Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 25-01-2008, 18.02.42   #51
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
La compassione, ben diversamente da quanto hai voluto interpretare tu, è il trascendimento dei dettami del corpo e dell’ego, anche se certa psicologia riduzionista vorrebbe costringerla proprio entro il ristretto ambito istintuale e pulsionale… ma ritengo in me non poche riserve che ciò sia vero.

La compassione trascende la filosofia ed il ragionamento, attenendo, invece, al sentimento
..Veramente sono stato io ad affermare che la compassione trascende il corpo e l'ego..
Ci sarebbe poi da capire cosa s'intenda per sentimento,e cosa o chi lo "gestisce"..visto che si trascende corpo e ego.. e chi dovrebbe sentire quelle famose emozioni di cui parli..
Noor is offline  
Vecchio 25-01-2008, 18.12.00   #52
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: I Miracoli... accadono

Puo' accadere, nella vita, di perdere ogni punto di riferimento, di essere risucchiati in una misteriosa energia. Di solito questo accade nel momento della morte fisica. Tuttavia ai mistici, ma non solo, puo' accadere anche in vita.
Quell'energia, che tutto pervade, e' qualcosa di indicibile, ma ci provo lo stesso.
Non e' ne gioia ne dolore, ma entrambi fusi in un unico sentire. E' ovunque....anche negli oggetti inanimati. La tentazione o il tentativo della mente di dargli un nome a me personalmente lo ha fatto chiamare "Amore Universale" o "Compassione Cosmica"....allora la mia ricerca non era ancora iniziata, ero ancora studente di materie scientifiche (e completamente scettico....).
Non e' quello che di solito chiamiamo Dio, ma la Sua manifestazione, che in realta' non e' affatto separata da Egli stesso. Quel sentire e' proprio il sentire spontaneo del cuore che ognuno nel suo intimo sperimenta, anche Visechi e Maxim, che, tra l'altro, lo sanno molto bene....
La mente e il corpo perdono molto facilmente questo contatto profondo con la vita, ma si puo' ritrovare, basta cercarlo. Sono convinto, anzi lo prometto, che chi non lo ha ancora trovato lo trovera'.

Io, Shiva* (anche voi lo siete ma non lo sapete, a parte qualcuno..), saro' accanto a voi nel momento della vostra morte e voi vi ricorderete di me...ma sara' troppo tardi..tuttavia neanche questo e' un problema.

*..Shiva e' solo uno dei suoi tanti nomi, in realta' qualsiasi nome e' il Suo nome.
Yam is offline  
Vecchio 25-01-2008, 18.36.41   #53
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Dato che hai introdotto il potere voglio fare anch'io qualche riflessione.
Il potere non è una realtà negativa in sé e per sé, la vita è potere distribuito a tutti ( persino alle molecole) in modi diversi, quindi potere , ha per me, una valenza positiva.... dire questo è quasi un truismo.
C'è il potere politico e neanche questo è negativo di per sé...tutto sta a come quel potere lo si attua. Il potere politico dovrebbe essere un servizio...in questo caso il politico potente sarebbe il servo ed i cittadini i padroni o i fruitori di quel potere....ed anche questo è quasi un truismo.

neanche per me è negativo, anzi.. dipende però come lo si esercita il potere se con o senza identificazione..

però mi pare tu abbia voluto distogliere un punto d'osservazione importante del mio discorso...

atisha is offline  
Vecchio 25-01-2008, 20.09.17   #54
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Noor:
..Veramente sono stato io ad affermare che la compassione trascende il corpo e l'ego..
Ci sarebbe poi da capire cosa s'intenda per sentimento,e cosa o chi lo "gestisce"..visto che si trascende corpo e ego.. e chi dovrebbe sentire quelle famose emozioni di cui parli..
Non hai tutti i torti, Noor. La fretta spesso non permette di esprimere bene e compiutamente quel che si è costretti ad affidare alle parole, scritte o pronunciate. Provo a completare il pensiero monco che tu hai evidenziato.

Tu tendi a rendere avulsa la compassione dal sentimento e dall’emozione, insinuando anche che quel che intendo io per tale sentimento sia un permanere nella sfera delle sensazioni corporee ed un suo attaccamento ad esse. Se non altro interpreto così la tua frase: “Compassione non ha assolutamente a che fare col sentimento o l'emozione,nè con l'identificarsi col dolore altrui ma è andare al di là di ciò...dall'ego identificato con le nostre emozioni negative e all'attaccamento col corpo,verso un'oggettività che è Verità”. Bene, io ho replicato affermando che la mia idea o immagine di compassione trascende comunque sia il corpo che l’ego, ed opponevo questa mia affermazione all’impressione ricavata dalla tua frase. Va da sé che per entrambi la compassione travalichi la sfera corporea ed egoica, ma nel mio caso non può che radicarsi nelle emozioni e nel sentimento; viceversa, per te è qualcosa che stà al di là, oltre e sopra le emozioni e il sentimento. Qui le due concezioni, o i due diversi modi di percepire, divergono notevolmente.


Citazione:
Yam:
Energia, che tutto pervade, e' qualcosa di indicibile, ma ci provo lo stesso.
Non e' ne gioia ne dolore, ma entrambi fusi in un unico sentire. E' ovunque....anche negli oggetti inanimati. La tentazione o il tentativo della mente di dargli un nome a me personalmente lo ha fatto chiamare "Amore Universale" o "Compassione Cosmica"....allora la mia ricerca non era ancora iniziata, ero ancora studente di materie scientifiche (e completamente scettico....).

Ottimo, stiamo, evidentemente, parlando facendo riferimento a due diversi paradigmi lessicali. Bastava dirlo prima che per discorrere con te era necessario adeguarsi al tuo personalissimo vocabolario, avremmo evitato il rincorrersi delle repliche, resesi comunque necessarie per chiarire quel che a me pareva già chiaro fin dall’inizio: “Il vocabolario etimologico fornisce questa definizione del termine… io ad esso m’attengo, non solo per una questione semantica, ma soprattutto perché il mio sentimento (non la mente, come machiavellicamente suggerisci tu) suggerisce che sia quella più corretta e coerente:
“moto dell’animo che ci fa sentire dispiacere o dolore de’ mali altrui; quasi li soffrissimo noi”. Se poi qualche stramberia del Sol Levante volesse riformulare i canoni del linguaggio sulla scorta delle proprie convenienze filosofiche, nulla questio, si presenti il concetto che s’intende esprimere all’interno di un contesto semantico ben preciso, leggiamolo, proviamo a comprenderlo e vediamo cosa collima e cosa no.”



visechi is offline  
Vecchio 25-01-2008, 22.34.39   #55
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
“moto dell’animo che ci fa sentire dispiacere o dolore de’ mali altrui; quasi li soffrissimo noi”.

Si certo, questo e' un aspetto, ma non e' solo questo, anche perche' come giustamente ha sottolineato Nexus..non c'e' solo il dolore.....e c'e' qualcosa che trascende entrambi....ma che sa gioire e sa soffrire....
Suggerisce un amico studioso (purtroppo non ricordo come ci sia arrivato) che compassione e' in realta' con- passione:

Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte come la morte è l'amore,
tenace come gli inferi è la passione:
le sue vampe son vampe di fuoco,
una fiamma del Signore!

Cantico dei Cantici
Yam is offline  
Vecchio 26-01-2008, 07.32.10   #56
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Ho una opinione diversa riguardo ai miracoli, non credo che le leggi naturali si possano "bypassare", solo gli atti magici pretendono di farlo ma la magia esiste solo nella fantasia.

Tutte le leggi naturali sono state bypassate, tutte!
Nasciamo sani e nel corso della vita a causa di "percezioni ed emozioni negative" contraiamo dei disagi che si trasformano in malattie
e di cui la medicina si affretta a curare i sintomi senza trovare la vera causa
aggravando sempre di più la situazione, imbottendoci di farmaci che con l'andar del tempo distruggono il nostro "naturale" sistema immunitario!
Il nostro programma quando veniamo al mondo non è di ammalarci
ma di vivere per ritrovare il senso di UNITA' che crediamo smarrito
e definitivamente tolto. Le ferite della nostra infanzia e le convinzioni negative
che immettiamo nel nostro subconscio esplodono con forza e ci fanno
ammalare e la medicina ci mette il "carico da cento"
Il miracolo è comprendere che come siamo responsabili nel "creare le nostre malattie" possiamo esserlo nella guarigione dalle stesse!
Assumerci la responsabilità della nostra vita, delle nostre scelte, dopo aver
compreso la causa più profonda che ha innescato la malattia porta quasi
sempre all'autoguarigione e alla liberazione (con grande disappunto per le industrie farmaceutiche e il business che ci gira intorno) dai farmaci e dai
medici pronti a prescriverli.
Quanto alla compassione per chi soffre che mi pare un argomento OT
anche noi siamo responsabili di tutto ciò che accade nel mondo
ma l'unico modo che abbiamo per guarirlo è guarire noi stessi
e dimostrare che è possibile liberarsi dalle "dipendenze" e dalle "suggestioni"
e che è possibile immettere nuovi programmi in questo computer
che è la nostra mente impedendo ai "virus" esterni di penetrare
con tutti i sistemi di protezione che abbiamo a disposizione,
(purificazione fisica, mentale, psichica ed emotiva- cambiamento di stile
di vita- affermazioni positive e visualizzazioni creative etc)
Siamo co-creatori e quindi co-programmatori di un mondo diverso!
paperapersa is offline  
Vecchio 26-01-2008, 08.34.21   #57
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
Un miracolo è una eccezione alle leggi naturali, ed in quanto
eccezione alle leggi naturali non può diventare regola.
(G.Quinti)

Un Miracolo è la manifestazione in questo mondo, di leggi di un altro
mondo.
La manifestazione delle leggi del cosmo in un altro cosmo, costituisce
ciò che chiamano miracolo.
Non ci può essere altra specie di miracolo.
Un miracolo non è una violazione delle leggi, né un fenomeno al di fuori
delle leggi..
Alcune leggi sono sconosciute ed incomprensibili e sono
perciò "miracolose".


Il Miracolo è una "trasgressione" di una legge conosciuta...
(ati)



Il più grande miracolo che ci è permesso assistere è la nostra stessa esistenza.. è la testimonianza dell'Amore del Tutto, è la più alta comunione con Dio, ma spesso questo miracolo viene ignorato.
La consapevolezza di accedere a quel miracolo dipende dalla nostra capacità d'intuire la Sua presenza in noi ..e mano a mano che si espande questa intuizione, anche negli altri..
Ma cosa è nella sostanza un miracolo? è riuscire a cambiare il corso degli eventi? è il desiderio di possedere un potere straordinario?
Chi si nutre di queste aspettative è lontano dalla parola "Spiritualità" e "Comunione" con Dio, e spesso va a riempire le poltrone ai santoni di turno, restando presto delusi..
Per un Vero miracolo occorre rivolgersi Altrove... occorre un cambiamento.
Per poter assistere ad un miracolo è innanzitutto per me inevitabile imparare a Fidarci, cadere, abbandonarci completamente nella Fede (non nella credenza..)..
e riuscire a restare neutrali dinnanzi ogni avvenimento: ciò non significa desensibilizzarsi, ma vedere ogni accadere sotto una luce diversa, priva di aspettative, ed interpretando la nostra immagine come una volontà di tipo Superiore che non potrà nel tempo che portare pace e soddisfazione di ciò che si è e che si ha..
Questa disposizione fa ottenere secondo me, risultati incredibili.. perché da questa visuale le cose andranno sempre per il loro giusto senso.. i problemi si risolveranno da sè.. le relazioni funzioneranno a meraviglia..
e tutta la vita comincerà a funzionare per il verso giusto.. e solo perchéavremo rinunciato alle nostre idee di credere di "sapere" o permettere di "volere".
Questo è lo spazio giusto dove si può accedere ad altri tipi di Manifestazione.. dove non esistono blocchi nel nostro rapporto con l'Energia Divina.. dove chiedere con sincerità senza l'ausilio dell'ego, dove pregare con vero intento, meditare senza essere spinti da alcuna necessità materiale equivale ad aprire la porta alla sua Volontà.. equivale al raggiungimento di un Amore spontaneo dove lo stesso non potrà che prendersi cura di noi..
ed è solo dalla Sua volontà che possono sbocciare i veri miracoli...


Mi sono soffermato prima sulla affermazione di G.Quinti...che non condivido mentre sono d'accordissimo con Ouspensky, che non conosco. Il suo pensiero mi sembra profondo.

Su quello che scrivi tu sono d'accordissimo.

Per i cristiani il miracolo o segno è dato per suscitare la fede...perché voi crediate, come dice il Vangelo...per entrare in quello spazio, come dici, in cui si vive una realtà che io chiamo per tradizione "regno dei cieli". Ed è una realtà già presente in questa vita. La chiave d'accesso è la fede, la fiducia ...la disposizione sine qua non.

Sulla affermazione che il miracolo sia una trasgressione alle leggi naturali non sono d'accordo per lo stesso motivo che non condivido l'affermazione di Quinti.
Forse interpreto troppo rigidamente la parola "trasgressione".

Ovviamente il mio linguaggio è cristiano, ma a parte questo, che può generare qualche fraintendimento, mi sento in sintonia con te.

Ciao Atisha, a risentirti.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 26-01-2008, 08.36.48   #58
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
per entrambi la compassione travalichi la sfera corporea ed egoica, ma nel mio caso non può che radicarsi nelle emozioni e nel sentimento
Forse che le emozioni e il sentimento possano travalicare la sfera corporea ed egoica?Beh..comunque..
Concludo dicendo che la compassione è una Qualità impersonale..ne siamo solo Suo strumento.
E' una delle tante sfaccettature del Diamante dell'Essere.
Quando accade,accade...nell'unico modo in cui può,deve ,qui e ora...
Perchè non c'è altro tempo.
Noor is offline  
Vecchio 26-01-2008, 10.34.39   #59
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da paperapersa

Tutte le leggi naturali sono state bypassate, tutte!
Nasciamo sani e nel corso della vita a causa di "percezioni ed emozioni negative" contraiamo dei disagi che si trasformano in malattie
e di cui la medicina si affretta a curare i sintomi senza trovare la vera causa
aggravando sempre di più la situazione, imbottendoci di farmaci che con l'andar del tempo distruggono il nostro "naturale" sistema immunitario!
Il nostro programma quando veniamo al mondo non è di ammalarci
ma di vivere per ritrovare il senso di UNITA' che crediamo smarrito
e definitivamente tolto. Le ferite della nostra infanzia e le convinzioni negative
che immettiamo nel nostro subconscio esplodono con forza e ci fanno
ammalare e la medicina ci mette il "carico da cento"
Il miracolo è comprendere che come siamo responsabili nel "creare le nostre malattie" possiamo esserlo nella guarigione dalle stesse!
Assumerci la responsabilità della nostra vita, delle nostre scelte, dopo aver
compreso la causa più profonda che ha innescato la malattia porta quasi
sempre all'autoguarigione e alla liberazione (con grande disappunto per le industrie farmaceutiche e il business che ci gira intorno) dai farmaci e dai
medici pronti a prescriverli.
Siamo co-creatori e quindi co-programmatori di un mondo diverso!

Quanta foga.

Non tutti le malattie che ci colgono dipendono dal nostro stato spirituale.
Molte di queste sono di natura genetica, altre per le "ferite" e gli accidenti che la natura provoca, altre per le contingenze in cui si trova ognuno di noi.
Se vuoi dire che la responsabilità è dell'umanità nel suo insieme per il male morale ed anche, in parte, per i malanni fisici sempre in agguato, sono d'accordo.
La medicina ha molte carenze come tutte le scienze, ma un giudizio così negativo lo respingo: ha molti meriti... e la prima volta che avrai mal di denti, per esempio, ti contraddirai...correndo dal dentista.

Anche per l'industria farmaceutica non condivido il tuo fondamentalismo: quanto sia inquinata dagli interessi questa industria è risaputo e non vale la pena di ripeterlo qui, però anch'essa ha il merito di produrre medicine efficaci...con tutte le controindicazioni. I farmaci sono un male ma necessario.

Se non sei cattolica questo argomento non ha valore...se invece lo sei ti ricordo che i santi, quelli veri, come Francesco d'Assisi e gli altri, hanno sofferto di mali fisici, nonostante le condizioni morali del loro spirito.
Se hai raggiunto uno stato superiore di purificazione a quello che avevano raggiunto loro, cosa che non credo, allora vivi una realtà che mi è del tutto sconosciuta.

Credo di condividere con te quanto vi è di essenziale, ossia la fede ma sono di altro parere riguardo alle cose che hai espresso in questo post.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 26-01-2008, 10.38.51   #60
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: I Miracoli... accadono

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Forse che le emozioni e il sentimento possano travalicare la sfera corporea ed egoica?Beh..comunque..
Concludo dicendo che la compassione è una Qualità impersonale..ne siamo solo Suo strumento.
E' una delle tante sfaccettature del Diamante dell'Essere.
Quando accade,accade...nell'unico modo in cui può,deve ,qui e ora...
Perchè non c'è altro tempo.

Gia', e' difficile da comprendere...ma e' tutto cio' che accade.
E' impersonale perche' quando viene vista come personale appare la polarizzazione: gioia-dolore...e con essa sorge l'attaccamento...
La realta' quindi e' una sola, atemporale...qui ed ora.
La tremenda potenza dell'energia del pensiero ci allontana da questo stato naturale e sara' cosi sino alla morte fisica per la maggior parte di noi.
Ogni pensiero sconquassa il nostro interno ed agisce all'esterno: e' una sola vibrazione, un suono in cui e' presente tutta la musica, come osserva Avasa...da Beethoven ai Beatles....e c'e' solo armonia. Nell'afferrare il pensiero si perde l'ascolto ed il suono appare come un oggetto, ora piacevole, ora spiacevole.....

L'agire umano ora e' diverso, appare il timor di dio...come dicevano una volta, appare il rispetto per la vita, per gli altri...certo non si e' affatto immuni dalle aggressioni ...dal fuoco che forgia..e solo alla fine apparira' quel diamante generatosi dalle sinergiche forze che hanno compresso la roccia sino al punto in cui ogni impurita' e' scomparsa. Le impurita' sono i nostri tanti attaccamenti...anche e soprattuttto il cibo, perche' tutto e' cibo.
La consapevolezza del proprio intestino e' gia' un piccolo traguardo per molti...che non andranno oltre.
Yam is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it