Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità.
Vecchio 12-03-2007, 21.42.35   #11
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

ciao, così per ricordare....ma ben altro che una lotta armata, promossa da .strumentalizzazione...illusion e...pote ri occulti.
nel 68 a Roma c'era lotta di classe......qualche canna e tanta speranza!!!
fallible is offline  
Vecchio 18-03-2007, 22.30.19   #12
Rasputin
Evoliano
 
L'avatar di Rasputin
 
Data registrazione: 19-02-2007
Messaggi: 37
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

la verità è che la maggior parte dei ragazzi, i miei coetanei - io ho 20 anni - quando sentono la parola "rivoluzione" non capiscono più un *****...la rivoluzione è un falso mito creato dalla sinistra più becera, la rivoluzione fine a stessa, senza pensare "ma cosa facciamo dopo?"...il sessantotto poteva essere una gran cosa, invece ha prodotto poco di buono...
Rasputin is offline  
Vecchio 19-03-2007, 09.07.41   #13
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da Rasputin
la verità è che la maggior parte dei ragazzi, i miei coetanei - io ho 20 anni - quando sentono la parola "rivoluzione" non capiscono più un *****...la rivoluzione è un falso mito creato dalla sinistra più becera, la rivoluzione fine a stessa, senza pensare "ma cosa facciamo dopo?"...il sessantotto poteva essere una gran cosa, invece ha prodotto poco di buono...

Non credo sia così, per lo meno, non sempre.

Guardiamo un attimo gli anni 50: i giovani si ribellarono, lottarono contro il perbenismo, l'ipocrisia, il conformismo della società a cominciare dalla famiglia.

James Dean, protagonista del film "Gioventù bruciata" è ancora un mito. e rappresenta proprio quel tipo di ribellione, di rabbia verso una società falsamente puritana.

Alla fine degli anni 60 c'era l'ennesima guerra ingiustificata che l'America combatteva in Vietnam ed ecco i giovani si ribellano e nasce un movimento di pace che investe anche l'Europa.

Perché non riuscì a durare? Forse questo dovremmo chiederci.

Parlando del nostro tempo, mi sembra che le rivoluzioni si facciano negli stadi o ci si mascheri da superman (v. Forza nuova) e accosterei questo al triste fenomeno del bullismo nelle scuole.

Forse il degrado è arrivato persino nelle rivoluzioni?
Patri15 is offline  
Vecchio 20-03-2007, 06.54.36   #14
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Perché non riuscì a durare? Forse questo dovremmo chiederci.

..forse semplicemente perche la maggioranza dell'umanita in qualsiasi epoca e in qualsiasi societa e' piu contenta di sentirsi conforme alle idee degli altri anziche usare le proprie ed e' per questo che le rivoluzioni finiscono poi con un nulla di fatto,automaticamente si rigenera un nuovo modello e un nuovo sistema germogliato appunto dal conformismo dei piu
acquario69 is offline  
Vecchio 07-04-2007, 09.42.32   #15
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
Salve e buona sera!
ad 83 (se l'anno di nascita sei coetaneo di mio figlio) un suggerimento...né per la patria né per se stessi (da soli non si va lontano) ma per migliorare il quotidiano, la rivoluzione violenta non funziona ma il progredire aiuta
ad 69 credo che le cause siano tutte quelle da te riportate ma soprattutto, seguendo il pensiero di Marx (processo materialistico della storia), non si sono verificate le condizioni storiche per , fortunatamente (sarebbe stato un gran casino), una rivoluzione violenta; nonostante tutto, la botte che abbiamo preso per poter dire la "nostra" sono servite per smuovere le acque stagnanti in cui eravamo immersi
claudio


ti ringrazio per il suggerimento,ma quello che volevo dire è che si pensa sempre al futuro,a progedire ecc...ecc.. e secondo me è sbagliato,perchè bisognerebbe tornare a vivere alla giornata,perchè questo modo di pensare che c'è adesso ci ha portato all'autodistruzione!perchè non ce ne rendiamo conto?l'inquinamento ci distruggerà se continuiamo così...
dany83 is offline  
Vecchio 09-04-2007, 01.17.48   #16
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
ti ringrazio per il suggerimento,ma quello che volevo dire è che si pensa sempre al futuro,a progedire ecc...ecc.. e secondo me è sbagliato,perchè bisognerebbe tornare a vivere alla giornata,perchè questo modo di pensare che c'è adesso ci ha portato all'autodistruzione!perchè non ce ne rendiamo conto?l'inquinamento ci distruggerà se continuiamo così...

Cosa c'è nella tua mente per "continuare a vivere alla giornata"?...
Vivere senza pensare ... o cosa?...

L'argomento mi interessa molto, perché io condivido con Asimov (lo scienziato noto per i suoi libri di fantascienza ed i profondi saggi) che la tecnologia non può essere affrontata se non con altra tecnologia... o la distruzione totale!
Lucio Musto is offline  
Vecchio 09-04-2007, 17.34.10   #17
Rasputin
Evoliano
 
L'avatar di Rasputin
 
Data registrazione: 19-02-2007
Messaggi: 37
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

mah, io sono contro il 68, per me è stato la consacrazione dei falsi valori che dominano la società di oggi, è stato il trampolino di lancio per la borghesia pseudorivoluzionaria...è stato il momento in cui anche i più stupidi e superficiali hanno avuto definitivamente la possibilità di far parte della vita politica ed essere determinanti, il fenomeno che ha rivendicato i diritti di chiunque, portando la nostra società sull'orlo dell'anarchia...
Rasputin is offline  
Vecchio 09-04-2007, 19.47.26   #18
Patri15
Frequentatrice abituale
 
L'avatar di Patri15
 
Data registrazione: 06-08-2005
Messaggi: 822
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da Rasputin
mah, io sono contro il 68, per me è stato la consacrazione dei falsi valori che dominano la società di oggi, è stato il trampolino di lancio per la borghesia pseudorivoluzionaria...è stato il momento in cui anche i più stupidi e superficiali hanno avuto definitivamente la possibilità di far parte della vita politica ed essere determinanti, il fenomeno che ha rivendicato i diritti di chiunque, portando la nostra società sull'orlo dell'anarchia...

No so, parlare di valori e di falsi valori è difficile perché relativo.

Valore sembra designare come termine, un assoluto: ma il valore che si dà a qualcosa, ad un'idea, ad una situazione, cambia spesso con il tempo e con il cambiare delle situazioni.

Secondo me fu una rivoluzione: l'Italia in quegli anni fu attraversata da una ondata anomala di violenza. Nato come un movimento pacificista - i figli dei fiori - si trasformò in poco tempo in un delirio.

Murales, scritte con dentro dei nomi e accanto le parole "vive", "lotta insieme a noi" sono le lapidi di decine di giovani ammazzati a 20, a 16, a 18 anni.

C'erano essenzialmente due schieramenti. i rossi e i neri - comunisti e anarchici contro gli appartenenti al Movimento sociale italiano MSI che allora non era fuori legge.

L'Italia sembrerebbe cambiata, non in maniera più civile: direi che siamo abulici, addormentati.

Con questo non vorrei tornare indietro, quando ragazzi giravano armati e freddavano un loro coetaneo con un colpo di pistola - perché di opinione politica diversa.

Ma, nel nostro ebete sopravvivere, si respira ancora la violenza, la violenza degli stadi, quella sulle strade, il fenomeno come quello del bullismo che continua ad uccidere, costringendo al suicidio.

Finiranno mai gli anni di piombo?
Patri15 is offline  
Vecchio 09-04-2007, 20.28.22   #19
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da Rudello
Cosa c'è nella tua mente per "continuare a vivere alla giornata"?...
Vivere senza pensare ... o cosa?...

L'argomento mi interessa molto, perché io condivido con Asimov (lo scienziato noto per i suoi libri di fantascienza ed i profondi saggi) che la tecnologia non può essere affrontata se non con altra tecnologia... o la distruzione totale!

no,io non ho detto "continuare a vivere alla giornata",io ho detto "tornare a vivere alla giornata",come usava fare molti secoli fa.Questa mentalità di adesso,così frenetica ci ha portato all'autodistruzione!il pianeta è in grosso pericolo per colpa di noi esseri umani,specialmente degli occidentali,che pensano solo ad arricchirsi con qualsiasi mezzo!questo non è comunismo,attenzione,questa è giustizia!questo lo dico per il bene dell'umanità...
dany83 is offline  
Vecchio 16-04-2007, 00.47.49   #20
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: 1968: un'eredità dura da sopportare!!

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
no,io non ho detto "continuare a vivere alla giornata",io ho detto "tornare a vivere alla giornata",come usava fare molti secoli fa.Questa mentalità di adesso,così frenetica ci ha portato all'autodistruzione!il pianeta è in grosso pericolo per colpa di noi esseri umani,specialmente degli occidentali,che pensano solo ad arricchirsi con qualsiasi mezzo!questo non è comunismo,attenzione,questa è giustizia!questo lo dico per il bene dell'umanità...


Scusa mi sono sbagliato nello scrivere. "Tornare" sissignore, intendevo quello... e quanti secoli fa? o meglio: più che in termini di secoli, secondo te a quale stadio del nostro pernicioso processo evolutivo avremmo dovuto ( e potuto) fermarci?...

Io penso sempre a quel vecchio adagio:

"Stavamo felici a spidocchiarci fra i rami del Baobab, quando il più fesso di noi disse: ora scendo e mi faccio uomo!"

Sembra una facezia, ma non lo è. E' la maledizione delle maledizioni. La tecnologia!
Lucio Musto is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it