Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 12-10-2007, 11.02.13   #21
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
senti,capisco che te avendo capito la mia età dal mio nick pensi che io sia uno di quei bamboccioni dei quali stiamo parlando,ma purtroppo per te hai a che fare con un ragazzo che i vizi non sa neanche cosa siano e che (non avrei mai voluto dirlo,ma sono costretto)si occupa del sociale oltre a studiare,quindi la prossima volta,prima di sparare giudizi sulle persone è meglio che ci pensi un po prima...volete dare lezioni di come si vive alla gente ma poi vedo che anche voi i vostri difettucci ce li avete eccome.Ripeto,guardare in casa propria è la migliore delle soluzioni!

Caro Dany,
purtroppo per me niente, se ti occupi del sociale sono contenta per te: ne trarrai sicuramente esperienze positive.
Tra l'altro credo che se uno fa cose buone, per gli altri, debba dirle e non certo tenerle nascoste come fossero malattie contagiose. Specialmente in un forum dove non c'è nemmeno il pudore derivante dal timore di vanteria (noi non ti conosciamo, ci raccontiamo).
La mia affermazione era scherzosa e l'avevo premesso.
Peraltro, se ti interessa la mia opinione, la bamboccite prescinde dallo stato economico, per come la intendo io, è una velata forma di immaturità, che molti giovani hanno, fino anche ai 40, che in parte ho magari anche io, e che magari hai proprio anche tu.
Detto questo mi fermo, perché l'argomento mi pare esaurito, le mie sono opinioni - che mantengo come le ho espresse - ma che prescindono da te, che nella vita non conosco. Mi sembrava evidente, evidentemente non lo era.
Io sono piena di difetti e difficilmente sparo giudizi, più frequentemente esprimo opinioni.
A rileggerti
nevealsole is offline  
Vecchio 12-10-2007, 12.52.05   #22
cassiopea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 50
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
Io non sto facendo esattamente l'università,ma un corso strutturato in maniera simile e da tempo sto cercando quel lavoretto che i "signori" del governo non sono in grado di offrirmi e purtroppo non sono l'unico.
comunque a parte questo,nel mio ultimo discorso stavo parlando di quei popoli che sanno davvero che cos'è la miseria,tipo gli africani.io non so se tu sia mai stata in africa,io ci sono stato e so come vivono e in quali situazioni si trovano.Beh,con tutto il rispetto per il "problema bamboccioni" credo che al mondo ci siano dei problemi molto più importanti da risolvere rispetto a questo problema,che poi problema non è perchè come ti ho detto se vogliamo davvero fare i perbenisti dovremmo tutti quanti guardare in casa propria e rispettare gli stili di vita degli altri...


Ri-ciao..
io non me la sentirei di dire che il "problema dei bamboccioni" è un problema di poco conto...come ti dicevo, c'è gente che per studiare vive lontano da casa, con tanti disagi..ma anche con tanta voglia di fare..
dici che lo studio può essere più impegnativo di un lavoro..credimi lo capisco benissimo... e però, personalmente, il più grande esempio l'ho trovato proprio in quegli studenti che studiano e lavorano, con lavoretti vari..Paradossalmente, credimi, forse otto ore di ufficio sarebbero molto meglio che otto ore in pub, anche per la loro resa universitaria..
..Ok, fortunato chi può stare a casa, alla fine se uno ha questa possibilità non è certo da biasimare..ti dicevo che alcuni miei conoscenti hanno deciso di stare a casa anche per poter aprire delle proprie attività..
Ma non è per tutti così..e non si tratta solo del trovare "quel lavoro" che i signori del governo ti promettono..
Quando a inizio mese devi pagare un affitto...non c'è "ma" che tenga...

parli dell'Africa: no, non ci sono stata..ma conosco abbastanza bene zone povere del Sud-Est asiatico e del Medio Oriente..E ti dirò: bene occuparsi delle grandi questioni sociali..ma non per questo bisogna sottovalutare i problemi interni dell'Italia...e tra questi io ci metterei anche il diritto ad una vita dignitosa per gli studenti e i giovani lavoratori che non possono stare a casa..

Buona giornata
cassiopea is offline  
Vecchio 12-10-2007, 15.40.11   #23
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Caro Dany,
purtroppo per me niente, se ti occupi del sociale sono contenta per te: ne trarrai sicuramente esperienze positive.
Tra l'altro credo che se uno fa cose buone, per gli altri, debba dirle e non certo tenerle nascoste come fossero malattie contagiose. Specialmente in un forum dove non c'è nemmeno il pudore derivante dal timore di vanteria (noi non ti conosciamo, ci raccontiamo).
La mia affermazione era scherzosa e l'avevo premesso.
Peraltro, se ti interessa la mia opinione, la bamboccite prescinde dallo stato economico, per come la intendo io, è una velata forma di immaturità, che molti giovani hanno, fino anche ai 40, che in parte ho magari anche io, e che magari hai proprio anche tu.
Detto questo mi fermo, perché l'argomento mi pare esaurito, le mie sono opinioni - che mantengo come le ho espresse - ma che prescindono da te, che nella vita non conosco. Mi sembrava evidente, evidentemente non lo era.
Io sono piena di difetti e difficilmente sparo giudizi, più frequentemente esprimo opinioni.
A rileggerti


che la tua era una battuta non lo metto in dubbio,ma se senza conoscermi mi tratti come fossi un mantenuto e altre cose allora permetti che ti risponda,perchè sennò qua sembra che io voglia difendere i "bamboccioni" perchè anch'io faccio parte di quel gruppo.non è così,dico solamente che ci vuole rispetto perchè se non si conoscono le situazioni degli altri è meglio stare zitti...
dany83 is offline  
Vecchio 12-10-2007, 15.47.39   #24
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da cassiopea
Ri-ciao..
io non me la sentirei di dire che il "problema dei bamboccioni" è un problema di poco conto...come ti dicevo, c'è gente che per studiare vive lontano da casa, con tanti disagi..ma anche con tanta voglia di fare..
dici che lo studio può essere più impegnativo di un lavoro..credimi lo capisco benissimo... e però, personalmente, il più grande esempio l'ho trovato proprio in quegli studenti che studiano e lavorano, con lavoretti vari..Paradossalmente, credimi, forse otto ore di ufficio sarebbero molto meglio che otto ore in pub, anche per la loro resa universitaria..
..Ok, fortunato chi può stare a casa, alla fine se uno ha questa possibilità non è certo da biasimare..ti dicevo che alcuni miei conoscenti hanno deciso di stare a casa anche per poter aprire delle proprie attività..
Ma non è per tutti così..e non si tratta solo del trovare "quel lavoro" che i signori del governo ti promettono..
Quando a inizio mese devi pagare un affitto...non c'è "ma" che tenga...

parli dell'Africa: no, non ci sono stata..ma conosco abbastanza bene zone povere del Sud-Est asiatico e del Medio Oriente..E ti dirò: bene occuparsi delle grandi questioni sociali..ma non per questo bisogna sottovalutare i problemi interni dell'Italia...e tra questi io ci metterei anche il diritto ad una vita dignitosa per gli studenti e i giovani lavoratori che non possono stare a casa..

Buona giornata



come ho detto prima a un altro utente,questo problema non esisterebbe se ci facessimo tutti i fatti nostri a cominciare da questi ministri che la sera vanno sugli yacht accompagnati da certe "signore" tirando di coca e poi il giorno dopo predicano a noi giovani come bisogna vivere...ripeto,è meglio farsi tutti quanti i fatti nostri e lasciare che le famiglie gestiscano al meglio i propri problemi.
dany83 is offline  
Vecchio 13-10-2007, 10.02.43   #25
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Mary,
capisco che come madre ti senta chiamata in causa.
Capisco anche che l'infelice termine utilizzato dal ministro sia infelice.
Però è pieno di bamboccioni, eccome se lo è.
Mio nonno, per far fortuna, ha lavorato diversi anni in Svizzera. Non è che lo trattassero benissimo...
L'altro mio nonno, dopo cena, faceva un secondo lavoro per pagare il mutuo.
Soldi ce n'erano pochi. Certo erano anni fortunati, per via del boom. Qui invece oggi siamo in crisi.
Senza voler fare discorsi retorici da "newagisti" americani: volere è potere.
Io ho amici partiti dallo stesso punto, alcuni che ancora annaspano nel precariato, altri sui cui guadagni c'è il segreto più assoluto.
La differenza la fa il carattere, c'è poco da fare. La fa il carattere molto più che la raccomandazione, impariamo a considerarlo.
Sulla formazione del carattere, la famiglia ha un ruolo decisivo.
Fino a che si continuerà a ripetere ai giovani che il Paese è in crisi e non si può far niente, che non c'è lavoro, che il lavoro è precario e prevale lo sfruttamento; fino a quel momento faremo crescere dei bamboccioni.
E mi dispiace dirlo, perché qui ci sono molte madri e molti padri che, come i miei, hanno cercato di fare un buon lavoro.
Io mi trovo spesso a contatto con realtà di disagio giovanile. Viviamo in un paese malato. Ed è brutto dirlo, ma è così. E la malattia la fa l'atteggiamento simile al tuo. Perché nel lavorare per poco, ingiustamente per poco, alzandosi ogni mattina, non c'è solo sfruttamento, non c'è stupidità: c'è dignità.
E invece ai ventenni insegnamo che se uno è mal pagato fa bene a stare a casa, che il lavoro va fatto solo se ben retribuito. E' sbagliato. Perché ogni mestiere, anche quello malpagato, insegna qualcosa a noi e fa capire qualcosa di noi agli altri. Mi dispiace ma io sono convinta, e lo sarò sempre, che "strada porta a strada". Non è importante la direzione, quella la possiamo aggiustare, l'importante è camminare.
Non c'è niente che rovini di più un figlio adolescente che la consapevolezza di poter avere sottoforma di "paghetta" quello che qualcun altro, faticosamente, si guadagna. Quando gli uccelli buttano i piccoli fuori dal nido, non lo fanno per ucciderli... ma per insegnar loro a volare.

Io mi sento madre di tutti i figli, sono amareggiata non solo per i miei ma per gli amici dei miei figli e per tutti gli altri che arrancano disperatamente in questa società che anch'io ho contribuito a creare.

Ai miei tempi c'era lo "sfogo" della Germania, del Belgio, persino dell'Australia. C'erano tanti padri che per mantenere la famiglia se ne andavano a fare una vita peggio molto peggio di quella dei nostri ben trattati e rispettati extracomunitari.
Ma oggi non c'è più neppure quella possibilità, la gente se ne torna persino dalla opulenta e lavoratrice Germania, anche lì non c'è più tanta offerta.
Non c'è più offerta da nessuna parte. Chi se ne va a Milano e prende 1000 euro può pensare di vivere senza andare a dormire sotto i ponti?

Guardiamo in faccia la realtà per favore. Io non pretendo per mio figlio un posto da onorevole che dopo due anni già maturano la pensione, ma che (alla mia morte) possa vivere dignitosamente. Che poi chieda o speri che possa anche mettere su famiglia mi sembra davvero di esagerare. Mi accontento che possa avere la dignità che è sorella della libertà.

Con i miei figli non ho mai parlato di disfattismo, anzi, quando li vedo sconfitti e umiliati gli dico che è solo una esperienza in più che stanno facendo. Che non sarà sempre così, che le cose cambieranno. Che vanno bene anche 600 euro al mese. Così posso evitare di farglieli trovare qua e là. (ma questo di certo non glielo dico)
Come fai a non offendere la dignità di un uomo dandogli in mano del denaro?! I miei figli non mi hanno mai chiesto niente. MAI. Sono sempre stata io e mio marito a offrirglieli, e loro a dire: "no, non fa niente. Non mi servono."

Non chiedono vestiti firmati, l'unico "lusso" è il telefonino che oggi non si nega neppure ad un barbone.

Il mio cuore soffre terribilmente, perchè ai miei tempi avevo la speranza in una vita migliore in un futuro migliore in un mondo migliore, oggi c'è qualcuno che riesce a vedere la speranza da qualche parte? Io non la vedo ma la inseguo ugualmente.

La malattia non la fa l'atteggiamento simile al mio, la malattia la fanno le sanguisughe e le leggi in favore delle sanguisughe.

Per me qualsiasi lavoro è profondamente dignitoso, ma la dignità diventa polvere quando si diventa schiavi.

Che si indossi abiti e non uno straccio sulle natiche , non fa molta differenza, schiavi moderni o antichi la sostanza non cambia.

Ci saranno sicuramente dei bamboccioni, non so quanti perchè io non ne conosco nessuno, ma questo non autorizza neppure un ministo a fare di tutta l'erba un fascio.

Scusatemi, ma io, come cittadina, mi sento presa in giro. Mi sento umiliata, derisa. Non so voi.
Mary is offline  
Vecchio 13-10-2007, 11.30.02   #26
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da Mary
Io mi sento madre di tutti i figli, sono amareggiata non solo per i miei ma per gli amici dei miei figli e per tutti gli altri che arrancano disperatamente in questa società che anch'io ho contribuito a creare.

Ai miei tempi c'era lo "sfogo" della Germania, del Belgio, persino dell'Australia. C'erano tanti padri che per mantenere la famiglia se ne andavano a fare una vita peggio molto peggio di quella dei nostri ben trattati e rispettati extracomunitari.
Ma oggi non c'è più neppure quella possibilità, la gente se ne torna persino dalla opulenta e lavoratrice Germania, anche lì non c'è più tanta offerta.
Non c'è più offerta da nessuna parte. Chi se ne va a Milano e prende 1000 euro può pensare di vivere senza andare a dormire sotto i ponti?

Guardiamo in faccia la realtà per favore. Io non pretendo per mio figlio un posto da onorevole che dopo due anni già maturano la pensione, ma che (alla mia morte) possa vivere dignitosamente. Che poi chieda o speri che possa anche mettere su famiglia mi sembra davvero di esagerare. Mi accontento che possa avere la dignità che è sorella della libertà.

Con i miei figli non ho mai parlato di disfattismo, anzi, quando li vedo sconfitti e umiliati gli dico che è solo una esperienza in più che stanno facendo. Che non sarà sempre così, che le cose cambieranno. Che vanno bene anche 600 euro al mese. Così posso evitare di farglieli trovare qua e là. (ma questo di certo non glielo dico)
Come fai a non offendere la dignità di un uomo dandogli in mano del denaro?! I miei figli non mi hanno mai chiesto niente. MAI. Sono sempre stata io e mio marito a offrirglieli, e loro a dire: "no, non fa niente. Non mi servono."

Non chiedono vestiti firmati, l'unico "lusso" è il telefonino che oggi non si nega neppure ad un barbone.

Il mio cuore soffre terribilmente, perchè ai miei tempi avevo la speranza in una vita migliore in un futuro migliore in un mondo migliore, oggi c'è qualcuno che riesce a vedere la speranza da qualche parte? Io non la vedo ma la inseguo ugualmente.

La malattia non la fa l'atteggiamento simile al mio, la malattia la fanno le sanguisughe e le leggi in favore delle sanguisughe.

Per me qualsiasi lavoro è profondamente dignitoso, ma la dignità diventa polvere quando si diventa schiavi.

Che si indossi abiti e non uno straccio sulle natiche , non fa molta differenza, schiavi moderni o antichi la sostanza non cambia.

Ci saranno sicuramente dei bamboccioni, non so quanti perchè io non ne conosco nessuno, ma questo non autorizza neppure un ministo a fare di tutta l'erba un fascio.

Scusatemi, ma io, come cittadina, mi sento presa in giro. Mi sento umiliata, derisa. Non so voi.



sono daccordissimo,anch'io come cittadino italiano mi sento umiliato e preso in giro,altrimenti non avrei aperto questa discussione.Io personalmente conosco tanta gente,ma di bamboccioni non ne vedo,sinceramente.secondo me sono solo i soliti luoghi comuni che usano fare i perbenisti,quelli che magari ogni domenica vanno in chiesa,che agli occhi della gente appaiono sempre bene e poi di nascosto sparlano di tutti e tutto e non si fanno mai i fatti loro.Ecco,gli unici bamboccioni che conosco sono quelli...
dany83 is offline  
Vecchio 20-10-2007, 02.58.30   #27
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Lo Stato Libero e Indipendente dei Bamboccioni (alias l'Orchestra del Titanic)

A me pare che, oltre ad essere pieno di bamboccioni, il Paese sia pieno di mammoccione e pappoccioni, che guardano allo Stato - (scrivo la parola con i brividi che mi vengono dalla vicinanza ad un concetto che, facilmente, prelude al qualunquismo..) -, come alla mammella a cui attaccarsi, in quanto fonte di sostentamento dirigistico-dovuta.
Ma perchè, mi chiedo e Vi chiedo? Perché?

Secondo una visione tradizionale, lo Stato può anche pianificare, investire, dare slancio al sistema, in specie alla economia e alla occupazione.
Dovrebbe farlo bene quel lavoro lì; ma quasi sempre lo fa male. Questo è un fatto su cui in verità non occorre farla troppo lunga (dei Marx e degli anti-Marx, del dirigismo e del liberismo abbiamo già letto più o meno tutto.. e tant'è).

Torniamo al nostro mondo (che per un attimo supponiamo ancora tardo-dirigista), e chiediamoci: cosa serve per pianificare, investire, stimolare il sistema? Cosa occorre?
Occorrono - tenetevi foorrrtee!!! - i soldi.

E lo Stato dove potrà mai andare a recuperare i soldi, 'sto benedetto Stato?!
Ma come dove?!
Ma dalle imposte, ovviamente!
Cioè da me.
[Io, per Vostra informazione, pago tantissime imposte. Non so Voi.]

Ebbene, siccome lo Stato ( ) il proprio lavoro di dirigista di norma lo fa male, se non peggio, e siccome i soldi per fare un lavoro mediocre lo Stato viene a chiederli a me, sapete che Vi dico?
Vi dico che sono stufo marcio di pagare imposte che legittimino bamboccioni, mammoccione, pappoccioni, studenti-perenni, figliocci molicci, mammine-idiotine, paparini-chenonfannoun*****, a chiedere, a chiedere, ad alzare la manina sempre più insistentemente.
Perchè tanto c'è sempre lo Stato ( )!
Lo Stato finanziato da me, e da quelli come me.... aggiungerei io..
Uno Stato tra altri Stati, peraltro. Dice niente questo?!

Andiamo con ordine, una cosa per volta.

Vedete, è giusto - oltre che ovvio e dovuto - intimare al Paese, ed in specie a quei giovani trentenni che dovrebbero essere la spina dorsale del Paese, di andare a lavorare, di darsi da fare davvero.

Io aggiungerei - anche se è implicito - che costoro dovrebbero più utilmente impiegare il tempo che impiegano a sciorinare le ragioni del proprio disagio in fianco a madri protettive anacronistiche - [ossia a invocare piangenti lavoro migliore e più qualificato, e a dire tra i singhiozzi che è tutta colpa del Governo (ladro) che deve intervenire] -, a correre invece per le vie di questo mondo cinico e baro, per cercare di fare qualcosa di utile per se è per gli altri, facendo irruzione violenta nel mondo del lavoro con la decisione che merita, e con la voglia di crescere una volta per tutte, muovendosi a pelo d'acqua con la fulminea velocità della pinna dello squalo.

Sappiamo che è più comodo mettersi in disparte a con una lacrima sul viso (di BobbySoloniamemoria) che mettersi in gioco, e verificare se abbiamo - o non abbiamo - delle capacità.
Ma la amara verità è che tutti devono lavorare, per pagare le imposte (sperabilmente poche) e per creare benessere per se, e soprattutto per me.

Questo è il mondo di oggigiorno; con Cina e India che corrono alla velocità di un tornado...
Che senso credete possa avere mai lo Stato nazionale in un mondo globalizzato?!

Chi ancora resta ancorato a quei concetti lì, è un babbeo che crede di stare nell'800, di viaggiare sul calesse e di poter andare di corpo lungo la riva del fiume, mancandogli un cesso contemporaneo.

In un mondo del genere, il vero progresso è che lo Stato si dia una bella ridimensionata, che - credetemi - sarebbe un bene per tutti.
Riporti la propria funzione alla creazione delle regole, e a negoziare/uniformare/coordinare le proprie regole con quelle degli altri Stati. That's it.

Ma se continuiamo (continuate) a chiamarlo piangenti 'sto Stato ( ) come si poteva fare nel dopoguerra, che credete che faccia quello?!
Si monta la testa, resta lì dov'è e si ingrassa a spese degli altri.
Lo Stato come i bamboccioni insomma.

Quel che leggo in questa discussione è grossomodo:
- Stato ( ) vieni da me e dammi questo!
- Stato ( ) vieni da me e dammi quello!
- Stato ( ), quando si tratta di parlare di bamboccioni, pussa via e fatti i ca...zi tuoi Stato!

Ci vedo qualche incoerenza, e - come al solito - una buona dose di qualunquismo in tutto ciò. Voi no?
Tutte caratteristiche che, nel mondo d'oggi, non garantiscono più la sopravvivenza, di noi e - teeneetevi fooorrrteee! - del nostro Stato ( ).

Siamo un Paese alla deriva, che gode - e pretende ancora qualunquisticamente e senza titolo - gli ultimi scampoli di un benessere che non c'è più.
E noi stiamo ancora a difendere i bamboccioni. E a pretendere che diventin tutti dei designer, invece di correre.
Un paese di 60milioni di designer...

La miseria con cui ci dovremo misurare, noi o i nostri figli (bamboccioni), ci farà impallidire, e guarderemo all'oggi come a tempi di grande - inspiegato - privilegio e vacche grasse.

Vi saluto.
marco gallione is offline  
Vecchio 20-10-2007, 09.25.12   #28
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

caro marco gallione,se hai capito che stiamo dicendo che i bamboccioni devono avere soldi dallo stato vuol dire che non hai capito proprio nulla...qua stiamo dicendo che lo stato,invece di definire "bamboccioni" questi ragazzi,dovrebbe sforzarsi di metterli a disposizione più opportunità.non dico che debba finanziarli,ma offrire loro qualche posto di lavoro in più,non mi pare di dire delle cose fuori dal mondo...in italia non ci sono opportunità,questa è la verità!poi può darsi che ci siano dei bamboccioni sul serio che non fanno nulla dalla mattina alla sera,ma sono la minima parte!la maggioranza dei ragazzi è composta da gente che nonostante abbia titoli per fare molti lavori si ritrova senza niente!
dany83 is offline  
Vecchio 20-10-2007, 09.32.28   #29
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

scusa marco,ma mica sono i bamboccioni quelli che vanno sugli yacht con le prostitute a sniffare coca...quelli sono i politici!si,proprio quelli che definiscono in quel modo i ragazzi che si fanno mantenere dai genitori...
dany83 is offline  
Vecchio 20-10-2007, 16.23.10   #30
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Padoa Schioppa e i "bamboccioni"

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
caro marco gallione,se hai capito che stiamo dicendo che i bamboccioni devono avere soldi dallo stato vuol dire che non hai capito proprio nulla...qua stiamo dicendo che lo stato,invece di definire "bamboccioni" questi ragazzi,dovrebbe sforzarsi di metterli a disposizione più opportunità.non dico che debba finanziarli,ma offrire loro qualche posto di lavoro in più,non mi pare di dire delle cose fuori dal mondo...in italia non ci sono opportunità,questa è la verità!poi può darsi che ci siano dei bamboccioni sul serio che non fanno nulla dalla mattina alla sera,ma sono la minima parte!la maggioranza dei ragazzi è composta da gente che nonostante abbia titoli per fare molti lavori si ritrova senza niente!




Non ricordo più dove ho letto o mi hanno detto che in Germania i giovani ricevono dallo Stato ogni aiuto possibile per avviarli al lavoro.

Qui non solo ormai le scuole sono allo sfascio, per accedere ad alcune facoltà a numero chiuso non so cosa devi fare se ai test per tensione, stress o quant'altro non rispondi alle insulse (così mi pare abbiano detto, se non proprio sbagliate ) domande poste?

Se apri una attività che non dispone di miliardi vieni tartassato, super controllato con il microscopio dalla finanza, umiliato in ogni modo.

La realtà è questa si è tolleranti e magnanimi con i ricchi e super pignoli con i poveri.

La burocrazia che deve affrontare un giovane per avviare una eventuale attività in proprio è drammatica, non solo deve avere il capitale ma il rischio di rimettercelo e indebitarsi è grande.

Ho già detto che da noi non vi è più lavoro nemmeno nell'agricoltura che altro posso dire? Per regolarizzare un operaio può farlo solo una grossa azienda, così la DUREZZA E FERMEZZA contro il lavoro nero (non approvo il lavoro nero) è diventato un modo per impedire ai poveri diavoli di sopravvivere.
Ci sono laureati che non temono di sporcarsi le mani con la terra ma le tante giornate che un tempo venivano offerte dai proprietari di piccoli terreni è svanita nel nulla. Decimata con baldanza e tracotanza. Nelle campagne ora ci sono solo gli extracomunitari non ingaggiati e super sfruttati per chi ha il coraggio di farlo, per gli altri o fanno da soli o vendono ai latifondisti.

Ora, ditemi, questi bamboccioni da che parte devono andare? a chi devono rivolgeri oltre alle divinità celesti?
Qualcuno se ne esce fuori che ci vuole fantasia, iniziativa, capacità.

Nulla in contrario ma se un povero diavolo non ha fantasia, iniziativa, capacità, caparbietà vogliamo eliminarlo? che ne facciamo? lo rifiutiamo come cittadino e lo buttiamo da qualche dirupo come facevano gli spartani?

Superfluo ma doveroso aggiungere che anche disponendo di tutte queste doti scontrarsi con il colosso burocrazia, tangenti, "caste varie", delinquenza ecc. la vittoria avviene solo con l'aiuto divino (ovviamente se non sei un ladro).
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it