Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 16-03-2008, 22.57.22   #1
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Exclamation Aiutiamo Il Tibet !!!

Come aiutare il Tibet?

Possiamo davvero aiutare il tibet?
Come è possibile che una simile barbarie continui perpetuata sotto i nostri occhi indirettamente consenzienti?

"NON LASCIATECI SOLI!" ha chiesto il DALAI LAMA

mentre Kiu Jingmin così si pronunciò:
“Assegnando a Pechino i Giochi, aiuterete lo sviluppo dei diritti umani”.
Con queste parole, nell’aprile 2001, Kiu Jingmin, vicepresidente del Comitato olimpico di Pechino,
riuscì a convincere il Comitato olimpico internazionale ad assegnare alla Cina i Giochi olimpici 2008 (!)

Ed invece:
nel Rapporto di Amnesty International si evidenziano ben quattro forme di violazione dei diritti umani :
le limitazioni alla libertà di stampa off line e on line, le continue vessazioni e minacce nei confronti dei difensori dei diritti umani, la sempre massiccia applicazione della pena di morte e l’ampio uso della detenzione senza processo.
(da http://www.amnesty.it/campagne/pechi...oni/index.html )

La rivolta in Tibet si sta estendendo; per lunedì, il governo cinese ha dichiarato un ultimatum ai manifestanti e si teme una strage come quella del 1989 in piazza Tienanmen. A conferma di ciò si stanno cercando di allontanare giornalisti e fotografi ed alle organizzazioni non governative è stato chiesto di lasciare il Tibet proprio entro domani.

E noi, quando diamo IL NOSTRO ULTIMATUM?

Forse è ora di cercare di fare ancora di più.. di informarci per bene su ciò che accade e non credere che il nostro singolare contruibuto sia insufficiente!

PARLIAMONE INSIEME!

E, come possiamo, diamo una mano concreta..!!

www.comunitatibetana.org
http://www.italiatibet.org/cosa%20pu...sapuoifare.htm
http://www.repubblica.it/2008/03/dir...ica/index.html
http://users.libero.it/seza/popnotizie.html


NON LASCIAMOLI SOLI! :-)

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 17-03-2008, 07.33.55   #2
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Qualche opinione del Dalai Lama

Citazione:
NUOVA DELHI (Reuters) - Il Dalai Lama, capo spirituale dei buddisti tibetano, ha espresso oggi il suo sostegno alle Olimpiadi di Pechino, che si terranno questa estate, respingendo le accuse cinesi che lo volevano invece impegnato a sabotare i Giochi.
"Sua Santità il Dalai Lama ha sempre sostenuto le Olimpiadi di Pechino e lo ribadisce ancora", ha detto Chime Chhoekyapa, segretario del Dalai Lama, in un'intervista telefonica a Reuters.
"L'intervista tv di cui parlano i cinesi è stata distorta e utilizzata fuori dal contesto", ha detto parlando da Dharamsala, la località del nord dell'India dove il Dalai Lama vive.
"Nell'intervista Sua Santità ha detto che boicottare i Giochi sarebbe stato troppo radicale".
Ieri il principale responsbaile del governo cinese in Tibet, Zhang Qingli, aveva accusato il Dalai Lama di "sabotaggio e minaccia allo scopo di causare difficoltà" sulle Olimpiadi.
Cinque organizzazioni che affermano di rappresentare decine di migliaia di tibetani in esilio stanno organizzando una marcia dall'India al Tibet prima delle Olimpiadi per protestare contro il dominio cinese sul Tibert.
Le organizzazioni hanno detto di non volere l'approvazione del Dalai Lama, che ha posizione più moderata e rivendica l'autonomia del Tibet, ma non ne chiede l'indipendenza.
"Sulla questione delle Olimpiadi di Pechino, è noto che Sua Santità il Dalai Lama ha più volte dato il suso sostegno al diritto della Cina di ospitare i Giochi Olimpici del 2008", dice un comunicato diffuso da Dharamsala.

http://it.notizie.yahoo.com/rtrs/200...a-89ec962.html

"Io voglio i Giochi - ha detto il leader tibetano - il popolo cinese deve sentirsi orgolioso. La Cina merita di ospitare le Olimpiadi. Noi vogliamo autonomia, non separazione'', ha poi concluso riferendosi alla situazione del popolo tibetano. (Agr)
http://www.corriere.it/ultima_ora/ag...857A2A11BAB%7D

Il Dalai Lama chiede un'inchiesta internazionale e denuncia il "genocidio culturale" in Tibet senza chiedere però alcun boicottaggio delle Olimpiadi. Situazione apparentemente calma a Lhasa, dove è in vigore il coprifuoco. E fonti contrastanti sul bilancio delle vittime: il governo tibetano in esilio parla oggi di 80 morti, mentre vi sono notizie di disordini e almeno tre morti nella vicina provincia cinese di Sichuan. "Qualche organizzazione internazionale rispettata potrebbe accertare quale sia la situazione in Tibet e quali le cause" dei disordini, ha dichiarato il Dalai Lama nella conferenza stampa tenuta nella località indiana di Dharmsala, dove risiede in esilio: "Che il governo cinese lo ammetta oppure no, esiste un problema: un'antica tradizione culturale è in serio pericolo. Intenzionalmente o no, è in corso una sorta di genocidio culturale". Il Dalai Lama ha poi denunciato il "regime del terrore" imposto in Tibet dalla Cina, rifiutandosi però di lanciare un appello per il boicottaggio dei Giochi olimpici di Pechino: "Desidero che i Giochi si tengano: il popolo cinese ha bisogno di sentirsi fiero, la Cina merita di accogliere i Giochi olimpici"; ma, ha concluso il leader religioso, "occorre ricordare a Pechino che ha l'obbligo di comportarsi in modo consono a chi ospita le Olimpiadi". Secondo il governo tibetano in esilio - che cita "numerose fonti" concordanti all'interno del Paese - sono almeno 80 i morti accertati nelle manifestazioni anticinesi a Lhasa, mentre i feriti sarebbero almeno 72: le autorità di Pechino - che hanno imposto ieri il coprifuoco - hanno parlato invece di dieci morti; secondo la televisione di Hong Kong una colonna di 200 veicoli da trasporto truppe si sta dirigendo verso la capitale tibetana. Almeno tre tibetani sono stati uccisi da colpi di arma da fuoco nel corso di una manifestazione di protesta svoltasi a Ngawa, distretto a maggioranza tibetana nella provincia cinese di Sichuan e alla quale hanno partecipato circa 200 persone: lo hanno reso noto testimonianze locali. "I manifestanti hanno attaccato un commissariato della polizia, hanno dato fuoco a delle autopattuglia e gli agenti hanno sparato... Ho visto tre persone uccise", ha riferito un testimone; anche il "Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia" parla di tre vittime, mentre l'Ong Free Tibet Campaign dà un bilancio di quattro morti. Le autorità cinesi hanno infine bloccato l'accesso internet al sito di YouTube.com. dopo che vi erano comparsi decine di filmati di protesta contro la repressione in Tibet; nessuna scena degli scontri o delle reazioni di protesta all'estero era presente sugli analoghi siti web cinesi quali 56.com, youku.com e tudou.com.

http://www.apcom.it/


Citazione:
"I Giochi olimpici rappresentano un'opportunità unica per mobilitare l'opinione pubblica e spingere il governo cinese a cambiare le cose."
scrive Amnesty International

Lei ha parlato più volte di un genocidio culturale in Tibet. (al Dalai Lama)
"Nel nostro paese, è vietato tenere una statua di Budda in casa, o esibire qualsiasi oggetto religioso. E' proibito fare pellegrinaggi ai templi. Nelle scuole, le autorità cinesi hanno tolto ogni riferimento alla religione, mentre nei monasteri buddisti sono incominciati gli indottrinamenti politici, divisi in punti. Il primo punto è quello che invita a criticare il Dalai Lama".

In Tibet è addirittura proibito pronunciare il suo nome, giusto?
"Hanno anche tolto tutte le mie fotografie. Ma non fa niente. La cosa fondamentale è che nel nostro paese c'è un'insofferenza sempre maggiore e che qualsiasi manifestazione di protesta o critica alle autorità cinesi viene repressa con la violenza. Arresti e torture sono all'ordine del giorno. I tibetani vengono trattati come cittadini di seconda classe nel loro stesso paese. Anzi, come animali da bastonare, a cui è negata qualsiasi dignità".

E' a favore del boicottaggio delle Olimpiadi?
"No. Da subito, mi sono pronunciato contro il boicottaggio. La Cina è un grande paese, si merita le Olimpiadi. Penso però che per essere un buon ospite, Pechino dovrebbe prestare più attenzione alle preoccupazioni di governi e Ong sulle violazioni di diritti umani, libertà religiosa e di espressione, e sul rispetto dell'Ambiente".

Cosa possono fare i governi occidentali per aiutare la causa tibetana?
"La mia opinione su questo è che la Cina non deve essere isolata dalla comunità internazionale. E se guardiamo all'economia, l'integrazione dei cinesi è già nei fatti, ma non è sufficiente. Il mondo libero ha la responsabilità morale di portare la Cina nell'ambito della democrazia. La relazione economica deve essere un'amicizia alla pari, in cui vengono tenuti fermi i valori delle società aperte e democratiche. Se ci si presenta solo per fare affari, ripetendo unicamente "Sì, ministro", allora si rischia di perdere la faccia, e anche il rispetto dei cinesi".

Durante l'adolescenza, il suo paese è stato invaso e lei si è ritrovato a trattare con il Grande Timoniere, Mao Zedong.
"Lo incontrai nel 1954 a Pechino. Mi trattò come un figlio, mi diede consigli. Mi aveva quasi convinto ad iscrivermi al partito comunista. Ancora adesso mi considero metà buddista, metà marxista. Davvero, credo che il marxismo sia ancora la chiave di una giustizia sociale ed economica".

http://www.repubblica.it/2007/12/sez...rimpianti.html

scarica il pdf intervista al Dalai Lama:
http://rushhour.blogosfere.it/images/Dalai%

Gyta
gyta is offline  
Vecchio 17-03-2008, 09.32.14   #3
Monica 3
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-06-2005
Messaggi: 697
Riferimento: Aiutiamo Il Tibet !!!

Ricevo e volentieri trasmetto:




..per il popolo Tibetano..già abbastanza martoriato...domani sera alle 21..ognuno nel proprio spazio....e solo per 10 minuti..
.dalle 21 alle 21 e 10... ma tutti nello stesso momento ... inviamo un pensiero di pace e luce ...una grande onda d'amore ... grazie un abbraccio..............
Monica 3 is offline  
Vecchio 17-03-2008, 12.11.39   #4
nuages
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-12-2007
Messaggi: 196
Riferimento: Aiutiamo Il Tibet !!!

è strano che i capi di un Popolo che si passa per socialista o comunista poi degradi come sta facendo con le libertà religiose e filosofiche di un altro popolo assolutamente pacifista.
sono le incongruenze di questo strano mondo.
Specifica meglio per aiutare il Tibet, dove, quando ed a chi dobbiamo scrivere
grazie
nuages is offline  
Vecchio 19-03-2008, 02.15.55   #5
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Contro La Violenza Ovunque Questa Provenga (!)

Grazie a voi!
( i link sotto!)


CONTRO LA VIOLENZA OVUNQUE QUESTA PROVENGA (!)

Non è una questione politica ma di tutela dei diritti dell'uomo!*
Farci garanti dei diritti dell'uomo, ovunque e comunque!
Non sostenere la violenza, sia questa quella brutale esplicita che quella che toglie all'uomo il diritto al pensiero, al credo, alla vita ed alla sua manifestazione! Possiamo fare sì che non scenda il silenzio sulla violenza, e per farlo bastiamo noi! Possiamo metterci d'accordo per manifestare magari in tutte le città maggiori [font="Times New Roman"]..

Io sono di Torino.. se vogliamo possiamo stile 'tam-tam' metterci d'accordo, non abbiamo bisogno che siano i partiti ad organizzare per noi! ;-)

"Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo" (cui garante dovrebbe essere l'ONU tra l'altro!):
http://www.liberliber.it/biblioteca/...html/index.htm

Citazione:

MANIFESTAZIONE GIOVEDI' a MILANO ed a BOLOGNA, oggi a ROMA (campo de fiori)
>manifestazione dei sindacati, giovedì ore 16:30, a Piazza della Scala, Milano (confermata!
http://nelmezzo.splinder.com/post/16386703/tibet)
(non è uno «sciopero dei sindacati», ma una manifestazione per esprimere il proprio dissenso su quanto sta avvenendo in Tibet)

-> e a Torino, Aosta, Genova, Trento, Venezia, Trieste, Firenze, Roma, Perugia, Ancona, L’Aquila, Campobasso, Napoli, Bari, Potenza, Reggio Calabria, Palermo, Cagliari? (spargendo la notizia tramite blog, e-mail, forum, di persona, tramite volantini affissi nei principali punti delle città, contattando le associazioni buddistiche, tibetane, etc. della propria città)

Non lasciamoli soli!

Gyta


http://digilander.libero.it/rdiritti...ibet/tibet.htm
http://www.italiatibet.org/cosa%20pu...sapuoifare.htm
www.comunitatibetana.org/forum/newreply.php3

news:
http://www.unmadeinchina.org/default.asp?lang=it
http://www.asianews.it/index.php?l=it&size=A
http://indonapoletano.wordpress.com/
http://firmiamo.it/noalleolimpiadiapechino2008
gyta is offline  
Vecchio 19-03-2008, 04.18.26   #6
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Petizione Dalai Lama (!)

PETIZIONE DALAI LAMA

http://www.avaaz.org:80/en/tibet_end...hp?cl=62507436

GRAZIE!

NOTA AI MODERATORI:
(L'avrei aggiunta ai link di prima.. ma direttamente non posso!)

GRAZIE!



Gyta
gyta is offline  
Vecchio 19-03-2008, 06.12.24   #7
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Post Salviamo la Cultura e fermiamo la violenza!

LIBERTA' PER IL TIBET

Comunicato a nome di tutti i Centri della Fondazione per la Preservazione della tradizione mahayana in Italia .

Gli eventi in Tibet di questi giorni riportano alla luce una tragedia che si consuma da quasi 50 anni sotto gli occhi indifferenti e talora complici della comunità internazionale. I centri Fpmt italiani, congiuntamente, esprimono solidarietà al Dalai Lama e al popolo tibetano e condanna del regime totalitario cinese che alla forza della ragione e del dialogo antepone gli strumenti della violenza, dell’intimidazione e della menzogna. Si esprime piena condanna di un potere corrotto e antidemocratico che ricorre alla forza militare nell’incapacità di giustificare la violazione dei più elementari diritti dell’uomo anche all’interno del suo stesso territorio. In questo contesto non si può tacere la complicità di stati e organismi internazionali che al rispetto delle fondamentali regole di convivenza tra i popoli antepongono logiche commerciali barattando valori e principi in cambio di ritorni economici. I centri FPMT si appellano alla responsabilità della comunità internazionale e in particolare al governo italiano, a tutti i partiti politici con i loro leader affinché, superando il velo diplomatico:

· Si faccia pressione per l'avvio di una inchiesta internazionale così come suggerito da Sua Santità il Dalai Lama
· Si chieda con fermezza alla Cina la cessazione immediata della sanguinosa repressione in atto in questi giorni in Tibet.
· Si chieda con estrema decisione alla Cina l’avvio di trattative con il Governo tibetano per la soluzione pacifica della questione sino tibetana.



Di seguito alcune note che in estrema sintesi riassumano la questione tibetana:
La cultura del Tibet con i suoi valori di tolleranza e non violenza profondamente radicati nella popolazione, è un patrimonio dell'intera umanità che rischia di scomparire per sempre. Tra l'indifferenza della comunità internazionale, nel 1959 l'Esercito Popolare Cinese completò l'occupazione del Tibet iniziata nel 1950, annettendo un territorio vasto come la metà dell'Europa e aprendosi la strada in direzione dell'Asia meridionale. Nell’arco di un cinquantennio, per vincere il radicato spirito di indipendenza dei tibetani, il governocinese ha messo in atto un programma sistematico di eliminazione di tutti i punti di riferimento culturale e religioso che ha portato alla distruzione quasi totale di scuole, biblioteche, luoghi di culto e opere d'arte sacra risalenti spesso a più di mille anni or sono. Si calcola che in questi quattro decenni circa 1.200.000 tibetani siano morti a causa della repressione e degli sconvolgimenti sociali ed economici che ne sono derivati. In questa tragedia non c'è solo la sofferenza umana, ma anche il rischio della scomparsa di una autentica cultura di pace basata sugli insegnamenti buddhisti di non violenza e di rispetto degli altri, l'esempio concreto che un popolo oppresso può lottare per i propri diritti senza perdere la propria umanità. Oltre al Dalai Lama, premio Nobel per la pace 1989, più di 135.000 dei sei milioni di tibetani si sono rifugiati in India e Nepal per sfuggire alla persecuzione religiosa e cercare di preservare le basi della loro cultura, e ancora oggi continuano ad arrivare numerosi nei campi profughi. Tra queste persone ci sono uomini e donne di ogni età e molti bambini, e in questi quattro decenni ne sono nati molti altri, spesso in condizioni proibitive. Nell'aria tersa dell'altipiano Tibetano le malattie infettive erano praticamente sconosciute, ma nei campi profughi tubercolosi, malaria e denutrizione hanno imperversato per lunghi anni, prima che alcune organizzazioni umanitarie riuscissero a mitigare la situazione. In Tibet vi era una antica civiltà non tecnologica, ma estremamente progredita nella conoscenza dell'uomo: infatti il Buddhismo è più una scienza della mente e una filosofia di vita che una religione. Nel mondo sta crescendo una spirale di odio, violenza e ritorsione, insieme alla terribile convinzione che non ci siano alternative. Il Tibet ha donato al mondo la prova che esiste una via diversa, dimostrando che un popolo perseguitato può lottare per la propria libertà attraverso verità, fermezza e non violenza.



da http://www.ewam.it/
http://www.ewam.it/cgi-bin/fi_pub_det_new.cgi?id=103

[Centro Ewam:
Il Centro Terra di Unificazione Ewam è un'Associazione per lo studio e la pratica della filosofia e psicologia buddhista tibetana e fa parte della Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana (FPMT).
Fondato nel 1986 da Lama Zopa Rinpoce ed associato all’Unione Buddista Italiana, si pone sotto l’autorità spirituale di S.S. il XIV° Dalai Lama]


Gyta
gyta is offline  
Vecchio 19-03-2008, 08.39.34   #8
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Riferimento: Aiutiamo Il Tibet !!!

anche questi link possono essere utili: http://www.centrovitaconsapevole.org
http://www.esserepace.org
http://www.plumvillage.org
http://www.intersein-zentrum.de
Mr. Bean is offline  
Vecchio 19-03-2008, 09.32.04   #9
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Riferimento: Aiutiamo Il Tibet !!!

Ricevo e giro a tutti voi:

Esserci qui e ora per loro.
Come vedete mi rifaccio a un luminare di tradizione diversa dalla mia. I Sufi hanno influenzato Dante che è andato alla ricerca del sé (Beatrice, l’anima) a un processo di purificazione attraverso Inferno e Purgatorio.
Non siate indifferenti scrivete e dimostrate all’Ambasciata della repubblica popolare cinese e non comprate prodotti della Cina.
Con affetto, ma leggete tutto, per favore, e sarete anche più consapevoli della ragione del nostro coinvolgimento con i miti tibetani
Un Grande Grazie al Maestro Gabriele Mandel khân per il Suo contributo ispirante che trovate qui
Giovanni



Contro la forza la ragion non vale. Che cosa possiamo fare mai? Le prevaricazioni dettate dalla sete di potere, dall’egoismo economico, dall’interesse personale sono molte e molte, e le dimostrazioni lampanti che la Natura si ribella a questo stato di cose sono quotidianamente sotto gli occhi di tutti. Ciò dipende in parte anche dall’egoismo personale che si annida in ciascuno di noi, e dalla neghittosità che ci fa dire: «Tanto tocca agli altri e non a me.»

E’ pur vero: una marcia e una fiaccolata ci sistemano la nostra coscienza, ma non toccano gli interessi dei potenti malvagi; le molte e molte lettere rimangono carta straccia e vengono cestinate con una risata; l’opinione pubblica suscita in loro, nel maggior numero di casi, una semplice scrollatina di spalle.

Che fare? Non demordere, non spegnere la fiamma della speranza che brilla in ciascuno di noi. Anzitutto i potenti sono tali perché si appoggiano sull’egoismo e l’indifferenza dei molti, ma soprattutto sulla loro ignoranza. Smetterla allora anzitutto di pensare che l’altro non è noi e quindi che ogni prevaricazione malvagia sull’altro non ci tocca; nutrire un amore per i valori umani e rispettarli ad ogni costo in prima persona, anche se ci costa fatica; e vincere la nostra e l’altrui ignoranza imparando e insegnando, insegnando e insegnando. “Tutto conoscere per tutto amare”. Lettere, comunicazioni, conferenze opuscoli; leggere, imparare, tenerci per mano nella via della Conoscenza. E continuare, continuare, continuare a far sentire la nostra voce, tenendo presente questa semplice novelletta sufi:

"Un grande incendio iniziò a divorare la foresta. Il possente capobranco degli elefanti corse al lago, empì la proboscide di acqua e andò a buttarla sulle fiamme. Così continuò, corsa dopo corsa, sotto gli occhi ammirati del suo branco che acclamava all’impresa. Un passerotto pensò di collaborare anche lui, con le sue poche risorse: corse al lago, prese una goccia d’acqua nel becco e sorvolando la foresta la lasciò cadere. Ripeté il volo più volte, ma il branco degli elefanti si mise a ridere e a schernirlo gridando: «Che credi mai di fare? Guarda quanta acqua porta il nostro capobranco. Che è mai la goccia che porti nel tuo becco?» Al che il passerotto rispose: «Ognuno secondo la sua possibilità. Posso portare una sola goccia, ed è bene che porti anche una sola minuscola goccia anziché restarmene a guardare senza far nulla.» Lo sentirono anche tutti gli altri uccellini dell’aria, e rincuorati da quella affermazione esclamarono: «Ma allora anche noi possiamo fare qualcosa, anche noi siamo utili.» Volarono tutti al lago, presero ciascuno una goccia nel beccuccio e lasciarono cadere sopra la foresta in fiamme una gran pioggia di gocce minute, e così volo dopo volo la foresta in fiamme fu di continua bombardata da una pioggia di gocce minute e l’incendio fu spento".

E chi ha orecchie per intendere intenda.

Gabriele Mandel khân, vicario per l’Italia della Confraternita sufi Jerrahi-Halveti
webmaster is offline  
Vecchio 19-03-2008, 11.51.29   #10
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Riferimento: Aiutiamo Il Tibet !!!

Sì, insieme possiamo fare molto!
Penso sia molto importante imparare semplicemente a fare i nostri piccoli passi
che diventano una grande Unica realtà..
Imparando dal racconto dell'incendio sopra riportato!

Le manifestazioni si stanno svolgendo un po' in tutta italia..

Citazione:
MANIFESTAZIONI A SOSTEGNO DEL TIBET

MERCOLEDì, 19 MARZO
----------------------------------
FIRENZE - dalle 12:00 Consolato cinese (Via della Robbia, 89)
ROMA - ore 16:30 Campo de' Fiori (iniziativa dei Radicali)
VERONA - ore 18:00 Piazza Brà
TORINO - dalle 21 Piazza San Carlo (presidio silenzioso)*
----------------------------------
GIOVEDI', 20 MARZO
MILANO - ore 16:30 Piazza della Scala (iniziativa dei sindacati)
BOLOGNA - ore 18:30 Piazza del Nettuno (iniziativa popolare)
PADOVA - ore 19:00 Palazzo Moroni, via del Municipio 1
.............................. ..........................
SABATO, 22 MARZO
Cremona - ore 19:00 Piazza Stradivari
.....
==========================

" Chi mai non resta
Chi col cuore e col sangue
medita cose impossibili
vince " *


*(I Ching)
Ironia della sorte.. ebbene sì.. Cinese! Come la grande tradizione Taoista!


Gyta

Ecco il comunicato di Amnesty International:
(Circoscrizione Piemonte-Valle d'Aosta)


Citazione:
Chiediamo a tutti coloro che vogliono esprimere il proprio sostegno alle nostre richieste per il Tibet e i diritti umani in Cina, di partecipare al Presidio silenzioso che si svolgerà oggi mercoledì 19 marzo, dalle 21 alle 23, in Piazza San Carlo a Torino.
Manifesteremo "imbavagliati" per:
protestare contro la continua violazione della libertà di espressione in Tibet.
esprimere la nostra solidarietà a chi non può fare uso della parola per esprimere le proprie idee in Cina.
chiedere al governo Cinese di mantenere le proprie promesse e migliorare la situazione dei Diritti Umani in Cina in vista dei Giochi Olimpici di Pechino 2008.
In questi giorni le autorità della Cina stanno mettendo in atto una durissima repressione nei confronti del popolo tibetano. A Lhasa e in varie altre parti del paese sono state interrotte manifestazioni pacifiche di protesta, centinaia di monaci e civili sono stati arrestati e picchiati. Decine di persone sono morte nel corso degli scontri con la polizia locale. Amnesty International condanna la repressione nei confronti dei manifestanti tibetani e chiede alla Cina di rilasciare immediatamente tutte le persone arrestate negli ultimi giorni per aver esercitato in forma pacifica i propri diritti.
www.amnesty.piemontevda.it
CGIL CISL e UIL organizzano un presidio in piazza Castello davanti alla Prefettura a partire dalle ore 17.30.
www.amnesty.piemontevda.it
gyta is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it