Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 02-12-2008, 13.47.40   #1
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra ( delle realtà materiali e spirituali).

Perfettissimo significa che in Dio è ogni perfezione senza difetto e senza limiti, ossia che Egli è potenza, sapienza e bontà infinita.

Creatore significa che Dio ha fatto dal nulla tutte le cose

Signore significa che Dio è padrone assoluto di tutte le cose

Dio sa tutto, anche i nostri pensieri: Egli è l'Onnisciente

Dio può far tutto ciò che vuole: Egli è l'Onnipotente.

Dio non può fare il male perché non può volerlo essendo bontà infinita.

Dio ha cura e provvidenza delle cose create e le conserva e dirige tutte al proprio fine, con sapienza, bontà e giustizia infinita.


Che cosa ne pensate?

Ultima modifica di Giorgiosan : 02-12-2008 alle ore 16.26.53.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 02-12-2008, 17.32.18   #2
emmeci
Ospite abituale
 
L'avatar di emmeci
 
Data registrazione: 10-06-2007
Messaggi: 1,272
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Ricordo di aver letto una volta: " Il Tao di cui si può parlare non è il vero Tao". Così io dico “Il Dio di cui si parla non è il vero Dio”. O addirittura: “Il Dio che esiste non è il vero Dio”.
emmeci is offline  
Vecchio 02-12-2008, 17.40.28   #3
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Dio può far tutto ciò che vuole: Egli è l'Onnipotente.
Se volesse cambiare le leggi della Creazione (per esempio la legge di gravità) e, contestualmente, mantenere l'Universo così com'è, potrebbe farlo?

Oppure potrebbe morire?

E infine: se è vero che permette il male affinchè ne nasca un maggior bene non potrebbe far nascere lo stesso un maggior bene senza necessariamente permettere il male?
freedom is offline  
Vecchio 02-12-2008, 21.23.59   #4
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da freedom
Se volesse cambiare le leggi della Creazione (per esempio la legge di gravità) e, contestualmente, mantenere l'Universo così com'è, potrebbe farlo?

Oppure potrebbe morire?

E infine: se è vero che permette il male affinchè ne nasca un maggior bene non potrebbe far nascere lo stesso un maggior bene senza necessariamente permettere il male?]

E infine: se è vero che permette il male affinchè ne nasca un maggior bene non potrebbe far nascere lo stesso un maggior bene senza necessariamente permettere il male?

La creazione è a sua immagine e somiglianza. Creare a sua immagine e somiglianza è il massimo bene che può fare alla creatura.

Se Dio volesse modificare la creazione, dovrebbe volere che l'universo e il genere umano non fossero a sua immagine e somiglianza e questo andrebbe contro l'amore o il bene per le sue creature e quindi non può volerlo.

(Nella tradizione cristiana) si può dire Dio è morto.

Il massimo bene è sempre quello che Dio ha fatto che fa e che farà.

Ultima modifica di Giorgiosan : 02-12-2008 alle ore 22.18.39.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 02-12-2008, 21.43.14   #5
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da emmeci
Ricordo di aver letto una volta: " Il Tao di cui si può parlare non è il vero Tao". Così io dico “Il Dio di cui si parla non è il vero Dio”. O addirittura: “Il Dio che esiste non è il vero Dio”.

Trasportare da una cultura e riproporre delle affermazioni tali e quali in altra cultura filosofica non permette di esprimerne correttamente i contenuti.

Sarebbe come proporre un aforisma zen in un discorso metafisico.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 03-12-2008, 10.10.48   #6
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Trasportare da una cultura e riproporre delle affermazioni tali e quali in altra cultura filosofica non permette di esprimerne correttamente i contenuti.

Sarebbe come proporre un aforisma zen in un discorso metafisico.
Stai forse dicendo Giorgio,che ogni cultura ha il suo "concetto" di Dio e che è bene non confondere le acque?
Noor is offline  
Vecchio 03-12-2008, 12.36.28   #7
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Non vorrei che si commettesse anche qui un errore frequente, cioè contestare la definizione del termine 'dio'. Di tale termine, come si saprà, si possono dare diverse definizioni, ed ognuna avrà un diverso referente. Cioè, Giorgiosan poteva chiamare quell'ente col nome di 'Xyz', l'importante è che lui voglia parlare di un ente che possiede quegli attributi, a prescindere dal nome che gli possiamo dare.

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra ( delle realtà materiali e spirituali).

Perfettissimo significa che in Dio è ogni perfezione senza difetto e senza limiti, ossia che Egli è potenza, sapienza e bontà infinita.

Quindi Dio è il creatore di tutto l'esistente. Inoltre è perfetto, cioè ha gli attributi che noi riteniamo 'nobili' al massimo grado. Ti piace quest'ultima precisazione?
Quindi, come dici tu, è onnipotente, onnisciente e perfettamente buono.

Però questa definizione mi rende un po' perplesso. Nell'altra discussione, "Onnipotenza e Bontà divina", avevo detto che la divinità per il teismo classico è definita con almeno l'onnipotenza, onniscienza e perfetta bontà (dico 'almeno' perché ci sono altri attributi usati nella definizione).
In quella sede (https://www.riflessioni.it/forum/225922-post148.html), però, risposi che tale divinità non esiste, condividendo con me che fosse logicamente impossibile la sua esistenza. Ma qui hai ripeso esattamente quella definizione, quindi qualcosa mi deve sfuggire. Là dici che tale ente non esiste, qui invece affermi il contrario... che cosa mi sono perso?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Signore significa che Dio è padrone assoluto di tutte le cose

L'attributo "essere padrone" (o, in particolare, "essere padrone assoluto di tutto l'esistente") non può essere usato nella definizione come gli altri, a patto che non ripeta il concetto che dio è onnipotente, creatore di tutto e che questo tutto è gestito da lui.

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Che cosa ne pensate?

Come ti ho detto, sono un po' confuso perché la definizione di divinità che hai adottato è praticamente quella del teismo classico.
Di conseguenza, una (tra le tante) obiezioni è quella dell'esistenza del male, discussa nell'altro topic.

epicurus is offline  
Vecchio 03-12-2008, 14.27.50   #8
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da Noor
Stai forse dicendo Giorgio,che ogni cultura ha il suo "concetto" di Dio e che è bene non confondere le acque?

Si hanno diverse idee di quello che noi chiamiamo Dio.

Per le lingue neo-latine il termine Dio (e gli altri) e il termine greco Theos da cui Dio proviene, derivano dal sanscrito deva, Uno Che Risplende, Cielo (ciò che splende per eccellenza),

per le lingue anglosassoni God ( e gli altri) vengono dal sanscrito Guthan che significa L'Invocato,

per i persiani Ahura Mazda, dove ahura deriva dal sanscrito “genio”, bisogna intendere un essere a cui gli antichi attribuivano la tutela di un luogo, di una persona e Mazda che significa grande od il più grande, quindi non dovrebbe essere lontano da Il Grande Protettore ,

nella cultura sioux, Wakan Tanka significa Il Grande Mistero,

nella cultura algonchina Manitou è Il Grande Spirito,

ecc. ecc.

( Le etimologie sono in parte opinabili ma questo ha poco importanza)

La concezione di queste culture sono diverse, anche se si può dire che in linea di massima il significato più consueto sia quello che Dio è principio e fondamento di tutta la realtà.

Certamente confondere le acque, come dici tu, cioè considerare queste tradizioni e i concetti di Dio di cui sono portatrici esattamente uguali non ha molto senso, di notte tutte le vacche sono nere.

In una riflessione fenomenologia sulla religione certo le differenze hanno poca importanza.

In questo topic ed in altri analoghi, però, si riflette quasi sempre intorno ad una teologia cristiana o cattolica: si prendono infatti da questa, asserti teologici o presunti tali e li si sottopongono a critica filosofica.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 03-12-2008, 15.37.26   #9
Giorgiosan
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2004
Messaggi: 2,009
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da epicurus
Non vorrei che si commettesse anche qui un errore frequente, cioè contestare la definizione del termine 'dio'. Di tale termine, come si saprà, si possono dare diverse definizioni, ed ognuna avrà un diverso referente. Cioè, Giorgiosan poteva chiamare quell'ente col nome di 'Xyz', l'importante è che lui voglia parlare di un ente che possiede quegli attributi, a prescindere dal nome che gli possiamo dare.



Quindi Dio è il creatore di tutto l'esistente. Inoltre è perfetto, cioè ha gli attributi che noi riteniamo 'nobili' al massimo grado. Ti piace quest'ultima precisazione?
Quindi, come dici tu, è onnipotente, onnisciente e perfettamente buono.

Però questa definizione mi rende un po' perplesso. Nell'altra discussione, "Onnipotenza e Bontà divina", avevo detto che la divinità per il teismo classico è definita con almeno l'onnipotenza, onniscienza e perfetta bontà (dico 'almeno' perché ci sono altri attributi usati nella definizione).
In quella sede (https://www.riflessioni.it/forum/225922-post148.html), però, risposi che tale divinità non esiste, condividendo con me che fosse logicamente impossibile la sua esistenza. Ma qui hai ripeso esattamente quella definizione, quindi qualcosa mi deve sfuggire. Là dici che tale ente non esiste, qui invece affermi il contrario... che cosa mi sono perso?

L'attributo "essere padrone" (o, in particolare, "essere padrone assoluto di tutto l'esistente") non può essere usato nella definizione come gli altri, a patto che non ripeta il concetto che dio è onnipotente, creatore di tutto e che questo tutto è gestito da lui.

Come ti ho detto, sono un po' confuso perché la definizione di divinità che hai adottato è praticamente quella del teismo classico.
Di conseguenza, una (tra le tante) obiezioni è quella dell'esistenza del male, discussa nell'altro topic.

Precisiamo un termine così il dialogo sarà facilitato.

Teismo, in senso lato indica ogni dottrina filosofica che affermi l’esistenza di Dio. Il suo contrario è ateismo.
Per teismo si può intende questa generica definizione anche perché ci sono diverse dottrine che si possono definire teiste.
Se però tu usi teismo in uno dei sensi che il termine ha assunto nella storia, allora sarebbe utile precisarlo e precisare anche il pensatore teista cui fai riferimento.

Non rinnego quanto affermato nell’altro topic perché non ho ancora cambiato opinione.


Affermai che di Dio sappiamo soltanto ciò che ha compiuto nella storia ( che comprende anche il rivelare o insegnare) ma il titolo di un topic che tenesse conto di questa importante premessa avrebbe significato più o meno intitolare il topic, Dio è un Uomo Perfetto, che però non sapevo se sarei stato in grado di condurre filosoficamente, per cui ho ripiegato su una definizione di Dio che non è teista ma cattolica e comprende tutte le caratteristiche che io vedo in Dio.

La definizione che ho dato non è mia e non mi impedirà di dire quello che penso di ogni attributo o come lo penso o anche di consentire con esso.

Ho preso, insomma, con questa definizione il toro per le corna.

Ciao

Ultima modifica di Giorgiosan : 03-12-2008 alle ore 16.33.08.
Giorgiosan is offline  
Vecchio 03-12-2008, 16.51.27   #10
epicurus
Moderatore
 
L'avatar di epicurus
 
Data registrazione: 18-05-2004
Messaggi: 2,725
Riferimento: Dio è l'Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Precisiamo un termine così il dialogo sarà facilitato.

Teismo, in senso lato indica ogni dottrina filosofica che affermi l’esistenza di Dio. Il suo contrario è ateismo.
Per teismo si può intende questa generica definizione anche perché ci sono diverse dottrine che si possono definire teiste.
Se però tu usi teismo in uno dei sensi che il termine ha assunto nella storia, allora sarebbe utile precisarlo e precisare anche il pensatore teista cui fai riferimento.

Certo, 'tesimo' si riferisce a qualsiasi posizione filosofica/religiosa che prevede l'esistenza di dio. Ma io parlavo del 'teismo classico' che è il teismo che, per un motivo o l'altro, è il tipo di teismo più discusso in filosofia. Tra l'altro, il teismo classico è un sottoinsieme del cristianesimo, e quindi un sottoinsieme anche del cattolicesimo.

In particolare, il tesimo classico è quella posizione che afferma che esiste un solo dio, dove con il termine 'dio' ci si riferisce ad un ente personale fuori dallo spazio e dal tempo, che ha creato tutto, è onnipotente, onnisciente, massimamente libero, disincarnato, massimamente buono, massimamente intelligente e razionale, massimamente amorevole, etc.

Naturalmente il teismo classico più che una posizione ben precisa è una famiglia di posizioni, nel senso che alcuni sostenitori del teismo classico possono lasciare fuori alcuni attributi che altri possono invece inglobare in tale definizione (per esempio qualcuno potrebbe includere l'impassibilità tra gli attributi divini, cioè il fatto che il mondo non lo può influenzare essendo lui completamente autosufficiente, mentre un altro potrebbe non essere d'accordo: è possibile che entrambi siano teisti classici), oppure alcuni sostenitori possono interpretare un attributo divino in modo diverso da altri.

Detto questo, all'interno della posizione del teismo classico ci possono essere lievi differenze, ma il cuore della tesi è quella.

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Non rinnego quanto affermato nell’altro topic perché non ho ancora cambiato opinione.

Intendevo dire, che in quell'altro topic avevi ammesso l'inesistenza di un ente onnipotente, onnisciente e perfettamente buono, mentre qui affermi che tale ente esiste. O mi sbaglio?

Citazione:
Originalmente inviato da Giorgiosan
Affermai che di Dio sappiamo soltanto ciò che ha compiuto nella storia ( che comprende anche il rivelare o insegnare) ma il titolo di un topic che tenesse conto di questa importante premessa avrebbe significato più o meno intitolare il topic, Dio è un Uomo Perfetto, che però non sapevo se sarei stato in grado di condurre filosoficamente, per cui ho ripiegato su una definizione di Dio che non è teista ma cattolica e comprende tutte le caratteristiche che io vedo in Dio.

La definizione che ho dato non è mia e non mi impedirà di dire quello che penso di ogni attributo o come lo penso o anche di consentire con esso.

Dire "di Dio sappiamo soltanto ciò che ha compiuto nella storia" può essere solo un passo successivo alla definizione del termine 'dio', altrimenti tale proposizione non ha senso. Quindi hai fatto bene a prendere il toro per le corna, dando una definizione esplicita di ciò di cui vuoi parlare.

epicurus is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it