Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 19-12-2002, 13.13.14   #21
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
Re: Re: Lukra e Firenze......

Citazione:
Messaggio originale inviato da Lukra
Guerra, prevaricazione, sfruttamento, morte, sono il back ground registrato nella nostra memoria ancestrale ma questo non li rende inevitabili.
L’intelligenza, la logica, la ragione, servono proprio a rompere il cerchio della memoria. Tutto dipende da ciò che vogliamo usare nelle nostre vite. Cioè se lasciarci guidare dalla memoria oppure se usare l’intelletto per costruire un mondo migliore per noi e per le persone che amiamo.


Il fatto è che non tanto la memoria fine a se stessa, ma anche gli eventi quotidiani ci riportano continuamente in uno scenario di morte e decadentismo.

L'intelletto umano insieme al pensiero, e non tanto la logica e la ragione che ci hanno portato a questo disastro, ci saranno di aiuto nel superamento di questa epopea così assurda.

L'intelligenza c'è l'hanno anche gli animali, invece l'intelletto è solo umano.
L'uomo sta usando quest'ultimo solo per garantirsi il benessere materiale... ecco dov'è l'inghippo!
Arrivismo sfrenato e poca coscienza hanno portato allo sfruttanto dei popoli sottosviluppati e della natura incontaminata.
Sono tutti boomerang che stanno lentamente, ma inevitabilmente tornando indietro...
Popoli che fino a ieri credevano di essere invincibili stanno adesso scricchiolando davanti ad una follia più forte di quanto essi stessi hanno manifestato.
USA e popolo ebraico (simbiosi politica ed economica) hanno fatto troppi sbagli dal dopoguerra in poi, troppa prepotenza polica ed arroganza economica; ed oggi ne stanno pagando purtroppol e conseguenze.

Se ognuno costruisse il proprio mondo migliore, automaticamente la responsabilità sugli altri decadrebbe. L'individualismo spirituale e la concentrazione su se stessi potrebbe realmente risolvere questa crisi umana.
La salvezza non viene dalla manipolazione del collettivo, ma da un processo individuale che comprende la propria coscienza.
firenze is offline  
Vecchio 20-12-2002, 14.03.45   #22
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
proverbio arabo

Spazza davanti alla tua casa ed il mondo sarà pulito.

(non amo i proverbi, ma questo è veramente ad hoc)
visir is offline  
Vecchio 22-12-2002, 23.37.01   #23
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
L'intelletto umano insieme al pensiero, e non tanto la logica e la ragione che ci hanno portato a questo disastro, ci saranno di aiuto nel superamento di questa epopea così assurda.

Vero che il nostro intelletto è responsabile! Ma il nostro intelletto contiene la memoria. Cioè tutto ciò che abbiamo acquisito dalla nostra nascita al punto in cui siamo ora e che forma anche l’immagine che abbiamo di noi stessi.
Cambiare significa rompere il cerchio della memoria e destrutturate e ristrutturare la nostra auto immagine, la nostra identità. Non lo faremo mai, perché non è quello che vogliamo.
L’intelligenza con la logica e la ragione potrebbe aiutarci ma sfortunatamente le doti discriminanti, e la capacità di discernimento dell’intelligenza, oggi, sono asservite ai valori forniti anch’essi dalla memoria. (Questo va bene, questo va male, in fondo è ciò che ci hanno insegnato essere bene o male).
Se non capovolgiamo l’equazione che ha posto l’intelligenza al servizio della memoria, attraverso l’assolutizzazione del valore, e non ridiamo primato alla prima sulla seconda, non c’è via di uscita per il genere umano da questa assurda epopea, o da questo inghippo, come li hai chiamati tu.

Lo faremo? Non lo faremo? Boh al presente le cose sono molto compromesse e l’uomo continua a diventare sempre più “grammofono” e sempre meno “uomo”, ma..... ma..... c’è sempre l’istinto di sopravvivenza, per esempio, che potrebbe in extremis svegliarci da questo torpore, C’è anche l’ignoto, l’eterna possibilità, che spazza le certezze e che non permette a nessuno di dormire sugli allori.....
Il futuro è sempre in divenire, difficile leggerlo ed io, come sai, non ho le tue capacità medianiche; (faccio fatica a leggere i post, figuriamoci se leggo il futuro) .............

Ultima modifica di VanLag : 22-12-2002 alle ore 23.42.45.
VanLag is offline  
Vecchio 23-12-2002, 16.34.05   #24
firenze
Ospite abituale
 
L'avatar di firenze
 
Data registrazione: 28-04-2002
Messaggi: 341
per VanLag

Ho letto il tuo post ed ho compreso che nel tuo messaggio i significati di intelletto, intelligenza e memoria sono diversi da quelli miei, o almeno così mi sembra.

Per me l'intelletto è quel quid in più che eleva l'uomo dallo stato animale.
L'intelligenza ripeto c'è l'hanno anche gli animali, è un elemento che differenzia un essere pensante da uno non, ad esempio un cane da un'ameba.
La memoria è al servizio dell'intelletto umano e dell'intelligenza umano/animale (anche gli animali hanno una meoria).
Aggiungo, l'istinto è animale, ma resta anche nella struttura umana (istinto di sopravvivenza, materno, ecc.)
L'intuito invece, come per l'intelletto, resta solo umano.

E' per questo che dico che l'intuito unito all'intelletto saranno i due elementi che eleveranno l'uomo verso mete ad ora inimmaginabili.

L'uomo invece persevera nell'evoluzione della provia intelligenza unita all'istinto. E vedi dove siamo arrivati?


firenze is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it