Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 27-05-2015, 09.06.16   #31
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Transcendence

Citazione:
Originalmente inviato da sgiombo
per quel che no se potesti anche essere un automa ben funzionante o uno zombi (e così io per quel che ne sai tu, se la tua esperienza cosciente, con le sue conoscenze, esiste).
Gli automi ben funzionanti non possono riprodurre ciò che hai bene descritto. Per lo meno non in questa fase storica. Più avanti si vedrà.

Gli zombi non esistono.

Ergo quello che faccio lo faccio perchè sono uguale a te. Se dunque tu hai coscienza di esistere ed io sono uguale a te ecco la dimostrazione che ho coscienza. Perchè A = B.

Dai è una roba di lana caprina.........più prosaicamente e umanamente: quando fai l'amore con tua moglie pensi che lei sia inconsapevole/incosciente?
freedom is offline  
Vecchio 06-06-2015, 21.43.13   #32
sgiombo
Ospite abituale
 
L'avatar di sgiombo
 
Data registrazione: 26-11-2008
Messaggi: 1,234
Riferimento: Transcendence

Citazione:
Originalmente inviato da freedom

Gli automi ben funzionanti non possono riprodurre ciò che hai bene descritto. Per lo meno non in questa fase storica. Più avanti si vedrà.

Gli zombi non esistono.

Ergo quello che faccio lo faccio perchè sono uguale a te. Se dunque tu hai coscienza di esistere ed io sono uguale a te ecco la dimostrazione che ho coscienza. Perchè A = B.

Dai è una roba di lana caprina.........più prosaicamente e umanamente: quando fai l'amore con tua moglie pensi che lei sia inconsapevole/incosciente?

Anch' io credo che gli zombi non esistano.
Ma solo per fede, non perché sia dimostrabile (qualche uomo con cui ho a che fare, o anche tutti, in teoria potrebbe anche essere uno zombi. Non lo credo, ma non posso dimostrarlo; non lo credo fondatamente, razionalmente).

Non ti é possibile dimostrarmi che sei uguale a me (dotato di coscienza), anche se infondatamente, indimostrabilmente, fideisticamente lo credo.

Lo stesso dicasi ovviamente (e a maggior ragione ...comunque pur sempre soggettiva, fideistica, indimostrabilmente) per mia moglie.

Credo che un aspetto importante (per me soggettivamente, ovviamente) della filosofia e del razionalismo consista nella consapevolezza dei limiti e delle condizioni delle nostre conoscenze (per esempio dei limiti di indimostrabilità e di credenza infondatamente fideistica della conoscenza che esistano altri coscienti oltre a me stesso).
E credo che essere consapevoli dei limiti insuperabili del razionalismo significhi essere non già meno, bensì più razionalistici che ignorarli

Ultima modifica di sgiombo : 07-06-2015 alle ore 09.50.41.
sgiombo is offline  
Vecchio 11-06-2015, 19.54.36   #33
SinceroPan
Ospite
 
L'avatar di SinceroPan
 
Data registrazione: 27-08-2008
Messaggi: 135
Riferimento: Transcendence

Citazione:
Originalmente inviato da Davide M.
Ciao a tutti. Ho appena visto Transcendence, the movie. Non so se l'avete visto anche voi; a un certo punto della storia, Morgan Freeman chiede alla macchina, - puoi provare di avere una coscienza?
E la macchina, - e tu? Puoi provare di avere una coscienza?
Alla qual domanda Morgan Freeman non ha saputo rispondere. Perché?

ciao Davide.. vedo che sei sempre sul pezzo..

risposta semplice.. forse superficiale.. alla Cartesio : cogito ergo sum.. eventualmente integrata con bel Scolastico sum ergo cogito.. per finire con un bel Parmenide Cogito = Sum...

la differenza tra I.A e l'uomo più scemo del mondo è che anche se la macchina A.I. imparasse dall'esperienza (e battere l'uomo a scacchi od in altre attività complesse e variabili).. cmq "non saprebbe di imparare".. avrebbe "coscienza ma non auto-coscienza".. per non parlar del "sentire emozioni" in cui la batterebbe pure un coniglio..

.
SinceroPan is offline  
Vecchio 17-06-2015, 19.55.12   #34
SinceroPan
Ospite
 
L'avatar di SinceroPan
 
Data registrazione: 27-08-2008
Messaggi: 135
Riferimento: Transcendence

ho appena letto per Destino questo pezzo che copio&incollo..
mi sembra che io pensi cose simili a tal Searle..

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Collegatevi con una telescrivente
(Turing scrive nel 1950 e non può ancora
usare Siri) con un essere umano e con un
computer chiusi in un’altra stanza e
impossibilitati a comunicare tra loro.
Ponete a entrambi la stessa domanda e
aspettate la loro risposta. Quando non
riuscirete più a distinguere quale delle
due risposte è stata data dall’uomo e
quale dalla macchina vorrà dire che
l’intelligenza artificiale avrà raggiunto il
livello di quella naturale.
Trent’anni più tardi, nel 1980, il
filosofo John Searle cerca di
ridimensionare il test di Turing e
propone l’esperimento mentale della
Stanza Cinese. Sono chiuso in una
stanza, dice Searle, e sullo schermo del
computer vedo comparire un messaggio in cinese seguito da un punto
interrogativo. Io ignoro completamente il cinese, tanto scritto quanto
parlato, ma ho a disposizione un quaderno di regole che mi spiega che a un
certo insieme di ideogrammi disegnati in un certo modo devo rispondere con
un certo altro insieme di ideogrammi. Se copio la risposta e la invio, nell’altra
stanza penseranno che conosco bene il cinese, perché ho capito la domanda e
dato una buona risposta. In realtà, però, io non ho la più pallida idea di quello che mi è stato chiesto né tantomeno di quello che significa la risposta
che ho mandato. L’intelligenza artificiale, quindi, non è vera intelligenza,
perché non comprende il senso. È sintassi, ma non semantica.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxx
SinceroPan is offline  
Vecchio 18-06-2015, 18.30.29   #35
jolly666
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 23-11-2014
Messaggi: 168
Riferimento: Transcendence

Noi abbiamo coscienza di noi perché possiamo pensare programmare, basti pensare che noi non abbiamo nessuna cellula di quando siamo nati perché cambiamo sempre eppure abbiamo coscienza di noi, nonostante materialmente siamo diversi, un computer o una macchina, per cambiare ha bisogno di un influenza esterna e non avrà coscienza di se e del precedente aspetto, inquanto il cambiamento, come un programma diverso, è stato pensato dall'esterno a lui, non ha possibilità di cambiare pensiero o programma da solo, mentre noi si, ecco pperché noi abbiamo una coscienza, cioè una consapevolezza di noi stessi in un determinato momento e oltre, nonostante i cambiamenti....
jolly666 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it