per i deboli, per i poveri, perdono per quelli che hanno sbagliato...

Dire che Paolo si sia inventato tutto questo... è un bel atto di fede (Da dove avrebbe tirato fuori queste idee, e perché? Perché poi i "veri" cristiani non dissero nulla contro Paolo?).

Non si può abbinare un messaggio d'Amore con l'ipotesi che Gesù fosse un rivoluzionario violento, in quanto...
Il nucleo del Cristianesimo non è forse proprio l'Amore...?
Quindi cosa resterebbe del Cristianesimo - se si considerasse vera l'ipotesi che Gesù avesse intenti politici e fosse armato?

Citazione:
Poi soggettivamente ognuno è libero di credere in ciò che preferisce, non incorrerà nei miei anatemi di certo.
Quand'anche Yeshua fosse stato effettivamente violento (ma quali prove esistono a riguardo, al di là del sostenere la solita teoria della manipolazione di tutti i testi cristiani - paolini e no?), preferisco tenermelo così com'è descritto nei testi cristiani.



P.S.:
Citazione:
Originalmente inviato da La Viandante
L'insegnamento di Gesù era esoterico?

Si prende forse la lampada per metterla sotto il vaso o sotto il letto? Non la si prende invece per metterla sul candeliere? Poiché non vi è nulla che sia nascosto se non per essere manifestato; e nulla è stato tenuto segreto, se non per essere messo in luce. Se uno ha orecchi per udire oda.
(Gesù in Marco 4:21-23)
Elijah is offline  
Vecchio 02-01-2007, 20.16.02   #15
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
I riferimenti portati da La Viandante, sono solo alcuni dei passaggi in cui si può scorgere la tendenza di Gesù ad in segnare a "più livelli". Il vangelo di Giovanni è considerato quasi gnostico ed in esso se ne scorgono di numerosi.

Sempre quando hai tempo e voglia potresti elencarmi i riferimenti esatti e chi oltre a Pesce e Morton Smith hanno avanzato la stessa ipotesi?

Ah dimenticavo anche le eventuali critiche più importanti a questa.
La_viandante is offline  
Vecchio 02-01-2007, 23.29.15   #16
Flavio**61
Ospite abituale
 
L'avatar di Flavio**61
 
Data registrazione: 12-03-2005
Messaggi: 388
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Ripensandoci, e volendo trovare una spiegazione a questo, ammettendo che Gesù fosse un uomo straordinario capace davvero di ottenere l’onnipotenza divina per vie umane, sapendo cosa sarebbero stati capaci di fare dei suoi seguaci nel suo nome, lascerebbe un insegnamento così pericoloso alla portata di tutti? Vero che amava tuta l’umanità, ma proprio per questo amore non avrebbe potuto lasciare un insegnamento così pericoloso sapendo di cosa sarebbero stati capaci anni dopo quelli che si dissero credenti in lui.

Fossi io quel maestro mi accerterei che i miei seguaci abbiano abbandonato l’ego definitivamente e ogni desiderio di dominio su altri uomini.
E di fatti gli insegnamenti essoterici sono rivolti proprio al migliorare se stessi (anche se è raro vedere un credente che toglie prima la sua di trave più spesso invece comanda di farlo agli altri).
Come se la parabola fosse una doppia via, quella essoterica preliminare, solo ottenuto il miglioramento, solo dopo essersi fatti piccoli, solo allora si recepisce il vero insegnamento esoterico, quando non si ha nessuna volontà di mettere il proprio ego sopra quello di ogni altro.
Infatti Gesù dice qualsiasi cosa chiederete nel mio nome, QUALSIASI!! (e se nel suo nome si chiedesse di sterminare tutti gli infedeli?)…

Se vi piace questa ipotesi aggiungo che nei canonici si dice: non c’e’ nulla di nascosto che non sarà rivelato.
In alcuni ritrovamenti (mi sembra il papiro di ossirinco ma dovrei controllare meglio) c’e’ scritto: non c’e’ nulla di sepolto: questi vangeli gnostici furono infatti sepolti, e ora stanno per essere rivelati a tutti, o meglio quasi tutti li stanno conoscendo.
Come faceva l’autore ad essere certo che sarebbero stati dissepolti e non sarebbero andati invece persi per sempre questi insegnamenti, che a torto o a ragione furono attribuiti a Gesù?


Purtroppo gente molto più esperta di me e con molti più anni di studio di me ha accertato con studi linguistici che certe parti sono più antiche (le parabole) perché scritte in un greco con eccessivi semitismi, altre parti (come certe spiegazioni o certi racconti che tentano di far collimare le gesta di Gesù con le profezie dell’A.T. ) sono scritte in un greco più moderno, di un’altra epoca. Da questo si dice che la struttura dei vangeli è stratificata e nel corso dei secoli il racconto si è evoluto di volta in volta con l’interpretazione dell’autore.
Gli stessi sinottici e il vangelo di Giovanni sembrano essere tra loro in conflitto, i redattori infatti scrivevano più per contestare il contenuto degli altri, ognuno convinto di averla lui l’unica vera interpretazione. Già nelle prime stesure (nelle parti più antiche dei vangeli) insomma si legge più l’interpretazione dell’autore che non la predicazione effettiva di Gesù.


Tanta gente lo fa, studiosi di cristianesimo che per decenni, quarantenni si impegnano su questi testi , chi sono io per dire che sbagliano?


Tanti .tanti studiosi ...di cristianesimo.....per anni

Perchè questa esigenza di studiare ...il cristianesimo .....

Spero che non sia mossa ......dall'invidia...

Invidia verso chi crede a Gesù...vero uomo vero Dio...

Dio che ama tutti gli uomini.....anche chi non lo contraccambia

Io mi domando .....la viandante ....ma di che ti preoccupi se io e tanti altri crediamo a Gesù come vero uomo ..e vero Dio .....

Ti da fastidio forse ?....non capisco...

Non credi che dovresti riflettere di più sul tuo credo ....ateo o di qualche altra religione ?

Come al solito lavia cerchi sempre qualcosa che non va nel cristianesimo ....ti sei mai chiesta il perchè?
Flavio**61 is offline  
Vecchio 03-01-2007, 10.48.11   #17
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Per La_viandante

Citazione:
“Sempre quando hai tempo e voglia potresti elencarmi i riferimenti esatti e chi oltre a Pesce e Morton Smith hanno avanzato la stessa ipotesi?

Ah dimenticavo anche le eventuali critiche più importanti a questa.”

Ciao cara amica,

nella mia bibliografia non esiste una monografia specifica, ne, che io sappia, esiste uno studioso serio che abbia dedicato un qualche libro unicamente all’argomento specifico (mi riferisco agli insegnamenti “segreti”). Tuttavia esistono numerosi accademici che si sono dedicati alle correnti cristiano-gnostiche e, di conseguenza, hanno approfondito l’aspetto del Gesù “esoterico”. Esiste una sterminata bibliografia sulla gnosi dunque segnalarti un testo piuttosto che un altro è un po’ difficile anche perché non so a che livello conosci la storia del cristianesimo antico. Quindi in primis ti consiglio di leggerti "Storia del cristianesimo", a cura di G.Filoramo, D. Menozzi, vol. 1 che è un manuale presente nelle bibliografie di tutti gli esami di storia del cristianesimo. In questo testo si trovano anche parti dedicate allo gnosticismo. E’ inutile che io ti segnali studi ormai sorpassati perché alcuni testi che trattano l’argomento sono riconducbili alla 3° fase (la ricerca sul Gesù storico è ormai giunta alla 5° fase la cosiddetta “Third Quest”), tuttavia per dare una panoramica generale degli autori posso dirti che tra i più seguiti c’è W. Bousset che nonostante i suoi studi siano precedenti ai ritrovamenti di Nag Hammadi, rimane tra i più autorevoli del settore, nonché Joanes, allievo di Bultmann (Lo gnosticismo H. Jonas 1973). Da parte cattolica troviamo Benelli (1991) “Il volto oscuro della storia”. Attualmente in Italia G. Filoramo è uno dei massimi esperti di gnosticismo, tuttavia personalmente non ho letto un suo lavoro specifico sull’argomento ma ti segnalo comunque questo “L'Attesa della fine: Storia della Gnosi" di G. Filoramo Laterza-1987. E’ poi importante approfondire gli studi sui ritrovamenti di Nag Hammadi ( http://www.nag-hammadi.com/it/history.html ): Vangeli Gnostici, Elaine Pagels (1981) The Gospel of Thomas: The Hidden Sayings of Jesus Marvin Meyer- Collins (1992) I Vangeli Apocrifi, Marcello Craveri (1990)


Per Elijah

Solo due precisazioni.

“Yeshua (e non Yehoshua, che è sì la forma più antica del nome in sé, ma Gesù si chiamava con la forma breve Yeshua - i rabbini tornarno nel II sec. d.C. alla forma lunga..”

Benchè io sia d’accordo con la vocalizzazione, ritengo veramente interessante notare cotanta sicurezza nella vocalizzazione di un nome giudaico (ricordiamoci che l’ebraico antico si scriveva senza vocali), provenire da chi sostiene che non esiste mai alcuna certezza storica ! Comunque, aldilà di ciò, sarebbe interessante capire a quale fonte o studioso ti rifai per sostenere l’affermazione di cui sopra.

“Perché poi i "veri" cristiani non dissero nulla contro Paolo?”

La lotta feroce tra giudeocristiani (corrente di Giacomo e in parte Pietro) e paganocristiani (Paolo) è nota agli storici. Si discute oggi principalmente sulle tematiche esatte della diatriba e sulla portata della stessa.

Saluti
Andrea

Ultima modifica di spirito!libero : 03-01-2007 alle ore 11.26.34.
spirito!libero is offline  
Vecchio 03-01-2007, 11.07.47   #18
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da Flavio**61
Tanti .tanti studiosi ...di cristianesimo.....per anni

Perchè questa esigenza di studiare ...il cristianesimo .....

Spero che non sia mossa ......dall'invidia...

Invidia verso chi crede a Gesù...vero uomo vero Dio...

Dio che ama tutti gli uomini.....anche chi non lo contraccambia

Io mi domando .....la viandante ....ma di che ti preoccupi se io e tanti altri crediamo a Gesù come vero uomo ..e vero Dio .....

Ti da fastidio forse ?....non capisco...

Non credi che dovresti riflettere di più sul tuo credo ....ateo o di qualche altra religione ?

Come al solito lavia cerchi sempre qualcosa che non va nel cristianesimo ....ti sei mai chiesta il perchè?


Sinceramente tutto questo astio verso di me Flavio non lo capisco.
C’e’ qualcosa in quello che ho detto di tanto offensivo da meritare di rimando le tue offese e accuse?

Io non lo credo, ho semplicemente letto un libro: Inchiesta su Gesù, di Mauro Pesce e Corrado Augias, una affermazione mi ha particolarmente incuriosito, ho trovato altri autori che confermerebbero questa ipotesi e vorrei approfondire.
Se anche questa si discosta dalla tua idea del cristianesimo, perché devi offendere me, accusarmi di invidia?
Cosa infastidisce tanto nel voler guardare al cristianesimo dall’ottica dell’esegesi moderna e dello studio accademico non confessionale?

Il semplice studio affrancato dalla fede offende il credo? Che fede debole che è allora.

Citazione:
Non si può abbinare un messaggio d'Amore con l'ipotesi che Gesù fosse un rivoluzionario violento, in quanto...
Il nucleo del Cristianesimo non è forse proprio l'Amore...?

Ne sei proprio sicuro? Io non credo affatto a giudicarlo dai frutti.

Citazione:
Yeshua […….] un personaggio violento?

Dire che Paolo si sia inventato tutto questo... è un bel atto di fede
Sai benissimo quanti sono gli studiosi che lo sostengono, leggi Brandon: Gesù e gli zeloti, o Craveri, mi sembra di ricordare Van Lag ne abbia postato più di qualche argomentazione plausibile nel thread E venne un mito di nome Gesù.
Nello stesso Inchiesta su Gesù si sottolinea l’ebraicità di Gesù, e di conseguenza quello che se ne discosta è chiaramente aggiunta di stampo paolino (non che paolo abbia riscritto i vangeli, ma chi lo ha fatto dopo di lui, ne ha trasformato delle parti adattandole alla predicazione paolina)
Citazione:
Perché poi i "veri" cristiani non dissero nulla contro Paolo?).
Non erano gli ebioniti a chiamare apostata l’apostolo paolo?
Citazione:
(Da dove avrebbe tirato fuori queste idee, e perché?
Anche Filone tentò di unificare ebraismo e ellenismo, anche Serapide era un tentativo di sincretismo, mi pare Clemente Alessandrino dice che cristiani fossero i devoti di Serapide, mentre Filone pare abbia chiamato cristiani quella setta dei Terapeuti d’Egitto, a quali veri cristiani ti riferisci dunque? Gli ebionim? I cristiani di serapide o i terapeuti egiziani?
Citazione:
ma quali prove esistono a riguardo, al di là del sostenere la solita teoria della manipolazione di tutti i testi cristiani - paolini e no?
È riprovato dalla teologia tedesca del XIX secolo. Se a uno interessa davvero se le trova da sé. Non credo sia il tuo caso visto che vuoi tenerti le scritture così come sono.
Citazione:
Se uno ha orecchi per udire oda.
Basta non credersi tanto in gamba da essere gli unici al mondo ad averli questi orecchi, probabilmente nessuno ad oggi ha ancora capito che tipo orecchi occorresse avere per udire ma sono tutti convinti di essere quelli che hanno capito tutto.
La_viandante is offline  
Vecchio 03-01-2007, 11.57.00   #19
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Citazione:
Originalmente inviato da spirito!libero
Benchè io sia d’accordo con la vocalizzazione, ritengo veramente interessante notare cotanta sicurezza nella vocalizzazione di un nome giudaico.
Il N.T. fu scritto in greco (tralasciando gli studiosi che sostengono altro).
Paolo - ebreo - riporta nella sua Prima lettera ai Tessalonicesi (testo cristiano più antico che possediamo) il termine in greco "Iesous".
Dato che Paolo avrà conosciuto la pronuncia esatta del nome ebraico di Gesù, avrà riportato la stessa vocalizzazione che si mette oggi al nome in ebraico.

Citazione:
(ricordiamoci che l’ebraico antico si scriveva senza vocali)
Anche l'ebraico di oggi si scrive senza vocali.
(Il testo masoretico è vocalizzato per motivi che ora non preciso).

Citazione:
Provenire da chi sostiene che non esiste mai alcuna certezza storica!
Dove avrei sostenuto tale cosa in questo thread... che non è l'altro? (Non facciamo confusione. Quanto io scrivo lì, non significa che io lo sostenga anche qua. Questa è una mia caratteristica, che ti piaccia o no).

Citazione:
Comunque, aldilà di ciò, sarebbe interessante capire a quale fonte o studioso ti rifai per sostenere l’affermazione di cui sopra.
Mi dispiace, ma questo lo devi scoprire da solo - se quanto dico è giusto o meno, sostenuto da teologi o no.

Citazione:
La lotta feroce tra giudeocristiani (corrente di Giacomo e in parte Pietro) e paganocristiani (Paolo) è nota agli storici. Si discute oggi principalmente sulle tematiche esatte della diatriba e sulla portata della stessa.
Questo mi sembrava chiaro - che ci fossero discussioni tra i primi cristiani.
Ma non mi pare proprio che in questione ci fosse il fatto se Gesù fosse violento e un rivoluzionario politico o no...

La questione di fondo era (probabilmente) legata alla seguente domanda:
Un non-ebreo può diventare un seguace di Gesù il Nazareno senza passare per l'Ebraismo, le tradizioni legate ad esso (circoncisione ecc.)?

Dato che Paolo diceva di sì, ecco che a parecchi ebrei-cristiani legati alla Torah gli venne quasi un colpo.

(Ma attenzione, Paolo diceva anche che gli ebrei-cristiani legati alla Torah potevano restare tali, cioè continuare a seguire le loro tradizioni, come i pagani le loro. In comune c'era il Messia, Gesù il Nazareno, e il suo messaggio).

Elijah is offline  
Vecchio 03-01-2007, 12.35.29   #20
spirito!libero
Ospite abituale
 
L'avatar di spirito!libero
 
Data registrazione: 08-11-2006
Messaggi: 1,334
Riferimento: L’insegnamento di Gesù era esoterico?

Come ho già scritto sono concordo sulla vocalizzazione.

Citazione:
“Dove avrei sostenuto tale cosa in questo thread... che non è l'altro? (Non facciamo confusione. Quanto io scrivo lì, non significa che io lo sostenga anche qua. Questa è una mia caratteristica, che ti piaccia o no).”

Mio caro amico, la confusione la fai tu. Che fai cambi tesi a seconda del 3d ? Mi sembra curioso. Che mi piaccia o meno non importa a nessuno, puoi fare ciò che ti pare, ma per serietà verso tutti i foristi e per chiarezza, dovresti dirci quale è la tua posizione e quando invece ti cali nei panni di un moderno Socrate sostenendo tesi che non condividi. Troppo facile dire si l'ho scritto di la ma di quà non vale più ! Se non c'è coerenza diventa inutile dibattere.

Citazione:
“Mi dispiace, ma questo lo devi scoprire da solo - se quanto dico è giusto o meno, sostenuto da teologi o no.”

Ai teologi credo non importi molto della vocalizzazione ebraica del nome Yeshua, forse intendevi dire storici o al massimo filologi.

Citazione:
“Ma non mi pare proprio che in questione ci fosse il fatto se Gesù fosse violento e un rivoluzionario politico o no...”

Certo, ma io rispondevo ad una tua argomentazione precisa, ovvero se sostieni che “i "veri" cristiani non dissero nulla contro Paolo devo risponderti che i “veri” cristiani a Paolo gli dissero tante cosucce.


Saluti
Andrea
spirito!libero is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it