Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

La Riflessione   Indice

 

Islam e ragione

di Nomask Cesarscoin

per Riflessioni.it - gennaio 2006

  • Capitolo 04 - Controllo della Moralità

CAPITOLI
01 Le Credenziali
02 Corruzione Nauseante
03 Amputare le Mani al Ladro
04 Controllo della Moralità
05 Guardie di Allah
06 Fiutare la Satanicità
07 Ricercare la Verità
08 Smascherare le Truffe
09 Allah Imbecca la Ragione

10 La coscienza Controlla le Azioni
11 Un Angelo accanto ad ogni Cervello
12 Lo Spirito dei Libri Sacri
13 Eretici e Ortodossi
14 La Verità Scolpita nei Cuori
15 L’Uomo è Nano
16 Inutili Stragi
17 Equilibrare le Tendenze
18 Credere
19 Due “Capricci” di Gesù



Gli inosservanti dell'Islam sono condannati all'inferno. E' parola di Allah per bocca di Maometto o gli altri profeti.
Questo pensiero è vero. E' conclusione logica di ragionamenti elementari. Lo dicono Maometto come gli altri veri profeti prima di lui che sono tutti illuminati, sinceri, convincenti nei loro discorsi alla gente. Essi parlano di cose ovvie, nel tempo, a qualsiasi mente analfabeta, ma sana psichicamente. Chi non accetta una condotta tanto giusta e semplice è un individuo cattivo e infernale. Perciò è spedito a casa sua, all'inferno. Allo stesso tempo chi si attiene al buon senso del Corano è di una bontà celeste e perciò viene lanciato in paradiso.
Dunque è ragionevole, in mezzo alla vita scandalosa dei politeisti e della poco esemplare condotta dei cristiani con i quali Maometto è in stretto contatto, concludere che Allah è uno e non genera dei; che Maometto è infallibile avendo parlato di cose evidenti, esatte; che esistono gli angeli di cui ne parla la Bibbia; che la Bibbia è infallibile in molte parti come dimostra tanta saggezza ebraica e cristiana; che c'è un giudizio finale per dimostrare apertamente il merito e il demerito della gente; che Allah sa tutto e perciò predestina ogni cosa e ogni uomo.
Quest'ultimo punto di fede si presta ad obiezioni facili adesso. Ma in quel tempo è ovvio. E' scientifico. E' rivelato. E' parola di Dio o di Allah.
Alcuni antichi ancora non sanno fare questo ragionamento: "Se Allah decide il destino di ognuno e niente può alterarlo, come può l'uomo essere libero di fare quello che vuole? L'uomo che può fare quello che vuole non viene incanalato in un binario fisso. Se l'uomo viene robotizzato non può fare quello che vuole. Perciò non pecca e non deve essere punito. Altrimenti il Dio biblico e Allah coranico non sarebbero migliori del Fato greco che tragicamente per esempio trucida Edipo Re, d'altronde un re giusto e buono. La fatalità, il destino inevitabile è imperdonabilmente blasfemo, se non è vero. Se la fatalità è vera, Allah è un tiranno spietato. E l'uomo è un ipocrita, se definisce Allah misericordioso. O è fatale anche l'ipocrisia, l'adulazione, la menzogna? Se tutto ciò fosse vero, Allah si comporterebbe come l'uomo che, quando un macchinario non funziona e non riesce a ripararlo, lo prende prima a calci e poi lo distrugge. Allah è peggiore dell'uomo, che non si costruisce apposta un macchinario difettoso. Allah stabilisce di creare l'uomo di proposito squilibrato per poi poterlo punire "giustamente" se non funziona. E' tanto crudele Allah? O è tanto blasfemo il teologo? O forse Allah conosce tutti i movimenti dell'uomo e l'uomo veramente intelligente fa quello che vuole, decidendo di fare la volontà di Dio che è l'unica scelta benefica e intelligente o scegliendo di fare stupidità a danno proprio e della società.
This is the rub.
Dunque questo ragionamento sembra superiore all'acutezza dialettica di quella gente, ancora poco allenata ai sofismi o ai bizantinismi o ai cavilli. I secoli posteriori, specialmente cristiani, sono insuperabili nel cavillare. Per esempio Dio - non Allah - impiega due mezzi per aiutare l'uomo ad essere onesto e ad andare in paradiso dopo la morte. Dio ad alcuni dà la grazia efficace e agli altri dà la grazia sufficiente. (A proposito i teologi fondano l'esistenza della grazia efficace e della grazia sufficiente sulla Bibbia. I buoni teologi basano tutto sulla Bibbia anche la convenienza di crocifiggere Gesù e poi di bruciare gli eretici. Gli "eretici" protestanti poi hanno maneggiato la Bibbia con agilità e abilità contro gli "ortodossi" cattolici e altri protestanti dissenzienti. La Bibbia è strumento onniuso come dice anche la Bibbia: S. Paolo).
Ora la grazia efficace di Dio produce senz'altro la salvezza e la grazia sufficiente senz'altro non basta a mandare in paradiso. (Sembrano le valutazioni delle scuole medie inferiori italiane. Il sufficiente è insufficientissimo per affrontare decentemente le scuole superiori. Solo l'ottimo dà una certa garanzia di accesso confortevole). Gli intelligenti cristiani pregano con fervore di liberarli dalla grazia sufficiente, perché per definizione non basta a salvarli dall'inferno. Ma Dio si sente tranquillo. Egli dà la grazia sufficiente che in pratica usa come pretesto per scagliare al fuoco eterno senza rimorsi di coscienza. Assomiglia tutto alle statistiche che distribuiscono un pollo al giorno per persona. Ma uno ne mangia due e uno non ne mangia nessuno e muore di fame senza attenuanti.
Dio ai suoi amichetti e amichette distribuisce tanta grazia efficace che non possono andare all'inferno neppure se lo vogliono satanicamente. Agli altri dà solo un sufficiente surrogato pessimo e molto scarso.
E' come scarcerare gli ergastolani oggi da parte dei giudici italiani. La condanna non è valida, se le carte sono timbrate con un timbro scaduto. La legge ordina di sostituire il timbro vecchio con un timbro con diverso disegno e materiale. Qualche innocente in carcere ci resta, se tutto è regolare. La forma è importante e la sostanza non ha valore. L'indispensabile per star bene in salute è bere in tazzine pregiate e senza nessun difetto. Non importa se poi si beve veleno o un sorso di latte. Quel tipo di tazzine contengono cose sane per principio. Ciò è sufficiente. Così l'assassino esce in libertà e può andare a vendicarsi serenamente anche di quelli che, con la loro testimonianza, lo fanno condannare per impedirgli di fare altri crimini. Ora gli è lecito uccidere quelli programmati prima del carcere e i testimoni che dicono la verità contro di lui.
Un altro elemento di saggezza fa onore a Maometto. Maometto dichiara il Corano valido e obbligatorio solo per i musulmani. Chi non lo compie merita l'inferno. Se i cristiani e gli ebrei non l'accettano sono perdonabili. Essi non ne capiscono la superiorità nei confronti della Bibbia e dei Vangeli. Comunque se si accontentano buon pro gli faccia. Dopotutto chi s'accontenta gode.

 

.: capitolo precedente   .: capitolo successivo


Cerca nel sito


Utenti connessi

seguici su facebook



Iscriviti alla Newsletter mensile

Iscriviti alla NEWSLETTER

Riceverai Gratis la Newsletter mensile

con gli aggiornamenti di Riflessioni.it

Un solo invio al mese

IN TUTTE LE LIBRERIE

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA

Ivo Nardi ha posto dieci domande esistenziali a più di cento personaggi della cultura, una preziosa raccolta di riflessioni che mettono in luce le prospettive della società contemporanea.

L’intento è quello di offrirti più punti di vista possibili sul senso della vita, così da aiutarti in maniera più obiettiva davanti alle circostanze della tua esistenza. Approfondisci


Leggi l’introduzione
e scarica gratuitamente l'eBook contenente gli aforismi tratti dalle risposte.

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...