Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 20-04-2007, 18.56.04   #71
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: L'inferno è già qui...

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Yam:Nei testi Dzogh Chen si dice che le visioni del togel appaiono dopo l'entrata nella non dualita', effettivamente U.G. quando gli e' accaduta la calamita' era gia' da un pezzo nella non dualita

Questo perchè il processo non è mai uguale,per quanto si tenti di schematizzarlo.
Anche le proiezioni archetipiche variano dal "contesto culturale"..
Ma questo per me (intendo per la persona che scrive! ) è ancora raccontarsela


Che cosa e' raccontarsela?
Fai o non fai i conti con il tuo ego?
O ne sei sempre libero?
Sino a che quel processo non sara' completo ci saranno residui di personalita'....si che poi nn me ne puo' fregar di meno...
Leggi questa storiella
Pensi forse di essere tu l'artefice della tua liberazione?
Forse e' un processo piu' fisico che spirituale.....
Yam is offline  
Vecchio 20-04-2007, 19.03.56   #72
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: L'inferno è già qui...

Bello e di cuore l'intervento di Mirror, mi piacerebbe sentire il cuore di Visechi e non sempre quella mente che recita la parte dello scettico.

Direi che la sensibilita' alla sofferenza aumenta, altro che diminuisce!
Soltanto che si scopre uno spazio che puo' accoglierla, contenerla tutta.
Yam is offline  
Vecchio 21-04-2007, 01.46.58   #73
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: L'inferno è già qui...

Citazione:
Originalmente inviato da Mirror
Ciao Visechi...
è ovvio però che se tu ti soffermi solo sui lati negativi della vita trovi disarmonia, squilibrio, crudeltà, dolore, sofferenza...
Ma tutto ciò ha anche una contro parte che li bilancia: e questo è tutto ciò che è opposto a questa 'negatività'.
Il senso di meravigliosa armonia della vita è proprio alternarsi di polarità.
Per esempio: senza il dolore non può nemmeno esservi gioia; la pace la puoi apprezzare perché esiste anche la guerra...
e così via per tutte le manifestazioni esistenziali.
Sono polarità in alternanza continua, ciclica.
In questo incredibile 'gioco' cosmico (Leela) sta appunto la danza degli opposti che dovremmo saper accogliere, accettare serenamente.
Perchè?
Perchè così è la Legge intrinseca delle cose.
Forse però sei focalizzato, a mio parere, soltanto su un tipo di polarità. Non metti altrettanta enfasi, attenzione e intersse a quel che è il lato opposto del dolore,
sofferenza… ovvero la gioia, la contentezza, bontà...



Visto che Visechi ha citato Eraclito, ecco che lo ripropongo un'altra volta io, in altre vesti però:

Toi men teoi kala panta kai agatha kai dikaia, anthropoi de a men adika upeilephasin a de dikaia.
(Eraclito B 102)

-> Per Dio è tutto corretto, buono e giusto; ma gli uomini credono, che alcune cose sono ingiuste, altre invece giuste.

Il senso della frase?
Che esiste il Bene e il Male, è un bene; non vale infatti: visto che esite il Male, è un male, e visto che esiste il Bene, è un bene.

Come Mirror ha ben messo in luce: La vita è polarità, ed è per questo bella e molto buona.

Dio infatti creò l'uomo e la donna, e cosa vide?
Vide che questa polarità era molto buona. (cfr. Genesi 1:31)

La vita è in sé un paradosso, è paradossale, e Gesù gioca varie volte in un certo senso volentieri con questi paradossi, per mettere in risalto cosa?

Cos'è che si mette in risalto, in luce, con i paradossi? Quale consapevolezza fanno venire a galla?

Tutto io non vi dico...
Elijah is offline  
Vecchio 21-04-2007, 09.43.07   #74
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: L'inferno è già qui...

Accettare il dolore in se stessi vuol dire innanzitutto aver sperimentato il dolore.
Dolore intenso, estremo, fisico e psicologico.
Dolore che ti stende, ti abbatte a terra, ti lascia senza speranza.
Dolore che ti costringe ad avere bisogno delle cure degli altri.
Dolore continuo che senza tregua ti attanaglia giorni e notti,
il dolore di un trapano nella testa, di un palo conficcato in un occhio, di una lama piantata nel rene.
Dolore dei polmoni che bruciano impedendoti di respirare, dolore del soffocamento, dolore che sai poter far cessare il respiro e con esso la vita.
Dolore che nessuno sano di mente andrebbe mai a cercare: e’ lui che cerca te.
Quel dolore aumenta se resisti, quel dolore si fa sempre piu’ intenso se resisti e piu’ e’ intenso piu’ il panico assoluto si impadronisce di te.
Allora e solo allora scopri che quel dolore non esiste….o meglio non e’ cio’ che pensavi che fosse.
Questo accade all’improvviso: appare il suo opposto ed e’ proprio quel testimone silenzioso, un oceano di silenzio vasto quanto lo spazio che inghiotte tutto. Una esperienza paradossale, ma vera e reale e fonte di guarigione.
Mi sono arreso al dolore e ne sono uscito vincitore.
So non essere una vittoria definitiva, bensi solo una esperienza, il maestro piu' importante che io abbia mai incontrato. Maestro proprio perche' mi ha rivelato concretamente cio' che cercavo da decenni: quel pacifico centro di me stesso, il mio vero Se' che e' oltre la dimensione fenomenica dell'esistenza.


Dolore per una figlia (prima figlia): il telefono che squilla e ti dicono che lei e’ a 25 km di distanza in sala di rianimazione: e' stata investita da una macchina e senza la tua autorizzazione non possono operarla, vogliono una tua firma su un pezzo di carta.
Non c’e’ tempo per ipocrite masturbazioni mentali quando il dolore bussa alla nostra porta, bisogna agire.

Dolore per una figlia colpita da una malattia oscura (seconda figlia) che nessuno riesce ad identificare. Non ci vede piu', si scoprira' piu' tardi essere una malattia genetica.
Non c’e’ tempo per ipocrite considerazioni sul dolore quando ti lascia senza pezzi di te stesso ma ancora vivo, bisogna agire e continuare a vivere.
Il suo vero padre si e’ ucciso quando lei aveva quattro anni, lei lo sa, ma oggi sono io suo padre. Lei non vede piu’ ma e’ felice, prima non lo era. Si e’ arresa al dolore ed e’ andata oltre.

Emi, un amico di mia figlia, era in moto una sera di cinque anni or sono, all’improvviso da un vicolo sbuca un motorino il cui conducente porta con se una tanica di benzina. Si scontrano ed entrambi divengono torce umane. Il ragazzo del motorino muore, Emi va in coma. Emi si risveglia dopo mesi all’ospedale, ha subito un trapianto di cuore e infiniti altri interventi.
Si sveglia, sente delle voci ma non capisce, non ricorda, non puo’ parlare ne vedere.
Sente un grande nervosismo, paura e angoscia poi, racconta, non so cosa sia successo ma mi sono illuminato dentro.
Emi e’ cieco ed e’ la gioia in persona e’ impossibile resistergli, la sua energia e’ contagiosa e se sei un ipocrita che non accetta il dolore provi vergogna dentro di te perche’ Emi ha sconfitto il dolore.

Ho parlato di persone serene e non disperate.
Se vogliamo continuare ad essere dei bugiardi, con noi stessi e gli altri, facciamolo pure, ma quel dolore ci verra’ a cercare e non e’ un qualcosa che si risolve con giri di pensieri nella mente….non so se e’ chiaro…
E’ chiaro o no?
E’ chiaro che cosa e’ ipocrisia?
E’ stare li a tavolino a discutere di cio’ che non si conosce.
Del dolore si deve parlare con il dovuto rispetto e sensibilita’, non e’ un oggetto della mente qualsiasi, non e’ un concetto, e’ Realta’.


Vide la sofferenza
che bevevo una coppa
di dolore e gridai:
“E’ dolce, non è vero?”
“Mi hai preso in castagna”
rispose la sofferenza,
“e mi hai rovinato la piazza.
Come farò a vendere dolore
se si viene a sapere
che è una benedizione?”
Mevlana Jalaluddin Rumi
Yam is offline  
Vecchio 21-04-2007, 10.41.30   #75
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: L'inferno è già qui...

Citazione:
Originalmente inviato da Yam
Che visione negativa della vita che hai. L'uomo non e' mai andato contro nessuno, anche perche' non esiste quel dio come lo immagini tu e non esiste neanche l'anticristo come lo immagini tu. C'e' semmai un potenziale divino nell'uomo che caoticamente si sviluppa, cresce. Il mondo cosi come lo sperimenti tu e' apparso dal nulla 15.000.000.000 di anni or sono, nel concetto di tempo che ci siamo fatti. Se poi questo piccolo pianeta scomparisse non e' un problema, certo sarebbe un peccato, ma la Vita continuerebbe comunque. Non c'e' nulla che non sia qui in questo istante presente, non c'e' altra vita possibile, c'e' una vita sola e quella bisogna scoprire. Diciamo che e' una specie di giuoco nel quale siamo impegnati e c'e' sempre qualcosa di nuovo da scoprire sino a che si scopre che non c'era proprio nulla da scoprire.


no ho una visione negativa,dico solo che l'uomo ha fatto di tutto per andare contro la natura...o sbaglio?io mi sto riferendo all'epoca recente ovviamente,non a quelle precedenti dove regnava l'amore.correggimi se sbaglio...
dany83 is offline  
Vecchio 21-04-2007, 11.10.31   #76
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: L'inferno è già qui...

Grazie Yam della testimonianza..
mentre si continua a filosofeggiare sul dolore..
che non è il dolore accolto,a cui si è pienamente arresi ...quello che trasforma..
Noor is offline  
Vecchio 21-04-2007, 11.24.35   #77
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: L'inferno è già qui...

x Eljiah
ti ringrazio per i preziosi spunti di riflessione che stai offrendo per farci convergere nella chiarezza della comprensione profonda.
Eraclito, Lao Tze, Buddha, sono stati dei fari fondamentali quando percorrevo la buia notte dell'anima. Mi hanno illuminato in quella notte in cui era difficile trovare la strada verso Casa.
Mi hanno aiutato ad intuire il senso paradossale dell'esistenza ed a accettarlo con serenità e gratitudine, liberandomi dai sensi di colpa che mi portavo appresso, donandomi una nuova visione della Compassione verso il prossimo e tutte le creature viventi.
Non so perché, ma l'insegnamento di Gesù, pur essendo sublime, meraviglioso, pieno d'amore... non è mai riuscito a farmi cogliere il senso di quel paradosso misterioso. In me non è riuscito a farmi vedere la realtà delle cose in modo più sereno, distaccato, nitido e sorridente. Troppa separazione, per me, fra buono e cattivo... troppo dualismo.
Il simbolo della crocefissione che accompagna il cristianesimo non mi ha mai attirato, nemmeno da piccolo quando facevo catechismo. Non rispondeva a miei interrogativi, che erano poi gli stessi di Visechi, fatti in modo evidentemente più elementare e semplice.
Mi ha sempre invece affascinato di più il simbolo Loto. Ovvero il fiore che sa splendere anche immerso nel fango.
Con questo non nego i valori del vangelo, anzi, li apprezzo molto e rispetto e ammiro chi li adotta.

x Yam

Grazie anche a Te, per la magnifica quanto toccante, significativa testimonianza.

Ciao Noor... e grazie a tutti gli amici che leggono e partecipano.


Ultima modifica di Mirror : 21-04-2007 alle ore 12.47.10.
Mirror is offline  
Vecchio 21-04-2007, 16.24.16   #78
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: L'inferno è già qui...

Mirror:Non so perché, ma l'insegnamento di Gesù, pur essendo sublime, meraviglioso, pieno d'amore... non è mai riuscito a farmi cogliere il senso di quel paradosso misterioso. In me non è riuscito a farmi vedere la realtà delle cose in modo più sereno, distaccato, nitido e sorridente. Troppa separazione, per me, fra buono e cattivo... troppo dualismo.
Il simbolo della crocefissione che accompagna il cristianesimo non mi ha mai attirato, nemmeno da piccolo quando facevo catechismo.


Caro Amico
credo che ci aspetti un viaggio di ritorno verso il luogo da dove siamo partiti..(Oh sì il catechismo..che danno...)
Credo nella necessità di pacificarci (scusa il mio plurale maestatis) prima o poi,nel senso di accogliere in quella grande visione spirituale che nulla può rifuggire,al nostro retroterra spirituale.
Mi capita,grazie ai segnali che raccolgo (siano quelli di Tolle che di turaz ad esempio) d'intuire,sentire che in quanto vero cammino spirituale,nella Buona Novella il dualismo è solo apparente.
E' vero che Jeshua non ha lasciato indicazioni esoteriche (o quantomeno sono state occultate,vedi il Vangelo di Tommaso) ma le scuole ermetiche,come sai lo indicano.
Accennavi ad esempio al simbolo della Croce:ma cos'è il cammino nel
Dolore, che è Luce nell'abbandono ad esso (è l'argomento di Yam)se non non-dualità? Un abbraccio
Noor is offline  
Vecchio 21-04-2007, 19.19.27   #79
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: L'inferno è già qui...

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Caro Amico
credo che ci aspetti un viaggio di ritorno verso il luogo da dove siamo partiti..(Oh sì il catechismo..che danno...)
Credo nella necessità di pacificarci (scusa il mio plurale maestatis) prima o poi,nel senso di accogliere in quella grande visione spirituale che nulla può rifuggire,al nostro retroterra spirituale.
Mi capita,grazie ai segnali che raccolgo (siano quelli di Tolle che di turaz ad esempio) d'intuire,sentire che in quanto vero cammino spirituale,nella Buona Novella il dualismo è solo apparente.
E' vero che Jeshua non ha lasciato indicazioni esoteriche (o quantomeno sono state occultate,vedi il Vangelo di Tommaso) ma le scuole ermetiche,come sai lo indicano.
Accennavi ad esempio al simbolo della Croce:ma cos'è il cammino nel
Dolore, che è Luce nell'abbandono ad esso (è l'argomento di Yam)se non non-dualità? Un abbraccio

Caro Noor...
in questa chiave di lettura, in quest'ottica spiritualmente non condizionata, allora non ho problemi a pacificarmi anche con il mio retroterra culturale.
Più per un fatto che favorisce il dialogo con chi si rifà a questa tradizione che come bisogno di chiarimento in me stesso però.
Comunque, resto aperto a ogni Via che conduca a quella Casa, dove ogni Mistico, anche di diverso provenienza culturale, ha trovato dimora.
Dove non si non fanno più distinzioni fra forme e simboli che rappresentano solo indicazioni che puntano alla Sorgente Unica.
Se non si giunge lì in quel luogo dello Spirito, l'inferno della separazione, della discriminazione, del conflitto, resta sempre dietro l'angolo.

Mirror is offline  
Vecchio 23-04-2007, 09.47.38   #80
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: L'inferno è già qui...

Citazione:
Mirror 20-04-2007 17.46.21
Riferimento: L'inferno è già qui... Ciao Visechi...è ovvio però che se tu ti soffermi solo sui lati negativi della vita trovi disarmonia, squilibrio, crudeltà, dolore, sofferenza...Ma tutto ciò ha anche una contro parte che li bilancia: e questo è tutto ciò che è opposto a questa 'negatività'.Il senso di meravigliosa armonia della vita è proprio l'alternarsi delle polarità.Per esempio: senza il dolore non può nemmeno esservi gioia; la pace la puoi apprezzare perché esiste anche la guerra...e così via per tutte le manifestazioni esistenziali.Sono polarità in alternanza continua, ciclica.In questo incredibile 'gioco' cosmico (Leela) sta appunto la danza degli opposti che dovremmo saper accogliere, accettare serenamente.Perchè? Perchè così è la Legge intrinseca delle cose. Forse però sei focalizzato, a mio parere, soltanto su un tipo di polarità. Non metti altrettanta enfasi, attenzione e intersse a quel che è il lato opposto del dolore, sofferenza… ovvero la gioia, la contentezza, bontà...Comprendo anch’io che c'è il bambino che soffre innocentemente... cosa credi che sia insensibile? ... so che ci sono le tragedie... le malattie, le catastrofi e la morte... imprevedibile quanto sicura anche per me. Ma proprio questo fattore d'incertezza rende intensa l'avventura umana. Nella fragilità della vita, sta forse il segreto della sua bellezza. E allora? Io amo la vita proprio per questa sua precarietà, imprevedibilità, mistero...E' l'insicurezza che la rende vibrante, magica, sempre nuova.Per non essere soggetti al dolore, alla sofferenza, dovremmo essere fatti di plastica, inerti, già morti alle emozioni, percezioni... Certamente allora non sentiremmo e proveremmo più dolore, ma nemmeno avremmo la sensibilità che ci può dare piacere, godimento, beatitudine... Io, in questo viaggio misterioso, trovo anche molto altro che la sola sofferenza: trovo mille altre cose che danno senso e valore alla vita, così com'è.Per cui, arreso a questo insondabile Mistero, Divino o meno fai tu, nel quale avuto la grazia di comparire con gli strumenti della consapevolezza e della sensibilità, dal cuore non può che sgorgarmi una immensa gratitudine a Ciò o Colui che lo ha permesso e lo rende possibile.

A differenza di Yam, io non riesco ad apprezzare quest’intervento, perché fra le sue pieghe è rinvenibile un atteggiamento eccessivamente individualista – direi anche che è abbastanza tipico di una spiritualità che accentua la ricerca interiore… più spesso individualistica -. Quando l’equilibrio che induce e fa germogliare un sentimento d’ammirazione così sacro è anche il risultato del dolore altrui, si riesce ad amare tutto e tutti, è probabilmente semplice, quasi naturale.
Come vedi questo tuo sentimento di grazia e beatitudine sgorga solo perché poni in relazione la Vita solo con te stesso; sembra quasi che dica: <<io stò bene; la Natura, qui da me, è ricca di colori, è sovrabbondanza, ricchezza e generosità, dunque la vita è come un caldo sorriso, un suadente ammiccamento che io colgo…il resto fa parte del ciclo, è il contrappeso della bilancia>>. Poco importa se qualcuno (il prossimo, sempre l’altro, colui che ha da venire, mai che lo s’incontri, sempre troppo lontano), per mantenere il giusto equilibrio fra orrore e bellezza da cui sortisce fuori il sentimento di gioia che t’impregna, sia chiamato a pagare il prezzo del tuo godimento. Perché, ci dici, che la Vita è magia proprio per questa sua intrinseca fragilità. Se non ci fosse il dolore, non potresti godere della gioia infinita che il dolore stesso per contrasto fa emergere… ovviamente il dolore altrui.
Oppure cogli la gioia nel momento in cui il dolore si acquieta, pian piano si spegne, ed allora emerge il senso di liberazione, quel vento che spazza via la situazione ammorbante, che ricolora il futuro e il presente… un sentimento di sollievo, si gioisce perché tutto è finito, e il dolore è ormai una labile traccia, un ricordo o un vago sussurro.
Non parli di un cammino comune, non v’è solidarietà nelle tue parole. Sembra che dica – ma non solo tu – <<Io vado, cammino, salgo, chi resta indietro faccia il mea culpa>>. Mi chiedo se lo scotto, il pedaggio che la vita esige dall’umanità per perpetuare se stessa e per mantenere inalterato l’equilibrio esistente fra orrida oscenità e meraviglia che incanta, non sia eccessivamente alto, quasi da strozzinaggio. Mi domando anche se sia armonioso che a qualcuno la Vita riservi gioie fondate anche sul dolore altrui, e ad altre persone solo disprezzo e sofferenza. C’è nel mondo chi è nato sotto il fragore delle bombe e quel suono sinistro ha accompagnato ogni suo passo, ogni suo sentimento, ogni suo battito di ciglia. Mi chiedo pure se sia mai possibile immaginare che queste persone possano cantare un inno di lode alla vita simile a quello di Mirror, fra la sporcizia, l’avarizia della Natura e con la morte unica fedele compagna che segue come un’ombra sinistra ogni suo passo.
Non c’è compassione, non c’è un sentimento solidale, non c’è un rifiuto del nefasto pedaggio richiesto a queste anime nell’esaltazione della propria gioia che disdegna uno sguardo verso coloro che pagano il prezzo dell’equilibrio.
Questa teodicea è da ricusare perché infanga chi soffre e benedice, ingrassandola, solo una parte, fra l’altro minoritaria e troppo opulenta.
Ripeto: Polemos e dualità sono posti in essere e scaturiscono da almeno due disequilibri: in una parte del mondo si genera dolore, dall’altra godimento e gioia – spesso fiacca sovrabbondanza -, da un lato il fondo, dall’altro l’apice, nel mezzo, per somma algebrica, la giusta misura. La Vita, vigliacca, ritrova il suo equilibrio complessivo nella compensazione delle due insufficienze parziali. Ma questo non può tradursi solo in un dato statistico o ragionieristico, perché dietro questi numeri o macrosistemi, che pesano eccessivamente da un lato, v’è chi a beneficio dell’armonia divina instillata nella Natura soffre e patisce anche per noi… e tutto ciò non è per nulla <<cosa molto buona>>, è ingiustizia cosmica.
Povero Rumi, poveri noi che inseguiamo un nutrimento si tanto refrattario allo sguardo verso il prossimo, tutto incentrato al nostro Vero Sé che deve crescere o ritrovarsi in un abbraccio cosmico con un universo che è armonia che si genera, produce e mantiene nella disarmonia… e tutto ciò a scapito di chi? Esisterà sempre qualcuno che pagherà sulla propria pelle anche la parte del prezzo che la Vita ci dispensa di pagare… lo pagherà per noi, per far sì che la simmetria complessiva, quella del Tutto che tanto amate e venerate, si mantenga inalterata.
Mi piacerebbe poter dire a Rumi che il dolore del prossimo, soprattutto quando è patito per conto nostro, quasi si trattasse di surrogazione del debitore, è una macchia nella Creazione che avvilisce piuttosto che elevare, e scorgerlo con sentimento vero non ammette alcun assenso. In astratto, - solo così, perché il nostro egoismo di fondo, che bussa alla porta ed esibisce il suo conto, gioisce per la dispensa - si può affermare che in questi casi di supplenza nel patire v’è ancor più avvilimento, ingiustizia e viltà di quanto se ne possano rilevare nel pedaggio il cui pagamento sia posto a carico del diretto fruitore. In questo quadro poco consolatorio, gli inni di lode che traboccano appaiono come un sinistro suono di parole ipocrite che beatificano il perpetuarsi dell’ingiustizia cosmica divina o naturale.
Ciao
visechi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it