Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 12-12-2005, 14.04.44   #11
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
x tutti

Forse ho usato aggettivi forti che, istintivamente e giustamente, suscitano una reazione contraria. Emotiva.

Tuttavia ribadisco con grande pacatezza la sostanza di quanto da me affermato. Non voglio ripetermi ma la situazione in Cina, pur nella complessità e nella straordinaria ricchezza della loro storia (e civiltà!); pur nella considerazione che l'Occidente, lì come in tanti altri posti (il nostro colonialismo e il nostro sfruttamento sistematico sono ancora scritti nella nostra cattiva coscienza) si è comportato molto male; è molto brutta.

E' sotto gli occhi di tutti che operano uno sfruttamento della mano d'opera feroce e sistematico. Le risorse naturali sono così male utilizzate (senza nessun rispetto per la natura) che stanno già nascendo i primi, piccoli/grandi cataclismi naturali. Il discorso che ho fatto sulle bambine (grazie dei vostri interventi chiarificatori) e lì a testimoniare un modus operandi di controllo della natalità assolutamente incivile. La libertà religiosa non è solo rigidamente controllata (cioè, secondo il mio modo di vedere, negata) per quello che concerne i cattolici ma anche la storia di quello che è accaduto in Tibet sta lì a testimoniare una grande insensibilità verso questo tipo di bisogni umani.

Sei sicuro che la situazione sia quella da te descritta? Nel caso, non ti viene il dubbio che anche noi abbiamo contribuito ad essa, acquistando prodotti che le nostre aziende hanno fatto fabbricare in Cina?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 12-12-2005, 15.01.10   #12
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Sei sicuro che la situazione sia quella da te descritta?
Guarda non ho avuto nessuna difficoltà a comprendere che la situazione descritta è quella reale. Credo che senza particolari sforzi puoi sincerartene anche tu. Non fosse così (i dubbi nella mia vita sono sempre maggiori delle certezze ) ne sarò ben lieto.

QUOTE]Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Nel caso, non ti viene il dubbio che anche noi abbiamo contribuito ad essa, acquistando prodotti che le nostre aziende hanno fatto fabbricare in Cina? [/quote]
Non è mia intenzione chiamarmi fuori dalle responsabilità. Tutt'altro. Non solo siamo complici acquistando i loro prodotti ma, come già scritto nel mio primo post, siamo particolarmente "colpevoli" (a livello macroeconomico) di acquisire il loro denaro (vendendo loro $ e € con special riferimento a titoli del debito pubblico) così sostenendo le nostre economie in difficoltà.

freedom is offline  
Vecchio 12-12-2005, 15.09.34   #13
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Citazione:
Messaggio originale inviato da freedom
Guarda non ho avuto nessuna difficoltà a comprendere che la situazione descritta è quella reale. Credo che senza particolari sforzi puoi sincerartene anche tu. Non fosse così (i dubbi nella mia vita sono sempre maggiori delle certezze ) ne sarò ben lieto.

QUOTE]Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Nel caso, non ti viene il dubbio che anche noi abbiamo contribuito ad essa, acquistando prodotti che le nostre aziende hanno fatto fabbricare in Cina?

Non è mia intenzione chiamarmi fuori dalle responsabilità. Tutt'altro. Non solo siamo complici acquistando i loro prodotti ma, come già scritto nel mio primo post, siamo particolarmente "colpevoli" (a livello macroeconomico) di acquisire il loro denaro (vendendo loro $ e € con special riferimento a titoli del debito pubblico) così sostenendo le nostre economie in difficoltà.

[/quote]

io ho qualche difficoltà invece, e credo che comunque, spetti a chi firnula una tesi, dimostrarne la validità e non a chi non la comprende, dimostrarne il contrario
La risposta al secondo quesito è un po' ambigua. Io non mi riferivo ad articoli Made in China di aziende cinesi, bensì alle scarpe Nike (per fare un esempio) con la scritta Made in China, per finire alla Porsche (i cui componenti sono fabbricati in Cina perché così la Porsche risparmia sulla manodopera...). Se accettiamo prodotti occidentali fatti in Cina, perché mai dovremmo rifiutare quelli cinesi, solo per il fatto di essere cinesi?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 12-12-2005, 15.27.07   #14
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
io ho qualche difficoltà invece, e credo che comunque, spetti a chi firnula una tesi,
Non ho formulato tesi, ho espresso una considerazione su di una realtà che mi pare sotto gli occhi di tutti.

QUOTE]Messaggio originale inviato da Mr. Bean

La risposta al secondo quesito è un po' ambigua. Io non mi riferivo ad articoli Made in China di aziende cinesi, bensì alle scarpe Nike (per fare un esempio) con la scritta Made in China, per finire alla Porsche (i cui componenti sono fabbricati in Cina perché così la Porsche risparmia sulla manodopera...). Se accettiamo prodotti occidentali fatti in Cina, perché mai dovremmo rifiutare quelli cinesi, solo per il fatto di essere cinesi?
[/quote]
La risposta che ho dato non mi sembra ambigua.

Sui prodotti acquistati il discorso vale sia essi siano made in China che made in qualsiasi altra parte del Mondo. In tutta franchezza non riesco a cogliere la differenza che tu sottolinei.

Inoltre non ho mai affermato che sia giusto rifiutarsi di acquistare dei prodotti cinesi. Magari uno ricco si rifiuta perchè ha i denari per comprare qualcosa d'altro che soddisfi la sua coscienza. Uno povero invece magari li deve acquistare perchè non arriva alla fine del mese.

Prova a rileggere quello che ho scritto (con special riguardo al mio primo post) e vedrai che non la pensiamo poi così diversamente.


Ultima modifica di freedom : 12-12-2005 alle ore 15.30.30.
freedom is offline  
Vecchio 12-12-2005, 15.45.58   #15
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
la differenza è questa: tu entri in un negozio e compri un paio di scarpe di marca, le paga 100 euro e poi trovi scritto MADE IN CHINA (siano NIke, Adidas, ecc...). Oppure trovi una bancarella di cinesi che vende le scarpe MAO-TZE-TUNG (giusto per fare un esempio).... tu acquisteresti le prime ma non le seconde? O entrambe, o nessuna?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 12-12-2005, 17.08.53   #16
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
la differenza è questa: tu entri in un negozio e compri un paio di scarpe di marca, le paga 100 euro e poi trovi scritto MADE IN CHINA (siano NIke, Adidas, ecc...). Oppure trovi una bancarella di cinesi che vende le scarpe MAO-TZE-TUNG (giusto per fare un esempio).... tu acquisteresti le prime ma non le seconde? O entrambe, o nessuna?

Non acquisterei nè quelle di marca: non credo sia garanzia di qualità ma solo di alto prezzo e poi non mi piace avere scritte addosso e infine non posso e non voglio spendere troppi denari per l'abbigliamento.

Nè quelle cinesi della bancarella: penso che siano troppo a buon mercato per offrire un minimo di qualità: correttezza del plantare per non rovinare i piedi, riparo dalla pioggia e dal freddo, un minimo di igiene (traspirazione),durata, un minimo di confort.

Cerco qualcosa di medio. Un accettabile rapporto qualità/prezzo.


freedom is offline  
Vecchio 15-12-2005, 20.36.53   #17
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Gentili amici,

al di là delle molte idee positive o molto negative sul pericolo giallo, dobbiamo vedere l'economia dell'oggi.
###
Sono andato in questi giorni, in negozi tenuti da italiani e ho potuto notare che i prezzi sono abbastanza più bassi dell'anno passato (almeno a Roma).
Il motivo? Credo che la causa sia una spietata concorrenza. Senza concorrenza non si abbassano i prezzi. Molti hanno desiderato il "Libero mercato..." A volte il libero mercato" è sinonimo di "Libero ladrocinio"
###
Siete d'accordo su ciò che scriveva Nicolò Machiavelli:
<<Il fine giustifica i mezzi>> " ?

Sauti a Tutti
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 21-12-2005, 21.00.01   #18
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Il s o r p a s s o c i n e s e

Gentili amici,

mi pare molto strano che di fronte a realtà "Stupefacenti", cioè che la Cina sorpassa l'Italia nel campo economico, si possa rimanere silenziosi o solo dire male della Cina.
Non voglio difendere nessuno, ma se una nazione, ne sorpassa economicamente un'altra, (qualunque essa sia), un motivo valido ci deve essere.
Qualche giornale ha scritto che il motivo pricipale del sorpasso risiede nel fatto che i cinesi lavorano e gli italiani no.
Sarà vero? Qual' è la vostra opinione?
Siete d'accordo ?

Saluti a Tutti
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 21-12-2005, 23.42.09   #19
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
sorpasso cinese in curva...

Gentili amici,

Ecco un esempio in cui sono i numeri a parlare:

La Cina ha rivalutato del 16,8 per cento il Pil del 2004, che ora con 1.930 miliardi di dollari supera l'Italia. A favore della Cina - riferisce il Sole-24 Ore - dieci anni di ascesa irresistibile, mentre nel nostro paese si sconta una lunga stagnazione.
###
Pechino scala dunque i paesi industrializzati e - secondo i dati forniti dalla Banca mondiale - supera anche Francia e Gran Bretagna, preparandosi a scavalcare gli Stati Uniti. Repubblica parla di sorpasso che 'segna un'epoca' e sottolinea che con questi numeri la Cina avra' maggiore influenza sul gruppo del G7, di cui ancora non fa parte. Il modello italiano, invece, risulta vulnerabile alla sfida, dal tessile alle calzature. La Stampa guarda al futuro e riferisce che, secondo i calcoli della Banca, la Cina potrebbe superare il gigante americano tra 40 anni. Pechino - riferisce il quotidiano torinese - e' gia' leader mondiale delle esportazioni di prodotti hi-tech, con vendite per 180 miliardi di dollari.

Saluti a Tutti



nota di moderatore: ho unificato le due discussioni in quanto simili. Grazie
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 22-12-2005, 21.50.29   #20
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: Il s o r p a s s o c i n e s e

Citazione:
Messaggio originale inviato da Alessandro D'Angelo
mi pare molto strano che di fronte a realtà "Stupefacenti", cioè che la Cina sorpassa l'Italia nel campo economico, si possa rimanere silenziosi o solo dire male della Cina.
Sul sorpasso riguardo all’Italia, direi che la considerazione di base va fatta sulla consistenza numerica di un popolo fatto da 1 miliardo e 300 milioni di anime paragonato ai 55 milioni del nostro paese. E’ ovvio che, se anche l’anima non fa massa, una sproporzione così evidente deve pur contare, non fosse altro che per un mero conto matematico.
La seconda considerazione va cercata nella morale e nell’etica confuciane che, se pur in modo silenzioso, ed a noi invisibile, pervade ancora oggi, dopo 2500 anni quella cultura portando e nergie e valori che a noi sono sconosciuti.
Con la tipica arroganza che contraddistingue l’ignorante sogliamo considerare civili e progrediti solo quelli che la pensano come noi ed agiscono come noi e non vediamo, avviluppati come siamo nel nostro orgoglio, come molte culture e molti popoli, apparentemente meno progrediti di noi, avrebbero da insegnarci molto.
Loro però sul capitalismo stanno imparando in fretta, tutto e bene…… e magari quel tanto che basta ad usarlo per i loro fini.

VanLag is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it