Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 16-03-2014, 17.53.47   #11
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Certo la conoscenza può sottintendere molte cose. La conoscenza è varia ma il conoscitore è uno ed è quello lo scopo dell'indagine o della ricerca se preferisci.
Citazione:
Originalmente inviato da LinJi
Non concordo; è "un possibile" scopo di una possibile ricerca ma non l'unico possibile. Si tratta di scelte.
Se parliamo di conoscenza in generale ovviamente ce n'è di ogni tipo ma se parliamo di conoscenza di noi stessi l'indagine non può prescindere dal conoscitore, (cioè da noi stessi), che siamo tanto l'oggetto della conoscenza quanto il soggetto che cerca di conoscere da qui le difficoltà che tu sintetizzi nel paragone con l'occhio che non può vedere se stesso.

Per il resto quanto dici è evidentemente conforme alla tua esperienza e non mi vengono commenti.

VanLag is offline  
Vecchio 16-03-2014, 21.14.49   #12
oroboros
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-01-2008
Messaggi: 175
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Ognuno di noi è la manifestazione dell'unicità che è a immagine dell'unità di principio, la quale genera unicità che compongono la molteplicità nella quale l'esistenza dà modo alla possibilità universale di essere. La possibilità è la sostanza universale, mentre l'atto ne costituisce l'essenza. Ogni essere nasce dalla centralità della quale è espressione differenziata che si manifesta, e ciò che ognuno è, in essenza, è identico a ogni altro. È sempre la stessa unità che vive, ma deve farlo attraverso l'imposizione di una legge che impone la diversità di ciò che è manifestato. Ciò che siamo in realtà è questa centralità assoluta, la quale si esprime attraverso il capovolgimento che dà origine all'ego. È per questo che dalla superficie rappresentata dall'io si deve procedere a ritroso verso il sé, interiore e assoluto, che siamo veramente. La chiave che consente il percorso inverso a quello creativo è universale, ed è data dal sacrificio di tutto quello che allontana dal sé interiore. È questo sé a essere immagine del sacro e assoluto Sé che chiamiamo Dio. È per questa assoluta centralità che è possibile, per l'essere umano, intuire la verità dei princìpi universali che sono norma della realtà relativa. L'uomo può "vedere" direttamente e senza mediazione della mente, attraverso quello che è analogicamente associato al "terzo occhio", perché interiore, la verità senza tempo proprio a causa di questa centralità. Ecco chi siamo veramente, ma per conoscere il sé occorre prima che il sé si manifesti alla nostra coscienza trasformandola in consapevolezza dell'universale. Questo avviene in conseguenza dell'iniziazione - nei rarissimi casi in cui sia effettiva - iniziazione che consente di procedere all'interno della Certezza data dall'Intuizione spirituale, nel lungo percorso di realizzazione del sé, attraverso la rigorosa aderenza ai princìpi che si conoscono attraverso il vedere interiore. Aderenza attuativa e non solo di conoscenza teorica.
La Certezza, cita un detto Sufi, è come l'infinità interna del Mistero assoluto, la quale non può esaurirlo.
oroboros is offline  
Vecchio 16-03-2014, 22.16.53   #13
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da oroboros
.............È questo sé a essere immagine del sacro e assoluto Sé che chiamiamo Dio.
Se non capisco male ciò che esprimi secondo te noi siamo questo sé che è un immagine del sacro e assoluto sé che chiamiamo Dio.

Ma permettimi una domanda: siamo un'immagine o siamo Dio stesso?

VanLag is offline  
Vecchio 16-03-2014, 23.18.49   #14
Galvan 1224
Nuovo ospite
 
L'avatar di Galvan 1224
 
Data registrazione: 30-01-2014
Messaggi: 189
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Chi sono io?

Tutto quello che si può concordemente dire al riguardo è che chi si pone tal domanda, deve necessariamente usare un linguaggio.

Per i primi anni dopo la nascita non c’è possibilità, mancando o non essendo adeguatamente formati gli strumenti cognitivi, ideativi, interpretativi e astrattivi (forse ne dimentico dell’altri).
A rigor di logica un “Io” non in “attività” non può neppur concepir se stesso.

Chissà perché questa domanda ha assunto la valenza, l’importanza che ben sappiamo… ce ne son così tante di domande, sull’origine dell’universo, sull’arte, sul perché il cielo è blu e il rosso è rosso (quest’ultime apparentemente stupide).

La sua continua e assidua riproposizione nel tempo – millenni – ha scavato un bel solco nella coscienza collettiva (o intensificato il campo corrispondente, secondo nuove teorie), sì che basta distrarsi un attimo e se ne ha a che fare, ritrovandosela tra i piedi (un po’ di humor…), costretti, dal considerarla appunto una domanda, a cercar la sua controparte (la risposta).

Personalmente non subisco il fascino e il perché è presto detto, me la pongo e non trovo risposta… se non la trovo perché dovrei trovarla?
Per me c’è qualcosa che non va nella domanda, non nel fatto che non vien trovata risposta.
E nel corso dei miei anni ho esaurito la spinta a cercar altrove che non in me le risposte impossibili.

L’”Io” deriva dal linguaggio, in cui tutti sin dalla nascita (e anche prima) siam immersi.
Togliete il linguaggio e la domanda scompare.
Togliete la preoccupazione d’esser qualcosa e la vita almeno un po’ s’alleggerisce.

Cosa resta?
Evaporando il personale si delinea l’impersonale, non “chi siamo noi”, ma “che siamo?”.
Questa m‘aggrada, toglier di mezzo quell’io rende l’aria più respirabile.

Per questo, pur non essendo tra i miei pittori preferiti mi piace Gauguin, per l’impersonalità del titolo del suo ultimo grande capolavoro (da dove veniamo? che siamo? dove andiamo?).
In quello (dipinto) son corpi e situazioni, tempi dell’esistenza, valori attribuiti e valori lasciati.

Se ci fosse anche un io, come dipingerlo?
Galvan 1224 is offline  
Vecchio 17-03-2014, 08.46.23   #15
oroboros
Ospite abituale
 
Data registrazione: 26-01-2008
Messaggi: 175
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Se non capisco male ciò che esprimi secondo te noi siamo questo sé che è un immagine del sacro e assoluto sé che chiamiamo Dio.

Ma permettimi una domanda: siamo un'immagine o siamo Dio stesso?


Siamo un'immagine, dunque un capovolgimento del Sé assoluto che si irradia in ognuno di noi, mentre cerchiamo la Perfezione delle possibilità implicite ai prolungamenti del nostro essere.
Siamo il Sé assoluto, quando l'assoluta perfezione è realizzata.
È questa realizzazione che persegue lo yogi, e tutti coloro che sono sulla via che dalla circonferenza conduce al centro di sé. Siamo come i puntini di una circonferenza macrocosmica, generati per riflessione dal Centro, immagine dell'Assoluto, che irradia riflettendosi, dunque capovolgendosi, le nostre individualità. Individualità diverse e uniche, che avvicinandosi al Centro vedono diminuire la distanza che le separa una dall'altra. Nel Centro non c'è separazione, ma unità delle unicità. Fusi ma non confusi, diceva Meister Eckart. Come una goccia d'acqua su pietra infuocata sembra consumarsi, ma in realtà si diffonde al suo massimo grado senza perdersi, così siamo noi, nella nostra essenza realizzata.
oroboros is offline  
Vecchio 17-03-2014, 09.02.51   #16
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da Galvan 1224
Chissà perché questa domanda ha assunto la valenza, l’importanza che ben sappiamo… ce ne son così tante di domande, sull’origine dell’universo, sull’arte, sul perché il cielo è blu e il rosso è rosso (quest’ultime apparentemente stupide).
Forse perché l'io sono rappresenta la porta tra la realtà ed il sogno o se vogliamo metterla più sul pesante tra il noumeno ed il fenomeno e capire quell'io sono significa riguadagnare l'accesso al nostro vero essere che c'è sempre ovviamente ma è assai dimenticato.

Citazione:
Originalmente inviato da Galvan 1224
Personalmente non subisco il fascino e il perché è presto detto, me la pongo e non trovo risposta… se non la trovo perché dovrei trovarla?
Per me c’è qualcosa che non va nella domanda, non nel fatto che non vien trovata risposta.
E nel corso dei miei anni ho esaurito la spinta a cercar altrove che non in me le risposte impossibili.
Se cerchi in te cerchi nell'io sono e quindi, anche se non vedi il fascino della domanda, stai comunque perseguendo quella ricerca.


Galvan è l'angramma di VanLag
VanLag is offline  
Vecchio 17-03-2014, 13.19.33   #17
LinJi
Ospite
 
Data registrazione: 18-04-2007
Messaggi: 16
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da VanLag
Per il resto quanto dici è evidentemente conforme alla tua esperienza e non mi vengono commenti.

Ho parlato di tutto fuorché di mie esperienze. Ma va bene così.
LinJi is offline  
Vecchio 17-03-2014, 13.22.38   #18
Galvan 1224
Nuovo ospite
 
L'avatar di Galvan 1224
 
Data registrazione: 30-01-2014
Messaggi: 189
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Galvan è l'anagramma di VanLag



Io e VanLag non siamo la stessa persona… siamo due distinti “io sono” (per me un effetto del linguaggio e per VanLag quello che ha scritto e voi interpretato), tuttavia qualcosa di quello che qui è sotto gli occhi di tutti (oltre alle nostre parole, ben differenti) ci accomuna.

Qualcosa che riguarda, nientemeno, il nome.
Non quello nostro proprio, anagrafico, ma quello che per sensazione, affinità, risonanza e chissà che altro ci siam scelti per interagire in questo forum. Per me altrettanto importante che l’ufficiale.

Il mio nick deriva dal nome di un personaggio di un mio racconto scritto qualche anno fa.
È un cognome reale, abbastanza diffuso in Italia e anche all’estero; il personaggio era spagnolo.
Questo per dir che è del tutto casuale l’anagramma, scoperto da VanLag.

Si può discorrer di tutto rifornendosi, per il “materiale” necessario, da quanto abbiamo accumulato nel corso della nostra vita (e qui ci son persone che han studiato molto e son davvero competenti, lo dico senza alcuna ironia), secondo la modalità che conosciamo, cioè presentando le nostre conoscenze al riguardo, inserite in proposizioni collegate tra loro, e queste miranti a definir, al fin del corso, l’immagine (il pensiero intellettuale) che si vuol ottener dal farlo.

Una sequenza lineare… si esce di casa la mattina… e si rincasa (ahinoi dopo aver lavorato, se siam fortunati d’avercelo un lavoro…) alla sera.

Ma, sapete, ci son persone che non rincasano affatto… spariscono, e della maggior parte non se ne sa più nulla… davvero affascinante… chi erano?

Quel loro “io sono”, chi era?

Che si sian guardati il naso al par del Gengé (Vitangelo) di Uno, nessuno e centomila dell’immenso Pirandello?
E abbiano deciso di sfuggir alla vita in cui son riconosciuti per quello, e non per l’altre belle e importanti cose che alloggiano in loro?

Così quella rassicurante sequenza di atti quotidiani, di pensieri uno dietro l’altro… di botto s’interrompe, accade qualcos’altro… la vita dispone che l’imprevisto, la meraviglia (o la sciagura, da altri punti di vista) abbia a colpir quel tran tran, la consolidata e rassicurante sensazione di poter disporre… beh, forse non della propria vita – almeno in parte, però – ma dei pensieri sì, e da quelli della nostra identità.

Se il mio nick è l’anagramma di quello del promotore della discussione (e viceversa), significa qualcosa?

Ma ancor prima… la casualità… la vita ha prodotto questa circostanza, potenzialmente (a coglierla appieno) capace di rompere il percorso su cui qui si procedeva (opinioni sull’io sono).

Che dite, sarà il caso di svincolar dal tema (per un po’) e guardar codesta meteora caduta dal cielo?

Come rispondiamo all’imprevisto… qualcosa che potrebbe avere il potere di far un po’ di luce su quella rassicurante, fastidiosa, esaltante, deprimente… sensazione di noi stessi?

Chi lascia la via vecchia per la nuova…
Galvan 1224 is offline  
Vecchio 17-03-2014, 15.51.36   #19
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
Originalmente inviato da LinJi
Ho parlato di tutto fuorché di mie esperienze. Ma va bene così.
Visto che mi invitavi a: - non trinceriarmi dietro i nostri studi – pensavo che la tua esposizione riferisse ad esperienze tue che potremmo anche definire come: - studi o nozioni acquisite con il valore aggiunto di essere state verificate nel nostro vissuto e come tali diventati nostre esperienze. - Ma probabilmente non è così.
In effetti leggendo la tua risposta precedente mi veniva voglia di addentrarmi in una discussione del tipo: - esiste l'illuminazione - per altro già affrontata in diverse salse nel forum di riflessioni però questo avrebbe costituito una deriva del 3d per cui, come dici tu, va bene così.

Citazione:
Originalmente inviato da oroboros
Siamo un'immagine, dunque un capovolgimento del Sé assoluto che si irradia in ognuno di noi, mentre cerchiamo la Perfezione delle possibilità implicite ai prolungamenti del nostro essere.
Siamo il Sé assoluto, quando l'assoluta perfezione è realizzata.
È questa realizzazione che persegue lo yogi, e tutti coloro che sono sulla via che dalla circonferenza conduce al centro di sé. Siamo come i puntini di una circonferenza macrocosmica, generati per riflessione dal Centro, immagine dell'Assoluto, che irradia riflettendosi, dunque capovolgendosi, le nostre individualità. Individualità diverse e uniche, che avvicinandosi al Centro vedono diminuire la distanza che le separa una dall'altra. Nel Centro non c'è separazione, ma unità delle unicità. Fusi ma non confusi, diceva Meister Eckart. Come una goccia d'acqua su pietra infuocata sembra consumarsi, ma in realtà si diffonde al suo massimo grado senza perdersi, così siamo noi, nella nostra essenza realizzata.
Grazie oroboros per la precisazione.

Citazione:
Originalmente inviato da Galvan 1224
Io e VanLag non siamo la stessa persona… siamo due distinti “io sono” (per me un effetto del linguaggio e per VanLag quello che ha scritto e voi interpretato), tuttavia qualcosa di quello che qui è sotto gli occhi di tutti (oltre alle nostre parole, ben differenti) ci accomuna.
So che è un caso l'analogia dei nostri nick. Non sono abbastanza famoso per essere clonato o anagrammato. Non ancora almeno, ma, ma c'è sempre l'imprevisto, la meraviglia (o la sciagura, da altri punti di vista) e tutto può succedere.
VanLag is offline  
Vecchio 17-03-2014, 22.28.55   #20
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: Chi sono io? La domanda impossibile.

Citazione:
acquario69
...........se non ce' relazione non ci sarei nemmeno io..

Citazione:
VanLag
Fai mente locale un secondo......Riesci realmente a pensarti non esistente?

ciao Vanlag…se non ti dispiace vorrei riprendere questo punto..sai,capita che certi "passaggi" ti arrivano,o senti di metterli più a fuoco solo dopo un po..
volevo percio capire meglio cosa mi volevi dimostrare,cosa non riuscirei a "vedere"
Comunque la risposta era ed e' No
acquario69 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it