Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-02-2005, 15.05.31   #21
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
...Esiste anche l'Amore assoluto, cioè quello cosmico, che tutto abbraccia.

Mr Bean,

Questo lo trovo un po' dogmatico. Molto di effetto ma concettualmente fumoso, l'amore è un sentimento, come tale deve esserci qualuno che lo prova, pertanto è soggettivo per definizione.
nonimportachi is offline  
Vecchio 07-02-2005, 15.18.43   #22
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Veramente io non nego l'amore soggettivo. Ne ammetto anche un altro, oggettivo, cosmico. Anche il cosmo può amare, secondo me. Sbaglio? Forse. Ma.... se invece io avessi ragione?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 07-02-2005, 15.31.24   #23
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Bella domanda.

provo:

Il Cerchio, altresì il numero O (zero).

Il numero zero non è il successivo ( o precedente) di alcun numero.

Geometricamente lo zero è un punto:


Wassily Kandinsky in "Punto Linea Superficie":

"Il punto geometrico è un'entità invisibile. Deve quindi essere definito come un'entità immateriale. Pensato materialmente, il punto equivale a uno zero. Ma in questo zero si nascondono diverse proprietà, che sono "umane". Noi ci rappresentiamo questo zero - il punto geometrico - come associato con la massima concisione, cioè con un estremo riserbo, che però parla. In questo modo, nella nostra rappresentazione, il punto geometrico è il più alto e assolutamente l'unico legame tra silenzio e parola. E perciò il punto geometrico ha trovato la sua forma materiale, in primo luogo, nella scrittura - esso appartiene al linguaggio e significa silenzio”.

Aggiungo che assoluto è la “somma degli infiniti”, cioè la somma di tanti “de-finiti”, tra cui anche il Nulla, dato che il nulla è qualcosa (per cui è “finito”, cioè si "de-finisce" grazie all'Assoluto).


Ettore is offline  
Vecchio 07-02-2005, 17.14.43   #24
Vale
Ospite abituale
 
L'avatar di Vale
 
Data registrazione: 06-11-2004
Messaggi: 191
Amore inteso come pienezza
Come dono e autodeterminazione di un "io" a favore di un "tu".
Amore come atto supremo della libertà.
Come realizzazione più completa delle possibilità dell'uomo e come filo rosso unificatore dell'agire umano.
L'Amore è perfezione dell'essere.
Quanto più un essere è perfetto, tanto più ama.
Questo è l'Amore che i greci chiamavano Agapè (distinto da eros e da philos): incondizionato, gratuito, che non procede da un bisogno, nè ha necessità di riscontro per alimentarsi.
"L'Amore ama e nulla più cerca, in quanto ha già in se stesso le sue ragioni".
Questo amore richiede slancio ed entusiasmo.
E' amore verso l'altro ed è anche amore cosmico.
Infine, l'Amore è disvelamento dell'immortalità: amare qualcuno significa riconoscergli una dimensione di eternità.
L'Amore è più forte della morte.
Ogni Amore infatti non si riferisce all'aspetto transeunte e contingente di una persona, ma alla sua dimensione di eternità.
Vale is offline  
Vecchio 07-02-2005, 21.04.23   #25
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
la vita
il pensiero is offline  
Vecchio 07-02-2005, 21.12.28   #26
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Ah...... mi domandavo dove eri sparito.

Bentornato.
freedom is offline  
Vecchio 07-02-2005, 21.52.24   #27
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
..sai, il nonimportachi è irresistibile...
...riesce sempre a infilarmi qualche gradevole chiodo nella zucca...
il pensiero is offline  
Vecchio 08-02-2005, 09.43.42   #28
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
Quella "pura sensazione di essere" è l'esprienza della percezione. Rispondere a domande e formulare affermazioni sono invece esercizi dell'intelletto.

No. La percezione implica gia' la scissione in soggetto percipiente ed oggetto percepito. Quando "accade" la percezione si manifesta l'energia creatrice (Shakti) che puo' essere "testimoniata" (consapevolezza), allora l'identificazione non avviene ed e' possibile rimanere nella non-dualita'.
Quella che ti indico e' non-dualita', pura consapevolezza.
Vuoto - consapevolezza - energia.
Sat Cit Ananda
Yam is offline  
Vecchio 08-02-2005, 09.46.38   #29
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da Vale
Amore inteso come pienezza
Come dono e autodeterminazione di un "io" a favore di un "tu".
Amore come atto supremo della libertà.
Come realizzazione più completa delle possibilità dell'uomo e come filo rosso unificatore dell'agire umano.
L'Amore è perfezione dell'essere.
Quanto più un essere è perfetto, tanto più ama.
Questo è l'Amore che i greci chiamavano Agapè (distinto da eros e da philos): incondizionato, gratuito, che non procede da un bisogno, nè ha necessità di riscontro per alimentarsi.
"L'Amore ama e nulla più cerca, in quanto ha già in se stesso le sue ragioni".
Questo amore richiede slancio ed entusiasmo.
E' amore verso l'altro ed è anche amore cosmico.
Infine, l'Amore è disvelamento dell'immortalità: amare qualcuno significa riconoscergli una dimensione di eternità.
L'Amore è più forte della morte.
Ogni Amore infatti non si riferisce all'aspetto transeunte e contingente di una persona, ma alla sua dimensione di eternità.

Vuoto - Consapevolezza - Energia

Quella descritta da Vale e' l'energia.
Yam is offline  
Vecchio 08-02-2005, 10.33.12   #30
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Citazione:
No. La percezione implica gia' la scissione in soggetto percipiente ed oggetto percepito. Quando "accade" la percezione si manifesta l'energia creatrice (Shakti) che puo' essere "testimoniata" (consapevolezza), allora l'identificazione non avviene ed e' possibile rimanere nella non-dualita'.
Quella che ti indico e' non-dualita', pura consapevolezza.
Vuoto - consapevolezza - energia.
Sat Cit Ananda

No! Noto una contraddizione!

Nella percezione ‘sto soggetto c’è o non c’é?, l’identificazione c’è o non c’è?
La consapevolezza è non è testimoniata?
Il testimone della consapevolezza può o non può rispondere a delle risposte?
Ma dai! Sii consapevole di quello che dici!
il pensiero is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it