Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  17° ANNO

Testi per riflettere

Testi per Riflettere

Indice

 

Siamo consapevoli delle nostre relazioni?

Introduzione a: "Il Senso di Colpa" - Quando le persone usano il ricatto morale per manipolarci di S. Forward con D. Frazier ed. Corbaccio
pagina 3/5

.: pagina precedente    .: pagina successiva

 

VEDERCI CHIARO

Prima di poter cambiare qualcosa, abbiamo bisogno di vedere con chiarezza come funziona la relazione tra noi e il ricattatore. Abbiamo bisogno di accendere la luce, e farlo ha un’importanza vitale nel porre fine a un ricatto morale perché, persino mentre stiamo cercando di far dissolvere la nebbia, il ricattatore si affannerà a crearne banchi sempre più densi intorno a noi. Negli ultimi anni le nostre conoscenze sugli stati d'animo, la psiche e le motivazioni degli esseri umani, sono diventate sempre più profonde e sofisticate, ma quando si ha a che fare con la nebbia i sensi si ottundono, e ammutoliscono quei sensori inconsci che di solito ci guidano in ogni relazione attraverso sottili intuizioni. I ricattatori sono molto abili nel mascherare la pressione alla quale ci sottopongono e, quando l’avvertiamo, tendiamo piuttosto a mettere in dubbio la nostra percezione di quello che sta accadendo, e non il comportamento del nostro avversario. Per di più, spesso esiste un’enorme differenza tra quello che oggettivamente fa un ricattatore, e il modo benigno, pieno di tenerezza, con il quale costui o costei, interpreta le proprie azioni. Di conseguenza, noi ci sentiamo confusi, disorientati e pieni di rabbia. Ma non siamo soli. Il ricatto morale assilla milioni di persone.

Attraverso questo libro, attraverso racconti anche drammatici, incontrerete persone che stanno lottando contro il ricatto morale, e che hanno trovato un modo per porvi fine. Sono storie di persone vere, con sentimenti veri e veri conflitti. Sono persone con le quali vi identificherete, uomini e donne che mostrano grande competenza, eleganza ed efficacia in molti ambiti delle loro vite, ma che sono cadute nella trappola del ricatto. Se aprite il vostro cuore, imparerete molto dalle loro esperienze. Le loro storie sono favole moderne, che possono esserci di guida e d'aiuto nel nostro viaggio personale.

 

BISOGNA ESSERE IN DUE

Nella prima metà di questo libro vi mostrerò l'esatto meccanismo del ricatto morale e vi spiegherò perché alcuni di noi sono più vulnerabili.

Spiegherò in dettaglio come funziona lo scambio interattivo fra ricattatore e ricattato e vi mostrerò che cosa vogliono entrambe le parti e come l'ottengano. Esplorerò la psiche del ricattatore, un compito che all'inizio può sembrare quasi impossibile, perché non tutti i ricattatori hanno lo stesso stile o gli stessi tratti caratteriali: alcuni sono passivi, altri piuttosto aggressivi. Alcuni sono espliciti nelle loro minacce, e altri estremamente subdoli. Alcuni ci fanno sapere quali conseguenze dovremo patire se non li soddisferemo, altri mettono in rilievo quanto li si faccia soffrire. Eppure, per quanto i ricattatori possano apparire diversi in superficie, tutti hanno in comune alcuni tratti importanti, caratteristiche che nutrono il loro comportamento da manipolatori. Vi mostrerò come i ricattatori usino la nebbia (ricordate? è composta da tre elementi: paura, senso del dovere e senso di colpa) e altri strumenti, e vi aiuterò a capire da che cosa sono mossi.

Vi mostrerò come la paura (paura della perdita, del cambiamento, di essere respinti, di perdere potere) sia lo sfondo comune sul quale si muovono tutti coloro che diventano ricattatori. Per alcuni, queste paure sono radicate in una lunga storia di vissuti d’ansia e di inadeguatezza. Per altri, può trattarsi di una risposta a stress e incertezze più recenti, che hanno minato le loro sicurezze e le loro competenze. Vi dimostrerò come il potenziale ricattatorio raggiunga i suoi vertici a mano a mano che la paura si accumula nella vita del ricattatore. E vi mostrerò come alcuni eventi scatenanti (la fine di una relazione amorosa, la perdita di un lavoro, il divorzio, il pensionamento o una malattia), possano facilmente trasformare una persona cara in un ricattatore.

Raramente le persone a noi vicine che usano il ricatto morale sono individui che si svegliano al mattino pensando: «Come posso distruggere la mia vittima?» Sono, invece, persone che vedono nel ricatto il loro biglietto d'accesso alla sicurezza e al potere. Non importa quanto appaiano sicuri di sé visti da fuori, i ricattatori agiscono spinti da un'ansia formidabile.

Ma si sentono davvero potenti, seppur per un attimo, quando schioccano le dita e noi saltiamo. Il ricatto morale diviene così il loro modo di difendersi da sentimenti per loro dolorosi e spaventosi.

 

pagina 3/5
.: pagina precedente    .: pagina successiva

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook



I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2017

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...