Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 18-02-2007, 09.33.25   #1
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
definire la parola"salvezza"

ho più volte chiesto a vari forumisti cosa intendessero per "salvezza"
senza avere riscontro.
E' chiaro che ognuno in base a cosa crede ha il suo concetto di salvezza.
Per i cattolici è salvezza dalle pene dell'Inferno
per gli induisti e gli orientali è salvezza dalla ruota delle reincarnazioni
ma mi piacerebbe aprire questa discussione.......
paperapersa is offline  
Vecchio 18-02-2007, 13.13.46   #2
massylety
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 30-10-2006
Messaggi: 370
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
ho più volte chiesto a vari forumisti cosa intendessero per "salvezza"
senza avere riscontro.
E' chiaro che ognuno in base a cosa crede ha il suo concetto di salvezza.
Per i cattolici è salvezza dalle pene dell'Inferno
per gli induisti e gli orientali è salvezza dalla ruota delle reincarnazioni
ma mi piacerebbe aprire questa discussione.......


Ciao Paperapersa.
Mi spiace doverti correggere, su alcuni punti di vista Cattolici.
La Salvezza ha un concetto ben diverso, da quello che hai descritto.
La Salvezza e' la visione Beatifica di Dio, godere di Lui in eterno, nella Gioia che solo Dio puo' dare.
L'inferno e' la drammatica conseguenza di chi rifiuta il Suo Amore e il suo Perdono.
Due concetti lontani e diversi.
massylety is offline  
Vecchio 18-02-2007, 17.21.58   #3
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Salve e buona domenica!
credo che più di una discussione si possano dare delle definizioni, secondo me la "salvezza" è vivere in Terra in pace con e ne lo "Spirito" il resto è sequenziale claudio
fallible is offline  
Vecchio 25-02-2007, 19.21.12   #4
Delirio
W LE DONNE
 
L'avatar di Delirio
 
Data registrazione: 22-01-2007
Messaggi: 34
Riferimento: definire la parola"salvezza"

io credo che la salvexzza sia solo in se stessi. perchè noi siamo l'unica cosa che abbiamo e che ci rimane.
Delirio is offline  
Vecchio 25-02-2007, 22.10.25   #5
Wuaw
Ospite abituale
 
L'avatar di Wuaw
 
Data registrazione: 01-01-2005
Messaggi: 83
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
ho più volte chiesto a vari forumisti cosa intendessero per "salvezza"
senza avere riscontro.
E' chiaro che ognuno in base a cosa crede ha il suo concetto di salvezza.
Per i cattolici è salvezza dalle pene dell'Inferno
per gli induisti e gli orientali è salvezza dalla ruota delle reincarnazioni
ma mi piacerebbe aprire questa discussione.......

Ciao malu,

io più che di salvezza parlerei di illuminazione, nel senso di scoprire il rapporto con la Realtà Ultima.
Potrebbe avere qualche attinenza con quanto dice Massylety per i cattolici, ma senza una visione gerarchica incompatibile con l'amore, ma uno scoprirsi uno con il Tutto.
Wuaw is offline  
Vecchio 27-02-2007, 02.02.51   #6
krjisoul
frequentatore abituale
 
L'avatar di krjisoul
 
Data registrazione: 03-02-2006
Messaggi: 145
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Interessante questa disc……la salvezza….forse equivale al chiedersi cosa sia l’illuminazione……come Wauw nota anche io penso che non si possano disgiungere….magari mi sbaglio, mah...però a intuito mi vien da pensare che siano la stassa cosa....
A ben pensarci, in tal caso se le due cose coincidessero……in quanti si salverebbero?

Le nostre anime sopravviverebbero alla morte del corpo solo per un brevissimo periodo, poi se non sufficientemente evolute……si riuniscono allo Spirito, o meglio, vengono riassorbite.
Un’anima evoluta potrebbe invece accedere a stati di coscienza superiori e fare parte del Piano Divino, della Grande Opera…

Ma comunque anche quella sopravvivenza non sarebbe in ogni caso ‘eterna’ con la valenza che solitamente diamo a tale concetto…..tutto nell’Universo ha un inizio, una crescita e una fine….
Alla fine di un ciclo cosmico (Manvantara per gli inidiani) anche gli esseri evoluti cesseranno di esistere, avendo portato a termine il loro compito…..

Quindi se la salvezza in tal senso fosse veramente per pochi…..chissà come ci rimarrebbero male tutti coloro che si sono fatti il mazzo - e ci si dovrebbe chiedere se è la testa o il cuore che lo vuole.....- e poi ….pufff , si ritrovano a far la stessa fine di chi se n’è stato bellamente a rigirarsi i pollici……

Beh, non è un’esortazione a prendere esempio …. a parte la visione più nera di finire nell’oblio,
ci sarebbero sempre le incarnazioni a venirci in aiuto…


krjisoul is offline  
Vecchio 27-02-2007, 08.25.19   #7
sergio
yoga non si fa, yoga si è
 
Data registrazione: 05-04-2005
Messaggi: 149
"salvezza"

per me la salvezza è un ri-prendere coscienza di me stesso...

ri-conoscermi...

accettarmi per quello che sono, in ogni aspetto, senza avere la solita mania di "classificare" ogni cosa in "bene " e "male", senza giudicarmi e pretendere di essere perfetto...

insomma...; scrollarsi di dosso un sacco di aspettative altrui (sociali e famigliari...) ed autoimposte...


?
sergio is offline  
Vecchio 28-02-2007, 14.22.22   #8
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Ciao Paperapersa

La vera salvezza è la conoscenza di Dio.
La conoscenza di Dio è al di sopra di ogni altra conoscenza e costituisce la maggior gloria del mondo umano.
Dalla conoscenza della realtà delle cose si traggono vantaggi materiali e viene attuato il progresso della civiltà esteriore; ma la conoscenza di Dio è causa di progresso e di attrazione spirituale e, per suo mezzo, si ottiene la percezione della verità, l'esaltazione dell'umanità, la civiltà divina, una giusta morale, e la chiarovegenza.
Vera salvezza è annullare le proprie imperfezioni progredendo verso la Perfezione Infinita di Dio.
I Profeti del passato, gli Apostoli di Gesù, gli uomini santi, hanno tutti raggiunto la salvezza anche se con livelli diversi di perfezione.
Ogni essere umano raggiunge la salvezza con livelli diversi, ciò dipende esclusivamente dal singolo individuo e da quanto sia disposto sd allontanarsi dalle cose materiali terrene.
Educare gli uomini è missione dei Profeti; affinchè il pezzetto di carbone possa diventare un diamante, l'albero senza frutto possa venir sottoposto all'innesto e produrre frutti, quando un uomo raggiunge lo stato di maggior nobiltà esistente nel mondo dell'umano, egli può ancora progredire ulteriormente nelle condizioni della perfezione ma non oltre il suo stato; perchè lo stato è limitato, mentre le perfezioni divine sono infinite.
Per l'uomo esiste progresso sia prima sia dopo aver lasciato la sua spoglia materiale, ma, progresso nella perfezione, non progresso nello stato.
Non vi è essere più elevato dell'uomo perfetto.
La Salvezza è pertanto il cercare e trovare la perfezione personale che varia da individuo ad individuo, ma ciò nulla toglie al fatto di essere salvati.
L'uomo che cerca con tutte le sue forze e tutta la sua volontà di imitare, anche se limitatamente, la vita di Gesù è "SALVATO".
Non sarà salvo chi, pur accettando Gesù, nulla fà per raggiungere un qualche livello di perfezione abbandonando le sue ed umane imperfezioni.

Hetman
hetman is offline  
Vecchio 01-03-2007, 22.18.08   #9
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Per me salvezza vuol dire salvarsi, ovvero sopravvivere, venir fuori da qualcosa di negativo. Il negativo in questo caso vorrebbe dire restare intrappolati senza riuscire a venirne fuori a superare l'esperienza.

Facciamo un esempio pratico. Mi innamoro di un collega dopo anni di stasi emozionale. Questo innamoramento mi porta a ridestare sensi, mente ed emozioni. Ci voleva proprio. Ma il rischio (con il senno di poi) era quello di lasciarsi andare e venir risucchiati, intrappolati dalla vivacità e forza emotiva-sensuale. Ma per fortuna viene la "salvezza" interviene qualcosa che blocca la mia caduta. La tentazione senza caduta. Così mi sono ritrovata con tutti i frutti del risveglio senza l'amaro dell'errore.

Salvezza ovvero venir fuori da una esperienza che può anche essere l'addormentarsi del non illuminato, senza restare indefinitamente intrappolati.

Altro esempio: questa società è addormentata e se la dorme della grossa mentre la nave affonda. Se non si sveglia, se non riesce a salvarsi dovrà ricominciare daccapo, se sarà possibile farlo ancora.

Risvegliarsi mentre la casa brucia, questa è salvezza.
Mary is offline  
Vecchio 02-03-2007, 00.05.59   #10
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: definire la parola"salvezza"

Cara Mary

Citazione:
Per me salvezza vuol dire salvarsi, ovvero sopravvivere, venir fuori da qualcosa di negativo. Il negativo in questo caso vorrebbe dire restare intrappolati senza riuscire a venirne fuori a superare l'esperienza.

Mi sembra che parliamo di una diversa "salvezza", qualsiasi esperienza che Tu possa aver dovuto affrontare, sono sicuro che l'Hai ben superata (Dio non invia prove che la persona non sia in grado di superare, non graverà mai un Suo devoto di un fardello superiore alle facoltà e stadio spirituale dello stesso) perch'è solo con le prove e le difficoltà che l'uomo si libera dalle imperfezioni muovendosi pian pianino verso la perfezione. Nei momenti in cui ci si sente impotenti difronte ad una difficoltà (intrappolati) è il momento di rivolgersi al Padre pere quell'aiuto di cui si ha bisogno, le difficoltà temperano il carattere e migliorano lo spirito la parte di noi che soffre di più è l'anima perchè è indice di sentimento.

Citazione:
Facciamo un esempio pratico. Mi innamoro di un collega dopo anni di stasi emozionale. Questo innamoramento mi porta a ridestare sensi, mente ed emozioni. Ci voleva proprio. Ma il rischio (con il senno di poi) era quello di lasciarsi andare e venir risucchiati, intrappolati dalla vivacità e forza emotiva-sensuale. Ma per fortuna viene la "salvezza" interviene qualcosa che blocca la mia caduta. La tentazione senza caduta. Così mi sono ritrovata con tutti i frutti del risveglio senza l'amaro dell'errore.

Non capisco, parli di "Amore" o di "amore" sai vi è parecchia differenza. L'Amore dura per sempre, l'amore è un batter d'ali.
L'Amore sei Tu a concederlo, l'amore vuoi solo riceverlo.
Non confondiamo, per favore, tra Amore e fisiologici bisogni.

Citazione:
Salvezza ovvero venir fuori da una esperienza che può anche essere l'addormentarsi del non illuminato, senza restare indefinitamente intrappolati.
Altro esempio: questa società è addormentata e se la dorme della grossa mentre la nave affonda. Se non si sveglia, se non riesce a salvarsi dovrà ricominciare daccapo, se sarà possibile farlo ancora.
Risvegliarsi mentre la casa brucia, questa è salvezza.

Esempi molo poetici ma poco costruttivi, se la barca affonda anche Tu collabori al definitivo affondamento, come tutti quelli che sanno parlare ma non sanno agire, Impariamo da Gesù, Quest'uomo che apparentemente e agli occhi di tutti era di umili origini, si erse con tale grande potere da abolire una religione che era durata 1'500 anni, in un'epoca in cui la più leggera deviazione da essa esponeva il trasgressore al pericolo o alla morte. Oggi siamo fortunati possiamo dimostrare il nostro dissenso, in modo civile e rispettoso, ma forte del diritto di libertà e democrazia. In ogni caso non mi preoccuperei se dovessi rimboccarmi le maniche e ricostruire ciò che è affondato, sicuramente lo ricostruiremmo tutti insieme e meglio.

Hetman
hetman is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it