Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 02-03-2005, 10.23.39   #81
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Hai ragione, Ettore...

L'assoluto è piccolo come un vero "SI", come un vero "NO".

Inutile complicarsi la vita con "pensieri". L'assoluto è una decisione presa o un fatto compiuto o entrambe le cose... il pensiero è l'opposto dell'assoluto: Non ha ancora deciso niente e ci sta lavorando su...

P.S.
Ho finito.
Mistico is offline  
Vecchio 02-03-2005, 10.41.04   #82
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Uuuuuuuuuhhhhh, questa ossessione dei pensieri, dell'identificazione, dell'indicare qualcosa che sia oltre, che sia vero, che sia meglio.
L'assoluto e'.
E' qui, e' la', e' nel pensiero e nel non-pensiero, e' nell'esperienza della dualita' e della non-dualita', e' sempre e comunque.
I guru veri e quelli falsi, i dogmatismi e la santa inquisizione e la vera religione, il vero dio e quello falso.
La consapevolezza e l'ignoranza metafisica, l'io separativo e l'io espanso e identificato con lo spazio, l'unico eterno fluire e l'eterno presente.
Dio non e' questo e non e' quello. Eppure e' anche tutte queste cose, nessuna esclusa.
Il maestro ha detto che....
Dio e' questo ma non e' quello, Dio e' come dico io e non come dici tu, io mi dichiaro illuminato ma tu non lo sei Ahahahahaahah!
Io sono alla ricerca e faccio la mia Sadhana....poi io non c'e piu', ma c'e', e io sono il ricercatore e il ricercato, io sono beato, felice, liberato.Ahahahaahahah!
Bleah!
Sic!
Tutto e' assoluto, anche il pensiero.

p.s.: anche la c..ca!
Yam is offline  
Vecchio 02-03-2005, 14.04.48   #83
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mistico
Hai ragione, Ettore...

L'assoluto è piccolo come un vero "SI", come un vero "NO".

Inutile complicarsi la vita con "pensieri". L'assoluto è una decisione presa o un fatto compiuto o entrambe le cose... il pensiero è l'opposto dell'assoluto: Non ha ancora deciso niente e ci sta lavorando su...

P.S.
Ho finito.

Grazie Mistico: sei riuscito a esprimere bene come fai spesso.

PS:

se a qualcuno da fastidio che qualcun'altro provi a parlare dell'assoluto perchè partecipa alla discussione? Dovrebbe essergli indifferente...Visto che non prova indifferenza per chi esprime idee sull'assoluto, significa che ci tiene che non si parli dell'assoluto. Allora si nega che esista pensiero dell'assoluto. Come fai a negare il pensiero dell'assoluto?

guarda...

è proprio qui.....

piccino piccino:




.




Ma costui non riesce a concepire:

.


Anzi, deve negarlo.
Solo che si irrita. Perchè come fai a negare questo?:


.


Non puoi negarlo , perchè non è nemmeno una affermazione.... e ci si rode dentro...
Umiltè, umiltè cari miei.... Non è mia l'idea di:

.


ma di un pittore, geniale...Da così fastidio che un pittore abbia avuto una idea di assoluto? Perchè vi da così fastidio?
Dov' è il problema?


.
Ettore is offline  
Vecchio 02-03-2005, 14.34.06   #84
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore



ma di un pittore, geniale...Da così fastidio che un pittore abbia avuto una idea di assoluto? Perchè vi da così fastidio?
Dov' è il problema?


Il problema e' nel non vedere l'assoluto....ma cercare di definirlo.
Yam is offline  
Vecchio 02-03-2005, 16.18.45   #85
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
Il problema e' nel non vedere l'assoluto....ma cercare di definirlo.
forse intendevi "non è nel... ma"

In tale caso, perchè? E' un problema che lo si tenti oppure che lo si riesca a fare?

La spiritualità è ricerca. La ricerca tende alle risposte, Le risposte tendono all'Essenza. L'Essenza è fatta di cose come noi... e l'anello si chiude con l'inizio di una nuova Spiritualità che non sa stare ferma.

Qual'è il problema?
Mistico is offline  
Vecchio 03-03-2005, 09.57.55   #86
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
Il problema e' nel non vedere l'assoluto....ma cercare di definirlo.

Questa affermazione è vera a priori.
Se stabilisco che una cosa non è visibile e non è conoscibile, quella cosa non la vedrò e non la conoscerò mai.
Anche se quella cosa di cui disconosco la visibilità e la conoscibilità mi si manifestasse , io non potrei vederla perchè a priori ho stabilito che non esiste.

Il fatto di stabilirlo a priori comunque, dal mio punto di vista, è più che legittimo: dipende dall'ottica con cui ci si pone nel mondo.

Di per sè:

.


è solo un modo geniale di esprimere un qualcosa che noi qui definiamo assoluto, ma che in realtà qualcun' altro potrebbe non ritenere tale. Quando penso all'assoluto penso ad un assoluto concepibile da mente umana. Pertanto potrebbero esserci altre miglialia di modi di esprimerlo e altrettanti migliaia di modi di disconoscerlo.

Faccio un esempio per spiegare quanto detto sopra:

un cane morente investito da una macchina ai margini di una strada. Cosa potrebbe dire, se ne avesse la possibilità? Che muore perchè deve morire? Forse...che la morte è necessaria.

Un uomo in punto di morte potrebbe parlare di Dio, di spiritualità. Potrebbe appoggiarsi al punto di vista religioso per alleviare la sua paura.

Ma di fronte all'evento della morte che differenza c'è tra il cane e l'uomo? Nell'infinetesimale momento in cui lasciano la vita non è presumibile che assolutamente entrambi vivano la stessa cosa , pur avendola interpretata in modo differente?

Magari disconosciamo , affermiamo e neghiamo le stesse cose che abbiamo di fronte alla nostra mente: visioni diverse per medesime cose...
Ettore is offline  
Vecchio 03-03-2005, 10.25.34   #87
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da Ettore

Quando penso all'assoluto penso ad un assoluto concepibile da mente umana.

Se approfondisci la tua ricerca, non necessariamente nel campo delle mistica, ma in campo filosofico, verso il quale vedo che protendi treverai un sacco di cose interessanti e ti perderai in argomentazioni e idee sempre piu' sottili, ma difficilmente sarai soddisfatto.
Il problema e' proprio la mente, l'intelletto.
Se sei alla ricerca di Dio e di te stesso puoi procedere come ti pare, ma se vai all'essenza di tutte le tradizioni spirituali, scopri che l'assoluto e' oltre la mente, oltre l'intelletto. L'intelletto e' come se volesse essere Dio, ma e' io. Voler conoscere Dio con l'intelletto e' come cercare di vederlo girandogli la schiena (trovo questo in Plotino per esempio).
La via passa per il silenzio della mente, del pensiero.
Yam is offline  
Vecchio 03-03-2005, 11.29.38   #88
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
..La via passa per il silenzio della mente, del pensiero.




Gyta
gyta is offline  
Vecchio 03-03-2005, 12.09.24   #89
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
chi cerca trova

Questa affermazione è vera!
Se stabilisco che una cosa è visibile ed è conoscibile, quella cosa la vedrò e la conoscerò prima o poi.
Anche se quella cosa non esistesse io la farei manifestarsi, io potrei crearmela mentalmente perché a priori qualcuno ha stabilito che deve esistere e mi ha passato l’immagine mentale.

Il fatto di stabilirlo a priori comunque, dal mio punto di vista, è troppo produttivo perché non ti porterà mai a conoscere individualmente l’essenza di quello che altri hanno scoperto e che in modo sbagliato vogliono aiutarti a trovare.
il pensiero is offline  
Vecchio 03-03-2005, 15.13.21   #90
Ettore
Ospite abituale
 
L'avatar di Ettore
 
Data registrazione: 29-12-2004
Messaggi: 398
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam
Se approfondisci la tua ricerca, non necessariamente nel campo delle mistica, ma in campo filosofico, verso il quale vedo che protendi treverai un sacco di cose interessanti e ti perderai in argomentazioni e idee sempre piu' sottili, ma difficilmente sarai soddisfatto.
Il problema e' proprio la mente, l'intelletto.
Se sei alla ricerca di Dio e di te stesso puoi procedere come ti pare, ma se vai all'essenza di tutte le tradizioni spirituali, scopri che l'assoluto e' oltre la mente, oltre l'intelletto. L'intelletto e' come se volesse essere Dio, ma e' io. Voler conoscere Dio con l'intelletto e' come cercare di vederlo girandogli la schiena (trovo questo in Plotino per esempio).
La via passa per il silenzio della mente, del pensiero.

Giustamente va distinta la mistica dalla filosofia.

Anche se intendere la filosofia come esercizio dell'intelletto è molto riduttivo (per la filosofia). L'eredità dell'illuminismo ha messo l'accento su questo peculiare aspetto del pensare. Di fatto (soprattutto nell'epoca moderna e contemporanea) la filosofia indaga il pensiero e la mente anche su aspetti non intelettuali, logici e sistematici. Soprattutto oggi il pensare con intelletto è uno degli aspetti meno riconosciuti e indagati.

E' un fraintendimento comune che la filosofia venga assimilata all'esercizio dell'intelletto. Altro fraintendimento comune è che l'Io sia l'intelletto e/o la filosofia (tant'è che il concetto di IO è nato con la Psicologia).

In sostanza non sempre mente e pensiero sono oggetto per la filosofia. Anzi, fare filosofia vuol dire essere soggetto del proprio tempo, in sostanza cercare di vivere con una certa consapevolezza e con certe visioni del mondo. In ciò può esserci molto di spirituale.
Come nell'essere mistico e spirituale può esserci molto di filosofico.
Mettiamo delle etichette solo perchè usiamo linguaggi diversi: questo non vuol dire che cerchiamo cose diverse. Sicuramente usiamo modalità diverse.

La differenza fondamentale è che non si pone la filosofia sotto o sopra rispetto al misticismo per indagare o per vivere certi aspetti della vita. Ricordo solo la frase "Conosci te stesso": chi l'ha pronunciata non era un cattolico, uno psicologo, un mistico o uno scienziato. Non era nemmeno un filosofo. Era un uomo.

Concludo: stabilire a priori che il misticismo è una via peculiare per parlare, comunicare, vedere, sentire Dio o lo spirito non è una visione che mi trova daccordo.
Sono esistiti ad esmpio matematici "illuminati" che in certi momenti della loro vita hanno raggiunto "stati di coscienza" molto simili a quelli dei mistici. La stessa cosa si può dire di pooeti e artisti in genere.

La spiritualità non è una esclusiva della mistica, ma dell'uomo.
Ettore is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it