Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 23-11-2005, 13.21.38   #1
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Come può l'ateismo fare del laicismo la propria bandiera?

Il laicismo e la democrazia non dovrebbero essere vessillo di tutti, indipendentemente dal proprio credo? Come mai l'ateo sfrutta il concetto di laicismo per conseguire i propri fini pur essendo un credo fondato tanto quanto il cristianesimo, il buddhismo etc.?
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 23-11-2005, 14.08.15   #2
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Come può l'ateismo fare del laicismo la propria bandiera?

Citazione:
Messaggio originale inviato da SebastianoTV83
Il laicismo e la democrazia non dovrebbero essere vessillo di tutti, indipendentemente dal proprio credo? Come mai l'ateo sfrutta il concetto di laicismo per conseguire i propri fini pur essendo un credo fondato tanto quanto il cristianesimo, il buddhismo etc.?
Ricavati da http://it.wikipedia.org/wiki/Laico riporto:

La definizione civica della parola”LAICO”

Laico si contrappone sia in etimologia che in sostanza e stile di vita e di pensiero a clero ed indica una forma di essere all'interno della società di tipo illuministico e non fideistico, che politicamente distingue tra Stato e Chiesa rivendicando la separazione tra le due entità.

La definizione cristiana della parola “LAICO” sempre secondo wikipedia significa:

Nella tradizione cristiana, vengono definiti laici i fedeli che non hanno ricevuto un ministero ordinato e quindi non sono chierici. Il Concilio Vaticano II (1962-1965) ha riscoperto per la chiesa cattolica tutta la ricchezza della vocazione dei laici nella chiesa.

Secondo l’uso civico i termini “laico” e “credente” sono antitetici, perché in quell’accezione laico è proprio colui che ha una visione della società di tipo illuministico, cioè basata sulla ragione e non sulla fede. Poi bene vengano credenti che, vivono la loro fede nel loro privato e non vogliono fare diventare i loro valori i valori di tutti, ma questi sono molto pochi e questo spiega, secondo me, perché la parola “laico” sia diventata più confacente agli atei che non ai credenti.

VanLag is offline  
Vecchio 23-11-2005, 14.10.51   #3
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
nexus6 is offline  
Vecchio 23-11-2005, 14.47.32   #4
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
altra riflessione....

Distinguerei anche tra credenti. Il termine credente applicato ad un buddista, ad esempio, mi sembra proco appropriato, perché un buddista più che credere cerca la verità, o l’illuminazione, (poco importa), ed in questo senso è, prima di tutto, un ricercatore. Ovviamente la sua ricerca si basa sulla fede che quell’illuminazione esista, ma la sua verità rimane il punto di arrivo e non di partenza della sua vita. Per un cattolico le cose sono capovolte. Il cattolico parte dall’assunto di conoscere la verità che per lui è rappresentata dalla “rivelazione” e quella verità rivelata, rappresenta non una ricerca, bensì il punto di partenza sul quale basare il suo cammino.

In questo senso Il buddista, potrà dire di conoscere la verità solo alla fine della sua ricerca, e sempre che sia rimasto qualche cosa da dire sulla struttura delle società, la dirà solo in quel momento.
Vice versa il cattolico partendo dalla presunzione, (non detto in senso negativo), di conoscere la verità, si sentirà autorizzato a dettare le sue regole a tutti, dal momento stesso che accetta la “verità rivelata” della sua religione.

Questo rende difficile, se non impossibile, aderire ad una visione laica dello stato e della società.

VanLag is offline  
Vecchio 23-11-2005, 15.12.05   #5
SebastianoTV83
Utente bannato
 
Data registrazione: 11-05-2005
Messaggi: 639
Il laicismo dev'essere difeso da tutti. L'ateismo è un credo quanto la Chiesa. Non dimostra nulla.
SebastianoTV83 is offline  
Vecchio 23-11-2005, 17.16.38   #6
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
l'ateismo non è un credo. E' piuttosto un non-credo.... ma verifico prima....
nonimportachi is offline  
Vecchio 23-11-2005, 17.23.13   #7
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Ragazzi.....la finiamo??

L'ateismo non è un credo come la chiesa!!!!!

Altrimenti il mio gatto...CREDEREBBE!!!!!!

Meraviglioso.......
alessiob is offline  
Vecchio 23-11-2005, 17.28.48   #8
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
Citazione:
Messaggio originale inviato da alessiob
Ragazzi.....la finiamo??

L'ateismo non è un credo come la chiesa!!!!!

Altrimenti il mio gatto...CREDEREBBE!!!!!!

Meraviglioso.......

...il tuo gatto il problema non si pone neanche...

,klara
klara is offline  
Vecchio 23-11-2005, 17.35.59   #9
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Citazione:
Messaggio originale inviato da klara
...il tuo gatto il problema non si pone neanche...


e quindi?

è credente o ateo?
nonimportachi is offline  
Vecchio 23-11-2005, 17.58.46   #10
alessiob
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 749
Secondo a quanto dicono loro è ATEO.
Ed ecco perchè il loro modo di ragionare è errato.

(inizio ha capire come mai la chiesa se la prende tanto con quelli che definisce "i bruti" gli animali... )
alessiob is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it