Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 04-10-2007, 23.07.26   #21
Arny
Ospite
 
Data registrazione: 04-10-2007
Messaggi: 4
Thumbs up Riferimento: Ricetta per la fede?

Geremia 29:11-14 "Poiché io conosco i pensieri che ho per voi», dice l'Eterno, «pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. Mi invocherete e verrete a pregarmi, e io vi esaudirò. Mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore. Io mi farò trovare da voi», dice l'Eterno."
Cercalo e lo troverai ..... come è stato per me. Buona ricerca.....
Arny is offline  
Vecchio 04-10-2007, 23.13.43   #22
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa
Il mio intervento donella voleva proprio dire che " non c'è volontà di Dio"
nelle scelte che l'uomo opera,che siamo sempre e solo noi a muovere
cause che producono effetti, nel micro e nel macrocosmo.....che continuiamo
a scegliere lo stato di dualità invece che di unità.....e da ciò viene tutto
ciò che ci sembra "il male....." MA A TE COME A ME è SICURAMENTE CAPITATO di avere delle esperienze che hai giudicato negativamente
nel momento in cui le hai vissute e che oggi in retrospettiva devi ringraziare
perchè ti hanno fatto crescere..Così tutto il male del mondo, quello che ci appare inconcepibile, insopportabile, assurdo per un essere "consapevole",
un giorno ci sembrerà il lato esperienziale che è stato necessario per fare
crescere, evolvere e spingere la Coscienza e la Responsabilità dell'uomo
a diventare Divino o Supercosciente......

Ciao Malu.
Cerco di seguirti nel ragionamento (che peraltro "sento" pulito e autenticamente sentito, e di cui - sinceramente - invidio la positivissima fiduciosità). Però, altrettanto schiettamente, mi perdo subìto.

Nel senso:
A) al ragazzino menomato dalla mina-antiuomo, a quello che muore di fame e sete, a quello che resta da solo in mezzo a un deserto senza nessuno, ma anche a quello italiano di tranquilla famiglia...i cui genitori non tornano più perchè la loro auto s'è fermata contro un albero... ti sentiresti di dirgli che è questione "di scelte"? Infatti, di solito, nella fede, gli si dice che è "volontà di dio". Ma, anche messa così,....consola e ristora?
B) (più importante di A) che nella MIA vita io possa riguardare le MIE esperienze negative e di sofferenza e rendermi conto che mi sono state Maestre, tutto ok. Ma che con la stessa disinvoltura sia concettualmente accettabile che per la crescita MIA o della MIA fede o della MIA filosofia di vita.... ci siano negatività e disastri e tragedie e drammi che colgono ALTRI... e che io o la mia fede potranno annotare, commentare e miniare all'occorrenza.....scusa, ma non mi torna per niente!
Anzi, in un tonfo di plebea concretezza... mi viene soltanto in mente quella scena di "Amici miei" in cui la giunonica quanto bigotta Giordano (spero di prenderci con i nomi, ma tanto sono flash che tutti ricordano) viene mandata all'altro paese per l'improntitudine catto-balsana.... di vedere nell'alluvione di Firenze il disegno divino .... a tutela dalla propria castità ormai sull'orlo del precipizio.

Sinceramente: io credo davvero che per credere questo sia indispensabile UNA premessa (che non vivo nè condivido): non sentire, non vivere l'altro COME uguale a sè.

Se "senti" davvero che l'altro, chiunque esso sia, ha nervi e sinapsi e bisogni (morali e materiali) COME I TUOI.... non può sembrarti "nell'ordine delle cose" nè "tassello di un disegno superiore" il FATTO che l'altro CREPI perchè... cresca IO o , persino peggio, IL MIO bel CONCETTO aureolato....
donella is offline  
Vecchio 07-10-2007, 19.55.10   #23
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Salve a tutti. Quando sono entrato per la prima volta in questo forum ho pensato che forse leggere le opinioni di tanti credenti e non, mi avrebbe aiutato a capire qualcosa di più sulla fede. E così è stato, e vi ringrazio. Però, inutile negarlo, io di fede non ne ho, credo che il cristianesimo sia un abbaglio colossale costruito ad arte e su misura per farne una religione. E più leggo, studio, cerco,più mi convinco che è così. Sento parecchia gente dire che ha improvvisamente scoperto la fede e si sente meglio, appagata. Io so che si tratta di suggestione. Ma...esiste un modo o un percorso per suggestionarsi?

Io diffido delle religioni istituzionalizzate anche se offrono un senso di comunità. Secondo me la fede è una conquista personale ed ognuno ha la sua. Nella mia esperienza la capacità di credere si libera insieme alla capacità di amare.

Penso che il bimbo piccolo creda, quanto meno crede nei suoi genitori e li ama incondizionatamente. Poi, inevitàbilmente, viene ferito nell'amore e quindi anche la sua fiducia si attenua. CREDO che lo scopo della vità sia di ritrovare quella nostra primitiva spiritualità e fiducia.
Monica 3 is offline  
Vecchio 07-10-2007, 20.10.49   #24
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Salve a tutti. Quando sono entrato per la prima volta in questo forum ho pensato che forse leggere le opinioni di tanti credenti e non, mi avrebbe aiutato a capire qualcosa di più sulla fede. E così è stato, e vi ringrazio. Però, inutile negarlo, io di fede non ne ho, credo che il cristianesimo sia un abbaglio colossale costruito ad arte e su misura per farne una religione. E più leggo, studio, cerco,più mi convinco che è così. Sento parecchia gente dire che ha improvvisamente scoperto la fede e si sente meglio, appagata. Io so che si tratta di suggestione. Ma...esiste un modo o un percorso per suggestionarsi?

scusatemi ma non ho letto tutte le risposte,

rispondo direttamente.

Secondo me la fede vuol dire semplicemente fidarsi, aver fiducia come se ne ha in un amico, in un compagno del cuore.

Ma fidarsi non equivale a tapparsi le orecchie e coprirsi gli occhi.

Il cammino spirituale non si fa in una chiesa anche se ci si può entrare per raccogliersi e meditare, il vero cammino si fa sul campo: vivendo, cercando, riflettendo.

Dio è dentro ciascuno di noi, sta anche fuori ma è più difficile vederlo fuori se non riusciamo a riconoscerlo dentro.
Come cercare la chiave, persa in casa, nel buio di una stanza, sotto un lampione illuminato.

Le religioni teoricamente dovrebbero aiutarci a trovare Dio ma ho la vaga sensazione che fanno di tutto per allontanarcene. Perchè sono gli uomini a guidarle e gli uomini sono fallibili. Anche se il Papa si è dichiarato infallibile.

Le religioni servono, possono servire ma vanno sempre utilizzate con cura. Niente fede cieca, niente obbedienza assoluta. A Dio dobbiamo rendere conto in prima persona. Non possiamo andare da Lui e dirgli: guarda che non è colpa mia ma colpa di Tizio e Caio.
Dio risponderà: e dei talenti che ti ho dato che cosa ne hai fatto? hai sotterrato il mezzo che ti avevo dato per fare il tuo cammino e sbagliare e rischiare in prima persona non con intermediari.

Dubita sempre delle certezze altrui. Chi ha certezze assolute non ha alcuna certezza.
Mary is offline  
Vecchio 07-10-2007, 20.30.31   #25
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Salve a tutti. Quando sono entrato per la prima volta in questo forum ho pensato che forse leggere le opinioni di tanti credenti e non, mi avrebbe aiutato a capire qualcosa di più sulla fede. E così è stato, e vi ringrazio. Però, inutile negarlo, io di fede non ne ho, credo che il cristianesimo sia un abbaglio colossale costruito ad arte e su misura per farne una religione. E più leggo, studio, cerco,più mi convinco che è così. Sento parecchia gente dire che ha improvvisamente scoperto la fede e si sente meglio, appagata. Io so che si tratta di suggestione. Ma...esiste un modo o un percorso per suggestionarsi?

Io diffido delle religioni istituzionalizzate anche se offrono un senso di comunità. Secondo me la fede è una conquista personale ed ognuno ha la sua. Nella mia esperienza la capacità di credere si libera insieme alla capacità di amare.

Penso che il bimbo piccolo creda, quanto meno crede nei suoi genitori e li ama incondizionatamente. Poi, inevitàbilmente, viene ferito nell'amore e quindi anche la sua fiducia si attenua. CREDO che lo scopo della vità sia di ritrovare quella nostra primitiva spiritualità e fiducia.
Monica 3 is offline  
Vecchio 09-10-2007, 02.13.37   #26
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Ricetta per la fede?

Io credo che la religione ha la sua genesi nel momento in cui l'uomo si pone delle domande che non fanno riferimento alla realtà terrena e prende coscienza della inevitabile realtà spirituale. Il più grande impulso alla religione è stato dato, poi, dal Cristo quale Figlio di Dio che ci ha rivelato il seme della religione stessa. Tuttavia non mi soffermerei tanto sui termini utilizzati dagli uomini, quanto sulla vera essenza della relazione tra Dio e l'uomo, e cioè l'Amore e la Fede: l'una non esclude l'altra poiché senza l'una, non ci sarebbe l'altra. Solo se amo Dio, avrò fede in Lui, e solo se ho fede in Lui posso amarlo.
Detto questo, riguardo a "berenger11", faccio riferimento ad una sua citazione:

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
(...). Plasmati su misura [I Vangeli] nel corso dei secoli per stravolgere il loro contenuto e fare di Yoshua ben Josef una divinità. Se ti basi su quelli hai in mano ben poco.

Non sono assolutamente daccordo, ma per un attimo (molto breve), ti posso concedere di non considerarli.
E allora ora che si fà? Beh, ci si guarda attorno, oppure allo specchio, od anche si osserva il nostro prossimo, la natura intorno a noi.
E aspettiamo.
Aspettiamo cosa?
Aspettiamo che qualcosa, dentro di noi, si faccia una domanda:

"È tutto qui?".

Poi si aspetta ancora.
Che cosa?
La seconda domanda:

"C'è dell'altro, oltre i miei cinque sensi, che io non riesco a percepire?".

In effetti già con la prima domanda si è indotti ad operare un profondo studio-meditazione del mondo che ci ospita, noi compresi. Allora se riusciamo a coltivare ed indirizzare la nostra sensibilità verso il significato puro della risposta, solo allora cominceremo un viaggio che non avrà fine e che ci porterà, in modo ineluttabile, a rispondere alla seconda domanda ed, in ultima analisi, alla coscienza di Dio.

Poiché Dio deve essere cercato!
L'uomo, per arrivare a Lui, deve sentire la necessità di cercarlo, con tutte le sue forze: "Cercate prima di tutto il Regno dei Cieli e tutto il resto vi sarà dato".

Dio è in mezzo a noi ma si manifesta a noi solo se lo vogliamo!
Rising Star is offline  
Vecchio 09-10-2007, 09.01.40   #27
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
Io credo che la religione ha la sua genesi nel momento in cui l'uomo si pone delle domande che non fanno riferimento alla realtà terrena e prende coscienza della inevitabile realtà spirituale.

Ne sei certo?
A me sembra che la storia umana indichi l'esatto contrario, e cioè che la religione nasca nel momento esatto in cui l'uomo - che alla realtà terrena è così avvinto da desiderare soltanto di possederla (conoscenza) senza doverla mai abbandonare (morte) - bypassa la propria limitatezza (ineludibile quanto dolorosa) orgogliosamente (persino orgogliosamente!!!!) preferendo immaginare un inconoscibile piuttosto che intelligentemente attenersi ad un (per ora) inconosciuto.

Semplificando: il primitivo non conosce il fulmine (come fenomeno fisico) e lo teme.
Gli basta questo per vederci un dio.
Poi c'è sempre qualcuno più furbo o esaltato che si arroga la capacità di farsi interprete di quel dio, e che conferma: sì il fulmine è la voce di tale dio, e ti dico io (che c'ho parlato) cosa vuole da te per non coglierti.

Questa è storia, non opinione.
Quella del primitivo, ormai, la vediamo nitida.
Siamo proprio certi di poter vedere con altrettanta chiarezza la nostra? Io non mi illuderei affatto...
donella is offline  
Vecchio 09-10-2007, 10.44.07   #28
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Ricetta per la fede

Io la fede la cucino così

Innanzitutto è necessario l’ingrediente principale cioè la vita. Questa dev’essere dapprima cucinata a fuoco lento, da viva, in maniera tale che la sofferenza prodotta dal fuoco degli eventi che ci travolgono, lascino ferite così profonde da farci passare un perchè.
I perché vanno scelti accuratamente e freschi di giornata al mercato delle “non risposte” e vanno inseriti tra quelle profonde ferite nel tentativo di far cicatrizzare un dolore che non trova senso.
Per alcuni il piatto viene servito così, per altri invece deve essere condito con una serie di droghe religiose onde evitare di lasciarlo insipido e poco appetibile a palato umano. La speranza, che si trova già all’interno della confezione della vita, è il condimento per eccellenza ed allungata con un minimo di “ragione” aiuta nella scelta di un ulteriore importantissimo ingrediente…dio. Le botteghe ne sono piene…solitamente più quelle ferite son profonde e più si sarebbe portati ad acquistare velocemente il primo prodotto che capita tra la mente. Altri dal raffinato palato cercano invece insistentemente l’essenziale ingrediente arrivando a rivolgersi pure ai mercati orientali ove il gusto di dio viene lasciato un po’ alle preferenze soggettive.
Trovata la preziosissima spezia si condisce abbondantemente tutta la vita inserendo l’ingrediente in ogni perché…affinché il piatto risulti gradevole è necessario eliminare qualsiasi contatto con quella realtà che brucia e gronda a volte un amaro sugo di sangue. Accompagnare sempre il piatto con fiducia e credenza

…che tanto poi alla fine mangiamo tutti la stessa cosa.

maxim is offline  
Vecchio 09-10-2007, 11.24.23   #29
Rising Star
Ospite abituale
 
L'avatar di Rising Star
 
Data registrazione: 29-06-2007
Messaggi: 213
Riferimento: Ricetta per la fede?

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Ne sei certo?
A me sembra che la storia umana indichi l'esatto contrario, e cioè che la religione nasca nel momento esatto in cui l'uomo - che alla realtà terrena è così avvinto da desiderare soltanto di possederla (conoscenza) senza doverla mai abbandonare (morte) - bypassa la propria limitatezza (ineludibile quanto dolorosa) orgogliosamente (persino orgogliosamente!!!!) preferendo immaginare un inconoscibile piuttosto che intelligentemente attenersi ad un (per ora) inconosciuto.

Hai perfettamente descritto la religione secondo l'uomo. Ma è quella vera secondo te? Cosa ne pensi di quella che scaturisce dalla semplice osservazione e meditazione del mondo e delle cose che ivi avvengono (e che non hanno spiegazione terrena)?
Ritornando a quello che scrivi, lo stesso Gesù dice: "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo!". E allora come ci comportiamo? Crediamo a ciò che dice l'uomo oppure utilizziamo la nostra intelligenza e la nostra sensibilità per verificare sul campo ciò che dice Gesù? Sia ben inteso che l'ìnsegnamento dato da Gesù non proviene dall'uomo (ma solo riferito da questo): lo si evince dal contenuto stesso dei vangeli (in particolare da quello di Giovanni), che non hanno una impronta umana, ma divina, poiché ancora oggi, e questo l'ho scritto in altri post, sono ancora incomprensibili per la maggior parte degli uomini, ma chiari per chi crede ed ha fede in Cristo. Potrebbe un uomo dire di non seguire l'uomo? Potrebbe mai un uomo rinnegare se stesso? Può reggere un regno diviso in sè?
La religione a cui faccio riferimento è quella naturale che scaturisce in ogni uomo, senza condizionamenti umani, ma solo sulla base dell'insegnamento di Cristo e sulla ossevazione e meditazione, profonda, di noi e del creato.
La tua salvezza la fai dipendere dagli uomini? Oppure ti affidi al tuo istinto, alla tua intelligenza ed alla tua sensibilità?
Te lo ripeto: "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo!"
Rising Star is offline  
Vecchio 09-10-2007, 14.34.33   #30
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Ricetta per la fede?

E' vero che il dialogo tra chi ha fede e chi non ne ha presenta sempre asperità insuperabili, ma - a volte - mi sembra che si riesca persino ad enfatizzarle. E questo avviene ogni volta che si pretende di affrontare la fede con la logica.
Santa Romana Chiesa (che io non amo affatto), ma che in eristica non è seconda a nessuno... ti dice "la fede è fede: non solo non abbisogna di dimostrazioni, ma addirittura rifugge da esse". ...Mettici una pezza! Chi si avventura con la logica...dinanzi a questo assioma... esce sconfitto in partenza ...e pure con un po' di invidia... se non è particolarmente fedele alla propria capacità di giudizio!

Tu, invece, democraticamente accedi al terreno della logica... ma (almeno a me) confermi il caos:

Citazione:
Originalmente inviato da Rising Star
La religione a cui faccio riferimento è quella naturale che scaturisce in ogni uomo, senza condizionamenti umani, ma solo sulla base dell'insegnamento di Cristo e sulla ossevazione e meditazione, profonda, di noi e del creato.

Come fai a definire "naturale e senza condizionamenti umani" quella che si basa sullinsegnamento di Cristo????????

Sorvolando su duemila anni abbondanti di catechizzazioni, crociate e inquisizioni..... l'insegnamento di Cristo parla "naturalmente" ad un certo numero di uomini che vivono in alcune zone del mondo (a quelli che vivono in altre , ma anche a parte di coloro che vivono nelle medesime zone, parlano con altrettanta "naturalezza" divinità assai diverse, o anche nessuna divinità). Inoltre, per milioni di anni prima degli ultimi duemila, miliardi di uomini, anche in quelle che poi diverranno zone cristiane.. non hanno neanche potuto immaginare tanta "naturalezza"... però, di primo impatto, quando l'hanno incontrata, gli è sembrata così "naturale" che hanno messo in croce chi la predicava....
donella is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it