Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 10-01-2008, 21.17.29   #1
andreax
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2006
Messaggi: 72
Sulla necessità delle religioni

Vorrei porre a tutti voi una domanda...
Sono necessarie le religioni?

Tutti gli uomini, a meno di deformazioni dalla nascita, hanno un corpo che consente loro di svolgere tutte le attività indispensabili per la sopravvivenza. Hanno una bocca per mangiare e uno stomaco per digerire, gli occhi per vedere e le orecchie per sentire e così via. Dio (chiamatelo come volete) ci ha dato tutto ciò che è necessario per vivere. Ora, se le religioni positive fossero davvero necessarie per la nostra "sopravvivenza" spirituale, perchè Dio non ce le ha fornite sin dall'antichità così come ci ha fornito le gambe per camminare e degli organi per generare i nostri simili? Vorrei sottolineare il fatto che se tutto è opera di Dio, affermando che Egli ci ha forniti di qualcosa di non necessario, siamo frutto di un Dio che genera una realtà inutile.
andreax is offline  
Vecchio 10-01-2008, 23.05.46   #2
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da andreax
se le religioni positive fossero davvero necessarie per la nostra "sopravvivenza" spirituale, perchè Dio non ce le ha fornite sin dall'antichità .
Difatti siamo stati ben forniti ,più o meno da quando è nato l'uomo...
E' sufficente aprire gli Occhi e Vedere..
Noor is offline  
Vecchio 11-01-2008, 01.48.47   #3
andreax
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2006
Messaggi: 72
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Difatti siamo stati ben forniti ,più o meno da quando è nato l'uomo...
E' sufficente aprire gli Occhi e Vedere..

...si stanno considerando le religioni positive ovvero quelle RIVELATE, basate su testi sacri...
andreax is offline  
Vecchio 11-01-2008, 09.40.13   #4
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da andreax
...si stanno considerando le religioni positive ovvero quelle RIVELATE, basate su testi sacri...
Perchè ce ne sono di non positive?
Comunque sia,non vedo differenze...
tutto può essere utile per raggiungere..
ciò che già abbiamo..
Noor is offline  
Vecchio 11-01-2008, 15.44.56   #5
andreax
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2006
Messaggi: 72
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Perchè ce ne sono di non positive?Comunque sia,non vedo differenze...

La religione naturale è una religione che rispetta l’ordine universale dell’universo stesso; le religioni positive sono invece religioni che vengono imposte dallo stato. (Tommaso Campanella)


...il fatto che tu non veda differenze non implica che non ce ne siano.
andreax is offline  
Vecchio 11-01-2008, 16.24.06   #6
sebastianb
osservatore
 
L'avatar di sebastianb
 
Data registrazione: 24-09-2007
Messaggi: 362
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da andreax
Vorrei porre a tutti voi una domanda...
Sono necessarie le religioni?

Tutti gli uomini, a meno di deformazioni dalla nascita, hanno un corpo che consente loro di svolgere tutte le attività indispensabili per la sopravvivenza. Hanno una bocca per mangiare e uno stomaco per digerire, gli occhi per vedere e le orecchie per sentire e così via. Dio (chiamatelo come volete) ci ha dato tutto ciò che è necessario per vivere. Ora, se le religioni positive fossero davvero necessarie per la nostra "sopravvivenza" spirituale, perchè Dio non ce le ha fornite sin dall'antichità così come ci ha fornito le gambe per camminare e degli organi per generare i nostri simili? Vorrei sottolineare il fatto che se tutto è opera di Dio, affermando che Egli ci ha forniti di qualcosa di non necessario, siamo frutto di un Dio che genera una realtà inutile.
Salve, che sia la conseguenza del celeberrimo detto di Publio Stazio Papino ( nella Thebais ) e ripresa da Petronio ( fragmenta XX) = primus in orbe deos fecit timor, ardua coelo fulmina cum caderent... = la PAURA ha creato gli dei, alla vista dei fulmini che si abbattevano dal cielo .....?? Bisognerebbe immedesimarsi in quel contesto ( ovviamente con le conoscenze attuali ) - Che ne dici? Non sei d'accorso ?? - cordialita'
sebastianb is offline  
Vecchio 11-01-2008, 18.16.56   #7
daniele75
Ospite abituale
 
L'avatar di daniele75
 
Data registrazione: 12-10-2007
Messaggi: 127
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da andreax
Vorrei porre a tutti voi una domanda...
Sono necessarie le religioni?

Tutti gli uomini, a meno di deformazioni dalla nascita, hanno un corpo che consente loro di svolgere tutte le attività indispensabili per la sopravvivenza. Hanno una bocca per mangiare e uno stomaco per digerire, gli occhi per vedere e le orecchie per sentire e così via. Dio (chiamatelo come volete) ci ha dato tutto ciò che è necessario per vivere. Ora, se le religioni positive fossero davvero necessarie per la nostra "sopravvivenza" spirituale, perchè Dio non ce le ha fornite sin dall'antichità così come ci ha fornito le gambe per camminare e degli organi per generare i nostri simili? Vorrei sottolineare il fatto che se tutto è opera di Dio, affermando che Egli ci ha forniti di qualcosa di non necessario, siamo frutto di un Dio che genera una realtà inutile.

Siamo nati perfetti,con tanto di divino incorporato,ma con la nascita della mente pensante(che é quella che ti fornisce la visione del mondo e della realtà),molta spazzatura ha reso lo specchio oscuro,pieno di polvere distorcendo l'imagine riflessa "la realta assoluta".Quindi tutti i profeti hanno cercato di ricordare all'uomo come erano in origine,come era la "realta verà" prima che gli uomini cominciarono a scrivere incomprensioni e costituire religioni con tutt'altri scopi che ricordare la parola dei suoi fondatori.
Poi volevo dirti che la realtà inutile,la percepisce la nostra mente non consapevole,ricca di prove e verità fondate sull'errore.
-mio punto di vista-
daniele75 is offline  
Vecchio 11-01-2008, 19.16.49   #8
andreax
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-01-2006
Messaggi: 72
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
la PAURA ha creato gli dei, alla vista dei fulmini che si abbattevano dal cielo ....

Sono d'accordo sostanzialmente su un concetto di paura che induce l'uomo a creare la sfera spirituale in cui relegare tutto ciò che ai suoi occhi (e alla sua ratio)è inspiegabile.
Tuttavia il mio dubbio fondamentale si basa sull'autenticità di rivelazioni fatte direttamente dalla divinità all'uomo, codificate nel corso dei secoli in testi scritti resi sacri dall'infallibilità del dogma.


Citazione:
tutti i profeti hanno cercato di ricordare all'uomo come erano in origine,come era la "realta verà" prima che gli uomini cominciarono a scrivere incomprensioni e costituire religioni con tutt'altri scopi che ricordare la parola dei suoi fondatori.


mi sembra di capire che in origine l'uomo conoscesse la "realta verà"... in seguito allo sviluppo della sua civiltà, cui è seguita la necessità di una fede più profonda, non più una fede adatta a poveri pastori schiavi erranti nel deserto, l'uomo ha smarrito la "parola dei suoi fondatori"...
ti rispondo con una domanda: sei sicuro che i profeti fossero a conoscenza della "realta verà" ?
andreax is offline  
Vecchio 11-01-2008, 19.26.21   #9
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da daniele tolu
tutti i profeti hanno cercato di ricordare all'uomo come erano in origine,come era la "realta verà" prima che gli uomini cominciarono a scrivere incomprensioni e costituire religioni con tutt'altri scopi che ricordare la parola dei suoi fondatori.
Sì,l'intento primario credo sia stato questo,distorto in seguito dai nostri bisogni
egoici (la paura della morte in primis).
Ecco che allora ,la religione, da Parola e Testimonianza di Verità si è trasformata in vuota credenza, atta a compensare, come "protesi psicologica",i vuoti prodotti dalla paura e dai "deserti dell'anima".
Noor is offline  
Vecchio 11-01-2008, 19.42.23   #10
pensieridiunmuratore
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-03-2007
Messaggi: 68
Riferimento: Sulla necessità delle religioni

Citazione:
Originalmente inviato da andreax
mi sembra di capire che in origine l'uomo conoscesse la "realta verà"... in seguito allo sviluppo della sua civiltà, cui è seguita la necessità di una fede più profonda, non più una fede adatta a poveri pastori schiavi erranti nel deserto, l'uomo ha smarrito la "parola dei suoi fondatori"...
ti rispondo con una domanda: sei sicuro che i profeti fossero a conoscenza della "realta verà" ?
Ti era stato spiegato bene, ma hai finito per fraintendere.
In Origine l'uomo conosceva la Realtà vera, senza bisogno di virgolette.
In seguito all'inviluppo nella "cosiddetta civiltà", è seguito che ciò che prima era chiaro a tutti, è divenuto chiaro a pochi.. e poi sempre meno. Così ciò che prima era chiaro, è dovuto diventare qualcosa da inculcare e da credere per "fede".
I profeti profetano, comunque la conoscevano molto meglio di quanto non succeda ai più adesso. Poi è chiaro che c'era un tempo in cui non era necessario avere l'aiuto delle tavole della legge. Perchè le cose le si conoscevano ancor meglio.
Non a caso Mosè ne distrugge una di tavola, perchè si rende conto che i suoi (e per derivazione, noi) non la meritavano.
pensieridiunmuratore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it