Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.


Vecchio 14-12-2006, 06.27.34   #1
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Post teonomasiologia

Teonomasiologia è 'studio comparato dei nomi degli dèi'. Una cosa nuova. Ne parlo da lunedì in pagina generale di questo sito Riflessioni Teonomasiologia
In che cosa sta la novità?
Sembra ancora incredibile, a me, dopo otto anni -che compirò a fine 2006- passati a riflettere a tempo pieno sulla parola Antares, che nessuno se ne sia ancora accorto: Antares era il nome di un dio ed i nomi degli dèi stanno alle parole comuni come i baobab stanno all'insalata. Sono vegetali entrambi, ma quanti raccolti di insalata può vedere un baobab nella sua vita?
La novità è tutta qua. Le conseguenze sono plurime: bisogna usare questi baobab speciali per studiare le cose antiche.

Una seconda riflessione è specificamente sociologica. Il pensiero umano non è libero di muoversi a 360 gradi, ma tende a ripercorrere le stesse strade; come un cinghiale apre un sentiero nel folto del sottobosco e poi gli altri cinghiali lo ripercorrono così fa il pensiero umano. Un esempio: Virgilio viene studiato a scuola da 2000 anni ed insegnato come poeta romano. Era un sacerdote etrusco, consapevole di esserlo, capace di scrivere col rispetto per i Romani vincitori ma, contemporaneamente, col rispetto al suo dio, Saturno, massima divinità etrusca. Chiamo ideologia quella cosa che fa ripetere come vera la falsità 'Virgilio romano'.
L'ideologia, come ci ha insegnato Karl Mannehim, non è solo un punto di vista parziale e falso della realtà che muove il pensiero politico. E' anche una forma mentis che permea il ricercatore 'scientifico' nei fatti umani.
In questa società italiana la sociologia non ha libero diritto di circolazione dal 1968, quando ha cozzato contro il pensiero dominante ed ha perduto. Questo è il fatto politico [conseguenze? A Parigi una libreria è piena di libri di sociologia, in Italia è quasi vuota] . La sociologia della protostoria non è ancora in rubrica perchè nessuno ha ancora osservato i nomi degli dèi come microsocietà antiche sopravvissute perchè parole plurimillenarie. ISH TAR ha più di 4000 anni; AN TAR ISH è un fossile di ISH TAR che perdura viva nella parola isterismo.
Carlo Forin is offline  
Vecchio 15-12-2006, 12.41.35   #2
giorgiol
Ospite
 
Data registrazione: 15-12-2006
Messaggi: 9
Riferimento: teonomasiologia

eccoci qua caro Carlo,dopo qualche anno ,di nuovo in un forum speriamo che questo "forum" si allarghi sempre di piu',se tu fossi in possesso di recapiti dei vecchi frequentatori ,potresti ricontattarli,ma l'avrai gia' fatto.

Sono d'accordo su quello che dici nel messaggio introduttivo,ahime' gli "studiosi" non si accorgono purtroppo di molte altre cose nell'ambito archeologico e, se ne avro' la possibilita', mi piacerebbe parlare anche di argomenti pressoche' abbandonati dai ricercatori,archeologi,studios i ufficiali,per fortuna non tutti,e a questi ultimi che vorrei aggrapparmi e cercare insieme a loro di dare qualche risposta a monumenti,opere,luoghi,argomen ti,volutamente o no accantonati forse perche' destabilizzanti del pensiero ideologico dominante,l'obbiettivo sarebbe quello di poter scardinare questo pensiero imperante,nel nostro piccolo,dando una mano a Carlo che con la sua Teonomasiologia lo fa da anni e anche se la lotta e' impari bisogna continuare su questa strada e ,possibilmente trovarne altre

un saluto
Giorgio
giorgiol is offline  
Vecchio 17-12-2006, 15.41.20   #3
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: teonomasiologia

Sai, Giorgio, in queste 'riflessioni' vorrei che armonizzassimo assieme il modo per esprimere e riconoscere idee condivise.
Sembra banale ed è tuttaltro che banale.
Ognuno di noi è un prisma complesso, dove entrano stimoli polisensi che rimbalzano dentro rifrangendosi; ciò che esce può influire nel prisma di un altro in modo imprevedibile. Solo il confronto attento riesce ad accordare i nostri prismi.
Io ho fatto qualche passo in avanti verso una espressione migliore, ma l'armonia con gli altri è ancora un miraggio.
Carlo Forin is offline  
Vecchio 20-12-2006, 07.50.50   #4
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: teonomasiologia

Il primo vocabolo latino che il dizionario Calonghi dà per riflessione è repercussio, che possiamo tradurre in italiano col più aderente 'ripercussione'.
Ad una parola data come percussione duplica un'altra come ripercussione.

La mia passione è l'etimologia che sviluppo come onomasiologia, cioè come comparazione di tutti i termini dello stesso significato di un termine dato come percussore.
Ho scritto nell'area di discussione -8- dei forum di Riflessioni, quella postergata finale dove si riflette sulle pagine del sito, che la riflessione nella mente di ognuno di noi è un po' come l'effetto di un raggio di luce in un prisma dove l'input si ripercuote con un effetto poliedrico - Riflessione.
Linguisticamente accade che l'input -parola percussore- è una carota temporale polisemica e la ripercussione richiama altre parole polisemiche, più o meno sinonimi della prima che il sema, cioè il significato portato da ogni parola, dilata come la luce del sole genera l'arcobaleno tra le gocce di pioggia.

La parola TEONOMASIOLOGIA è nuova e di per sè non genera nessuna ripercussione. Mette il lettore nella condizione di dover documentarsi e, magari, lo perde nei meandri delle novità connesse.

Perciò ne propongo un'altra: MENTE.
Mente, italiana, viene da 'mente' latina, ablativo di mens, mentis.
'Mente' latina viene, secondo me, da MEN TE sumera, lettura di TE MEN.
Temen, in greco, è 'pietra angolare di un tempio' il luogo dove il dio (< deus < TE US) manifesta se stesso come TE MEN che riflette MEN TE.
Questa è la 'mia' prima riflessione importante.
Che cosa ne pensate?
Carlo Forin is offline  
Vecchio 02-01-2007, 16.58.26   #5
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Riferimento: teonomasiologia

Sai che Antares è stato a lungo il mio nome su internet? Io sono uno scorpione, e quella stella mia ha sempre creato curiosità. Solo ora leggo dei tuoi studi, molto interessante!
sisrahtac is offline  
Vecchio 02-01-2007, 17.08.13   #6
sisrahtac
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 04-11-2002
Messaggi: 2,110
Riferimento: teonomasiologia

Tant'è che usavo come avatar una stella + uno scorpione

No, veramente, io ho passato l'intera estate a scervellarmi su questo simbolo, senza saperne il perchè provavo una fortissima ossessione nei suoi confronti, ed ora tu mi dici che ci sono studi su studi su quella stella che mi ha tirato pazzo? Io sono sconcertato.

A ulteriore conferma del mio interesse linko due pagine del mio blog: 1 e 2..

Ultima modifica di sisrahtac : 02-01-2007 alle ore 17.23.06.
sisrahtac is offline  
Vecchio 03-01-2007, 06.55.14   #7
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: teonomasiologia

Caro Catharsis,
sai che ti avevo preso per una donna, tanto mi sei apparso geniale?
AN TAR ISH è maschio-femmina. Forse il tuo interesse anteriore si spiega con la genialità che è nel nome.
Carlo Forin is offline  
Vecchio 03-01-2007, 08.52.03   #8
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: teonomasiologia

Caro Catharsis,
ho mandato ad Ivo il mio inedito Apuleio gnostico, un'idea che mi è venuta leggendoti.
Traggo dal tuo aforisma -perdonate le mie inadeguatezze, io perdonerò le vostre- uno stimolo a riflettere insieme. E' stato scelto molto bene per una riflessione in Internet, un sistema di comunicazione che suscita subito reazioni di rigetto, di critica, prima che adattamenti di comprensione e di dialogo.
Ho notato che sai ascoltare. Io sto ancora imparando ad ascoltare in Internet.
Ho ascoltato molto leggendo, dotato della TO, teonomasiologia. Mi è capitato di leggere libri e libri per ricavarne una sola parola utile. Utile per che cosa?
Per scegliere i pezzi pregiati, quelle parole rimaste intatte nei millenni, i nomi degli dèi, appunto.
Perchè tanto interesse?
Perchè il passare del tempo muta le idee degli uomini, ma lascia intatti i nomi degli dèi. Sono queste parole speciali, capaci di farci vedere il pensiero antico com'era prima dell'alterazione del tempo.
In questa ricerca cominciavo a dubitare di riuscir a convincere i miei contemporanei che si può usare la TO come telescopio temporale capace di correggere l'ideologia ( = alterazione del tempo) quando il teonimo Saturno mi ha mostrato il genio di Virgilio, Maro, ovvero MA RU, sacerdote etrusco, capace di scrivere per i Romani, capace di sfotterli e rimanere nella memoria collettiva come 'poeta romano'. Che ingegno meraviglioso! (leggi www.tellusfolio.it /critica della cultura / viaggi, da maggio 2006.
Sono stato al convegno di Pinerolo dell'ottobre 2003 a raccontare "L'orientamento sumero del Cielo di Virgilio". Il mio amico Beppe Brunod, un iconologo -dico io- ma lui non vuole così, mi ha scritto giorni fa che ha ricevuto lui il compito di curare gli Atti. E mi ha passato stamattina il nome di un sito (atopon) che indagherò perchè sembra che esalti il mio maestro, Giovanni Semerano. Un linguista con i fiocchi!
Con lui ho intrattenuto una corrispondenza, dalla quale ho capito che lui è un onomasiologo, uno studioso dei nomi in tutte le lingue -questo è l'argomento dl suo capolavoro "Le origini della cultura europea"- mentre io sono un teonomasiologo. Lui mi sciveva che sono più bravo di lui in questo. Ovvero, lui ha esplorato l'oceano di tutte le parole per confrontarle con l'accadico. Io esploro il mare dei nomi degli dèi per confrontare il sumero-accado con il latino, e, lateralmente, con altre lingue.
Il filo esatto, secondo me, è:
sumero/accado > latino (e altre lingue europee) > italiano.
La parola più pregiata? ME > me > me.
Sospendo per non tediare.
Carlo Forin is offline  
Vecchio 03-01-2007, 17.14.48   #9
giorgiol
Ospite
 
Data registrazione: 15-12-2006
Messaggi: 9
Riferimento: teonomasiologia

Volevo riassumere in due parole il messaggio che e' andato perso ieri
a proposito di men-te temennu

temennu e' la pietra angolare dei templi babilonesi,retaggio probabilmente sumero,ho scoperto che era anche,per i babilonesi, la stella alcyone,la piu'importante delle sette sorelle pleiadi,dette le amanti di venere(Ishtar) nella costellazione del toro,il 7 era simbolo di vita eterna per gli egizi e anche il numero del pianeta saturno che per gli egizi era ptah dio creatore,seminatore,7 e' il cubo simbolo saturnino rappresentante dell'apsu
l'abisso di acqua dolce contrapposto a tiamat oceano di acqua salata.

tutto questo mi e' venuto in men-te su temennu per dire come dei ,pianeti ,numeri colleghino le varie civilta',in questo caso la sumera-egizia-babilonese-etusca-latina
giorgiol is offline  
Vecchio 04-01-2007, 09.46.54   #10
Carlo Forin
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: teonomasiologia

Bravo Giorgio!
La tua insistenza telematica si è combinata con la mia insistenza nelle altre aree, che è arrivata fino ad esondare -secondo il webmaster- cioè a rompere i confini dell'ordine di questo splendido sito, Riflessioni.
Nessuna idea di caos, KA US, anima fine, o apsu (abisso originario espresso in accado, sumero AB ZU), solo interesse fortissimo ad una riflessione emmeles, armoniosa -in latino.
Temennu, come tu scrivi, è l'espressione accadica conservata dal babilonese.
E' la pietra angolare dalla quale possiamo partire. All'archeologia del linguaggio interessa il significante di questa pietra. In greco è anche temen, ed era posta alla base della costruzione di un tempio. Rappresentava la 'prova' che il dio là si era manifestato-si manifestava. Gli antichi erano idolatri, ma non erano affatto stupidi. Ritenevano che l'Aldilà, gli dèi erano extratempo. Dunque un idolo poteva rimanere immobile, ma essere rappresentazione vera del dio extratempo che veniva visto fermo dagli uomini nel tempo. Avremo modo di ritornare sull'assurdo come AB SU ordo = AB ZU UR DU, sull'ordine originario che è assurdo/confusione nel nostro ordine mentale.
Una scrittura sumera TE MEN stava nell'ordine AB ZU e veniva letta riflessa nell'ordine di questo mondo come MEN TE, 'mente' in latino. Questa è anche la differenza della lettura accada temen su TEMEN e sumera, mente su TE MEN. La dialisi di MEN dà ME EN, TE è la terza sillaba della triade fondamentale: ME EN TE. NU è di per sè difficilissima ed isolata da UNU, Uno. Il nostro uno è per noi il punto di partenza del conteggio, mentre per loro era il numero due. Anche qua bisognerà ritornare. L'Uno, Dio in teologia, è l'Ente, Colui che è senza bisogno di ricevere la propria esistenza da un altro.
Il numero 7 parte come importanza dai Sumeri perchè corrispondeva al numero di dèi dotati del ME, cioè del potere di creare: il ME era la parola divina, il Verbo, in ebraico il davàr, il potere creativo di dar nome a tutti i nomi. In italiano nome sillaba no-me, ovvero NU ME. Salto il passaggio latino nomine (abl.) inutilmente complicato (< NU ENIM). TE ME SHUP hurrita è la radice di tempus latina. TI ME accada è il time, tempo in inglese.
Fai benissimo a citare l'egizio Ptah, dio creatore. Si vede che la corrispondenza nostra pluriannuale ci armonizza. Antares, in egizio è
AN PTAH RESH, dove la divinità Ptah, con un occhio solo, è il TAR sumero.
L'occhio mancante è la notte, che nelle 24 ore è il tempo in cui non si vede, AT AR, non luogo del Sole, mentre l'occhio presente è il dì, il giorno solare, TA RA, luogo del Sole.
Mi fermo qua per non far arrabbiare per noia.
Carlo Forin is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it