Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 25-04-2002, 20.14.22   #1
Armonia
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 250
Question "La morte non esiste se non come incensante trasformazione"

Allora: "Perché l'uomo ha paura della morte?"

?!?!
Armonia is offline  
Vecchio 25-04-2002, 20.22.02   #2
Morfeo
 
Messaggi: n/a
Perché devi lasciare tutto ciò che hai intorno, terreno o meno...

Se fossimo soli al mondo, ce ne fotterebbe ben poco...

Sarebbe un altro trasloco, un'altra esperienza...

Se poi metti che molti si attaccano alle cose terrene, i beni materiali le ricchezze, il potere, la risposta allora è scontata!
 
Vecchio 26-04-2002, 12.21.55   #3
Rolando
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 855
Lo sconosciuto è sempre spaventoso.
Però penso che non tutti hanno paura della morte. Ciao.
Rolando is offline  
Vecchio 02-05-2002, 19.50.12   #4
nicola
Ospite
 
Data registrazione: 07-04-2002
Messaggi: 20
Chi lo dice che è trasformazione?
Un uomo?
Qualcun'altro in questo forum,ha scritto che l'uomo può credere in qualsiasi cosa dio,denaro,topo gigio.Grande!
Se è trasformazione potremmo diventare anche dei Topo Gigio,no?
La mia è una critica al punto di partenza,lo dai come un dato di fatto.
nicola is offline  
Vecchio 03-05-2002, 21.11.53   #5
FL100
Ospite
 
Data registrazione: 03-05-2002
Messaggi: 13
Forse perchè..

l'uomo ha elaborato le più disparate idee della morte, e di ciò che segue. Ma alla fine nessuno ha mai potuto portarci conferma che almeno una di esse corrisponda alla verità.
A mio modo di vedere è questo non sapere che ci fa paura.
In fin dei conti se fossimo certi che la morte prelude alla vita eterna, o a una condizione migliore di quella ceh lasciamo, non ci farebbe più paura. Ma..se fosse il contrario? O se semplicemente approdassimo al nulla? Ha un bel dire Epicuro....la paura resta!
FL100 is offline  
Vecchio 04-05-2002, 07.17.51   #6
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
non è la morte...

la morte non è altro che la fine di tutto...
tutto quello che conosciamo, che possediamo (o crediamo di possedere), ma non è la morte che ci fa paura, ma quella incredibile cancellazione di tutto quello che abbiamo acquisito da quando siamo venuti al mondo.
Un corpo, delle sensazioni, dei gusti, dei ricordi, degli affetti familiari, persone care, oggetti di ogni tipo, grandi e piccoli ecc...
Un "reset" totale. E' quasi come in questo preciso momento prendere il pc che hai sotto mano e scaraventarlo fuori dalla finestra con tutto quello che contiene. Memoria e lavoro accuratamente registrato.
FINE.
Nulla può più esistere, neppure il nome, la forma, il senso di essere...
abbiamo paura di perdere tutto questo.

Altrimenti non si spiega perché ogni sera non abbiamo paura di non risvegliarci più (a certi succede!). Lasciamo tranquillamente la nostra coscienza di veglia per abbandonarci al "nulla" della notte. Siamo sicuri di risvegliarci,
...ma siamo proprio sicuri???
Non possiamo considerare la morte come quando andiamo a dormire? Finito il giorno, fatto quello che potevo fare, è il momento di andare...

Ciao!

Claudio is offline  
Vecchio 04-05-2002, 14.05.46   #7
Pie'oh'pah
 
Messaggi: n/a
Beh, più o meno è il discorso che ho fatto al mio bambino...si muore quando si ha finito quello che si doveva fare, bene o male che sia.
Hai finito, sei stanco e devi andare a riposarti...e cosa c'è di più riposante di un beeeeeeeel sonno ristoratore?

Esattamente come quando vai a dormire alla fine della giornata...

Che poi, dopo a questo sonno, ci sai qualcos'altro o meno non ha importanza...quel che sarà sarà, se è previsto che ci si debba arrivare tutti un senso lo avrà pure! Anche se fosse la cessazione di tutto...cioè, voglio dire, chissenefrega no?
E' così brutto accettare che ci sia qualcosa che non capiamo o che al momento ci sembra orribile? Esperienza mi ha insegnato che quello che non capisco o che temo oggi, un domani mi sarà molto utile e sarà chiaro come il sole...
 
Vecchio 22-05-2002, 01.05.32   #8
clairvoyant
Ospite
 
Data registrazione: 17-05-2002
Messaggi: 6
Siamo spaventati

Tutto quello che ha sconvolto la normalità e l'abitudine ha sempre spaventato l'uomo, figuriamoci un simile cambiamentogulp
clairvoyant is offline  
Vecchio 28-05-2002, 06.50.20   #9
ely
Ospite abituale
 
L'avatar di ely
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 134
non credo che la morte sia trasformazione ma anche fosse cosi non sarebbe un cambiamento?e come tutti i cambiamenti fanno paura...sai quello che lasci ma non sai cosa trovi
ely is offline  
Vecchio 28-05-2002, 23.50.08   #10
UlceraGastrica
Ospite abituale
 
Data registrazione: 17-05-2002
Messaggi: 82
Re: "La morte non esiste se non come incensante trasformazione"

Comunque è meglio non provarla.
UlceraGastrica is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it