Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 08-11-2007, 18.42.31   #1
Mattia87
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 04-11-2007
Messaggi: 2
Lightbulb Preghiere di massa .

Ciao ragazzi volevo sapere che ne pensate delle preghiere di massa .
Io penso che sia un modo nn sfruttato dall'uomo per alleviare i momenti tragici dell'umanità,nn di cambiare , nn di eliminare del tutto quello che avverra , ma di renderlo un po meno tragico .
Penso che nn utilizzare la preghiera sia l'elemento che continua a farci vivere nella violenza , noi stiamo vivendo in un mondo che volgiamo cosi perche nn facciamo niente per cambiarlo .
ps:cmq ciao a tutti i chattatori di questo forum sono nuovo qui....
Mattia87 is offline  
Vecchio 08-11-2007, 21.15.43   #2
berenger11
Ospite abituale
 
L'avatar di berenger11
 
Data registrazione: 10-08-2007
Messaggi: 222
Riferimento: Preghiere di massa .

Personalmente penso pregare sia una clamorosa perdita di tempo, in massa poi ancora di più. Tra cento persone che si mettono a recitare il rosario, e cento che prendono un po' di vestiti che non usano più, un po' di cibo, un po' di medicine e vanno in giro a consegnarli a chi ne ha bisogno, chi fra i due gruppi cambia le cose?
Ma pensi sul serio che lassù ci sia qualcuno che ama sentirsi ripetere la stessa filastrocca tutti i giorni?
Aiutare gli altri, questa e la vera preghiera.
berenger11 is offline  
Vecchio 09-11-2007, 08.30.23   #3
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Preghiere di massa .

Preghiera, nel lessico cristiano, ha un significato molto esteso...anche il lavoro può essere preghiera.

C'è una scala che articola la preghiera partendo dalla preghiera orale alla orazione continua, meta finale dell'evoluzione personale, fondata, per i cristiani sulle parole di Gesù.

Il valore della preghiera comunitaria è testimoniata da quasi tutti i libri sacri.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 09-11-2007, 11.24.15   #4
Martino Giusti
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-10-2007
Messaggi: 98
Riferimento: Preghiere di massa .

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Ma pensi sul serio che lassù ci sia qualcuno che ama sentirsi ripetere la stessa filastrocca tutti i giorni?
Aiutare gli altri, questa e la vera preghiera.

La penso come berenger aggiungo che la perdita di tempo sarebbe anche da parte dell'eventuale ascoltatore. Ma questa è la visione, o una visione, che si dà di Dio. Un dio che più che Padre sembrerebbe un contabile che segna ed assegna eventualmente i miracoli a seconda del numero dei "fedeli" che pregano.
Aiutare gli altri perchè non siano più "gli altri" nel nome dell'uomo e non di un dio che li ha abbandonati.

Care cose
Martino Giusti is offline  
Vecchio 09-11-2007, 17.59.08   #5
Mattia87
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 04-11-2007
Messaggi: 2
Riferimento: Preghiere di massa .

bhe io piu di parlare di un Dio ke ci ha abbandonati parlerei di noi...siamo noi che nn volgiamo Dio , siamo noi che nn accettiamo le sue regole e da "bravi" uomini pensiamo solo a noi stessi , e questo capita sempre di piu nell'età contemporanea , pensaimo sempre piu a noi stessi e nn al prossimo , noi scegliamo sempre altro , nn Dio.
Poi le buone azioni,volontariato ecc,nn metto in dubbio che siano cose da fare , ma in una visione globale , la preghiera di massa ed e gia successo,riscuote il suo effetto....va bhe pero noi da testardi , facciamo sempre tutto da soli............
Mattia87 is offline  
Vecchio 10-11-2007, 10.21.39   #6
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Preghiere di massa .

Benvenuto, su questo forum.

La mia opinione riguardo alla preghiera è questa: serve a noi non ha Dio.

Io faccio yoga, quelle poche volte che l'ho fatto a casa non aveva niente a che vedere con il farlo in gruppo.

Quando siamo insieme scorre fra di noi una energia incredibile. Come se in una stanza invece di una candela ce ne fossero dieci.

La preghiera di gruppo ha un senso solo nella misura in cui il gruppo sente e partecipa a quello che sta facendo.
Se, come quando andavo alla messa, il "fedele" mentre recita le formule sta guardando il tizio senza capelli, la tizia con la pelliccia, sta pensando a cosa cucinerà domani, alla bolletta non pagata ecc.ecc. quella non è preghiera.

Ma quando più persone si riuniscono con un profondo intento comune ecco che tutto cambia. Ho sentito dire che i miracoli che accadono in luoghi particolari possono essere dovuti anche al fatto che le energie di molti si uniscano e si riversino su di un individuo.

Questo non vuol dire che io non creda in Dio. Ci credo fermamente perchè penso sia la Sua energia che noi usiamo.

Come se Dio fosse l'oceano e noi attingessimo con i nostri secchi, bicchieri, taniche, botti alle Sue acque.
Mary is offline  
Vecchio 17-11-2007, 20.57.33   #7
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: Preghiere di massa .

Mi associo d'impeto a Berenger e Martino Giusti, ma sento che Mary dice qualcosa di vero e riscontrabile, solo che - dovessi dirla con parole mie, la parte che condivido - direi semplicemente che in ogni "luogo" in cui si realizza CONDIVISIONE , perciò stesso si realizza potenziamento del sentire individuale: quando più persone condividono (qualunque cosa) il quid condiviso non sembra essere la somma, bensì l'elevazione a potenza del sentire individuale. Vorrei evitare l'effetto gavettone... però , Mary, vale per lo yoga, vale per la preghiera, e vale anche per il branco di bulli o per quello di teppisti! E dunque: la meraviglia positiva ... è la "condivisione del fine" o "il fine" ? Ovviamente, SE è positivo e meglio ancora fattivo?

Forse il fine.

Il "vantaggio" della preghiera... è che basta trovarsi nello stesso posto bisbigliando... e la condivisione del fine (almeno quella) sembra misurabile.
Nella proposta di Berenger, invece, o DAI qualcosa a qualcuno, oppure NON lo dai: quelli che danno condividono il fine di dare, quelli che non danno no.
Che razza di precisazione sarebbe?
Quella che mi viene dal cuore quando penso (ancora sentendomi tonta) all'ultima preghiera "corale" se non "di massa" cui ho preso personalmente parte, e che mi permetto di raccontarvi... solo per sorridere riflettendo sulla "condivisione".

Qualcuno suona alla porta, anni fa.
Corre mio figlio decenne... e dopo qualche minuto mi trovo il Parroco in pieno soggiorno al primo piano, con sorriso dispensatore di pace e benevolenza speciale verso il bimbo.
...Atea sì, ma villana no.... confesso: mi sono beccata la benedizione pasquale quasi come avrebbe fatto ogni pia donna.
La "coralità" si forma e risulta così composta:
- mio figlio che segue con serietà ed interesse la cerimonia... ma con una certa apprensione per me... perchè sa che non sono molto adatta; infatti gli viene da ridere quando mi vede a capo chino , silente, molto compresa finto-pregante;
- io, come da descrizione appena svolta;
- il Parroco, ovviamente, divenuto serissimo nella celebrazione del suo (lungo) rituale;
Siccome il rituale è appunto piuttosto lungo, in due pause in cui penso ch'abbia terminato alzo la testa e lo guardo; e siccome è un Parroco di cui si narrano "moglie" e figlio.... parola d'onore: guardandolo mi rendo conto di quanto sia serissimamente assorto, nel recitare quelle preghiere, rivolto verso la finestra e con lo sguardo disinteressato a tutto. Lo sguardo volto serissimamente verso l'alto. Comincio a dubitare della vox populi e considero la possibilità che questo sacerdote sia molto più profondo e convinto di quanto il popolo sappia riconoscere.

La preghiera finisce, e in UN attimo, come finita la recita e tolta la maschera, rispunta il sorriso e ...."Signora sono bellissimi quei bastoni per le tende, posso chiederle dove li ha presi?" (i bastoni, montati, erano effettivamente in alto, sopra la finestra....)

Questo è realmente accaduto - nel suo piccolo - e non l'ho enfatizzato in nulla!
donella is offline  
Vecchio 18-11-2007, 08.45.23   #8
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Preghiere di massa .

Citazione:
Originalmente inviato da donella
... quando più persone condividono (qualunque cosa) il quid condiviso non sembra essere la somma, bensì l'elevazione a potenza del sentire individuale. Vorrei evitare l'effetto gavettone... però , Mary, vale per lo yoga, vale per la preghiera, e vale anche per il branco di bulli o per quello di teppisti! E dunque: la meraviglia positiva ... è la "condivisione del fine" o "il fine" ? Ovviamente, SE è positivo e meglio ancora fattivo?
.....

Quel che dici è giustissimo, il guaio è che restiamo sempre i depositari di quei famosi "talenti", e siccome siamo tutti convinti di averne ricevuto uno solo, e che non vale la pena correre alcun rischio per farlo fruttare, lo mettiamo disinvoltamente insieme a quello degli altri. Così ci possono essere risultati disastrosi.

Preghiera di massa può essere anche quella di più persone lontane fisicamente fra di loro che rivolgono la propria preghiera verso un medesimo riferimento.

PS mi è piaciuto tanto la tua vita vissuta, io non apro quando so che è il prete che deve venire a benedire la mia casa.
Semplicemente perchè non credo alla sua buona fede, penso che dietro quella tonaca si potrebbe nascondere un pedofilo.
Mary is offline  
Vecchio 18-11-2007, 09.52.17   #9
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Preghiere di massa .

Citazione:
Originalmente inviato da berenger11
Personalmente penso pregare sia una clamorosa perdita di tempo, in massa poi ancora di più. Tra cento persone che si mettono a recitare il rosario, e cento che prendono un po' di vestiti che non usano più, un po' di cibo, un po' di medicine e vanno in giro a consegnarli a chi ne ha bisogno, chi fra i due gruppi cambia le cose?
Ma pensi sul serio che lassù ci sia qualcuno che ama sentirsi ripetere la stessa filastrocca tutti i giorni?
Aiutare gli altri, questa e la vera preghiera.

Sì penso veramente che ciò che è dentro è anche fuori
e che non sono quì per caso, e che il mondo è come lo percepiamo
e che una Super mente ha "immaginato" e "creato" tutto ciò che vediamo
e anche ciò che non vediamo.
Penso che questi "poteri" mentali siano in parte piccolissima anche nostri
e che possiamo "usarli" per cambiare la "realtà" o ciò che sembra tale.
(ma perchè non ti procuri il Video what the Bleep do we know?)
Penso che "niente è come sembra" come dice Battiato e che
"tutto può cambiare" ( pur vivendo nell'isola del Gattopardo, non ne condivido
la filoofia pessimistica).
Sono talmente assolutamente convinta di ciò che "vedo la realizzazione di miracoli" continui solo perchè li ho prima immaginati nella mia mente
e come mi ha insegnato Gesù Cristo ho pregato con senso di profonda
gratitudine "come se avessi già ottenuto".
E' chiaro che non tutto si realizza perchè si scontra con "Shatan" e cioè,non Satana come viene descritto dalla religione ,ma come la stessa parola dice
etimologicamente e nel suo vero significato ;"l'oppositore" e cioè
il dubbio, la mancanza di fede, la derisione, l'intima profonda convinzione del contrario.
La preghiera di massa se è frutto di vera "fede" smuove le montagne, diventa
una "potenza" una forma pensiero e di energia "atomica" che potrebbe
creare un cambiamento "epocale."
Perchè però sia "potente" deve essere totalmente "fiduciosa"
e "grata" immaginando il risultato nella propria mente che evoca
l'immagine.
Finchè però non si raggiungerà una proporzione fra fede e opposizione
che cambi gli attuali "squilibri" le realizzazioni sembreranno poche.
e questo potrebbe creare "sfiducia" nel mezzo e quindi la ripresa di comportamenti "oppositivi".
(ma a che serve? tanto il mondo fa schifo, tutto va sempre come prima etc etc) e in questo i nostri mass- media sono maestri per convincerci
che non cambia mai nulla.
Invece io riesco a trovare la notizia che "mi emoziona e commuove",
l'Adidas il cui motto è IMPOSSIBLE IS NOTHING che dona le magliette a tutti
i bambini del quartiere Librino di Catania e che dona una campo di basket
al quartiere più degradato della città........
Penso che "l'androne del mio palazzo" è spoglio e privo di piante e che dovrei dirlo al Capo Condominio e senza avergli parlato durante il giorno, la sera trovo
l'androne pieno di bellissime piante. (un caso? dirai tu, può darsi...ma te ne potrei raccontare decine di questi casi "positivi").
Io non ho più un gruppo con cui "meditare" e lo sto cercando, e mi arriva
per e-mail l'invito a partecipare domenica due Dicembre ad una meditazione
"camminata" sulla pace, in una Villa pubblica della mia città.
Immagino di trovare un parcheggio in una strada dove ci sono sempre auto in doppia e tripla fila e lo creo con la mente e con la parola e lo trovo regolarmente.( regolar-mente)
Allora sulla scientificità della preghiera ti prego di non scherzare....ma di
credere.
Dice sempre il maestro dei maestri: se insistete e bussate e bussate e bussate con insistenza, quale padrone di casa non vi aprirà alla fine?
Solo quello che ha paura di chi bussa e chiama il 113 perchè
teme che possa buttr giù la porta e togliergli tutto ciò che ha.
Ma Dio non ha paura di noi, non ci teme e non vuole che noi Lo temiamo
e in realtà "possediamo già tutto" e non abbiamo alcun bisogno di derubarLo.
paperapersa is offline  
Vecchio 18-11-2007, 10.10.07   #10
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Preghiere di massa .

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Quel che dici è giustissimo, il guaio è che restiamo sempre i depositari di quei famosi "talenti", e siccome siamo tutti convinti di averne ricevuto uno solo, e che non vale la pena correre alcun rischio per farlo fruttare, lo mettiamo disinvoltamente insieme a quello degli altri. Così ci possono essere risultati disastrosi.

Preghiera di massa può essere anche quella di più persone lontane fisicamente fra di loro che rivolgono la propria preghiera verso un medesimo riferimento.

PS mi è piaciuto tanto la tua vita vissuta, io non apro quando so che è il prete che deve venire a benedire la mia casa.
Semplicemente perchè non credo alla sua buona fede, penso che dietro quella tonaca si potrebbe nascondere un pedofilo.
Quanta diffidenza!!!!!!
Ciò che crediamo creiamo!
Se credi all'energia positiva devi credere anche in questo, che siamo
noi a creare la nostra realtà! Perchè chiudere la porta e "diffidare"
perchè "mettiamo etichette" a chi ci circonda, creando le rappresentazioni
delle stesse? Perchè temiamo qualcosa in un altro che non sia già in noi?
Diffidare è non avere fede, dare spazio ai dubbi e alle paure di mostri
che sono nel nostro immaginario e nell'immaginario collettivo.
paperapersa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it