Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 07-12-2002, 11.27.04   #11
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Ma,la mia opinione a riguardo mi sembra di averla ampiamente descritta nel post "nulla".Spinoza,Bruno,Nietzsch e sono tra i miei filosofi preferiti.Il panteismo è l'unica religione che riesco ad accettare.La trovo perfetta per quanto riguarda la concezione dell'universo e libera da morali e dogmi opprimenti.E' la religione perfetta.Anche se io oramai non parlerei più di "dio",la scienza da a quell entità nomignoli più originali e significativi...
sisrahtac is offline  
Vecchio 07-12-2002, 15.16.34   #12
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
...non parlerei più di "dio",la scienza da a quell entità nomignoli più originali e significativi...
Catharsis ha ragione,

ha sollevato una questione che mi sembra nuova.
In effetti, pur riconoscendo il Tutto in Dio, i panteisti operano una trasformazione talmente radicale nel concetto stesso di "Dio" che ogni "non panteista" potrebbe affermare che questi sono atei.

Allora io dico che si, se avere un "Dio" significa averne uno che debba essere come noi lo vogliamo... allora si, certamente un panteista é un ateo. Se invece avere un Dio significa averlo cercato sinceramente e trovato e riconosciuto come tale per quello che é prescindendo dalle nostre aspettative... allora sono atei tutti i "non panteisti". Questo perchè non credono davvero in Dio, ma in un "superuomo spirituale", un supergenitore.

Il concetto che i non panteisti hanno di sè stessi in rapporto a Dio é paragonabile ad un rapporto di lavoro dipendente... mentre un panteista si considera socio di una grande cooperativa... che enorme differenza!


ciao...

Ultima modifica di Mistico : 07-12-2002 alle ore 15.22.09.
Mistico is offline  
Vecchio 07-12-2002, 15.30.39   #13
Ygramul
Anima Antica
 
L'avatar di Ygramul
 
Data registrazione: 22-07-2002
Messaggi: 423
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mistico

Catharsis ha ragione,

ha sollevato una questione che mi sembra nuova.
In effetti, pur riconoscendo il Tutto in Dio, i panteisti operano una trasformazione talmente radicale nel concetto stesso di "Dio" che ogni "non panteista" potrebbe affermare che questi sono atei.

Allora io dico che si, se avere un "Dio" significa averne uno che debba essere come noi lo vogliamo... allora si, certamente un panteista é un ateo. Se invece avere un Dio significa averlo cercato sinceramente e trovato e riconosciuto come tale per quello che é prescindendo dalle nostre aspettative... allora sono atei tutti i "non panteisti". Questo perchè non credono davvero in Dio, ma in un "superuomo spirituale", un supergenitore.

Il concetto che i non panteisti hanno di sè stessi in rapporto a Dio é paragonabile ad un rapporto di lavoro dipendente... mentre un panteista si considera socio di una grande cooperativa... che enorme differenza!


ciao...

Ho letto molto spesso, e sempre volentieri, quello che scrivi. Ora vorrei farti alcune domande a proposito del tuo modo di vivere la spiritualità: quando dici di essere un "panteista", puoi spiegarmi meglio cosa intendi? Te lo chiedo perchè mi ritrovo molto nel modo in cui descrivi la tua visione di Dio e della spiritualità, ma non ho mai saputo dare un nome a questo modo. Te lo voglio chiedere in pubblico perchè può essere che non sia la sola interessata ad approfondire questo... Se per caso hai anche qualche riferimento bibliografico per me che sono abbastanza mal preparata in quest'aspetto della spiritualità, ti sarei grata se volessi citarlo, così come se tu dovessi avere qualcosa di scritto tuo, ti chiedo di allegarlo ad un tuo post, così che si possa attingere....
Scusa se ti sto chiedendo troppo, ma sono una persona curiosissima e molto assetata.
Grazie
Ygramul is offline  
Vecchio 07-12-2002, 17.15.08   #14
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
per Ygramul

Cara Ygramul,

ti ringrazio per la considerazione, ma credo di interpretare il parere del nostro Webmaster, Ivo: penso che non sia giusto usare il forum per dilungarsi in monografie personali.
Questo non ci impedisce, però, di leggerci via e-mail, ...ti manderò un messaggio privato.

Sinteticamente, il panteismo in sè, comune a tanti di noi iscritti a questo forum, si ferma all'individuazione del concetto di "Dio", concetto assolutamente differente da quello, per esempio, cristiano. Io mi definisco "post-panteista" o "panteista mistico consapevole" o ancora "panteista della seconda fase della Ricerca"... ma sono tutti artifici, perchè non esiste un nome attribuibile alla religione che matura in qualcuno che prosegue il panteismo, non perchè nessuno abbia ancora dato quel nome, ma perchè ogni cercatore di Dio, in sintonia con lo scopo stesso di Dio, trova percorsi, vie e aspetti differenti da quelli trovati da ogni altro... ne conseguono maturazioni individuali diverse e tutte sacrosantemente Vere, perfino se apparentemente in antitesi tra loro! Impossibile, perciò, dare un unico nome a queste innumerevoli religioni.

Firenze, Rolando, Irene, Catharsis... e forse ancora qualcun altro quì, oltre me, sono tutti panteisti o post-panteisti... e tu avrai notato che ci si "becca" spesso tra noi

Una cosa ci tengo a dirti, come l'ho già detta in qualche altro mio passaggio altrove, non si matura la propria religione grazie a testi o guide spirituali... rischieresti solo di incappare in indottrinamenti. Mentre speri di attingere a qualcosa che ti apra la mente alla comprensione, il più delle volte vieni "riprogrammata" da un percorso mentale che, al contrario delle tue speranze, invece di aprirti la mente la chiude focalizzandola in una diversa "filosofia" bella e pronta da digerire. No, non é così che potrai trovare quel Credo che non abandonerai più. Quello che ti serve sono semplici basi, un solo punto di partenza e poi... dovrai correre da sola, la via, sotto di te, ti darà tutta la forza che ti servirà per andare fino in fondo, ma non fermarti mai a chiedere conferme, non esistono "cartine stradali" per la via che tu stessa creerai. Dio é, mentre ognuno di noi ne vede solo un aspetto dal proprio punto di vista. Io e te possiamo essere molto "vicini" eppure non vedremo mai esattamente la stessa cosa. Ci basti guardare dalla stessa parte, giacchè chi non provviene dal panteismo guarda in cielo e sogna. Se però tu sarai panteista, allora non guarderai più, tu "sentirai", "avvertirai" in te il Dio che é ovunque, e ne condividerai la Coscienza e la responsabilità, in tutto quel che farai. Devi solo avere il coraggio di accettare Tutto per quel che é.


ciao...
Mistico is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it