Home Page Riflessioni.it

Riflessioni celebri - Aforismi

pagina 4/5 - aforismi precedenti - aforismi successivi

 

 

Sulle ginocchia dei genitori eri un neonato che piangeva, mentre tutti intorno a te sorridevano.

Vivi, dunque, affinché scivolando nel tuo ultimo lungo sonno, tu possa sorridere mentre tutti intorno a te piangeranno.
Hafiz (1325 ca.-1389 ca.)

 

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli

aforisma Martin Luther King (1929 - 1968)

 

Ciò che è in basso è come ciò che è in alto, e ciò che è in alto è come ciò che è in basso, per compiere i miracoli della Cosa-Una (di una cosa sola).
Ermete Trismegisto

 

Se dovessi pensare all'uomo come l'immagine di Dio, non saprei che cosa pensare di Dio...

Konrad Lorenz (1903-1989)

 

Non è tanto importante quello che ci accade, quanto il modo con cui vi reagiamo.
Hans Selye (1907-1982)

 

Tutto il mondo intero aspira alla libertà, tuttavia ciascuna creatura è innamorata delle proprie catene.

Tale è il primo paradosso ed il nodo inestricabile della nostra natura.
Aurobindo (1872-1950)

 

Se il mondo va male è perché io stesso vado male

aforisma Carl Gustav Jung (1875-1961)

 

Per quanto una persona possa essere ornata di gioielli, il cuore può tuttavia aver vinto i sensi.

La forma esteriore non costituisce la religione e non tocca la mente.
Buddha

 

La luce è più veloce del suono. Per questo motivo alcune persone sembrano brillanti fino a quando non parlano

aforisma Anonimo

 

La mia felicità consiste nel sapere che provengo dal principio, nel contemplare lo yin e lo yang, nell'osservare il succedersi delle stagioni, l'alternarsi del giorno e della notte, e nel sapere che al principio farò ritorno.

Chuang-tzu

 

Mentre discordavano sulla maniera con cui dovesse essere concepito e venerato il nume, tutte le religioni convenivano sul fatto di dover perseguitare, opprimere e distruggere quelli che erano di religione diversa, di dover vendicare con il risentimento più atroce le offese, e di nutrir un odio implacabile verso tutto il resto del genere umano
G. Ortes (1713-1790)

 

Chi disse vox populi vox Dei, o mirava ad imbrogliare le carte adulando il volgo, o aveva di Dio un'idea molto infelice

A. Gabelli (1830-1891)

 

Ma se i buoi, i cavalli e i leoni avessero le mani, o potessero disegnare con le mani, e fare opere come quelle degli uomini, raffigurerebbero gli dei, il cavallo simili ai cavalli, il bue ai buoi, e farebbero loro dei corpi come quelli che ha ciascuno di loro

Senofane (565-470 ca. a.C.)

 

Se non conosci bene te stesso, come fai a conoscere un altro?

E quando conosci te stesso, tu sei l'altro.

Nisargadatta Maharaj (1897-1982)

 

Come fiamma più cresce più contesa dal vento, ogni virtù, che il cielo esalta, tanto più splende quant'è più offesa
Michelangelo Buonarroti (1568-1646)


pagina 4/5

 

aforismi precedenti - aforismi successivi

 

I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2018

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...