Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 18-03-2005, 10.14.35   #11
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Egregio e stimato numerico,

Come sai, ID è l'acronimo inglese di Disegno Intelligente. Questo nome dovrebbe identificare una teoria secondo cui l'evoluzione procederebbe in modo "guidato", secondo uno specifico disegno.
Sotto questo nome, in realtà, si nascondono ben più di una teoria, ma una molteplicità di teorie tutte concordi sul fatto che l'evoluzione sia intelligentemente guidata entro i contorni di una preesistente pianificazione, ma l'oggetto reale di questa teoria, il "disegno" o "programma" che sta a monte differisce anche in modo sostanziale a seconda di chi si fa promotore dell' ID.

Non so se tu ti riferisca ad una particolare teoria che offre un particolare disegno divino, ma sappi che già il fatto che le varie teorie che si vendono come ID, propongano "disegni" evolutivi anche molto diversi, mette in evidenza un fondamentale dato di fatto: L'oggetto su cui queste varie teorie discordano (le intenzioni dell'intelligenza che guiderebbe l'evoluzione) è ciò che dimostrerebbe la teoria stessa. Se questo oggetto non è riscontrabile, alla teoria manca la sua dimostrazione, si ipotizza che ci sia un disegno che nessuno è in grado di riconoscere (come mai allora si ipotizza un disegno?)

Innazitutto, è bene segnalare ciò che rende legittimo far pensar ad una malafede di fondo in chi promuove queste teorie.
Storicamente l'ID nasce dopo che un secolo di dimostrazioni e affinamenti della teoria dell'evoluzione hanno dimostrato la sua veridicità.
Proprio negli ambieni in cui ci si ostinava a proporre il creazionismo, nasce la teoria di questo ID. Chi propone l'ID, la attribuisce non a tempi recenti ma ad antichi filosofi giocando ed adattano le loro teorie a ciò che intendono promuovere (forse per rivestirla di maggiore attendibilità?).
Che l'ID sia nata in antico è palesemente falso, nessuno prima di Darwin ha mai teorizzato l'evoluzione (intelligente o meno che sia), per questo Darwin è passato alla storia.

Chi promuve l'ID, nel sostenere di illustrare la sua dimostrazione, si preoccupa in realtà di demolire Darwin (non tutti, ci sono anche i darwinisti filo-ID).
Chi demolisce Darwin lo fa con le solite trite e ritrite argomentazioni del secolo scorso. Inzomma gioca su errori e imprecisioni della teoria originale (che è stata nel corso degli anni riveduta e corretta), un esempio classico è la rivelazione che non si discende dall'uomo di Neanderthal (cosa che Darwin aveva teorizzato) e dimostratasi falsa (grazie alla scienza), si stupiscono le persone illustrando resti di Homo sapiens antecednti ai Neanderthal vendendole come dimostrazione del fatto che la teoria dell'evoluzione sia sbagliata (ma sono solo stati corretti i tempi evolutivi).
Demolire Darwin è sintomo di scarsa conoscenza scientifica. Le prove a sostegno dell'evoluzione sono tali da poter considerare questa teoria assodata (anche se accademicamnte le teorie scientifiche per quanto dimostrate restano VERE fino a prova contraria). Sostenere la falsità dell'evoluzione darwiniana equivale a mettere in dubbio la teoria scondo cui la terra è rotonda. Chi vorrebbe inserire nei libri di testo delle scuole anche teorie alternative all'evoluzione, dovrebbe per coerenza prevedere teorie alternative al nostro attuale modello di terra sferica....

Questo per dire che secondo il sottoscritto c'è una buona dose di malafede dietro all'ID, il che complica una sua valutazione. Spesso chi si mette a vendere bugie su questi temi sono propio gli addetti ai lavori che ben conoscono i temi e ben sanno come convincere chi li conosce superficialmente o scolasticamnte.

Veniamo ai punti che vengono portati a sostgno dell'ID. Ebbene, togliendo gli "attacchi" alla "scienza uffciale" (vorrei sapere qual'è l'ente che ufficializza le conoscenze scienifiche...) e quelli alla teoria dell'evoluzione, resta generalmente ben poco, qualche considerazione di massima del tipo:

"la biologia è troppo complessa, un'evoluzione caotica non porterebbe agli organismi che si possono osservare oggi"

Considerazione che "a naso" sta in piedi, ma il nostro naso non è il più attendibile nel valutare queste cose, lui vive al massimo un secolo, con quale precisione può stimare gli accadimenti che durano miliardi di anni? sarebbe come stimare a occhio la distanza tra il sole e la terra.....

Se poi vuoi specificare meglio quale delle infinite teorie dell’ ID ti sta “sconquassando”, la possiamo vedere nel dettaglio e valutare punto per punto…

A presto

coca cola coca cola coca cola coca cola coca cola coca cola coca cola coca cola coca cola….
nonimportachi is offline  
Vecchio 18-03-2005, 10.31.30   #12
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
Il pensiero invece è da vent’anni che lo ha capito,
Ma però ora a me mi piacerebbe verificare se a distanza di anni è rimasta una capizione immutata... puoi per favore farmi sapere il tuo .perché recitativo?

Yam ha usato il verbo "realizzare" non il verbo "capire".
Al di la delle parole significa che quando accade la comprensione, non e' piu' un "capire" ma piuttosto un vedere o un sentire, infatti Tu, il Pensiero, non centri nulla in quella faccenda.
Puoi esserci come non esserci, sei parte di quell'unica energia, non ostruita (secondo me Tu "ostruisci", Ti "ostini") che manifesta ogni cosa. VEDER passare un'automobile o un pensiero e' la stessa cosa.
E' attraverso quel "capire" che il Pensiero arriva a creare il suo oggetto dei desideri piu' grande e cioe' Dio, o Jiddu......non puoi "capire" Jiddu....non potrai mai!
Yam is offline  
Vecchio 18-03-2005, 14.57.01   #13
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
dignitoso nonsochisei che,

come ormai ho compreso, arrivi sempre puntuale, se sollecitato, a schiarire i miei curiosi pensieri.

Citazione:
Se poi vuoi specificare meglio quale delle infinite teorie dell’ ID ti sta “sconquassando”, la possiamo vedere nel dettaglio e valutare punto per punto…

Nessuna in particolare.

Come ho anticipato nell’apertura avevo sentito per la prima volta all’aradio, qualche giorno fa, nominare l’ID.
L’esempio a suo sostegno era riferito all’occhio umano e altri organi e si diceva che è impensabile che solo per evoluzione siano potuti arrivare a tale specificità costitutiva e funzionale.

Il dibattito si è poi orientato su...
Citazione:
chi vorrebbe inserire nei libri di testo delle scuole anche teorie alternative all'evoluzione,....

Quella trasmissione si riferiva appunto alla forzatura che gli IDisti esercitano nelle scquole USA per inserirne l’insegnamento poiché oggi solo la teoria evoluzionista può essere oggetto di studio.

Alla fine il pensiero ha captato che probabilmente gli esclusi, fatti uscire dalla porta, tentano di rientrarvi dalla finestra con qualche trucco.

Mi fa piacere sapere che posso contare su di te...

Amen amen amen amen amen amen amen amen amen amen amen amen amen amen....
il pensiero is offline  
Vecchio 18-03-2005, 15.12.52   #14
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
X yam,

tagliamo la testa al toro... bando ai blabla, ritorniamo al quinquibus che hai glissato, adesso ti metto alla prova:

perché quello lì aveva ragione,(HA RAGIONE), quando affermava (dichiara) che:
Citazione:
recitare un mantra equivale a recitare coca cola coca cola
e’? è? In quale forma lo hai realizzato? Realizzamelo a me allora che verifico se lo abbiamo realizzato allo stesso modo! Ho un cervello io sai? Cosa ti credi tu! Credi che non sappia farlo funzionare? Vediamo se è vero che gli umani hanno lo stesso cervello! Dai! Splattera!.
il pensiero is offline  
Vecchio 18-03-2005, 15.51.30   #15
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
X yam,

tagliamo la testa al toro... bando ai blabla, ritorniamo al quinquibus che hai glissato, adesso ti metto alla prova:

perché quello lì aveva ragione,(HA RAGIONE), quando affermava (dichiara) che:
e’? è? In quale forma lo hai realizzato? Realizzamelo a me allora che verifico se lo abbiamo realizzato allo stesso modo! Ho un cervello io sai? Cosa ti credi tu! Credi che non sappia farlo funzionare? Vediamo se è vero che gli umani hanno lo stesso cervello! Dai! Splattera!.

Non si puo' blablare o splatterare con Te di cio' che Tu non Sei e non puoi comprendere con il Tuo cervello.
Yam is offline  
Vecchio 18-03-2005, 16.09.06   #16
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Stai perdendo una rara opportunità di verificare se quello che hai realizzato è quello che quello li voleva comunicare...
il pensiero is offline  
Vecchio 18-03-2005, 16.10.38   #17
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
Stai perdendo una rara opportunità di verificare se quello che hai realizzato è quello che quello li voleva comunicare...

Non solo Jiddu, e se hai compreso lo sai bene...
Yam is offline  
Vecchio 18-03-2005, 16.51.21   #18
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Carissimerrimo pensiero,

Se una teoria deve spiegare l'universo, è osservandolo che deve essere formulata, non certo ipotizzando un'universo diverso da quello che osserviamo.

Una teoria viene formulata affinchè si spieghino cose reali, osservabili, riscontrabili delle quali non si capisce il funzionamento.

ESEMPIO: Metto una lente tra il sole e una formica, osservo che la formica si arrostisce.

Per spiegare la cosa formulo qualche teoria: A) la lente concentra l'irradiazione solare ricevuta in un solo punto moltiplicandone la potenza degli effetti. B) la formica vede un sole terribilmente ingicantito e si spaventa a tal punto da autositruggersi attraverso un'inattesa autocombustione spontanea.

Per testare la validità delle teorie eseguo dei riscontri in laboratorio: metto carta al posto della formica per vedere se si incendia, oppure spavento a morte le formiche per vedere se arrostiscono....

Adesso veniamo all' ID. E' una teoria molto stravagante, non si capisce quale sia la realtà riscontrabile che si prefigge di spiegare. Vorrei sapere cosa nell'universo non risulti spiegabile senza questa teoria.....

La teoria dice che l'evoluzione è guidata intelligentemente. Izomma, dovrebbe spiegare perchè l'attuale evoluzione non risulta caotica, ma orientata in un disegno preciso. Il fatto è che l'evoluzione risulta caotica, ed i sostenitori dell'ID, o non sono ingrado di capire il disegno oppure litigano su quale sia.

L'ID è un atto di fede (si CREDE che l'evoluzione sia guidata) ed è venduto come teoria che spiega una "realtà" che non si vede.

La prima verifica per capire se una teoria ha una qualche attendibilità è osservare se questa teoria spiega qualcosa di esistente, riscontrabile, verificabile.

Una teoria che spiega qualcosa di ipotizzato può risultare indemolibile (e non è il caso dell'ID), ma sostanzialmnte inutile.

Ipotizzo che sul pianeta Zuma esistano gli alieni e poi teorizzo sul loro stato evolutivo. Nessuno potrà mai dimostrare che dico il falso, ma fintanto che il pianeta Zuma non si vede, cosa me ne faccio di questa teoria?

E comunque il tutto serve solo a costruire modelli efficienti, la realtà è solo un'ipotesi (forse anche un po' affrettata.....)

baci e abbracci
nonimportachi is offline  
Vecchio 18-03-2005, 18.25.51   #19
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Sono lusingato dai superlativi...

Ormai che siamo in ballo balliamo...

Ho un’altro quinquibus da sottoporti che è legato ad un’intervista che ho ascoltato alcuni anni or sono e che mi ha piantato un chiodo nelle rotelline della mia crapa:


Immagina di essere uno scienziato di fama mondiale,
anzi addirittura un premio Nobel,
immagina di trovarti in uno studio televisivo,
immagina di essere stato convocato per parlare non di cose banali,
immagina d’aver risposto ad ogni sorta di domandine su cosine attoscopiche,
immagina d’aver risposto ad ogni sorta di domandone su cosone, exagalattiche,
immagina che “concludendo” ti chieda: Lei crede in Dio?
Immagina a quello che avresti risposto e scivilo qui sotto...
il pensiero is offline  
Vecchio 21-03-2005, 12.02.06   #20
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Se capitasse a me, la risposta più corretta che potrei dare sarebbe: Cosa si intende per Dio?

In pratica, assumendo che per Dio si intenda un entità senziente (dotata di volonta e coscienza) cui attribuire la creazione dell'universo, risponderei di no.

In Italia, ci sono almeno due professoroni illustri che avrebbero potuto dire il contrario:

Sermonti e Zichichi

Il primo dichiara apertamente di insegnare qualcosa (la scienza) in cui non crede, sostiene che la scienza non insegni la verità, ma insegni che la verità non conta nulla..... , ha una pessima opinione del "metodo sperimentale"....

Il secondo, rifuita l'evoluzionismo per il sostanziale motivo che è in contrasto con la Fede.

Aggiungo che, un bravo scienziato, rende il suo servizio lavorando e formulando teorie secondo il metodo scientifico, non è tenuto a credere al fatto che funzioni, si può essere ottimi scienziati senza essere degli scettici.
Ho illustrato le motivazioni dei due personaggi u8nicamente per far vedere quanto questogenere di motivazioni sia in contrasto con il metodo scientifico. Il "metodo sperimentale" è per la scienza fondamentale come lo è Dio per la Bibbia; l'atto di Fede è proprio ciò da cui la scienza si guarda, non si crede finche non si vede (esperimento).
nonimportachi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it