Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 16-12-2004, 17.03.37   #1
iStantaNea
...?
 
 
Data registrazione: 07-12-2004
Messaggi: 117
Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Vi è mai capitato di avere una terribile confusione in ambito religioso?!
A me si.. Io sarei cristiana cattolica, nel senso che sono battezzata e cresimata e che comunque credo che esista un Dio, ma, in poche parole, ci sono molte e molte cose della religione a cui non riesco a credere, pur sforzandomi quanto voglio.
Per esempio, leggendo alcuni passi della Bibbia si legge che ci sono persone la cui vita durava secoli, mentre invece la scienza prova che comunque anticamente si viveva di meno che ora, causa malattie incurabili eccetera. Ma questo è solo un esempio.
Ho sempre pensato che ogni persona non deve assolutamente essere obbligato a credere in una religione. Diciamo che in quella cattolica ho trovato parecchi "difetti", punti che non condivido.
Allora, di quelle cose di questa religione a cui non riesco a credere ho provato a cercar risposta nelle altre religioni, trovando magari risposta a una cosa e poi una cosa "inesatta" (per me).
Sono sempre stata abituata fin da piccola che se si "lasciava" il credo di una religione è un peccato mortale, o comunque che se si fa qualcosa di diverso rispetto a quello che dice la religione si vada all'inferno.. Ma indipendentemente da questo (che magari non centra neanche tanto..)
Secondo voi la religione è una cosa a cui comunque bisogna dare una propria interpretazione? Cioè.. Fare di essa un'elaborazione intima e personale?

iStantaNea is offline  
Vecchio 16-12-2004, 17.10.03   #2
Kannon
Utente bannato
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 2,116
Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da iStantaNea


Secondo voi la religione è una cosa a cui comunque bisogna dare una propria interpretazione? Cioè.. Fare di essa un'elaborazione intima e personale?


Secondo me, non esiste una "religione", ma esiste una "religiosità", che anzi, la religione tende a soffocare imponendo i suoi credo e i suoi dogmi. E' la religiosità propria di ognuno che conta, perchè è quella che poi si vive, realmente.

Ciao.

Ultima modifica di Kannon : 16-12-2004 alle ore 17.13.05.
Kannon is offline  
Vecchio 16-12-2004, 17.24.15   #3
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Re: Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da Kannon
Secondo me, non esiste una "religione", ma esiste una "religiosità", che anzi, la religione tende a soffocare imponendo i suoi credo e i suoi dogmi. E' la religiosità propria di ognuno che conta, perchè è quella che poi si vive, realmente.

Ciao.

la spiritualità anzichè le regole
rodi is offline  
Vecchio 16-12-2004, 18.18.58   #4
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Re: Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da Kannon
Secondo me, non esiste una "religione", ma esiste una "religiosità", che anzi, la religione tende a soffocare imponendo i suoi credo e i suoi dogmi. E' la religiosità propria di ognuno che conta, perchè è quella che poi si vive, realmente.

Ciao.



Questa è una giusta, anche per me, piattaforma di partenza... di scambio...di dialogo...di confronto, semmai.
E' una impostazione che permette e favorisce le convergenze e riconoscimenti delle esperienze altrui, i vissuti...casomai, anche la comunicazione...in uno spazio di positività, apertura e ascolto.

Mirror is offline  
Vecchio 16-12-2004, 19.29.47   #5
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da iStantaNea
...Per esempio, leggendo alcuni passi della Bibbia si legge che ci sono persone la cui vita durava secoli, mentre invece la scienza prova che comunque anticamente si viveva di meno che ora, ...
Ai tempi della Bibbia non sapevano neppure cosa fosse un anno. Il tempo si misurava in "lune" e cioè (non ricordo bene) circa 25 giorni. Quando leggi nella Bibbia che uno aveva 800 anni, significa che ne aveva circa 55... ed era davvero una veneranda età, proprio per le ragioni che tu stessa hai detto.

Credo che non esista "una religione", Kannon ha detto bene: è la spiritualità che crea le religioni.

Ognuno trova Dio riconoscendolo con la capacità che i propri occhi hanno di distinguerlo... i dettagli visibili dipendono dal nostro "punto di vista".

Tutto questo semprechè non si creda per fede. In questo caso è come non credere affatto: Dio deve essere cercato con tutto il nostro essere. Il vero peccato è credere alle favole ed alle fiabe.

Ultima modifica di Mistico : 16-12-2004 alle ore 19.31.57.
Mistico is offline  
Vecchio 16-12-2004, 20.31.42   #6
iStantaNea
...?
 
 
Data registrazione: 07-12-2004
Messaggi: 117
Re: Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mistico
Tutto questo semprechè non si creda per fede. In questo caso è come non credere affatto: Dio deve essere cercato con tutto il nostro essere. Il vero peccato è credere alle favole ed alle fiabe.

iStantaNea is offline  
Vecchio 17-12-2004, 00.54.02   #7
*ap
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 1
Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da iStantaNea
Vi è mai capitato di avere una terribile confusione in ambito religioso?!
Ciao! Io credo che più che confusione sia necessità di capire con la propria testa e di scegliere per se stessi ciò che è *bene* e ciò che è *male*.
Sono assolutamente d'accordo con la religiosità come stile di vita. Il *credere* non può essere un atto passivo, altrimenti non si porta nulla nella vita propria e degli altri, ma *credere* può assumere molte sfaccettature, anche atee... essere atei non impedisce la religiosità della vita.
Ho letto con molto interesse la spiegazione di come veniva calcolato il tempo nel Vecchio Testamento. Per me stessa, essendo come molti italiani, battezzata cattolica ecc. ho ritenuto di accettare con rispetto quello che vedo come un'eredità culturale (più che altro) del contesto in cui sono nata. E come *cultura* nel senso di *ciò che si sceglie di coltivare* vivo l'evoluzione religiosa attraverso i tempi, anche quelli attuali.
Penso spesso che se agli esseri umani si togliesse tutto ciò che essi stessi hanno creato per comprendere meglio la vita, rimane comunque l'Uomo. Quello che è stato creato cambia l'importanza a seconda dell'uso che se ne fa.
bye


anna
*ap is offline  
Vecchio 19-12-2004, 18.20.41   #8
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Per una volta sono daccordo con kannon , nel senso che un individuo dovrebbe progredire secondo un proprio cammino e non seguendo ciecamente la strada di un altro.


epicurus
epicurus is offline  
Vecchio 19-12-2004, 18.23.08   #9
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
La mia sfortuna è che non credendo in Dio mi tocca credere nell'uomo. Ah, quante delusioni...
sisrahtac is offline  
Vecchio 19-12-2004, 20.59.42   #10
oblo
Ospite
 
L'avatar di oblo
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 4
Re: Re: Credere, Non Credere... In Cosa Credere?!

Citazione:
Messaggio originale inviato da Kannon
Secondo me, non esiste una "religione", ma esiste una "religiosità", che anzi, la religione tende a soffocare imponendo i suoi credo e i suoi dogmi. E' la religiosità propria di ognuno che conta, perchè è quella che poi si vive, realmente.

Ciao.

Sono d'accordo, purché la religiosità non rimanga solamente un vago atteggiamento spirituale.
La religiosità è il campo fertile che ognuno di noi ha a disposizione per un percorso spirituale, ma se questo campo non viene arato, seminato e coltivato molto probabilmente vi cresceranno solo erbacce o tutt'al più qualche pianta selvatica.

Ciao,
r.
oblo is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it