Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalitÓ solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e SocietÓ
Cultura e SocietÓ - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali


Vecchio 19-03-2006, 08.33.10   #1
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Lo sciopero , infamia ed estorsione...

Lo scempio che fß lo sciopero , nella societß che lo pratica , Ú sotto il naso di tutti , per un incivilissimo comportamento a cui non sˇ in base a quale ragionevole computo si sia arrivati a dargli i crismi del diritto e legalitß , l'uso e abuso inverosimili si consumano con accettazione e sopportazione. Si dice sia una conquista del lavoratore , espressione del diritto alla protesta legittima per rivendicare suoi diritti nel mondo del lavoro , del suo lavoro . Ma diciamo , e quello degli altri? , alla sua parte contrapposta che scelte vi sono di controbattere con igual misura? , nessuna , o accetta od ad oltranza lo sciopero la distrugge , la umilia , commesse di forniture , impegni economici , seri cicli della catena produttiva vengono interrotti con lo slogan , o ti pieghi o ti spezzo! , malvagia perversione di quello che un serio rapporto del dare per avere , dovrebbe trovare i suoi equi aggiustamenti in sedi pi˙ opportune , senza l'umiliazione di una delle parti , e l'insano scollamento delle parti coinvolte. Feroce ed assurdo "lo sciopero" come protesta dovrebbe essere abolito , aziende di risonanza e non , lo hanno sofferto con irrimediabili danni di facciata , perdendo in perstigio per soffrire inadempienze per il suo uso . Oggi il rispetto e la ragione devono trovare altri sbocchi che avvicinino e non dividano le parti in causa , produzione e servizi non dovrebbero mai essere interrotti , ciˇ a beneficio di tutta la societß , l'estorsione non puˇ premiare , per me lo sciopero Ú una infamia intollerabile , quanto dannosa.
svirgola is offline  
Vecchio 19-03-2006, 09.11.49   #2
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
Alla faccia delle migliaia di lavoratori ke hanno lottato o sono morti x garantire delle migliori condizioni lavorative e di vita delle classi operaie, ma non solo....
Incredibile....

...magari se ritornassimo alle leggi zariste o fasciste sarebbe mejo!

...poveri noi....
Spaceboy is offline  
Vecchio 19-03-2006, 09.27.55   #3
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Citazione:
Messaggio originale inviato da Spaceboy
Alla faccia delle migliaia di lavoratori ke hanno lottato o sono morti x garantire delle migliori condizioni lavorative e di vita delle classi operaie, ma non solo....
Incredibile....

...magari se ritornassimo alle leggi zariste o fasciste sarebbe mejo!

...poveri noi....
Se proprio vuoi vedere riflessi politici allora diciamo che lo sciopero trova giusta applicazione in una societß vittima del totalitarismo , andava bene col comunismo , ma neppure col fascismo perchÚ questo non interveniva nella costrizione al lavoro con lo Stato padrone. Nel capitalismo il lavoratore deve col datore di lavoro trovare un ritmo ben sincopato , di rispetto e stime varie , e sempre reciproche.
svirgola is offline  
Vecchio 19-03-2006, 10.14.28   #4
ancient
Ospite abituale
 
L'avatar di ancient
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 758
ancient is offline  
Vecchio 19-03-2006, 10.47.54   #5
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Citazione:
Messaggio originale inviato da ancient
??????????!!. Purtroppo debbo imparare ad usare le faccette , apprezzo con un sorriso le tue.

Ultima modifica di svirgola : 19-03-2006 alle ore 10.50.02.
svirgola is offline  
Vecchio 19-03-2006, 11.38.54   #6
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Unhappy ritmo sincopato...?

Citazione:
Messaggio originale inviato da svirgola
Feroce ed assurdo "lo sciopero" come protesta dovrebbe essere abolito , aziende di risonanza e non , lo hanno sofferto con irrimediabili danni di facciata , perdendo in perstigio per soffrire inadempienze per il suo uso . Oggi il rispetto e la ragione devono trovare altri sbocchi che avvicinino e non dividano le parti in causa , produzione e servizi non dovrebbero mai essere interrotti , ciˇ a beneficio di tutta la societß , l'estorsione non puˇ premiare , per me lo sciopero Ú una infamia intollerabile , quanto dannosa.
ma forse Ŕ meglio

Lo strumento 'sciopero' Ŕ un diritto che Ŕ stato conquistato a fatica e bandirlo come 'infamia intollerabile' mi sembra proprio pari a questa espressione da te usata, che denota scarso interesse a scendere in profonditÓ ed indagare tra le fibre della storia e della societÓ attuale.

L'uso che se ne fa a volte Ŕ eccessivo e politicizzato purtroppo, ma in ogni caso, e soprattutto di fronte a manifestazioni imponenti come quelle francesi, Ŕ indice di un malessere diffuso che sarebbe alquanto miope etichettare come 'estorsione'. Tale malessere deriva proprio dalla mancanza di quel ritmo 'sincopato' di cui parli: quando si tira troppo la corda da una parte non si pu˛ certo pretendere, come tu auspichi, che l'altra parte molto pi¨ corposa reagisca allegramente per riavvicinarsi alla prima; in effetti lo scollamento avviene, nella maggior parte dei casi, prima dell'utilizzo di questo strumento che ne Ŕ solo una regolare (in quanto prevista dalle regole) conseguenza.

Svirgola, dai post che ho avuto modo di leggere (basta la parola 'sommossa' associata alle proteste di Parigi nell'altra discussione) non ho un ritmo 'sincopato' con le tue idee ed etichettature riguardanti la societÓ odierna e di questo non posso che essere felice; avrei potuto scrivere "e di questo non si pu˛ che essere felici", ma la pluralitÓ di idee penso che sia un bene, almeno quelle speriamo che possano per lungo tempo ancora resistere ad un ritmo 'sincopato'... anche se il trend non mi pare favorevole...

nexus6 is offline  
Vecchio 19-03-2006, 12.10.38   #7
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Re: ritmo sincopato...?

Citazione:
Messaggio originale inviato da nexus6
ma forse Ŕ meglio

Lo strumento 'sciopero' Ŕ un diritto che Ŕ stato conquistato a fatica e bandirlo come 'infamia intollerabile' mi sembra proprio pari a questa espressione da te usata, che denota scarso interesse a scendere in profonditÓ ed indagare tra le fibre della storia e della societÓ attuale.

L'uso che se ne fa a volte Ŕ eccessivo e politicizzato purtroppo, ma in ogni caso, e soprattutto di fronte a manifestazioni imponenti come quelle francesi, Ŕ indice di un malessere diffuso che sarebbe alquanto miope etichettare come 'estorsione'. Tale malessere deriva proprio dalla mancanza di quel ritmo 'sincopato' di cui parli: quando si tira troppo la corda da una parte non si pu˛ certo pretendere, come tu auspichi, che l'altra parte molto pi¨ corposa reagisca allegramente per riavvicinarsi alla prima; in effetti lo scollamento avviene, nella maggior parte dei casi, prima dell'utilizzo di questo strumento che ne Ŕ solo una regolare (in quanto prevista dalle regole) conseguenza.

Svirgola, dai post che ho avuto modo di leggere (basta la parola 'sommossa' associata alle proteste di Parigi nell'altra discussione) non ho un ritmo 'sincopato' con le tue idee ed etichettature riguardanti la societÓ odierna e di questo non posso che essere felice; avrei potuto scrivere "e di questo non si pu˛ che essere felici", ma la pluralitÓ di idee penso che sia un bene, almeno quelle speriamo che possano per lungo tempo ancora resistere ad un ritmo 'sincopato'... anche se il trend non mi pare favorevole...

Ciascuno Ú felice delle proprie idee , io metto in discussione le mie , se altri fanno altrettanto con le loro , mi aiutano a capire i miei errori o quelli degli altri . Mi piace discutere , continuamente imparo dagli altri , chiedo e offro collaborazione per un sano e rispettoso confronto , Ú interessantissimo conoscere il pensiero altrui , per questo ne faccio merce di scambio col mio. Per concludere , manifestazione con cortei e sfilate inneggianti le motivate proteste mi sembrano civilissime e legittime espressioni di contrarietß o di adesione , gli scioperi no! . Ciao.
svirgola is offline  
Vecchio 19-03-2006, 14.03.46   #8
r.rubin
pu˛ anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Lo sciopero Ŕ un arma efficacie. Spesso usata, giustamente, come arma per difendersi dalle aggressioni del padrone, a volte pu˛ trasformarsi in arma di offesa, di abuso a sua volta.

per limitare i rischi di abuso e strumentalizzazione politica di quest'arma, per evitare, cioŔ, il rischio che l'arma venga strappata di mano ai suoi legittimi proprietari (lavoratori) e venga usata da altri per scopi pochi chiari.. non bisogna depennare il diritto allo sciopero, ma piuttosto definire i confini all'interno dei quali lo sciopero Ŕ lecito, e al di fuori dei quali non lo Ŕ.

Questi confini devono essere stabiliti nell'interesse dei lavoratori, che non pu˛ prescindere dall'interesse del datore di lavoro che garantisce il benessere ai lavoratori stessi. Ma il primo soggetto di diritto deve restare il lavoratore, la maggoranza, che avrÓ comunque interesse a collaborare con colui che gli permette di guardagnare lo stipendio.

penso ad una carta dei diritti del lavoratore, che comprende, tra le altre, la definizione dello stipendio minimo che dev'essere garantito, espresso come relazione matematica con il costo della vita e ad altri parametri credo complessi che potrebbe conoscere solo un economista.
Condizioni di lavoro; orari; eccetera.
r.rubin is offline  
Vecchio 19-03-2006, 14.20.02   #9
svirgola
Ospite abituale
 
Data registrazione: 09-03-2006
Messaggi: 407
Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
Lo sciopero Ŕ un arma efficacie. Spesso usata, giustamente, come arma per difendersi dalle aggressioni del padrone, a volte pu˛ trasformarsi in arma di offesa, di abuso a sua volta.

per limitare i rischi di abuso e strumentalizzazione politica di quest'arma, per evitare, cioŔ, il rischio che l'arma venga strappata di mano ai suoi legittimi proprietari (lavoratori) e venga usata da altri per scopi pochi chiari.. non bisogna depennare il diritto allo sciopero, ma piuttosto definire i confini all'interno dei quali lo sciopero Ŕ lecito, e al di fuori dei quali non lo Ŕ.

Questi confini devono essere stabiliti nell'interesse dei lavoratori, che non pu˛ prescindere dall'interesse del datore di lavoro che garantisce il benessere ai lavoratori stessi. Ma il primo soggetto di diritto deve restare il lavoratore, la maggoranza, che avrÓ comunque interesse a collaborare con colui che gli permette di guardagnare lo stipendio.

penso ad una carta dei diritti del lavoratore, che comprende, tra le altre, la definizione dello stipendio minimo che dev'essere garantito, espresso come relazione matematica con il costo della vita e ad altri parametri credo complessi che potrebbe conoscere solo un economista.
Condizioni di lavoro; orari; eccetera.
A parte il diritto alla sciopero , sono d'accordissimo su tutto il resto e altro ancora omesso ma sempre ammesso. Ma dimmi , allo sciopero ritenuto lesivo , ingiusto , gratuito per la gravitß come dei danni che causa , o per la costrizione , spalle al muro al datore di lavoro , o ti pieghi o ti spezzo , il datore di lavoro che arma efficente puˇ opporre? o ne sarß per sempre deficente? , dimmi , chiariscimi questo punto e poi dovremmo essere d'accordo su tutto. Ciao
svirgola is offline  
Vecchio 19-03-2006, 14.23.01   #10
Spaceboy
...cercatore...
 
L'avatar di Spaceboy
 
Data registrazione: 15-03-2006
Messaggi: 604
BŔ Svirgola, titolare un topic con aggettivi come infamia ed estorsione mi sembra sia cercare lo scontro e non il confronto...

...x ci˛ ke riguarda lo sciopero ti ricordo ke Ŕ un diritto sancito dalla Costituzione, Costituzione nata sulle ceneri di un'Italia uscita devastata da una guerra provocata da un regime ventennale in cui libertÓ di espressione, di associazione e di credo politico, erano stati soppressi insieme a molte altre cose, tra le quali i diritti dei lavoratori a difendere le proprie cause...

...in ogni caso, Ti consiglio Ti rileggerti qualke autore dell'Ottecento, sensibile a qst. tematike, x farti un'idea di come la classe operaia era vessata...

...e oggi grazie alle battaglie di quella gente, abbiamo dei diritti ed una dignitÓ da difendere come lavoratori...

Spaceboy is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright ę Riflessioni.it