Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-06-2007, 14.21.32   #31
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Grazie per le risposte
Sentite cosa ne penso io, è possibile che il fatalismo sia proiettato sul futuro, nel senso che non essendo possibile conoscere il futuro ci si limita al fatalismo, il wu wei invece non tiene affatto in considerazione il futuro, perché semplicemente non esiste, come il passato, unica realtà è l’attimo presente…
O no?

Il fatalismo è un' interpretazione... sia del passato sia del possibile futuro.
E' una attività della mente. Una concettualizzazione del tempo.
Il Wu wei, come ben dici, è invece in totale aderenza al presente, per cui non specula, filosofeggia, su quel che è stato o quel che potrebbe essere.
Non da spazio alla fantasticheria... si attiene al ciò che accade momento dopo momento.
In questa naturalezza, non gravata dal pensiero speculativo, dal sofisma, non si postula nemmeno il concetto di fatalità.
Esso è la stessa fatalità, l'eterno presente.
In esso non c'è divisione fra pensiero e azione. E, non essendoci divisione interna, non c'è dualismo fra il soggetto che compie l'azione e l'azione stessa. Per questo si dice che questa è "non azione".
Perchè l'azione è spontanea: non è deliberata e calcolata da un soggetto che crede di agire personalmente, mentre in realtà è agito dal Tutto.

Mirror is offline  
Vecchio 07-06-2007, 14.21.57   #32
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Grazie per le risposte
Sentite cosa ne penso io, è possibile che il fatalismo sia proiettato sul futuro, nel senso che non essendo possibile conoscere il futuro ci si limita al fatalismo, il wu wei invece non tiene affatto in considerazione il futuro, perché semplicemente non esiste, come il passato, unica realtà è l’attimo presente…
O no?

Non esiste l'agente ..quindi non puo' esservi polizia alcuna, ma neanche crimine alcuno, per cui neanche tu esisti..figuriamoci un fatalista..e che roba e', si mangia?
Futuro e passato esistono nel pensiero: il primo nel ricordo, il secondo nella preoccupazione, nella speranza che qualcosa cambi, nei progetti, nelle preoccupazioni. Per quello ti viene l'ansia e la paura. Se ti pianti nel presente quelle robe li scompaiono.
Il divenire scorre, il fenomenico e' continuo mutamento. Quella e' AZIONE.
Ma chi agisce?
Tu no di certo.
Passato e futuro esistono nel divenire, ma tu sei mai divenuta?
Il tuo corpo e' in divenire.
Ma quella pura Coscienza di Te, qui ed ora, era e' e sara' sempre la stessa, la riconosci?
Quello tu sei.
Questo non significa che tu smetti di agire.
Una esperienza che si puo' avere e' quella di vedersi agire.
Chi agisce?
Mi capita di assistere ad un efficente me stesso che fa calcoli complicatissimi con leggerezza e facilita', io vedo me stesso. Quando quel Vedere e' molto forte, intenso non c'e' fatica alcuna nel vivere e' come avere un maggiordomo al proprio servizio: il corpo-mente.

Ultima modifica di Yam : 07-06-2007 alle ore 16.50.55. Motivo: Volgari errori di punteggiatura
Yam is offline  
Vecchio 07-06-2007, 16.32.37   #33
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Wu wei (la non azione)

x la viandante:

Indubbiamente il fatalista vive di proiezioni temporali come invece il wu-wei scaturisce dalla non-mente atemporale..
Noor is offline  
Vecchio 07-06-2007, 16.44.41   #34
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Salve e buon pomeriggio!
Troppe sono le aspettative dell’ego di vedere apprezzate le proprie analisi, i propri punti di vista, oppure semplicemente, si ritiene che quello che hai da dire abbia importanza e peso, perché pensi possa essere utile, no?
ma se proviamo a :3d....argomenti...forum....in ternet....anche la risposta più "forbita" si rileva nalla sua essenza ; grazie comunque per la "riflessione" gli altri amici l'hanno tenuta per sé, ho letto il posts successivi ma non ho capito l'accostamento tra la "non azione" (wu wei) e il fatalismo, la prima è un agire spogliato dagli interessi pur se "ben fatto" il secondo, da non confondersi con l'accettazione, è ,secondo me, più passivo,anche se si è sempre artefici del proprio fato claudio
fallible is offline  
Vecchio 11-06-2007, 12.40.25   #35
Flow
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2006
Messaggi: 317
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Come conciliate il wu wei, che e' l'assenza di sforzo e di ricerca,
con l'investimento spirituale, che e' sforzo e' ricerca senza fine ?
Flow is offline  
Vecchio 11-06-2007, 12.51.21   #36
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Citazione:
Originalmente inviato da Flow
Come conciliate il wu wei, che e' l'assenza di sforzo e di ricerca, con l'investimento spirituale, che e' sforzo e' ricerca senza fine ?

Infatti non si conciliano queste due dimensioni contraddittorie fra loro. Ma per arrivare a far accadere questa comprensione un qualche sforzo bisogna pur farlo.
Altrimenti si prolunga una sorta d’inerzia intuitiva.
Il fallimento inevitabile di questo tentativo di conciliazione può far sortire invece l'intuizione che in realtà non c'è necessità di fare nessun sforzo per essere quel che già si è, per essere dove si è sempre stati, e fare quel che si ha sempre fatto. Ma prima di questo lampo intuitivo la mente concettuale non sa rilassarsi naturalmente nel ciò che è. E’ esperienza comune, sotto gli occhi di tutti.
La mente prima della comprensione è sempre inquieta e tormentata. Da questa condizione di disagio, illudendosi, comincia una ricerca credendo di trovare una liberazione nel futuro, senza realizzare che non è mai stata prigioniera, e che è la sua stessa attività inconsapevole la causa della sofferenza.

Mirror is offline  
Vecchio 11-06-2007, 21.01.25   #37
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Citazione:
Originalmente inviato da La_viandante
Chi è così gentile da spiegarmi che differenza c’è tra wu wei e fatalismo?
Nisargadatta che diceva: - in quanto a me non agisco e non faccio agire. Come un uccello in cielo non lascio traccia – A chi gli chiese: - le cose succedono seguendo la loro intrinseca natura o siete voi a farle accedere così – rispose: - Entrambe le cose. Accetto e vengo accettato

Significando così che quell’azione, che attorno a lui si sprigionava in ogni momento, era a metà strada tra il volere dell’insieme, (del cielo?) e la sua volontà.

La non-azione non è passiva rassegnazione agli accadimenti, ma è un’influenza intelligente sugli stessi esercitata in accordo con l’armonia che ci circonda.



Ultima modifica di VanLag : 11-06-2007 alle ore 22.35.26.
VanLag is offline  
Vecchio 12-06-2007, 17.54.54   #38
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Salve e buon pomeriggio!
è strano come questo 3d arranchi lentamente nel forum , forse spaventa un pò , è un periodo che si leggono versi...argomentazioni indubbiamente ben argomentate ...mi sembra di essere alle riunioni di "avanguardia operaria" dove si parlave di "lotta di classe" con la erre moscia ...Nel mio connubio quotidiano con il bosco mi è capitato di incontrare un paio di lepri e mi veniva da chiedermi, chissa se le suddette hanno la capacità , possibilità di "biciclettare" ; si può definire il loro defilarsi wu wei? a max (il cacciatore) chiedo un'informazione, perchè nel mettersi fuori "portata" (sono chiaramente disarmato) rimangono ,pur tenendoti d'occhio, di spalle e non di fronte? per fuggire più facilmente o per timidezza? claudio
fallible is offline  
Vecchio 12-06-2007, 23.23.16   #39
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
La non-azione non è passiva rassegnazione agli accadimenti, ma è un’influenza intelligente sugli stessi esercitata in accordo con l’armonia che ci circonda.
Si potrebbe facilmente opinare - come facciamo noi uomini (del mondo), a stabilire cosa è armonico e cosa non lo è? -
La risposta è che, in effetti, non è facile. Se fosse cosa da tutti, quelli che conoscono l’armonia dell’insieme, non sarebbero chiamati saggi.

P.S. Una precisazione che io ho sempre ritenuto implicita però forse non è così implicita. Quando parlo della “saggezza” non intendo affermare di essere io a possedere quella qualità, anzi mi riesce a volte facile parlarne e forse anche in modo appropriato, proprio perché rappresenta tutto quello che non ho e non sono!

P.P.S. prego altresì i maestri vari, una volta preso atto della mia profonda ignoranza, dall’astenersi dal volermi convertire, istruire, emendare, migliorare, ricollocare, riqualificare, insegnare, illuminare, aiutare, e quant’altro. Tra i miei difetti c’è anche quello di essere fedele al mio maestro. Grazie…

VanLag is offline  
Vecchio 13-06-2007, 09.02.06   #40
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
Riferimento: Wu wei (la non azione)

Mi accodo a te Van, oddio tu certamente sei molto più addentro alla filosofia orientale di quanto possa esserne io, ma diciamo che spesso mi trovo a parlare di cose, tipo il wu wei, che in fondo non è che abbia compreso proprio proprio bene.
Diciamo che il non essere condizionati dall’esito delle nostre azioni è quello che potrebbe essere in comune con il fatalismo, che non per forza deve essere inteso in senso negativo, ma solo appunto l’agire senza curarsi di quello che accadrà perché tanto non ci è dato di poterlo sapere in nessun modo.
Wu wei invece oltre al disinteresse presuppone una presenza a se stessi senza distrazioni.
Ad ogni modo quel genere di “presenza a se stessi” bisognerebbe averla sperimentata per poterne parlare con cognizione di causa, e quindi alla fine si parla sempre per idee che noi ci siamo fatti su questa.

Una richiesta particolare, quando si parla di propri vissuti personali si eviti di usare il “tu”, piuttosto si usi il pronome personale che attribuisce questi vissuti a se stessi oppure l’impersonale. Così si evitano i fraintendimenti che lascerebbero intendere cose che non sono.
La gente non scrive su un forum per farsi addossare sia pure per equivoco le autoanalisi psicologiche altrui
La_viandante is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it