Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 31-10-2007, 08.54.09   #61
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Red face Riferimento: La religione interrogata dalla psicologia

Citazione:
Originalmente inviato da Golem:
Quello che ho riportato è il frutto della mia esperienza, in base alla quale ho fin troppe volte visto applicare a ogni tipo di problematica umana il solo rimedio di formule mistiche o religiose non sempre adatte all'occorrenza, (anche se innegabilmente cariche di tanta saggezza) ma questo non è generalizzabile a tutti i casi

Carissimo Golem,
diversamente da te, io non ho mai vissuto questa esperienza, per questo forse ho un pò esagerato nei tuoi confronti nel mio post precedente ... la mia mente non era pronta per accogliere un'alternativa del genere ( ero sconvolta dall'idea stessa! )... per cui scusami se ho travisato le tue intenzioni ... (la prossima volta metterò gli occhiali!)

Devo dire che il discorso che fai mi trova concorde, soprattutto perché constato direttamente quanto una persona nel momento della sofferenza abbia bisogno di "sensibilità" e non di "formule"...

Ti abbraccio
veraluce is offline  
Vecchio 31-10-2007, 12.23.19   #62
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: La religione interrogata dalla psicologia

Salve e buon giorno!
ieri sera tornato dal lavoro ho letto il post di max e ed ati, ero perplesso ma non ho individuato il perchè...c'era qualcosa che non mi quadrava;poi:Mi chiedi (correggimi se sbaglio): Come faccio a sapere che l’accettazione della realtà, foss’anche la presa di coscienza di una triste realtà, è per qualcuno la risposta adeguata?
…io ti rispondo…essa è adeguata semplicemente quando produce effetti positivi sullo stato psico-fisico del ricercatore
questa è un'afferamazione molto importante (io ti rispondo....) implicitamente max mi dice che è la "mente" che si adegua alle circostanze ed è quindi essa stessa che crea la realtà che è quindi relativa, creata dal pensiero; c'è però una realtà assoluta quella che non è frutto del pensiero ma percezione dell'attimo (max quando al tramonto o all'alba mentre sei in attesa del passo della preda il mondo si ferma , si cristallizza smetti di essere max e divieni il "cacciatore"). Questo è il "fine" della "mia" ricerca non perchè la realtà relativa non mi soddisfi... c'è qualcosa in più; Ati portando l'esempio del vegetariano e del astemio credo volesse indicare la stessa cosa...realtà differenti che però collimano in "qualcosa" che accomuna. claudio
fallible is offline  
Vecchio 03-11-2007, 16.48.51   #63
rigolen
.
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 31
Riferimento: La religione interrogata dalla psicologia

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Di fronte ad Oshani, krishnamurtiani, Ramaniani e molte altre “idee” assunte da occidentali che avevano cercato nelle religioni orientali le risposte che non avevano trovate nella loro, U.G., guardandoci con la sua aria disincantata, non esitava a dire: - you are all still catholic – (Siete ancora tutti cattolici).
E per quanto mi riguarda, per quanto viva questa condizione come un “minus” e mi sforzi di camuffarmi da “bonzo”, devo dire che aveva ragione.
Di base credo che il back-ground acquisito nei primi anni di vita sia – per sempre – a meno che qualche “calamità” non ci liberi non solo dal nostro piccolo passato personale, ma dall'intero passato del genere umano scritto con lettere indelebili nel nostro DNA.


ha ragione UG !
E' inutile che uno si ribelli al cattolicesimo,non fa altro che andare contro se stesso.Ma se COMPRENDE la falsità del Cattolicesimo,allora se ne libera per sempre.E per capire quella falsità non c'è di meglio che documentarsi sull'Ebraismo antico e moderno.Perchè il cattolicesimo romano non è altro che una degenerazione sia dell'Ebraismo che del Paganesimo Romano.

Conversando con gli Ebrei Italiani puoi fartene un'idea:

http://www.italya.net

è il miglior link Ebraico Italiano.

Rigolen.
rigolen is offline  
Vecchio 03-11-2007, 22.07.22   #64
rigolen
.
 
Data registrazione: 31-10-2007
Messaggi: 31
Cool Come la psicologia del Buddha distrugge la religione.


Quando il Buddha parlava di psicologia,ti diceva cose che tu stesso puoi facilmente vedere dentro di te.La prima cosa che puoi vedere è l'inesistenza di quella cosa chiamata Io: io sono questo,io sono quello,io sono santo,sono peccatore ecc.Ma chi sarebbe costui?
Dentro la mente ci sono i pensieri e ,per brevi attimi quei pensieri possono sospendersi e quando non ci sono pensieri,non c'è nessun Io.
Come si forma l'Io? Come si forma l'illusione che esite un Io che controlla i pensieri?
Vi sono centinaia di pensieri e quei pensieri creano un pensiero che chiamano Io,ma anche quell'Io è un pensiero come gli altri e,se tu non pensi,non c'è nessun Io.
Facciamo l'esempio della preghiera:come fa l'io a pregare ovvero come fanno quei mille pensieri a pregare?
Procedono così:si dividono in due schieramenti A e B.
Poi chiamano" Io" lo schieramento A e "Dio" lo schieramento B.
Poi i pensieri A pregano i pensieri B.
Difficile vero? Eh sì perchè la cosa ti distrugge tutto ciò che pensi di te stesso.
E questo è il fondamento del vero Buddhismo,quello dei discorsi di Buddha e non quello della devozione alla statua di Buddha.

Buddha Rigolen.
rigolen is offline  
Vecchio 06-11-2007, 10.24.47   #65
maxim
Ospite abituale
 
L'avatar di maxim
 
Data registrazione: 01-12-2005
Messaggi: 1,638
Riferimento: La religione interrogata dalla psicologia

Credevate forse mi fossi dimenticato di voi? No di certo!...e vorrei ora portare un minimo di chiarezza nel mio pensiero in virtù di quanto è emerso in questa interessante discussione psico-religiosa.

Fin dall’inizio, infiltrandomi e lasciandomi trasportare dalla corrente esistenzialista, ho posto alcune domande per le quali gli amici spirituali hanno risposto attraverso loro esperienze, illustrandomi percorsi e concordando con me sul fatto che l’obiettivo della ricerca scaturisce proprio da quella domanda che tanto ha affascinato i grandi filosofi esistenzialisti.
Da un punto di vista “patologico” abbiamo scoperto che la domanda principe che affligge l’uomo è causa di sofferenza e a questa è possibile dare un po’ di tregua, e quindi di sollievo all’anima, attraverso ciò che viene comunemente chiamato “il cammino spirituale dell’uomo”.
Si concordava inoltre che raggiungere il succo di quel percorso, che per il ricercatore coincide con l’incontro divino, per l’analizzatore con la scomparsa dei sintomi causati dalla sofferenza, dipendeva dalla personalissima storia di ognuno di noi. I fattori che spingono una persona ad “incamminarsi” e a trovare la giusta risposta alle sue domande, è legata al passato psichico del paziente, alla sua capacità di relazionarsi con il mondo circostante, ai fattori socio-cultarali e dall’intensità con la quale quella domanda esistenziale fa sentire il suo coinvolgimento nella vita. Il percorso spirituale è accompagnato da sofferenza e questa è in grado di lenire scegliendo il “giusto” cammino che porti il più velocemente possibile al succo. Sbagliare percorso non significa fallire ma certamente sottopone il sofferente vita natural durante ad una fede non certo priva di dubbi.
Veniamo a noi…secondo me è possibile “costruire” una figura professionale che sia in grado di riconoscere dapprima e aiutare successivamente il paziente, a lenire quella sofferenza attraverso una serie di strategie psicoterapeutico-spirituali. Il binomio tra scienza e spirito potrebbe risultare la chiave di “guarigione” di alcuni tipi di malesseri. Innanzitutto dovremmo essere in grado di definire gli aspetti psicopatologici di una depressione esistenziale con precisione epistemologica. Tralascio i sintomi di individuazione della stessa ma non credo risulti particolarmente difficile per un serio professionista comprendere, dopo attenta analisi, quando è di fronte ad una patologia che richiede una determinata risposta.
La domanda che vi rivolgo a questo punto è fondamentale:
Secondo voi non è possibile che lo stesso professionista che è riuscito a ricostruire la storia psichica del paziente ed i suoi motivi di malessere, sia in grado di aiutare lo stesso incanalandolo verso un percorso spirituale adatto in base alle sue esigenze?
Io credo proprio di si se questo professionista presentasse anche altre determinate caratteristiche che elenco qui sotto:
Un teologo “spassionato”, semi-ateo ma tuttavia con una visione panteistica di dio , non legato particolarmente ad alcun credo ma profondo conoscitore delle reazioni psichiche nei relativi adepti ed i tempi di risposta al succo, sarebbe certamente in grado di abbinare alla mente del paziente il giusto e più veloce percorso. La visione generale offerta dalle varie religioni, illustrata attraverso una prima lettura dei testi “sacri” fondamentali da sottoporre al paziente, dovrebbe offrire al terapeuta una idea sul tipo di percorso più adatto e veloce al raggiungimento dello scopo.

Vorrei sapere che ne pensate di questa nuova figura professionale che potremmo chiamare “consulente psico-teologico”.

maxim is offline  
Vecchio 10-11-2007, 16.51.29   #66
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: La religione interrogata dalla psicologia

Citazione:
Originalmente inviato da Maxim:
La domanda che vi rivolgo a questo punto è fondamentale:
Secondo voi non è possibile che lo stesso professionista che è riuscito a ricostruire la storia psichica del paziente ed i suoi motivi di malessere, sia in grado di aiutare lo stesso incanalandolo verso un percorso spirituale adatto in base alle sue esigenze?
Io credo proprio di si se questo professionista presentasse anche altre determinate caratteristiche che elenco qui sotto:
Un teologo “spassionato”, semi-ateo ma tuttavia con una visione panteistica di dio , non legato particolarmente ad alcun credo ma profondo conoscitore delle reazioni psichiche nei relativi adepti ed i tempi di risposta al succo, sarebbe certamente in grado di abbinare alla mente del paziente il giusto e più veloce percorso. La visione generale offerta dalle varie religioni, illustrata attraverso una prima lettura dei testi “sacri” fondamentali da sottoporre al paziente, dovrebbe offrire al terapeuta una idea sul tipo di percorso più adatto e veloce al raggiungimento dello scopo.

Vorrei sapere che ne pensate di questa nuova figura professionale che potremmo chiamare “consulente psico-teologico"

Secondo me è un'alternativa da non escludere, in quanto qualsiasi strada che possa essere di aiuto ad un essere umano vale la pena di essere tentata.
Io lo chiamerei "consulente psico-spirituale"... giusto per non "spaventare" gli atei!

veraluce is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it