Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 25-04-2013, 23.21.21   #21
Riuji
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 24-04-2013
Messaggi: 2
Riferimento: Si può insegnare la verità?

Ti ringrazio!

Tuttavia , resto in dubbio su una cosa per quanto tu dici: se esiste in un altro mondo possiamo parlare di verità .

Ricordiamo che noi dobbiamo legare tutto all'uomo perché se esistesse una verità che fosse nel mondo o in altri mondi , ma non per l'uomo [ con ciò dico conoscibile dalla nostra forma mentis ] allora resterebbe ignota e dunque non esistente.
[ qua basta fare il semplice gioco sempre kantiano del fiore nel deserto che nessuno ha mai visto.]

Con ciò la tesi che ci possa essere in qualche modo per affermarla bisogna banalizzarla all'uomo e ai nostri modi di poterla conoscere.

Stesso discorso andrebbe fatto per Dio , L'essere..
Tutti discorsi affascinanti però li caliamo sempre nell'uomo , per l'uomo solo perché se non fosse conoscibile per noi non saremmo qui a discuterne.

Però voglio farti un'ultima domanda, cos'è l'uomo che ha trovato la verità?
un'idea? un senso della vita? un perché delle cose?.
Secondo me anche qui resterebbe sempre un'interpretazione del proprio mondo , ancora più limitata perché non universale ma singolare.
- leggevo di chi parlava di essere calati nel mondo quindi è universale - ma non è la stessa cosa.. insomma siamo in un sistema è vero, ma ognuno interpreta una parte di esso sempre a maniera personale...quindi troppo semplice dire così.
Se è fuori dall'uomo allora deve essere uguale per tutti , se è in ogni singolo uomo ed è una ricerca [ esempio la maieutica socratica ] allora può essere del singolo , ma diversa da ognuno e cade l'idea dell'insegnamento, ma regge l'idea della ricerca , o meglio di stimolare alla ricerca.

E qui concludo , se ogni verità fosse così , allora potremmo giustificare persino gli atti contro-morale.
Hitler ha sterminato gli ebrei perché la sua verità era la razza ariana [ caso estremo]
Vi invito anche a questa riflessione
Riuji is offline  
Vecchio 26-04-2013, 22.53.18   #22
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Riferimento: Si può insegnare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Riuji
Però voglio farti un'ultima domanda, cos'è l'uomo che ha trovato la verità?
un'idea? un senso della vita? un perché delle cose?.
Non ho capito se mi chiedi cosa è per me l'uomo che ha trovato la verità o cosa è per me la verità.
Comunque, secondo me, l'uomo che ha trovato la verità è uno che sa come stanno le cose.
Per quanto riguarda la verità penso sia come stanno le cose.
Citazione:
Originalmente inviato da Riuji
Secondo me anche qui resterebbe sempre un'interpretazione del proprio mondo , ancora più limitata perché non universale ma singolare.
No se la verità esiste oltre che immutabile dev'esse la stessa per tutti. E nessuno può modificarla aggiungendole o togliendole nulla. E, se intuisco correttamente ciò che implicitamente vuoi farmi notare e che sostanzialmente condivido (che ognuno fabbrica e conosce, in definitiva, solo il suo personalissimo mondo) questo avvalora la mia tesi che la verità dev'essere fuori dal nostro mondo.

Laddove per nostro mondo intendo il nostro attuale sistema percettivo.
freedom is offline  
Vecchio 08-05-2013, 17.26.27   #23
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Non parlo di buonismo.

Citazione:
LA filosofia (detestata da molti), non insegna la verità, ma aiuta l'individuo a scoprirla da solo.
Non offre soluzioni, ma un metodo per ragionare a partire da se stessi.

La verità è una conquista personale e quindi l'educazione è sempre autoeducazione,
un processo di maturazione interiore che può essere solo stimolato,
ma non provocato, dall'esterno.

Quali sono le vostre riflessioni in proposito?

(Armonia)

Oggi le prime pagine dei giornali erano peggiori del solito e questa è la riflessione
che mi viene intorno alla questione posta da questo 3d nel lontano 2002:
la verità di come potrebbe essere un essere umano sano può essere insegnata.
Si può insegnare a crescere sani, si può insegnare a recuperare una crescita non sana,
si può insegnare.. a essere (diventare) umani.

Lo si può fare nel nostro camminare quotidiano, nel nostro interagire con l’altro,
nel non cedere alle miserie che possono assalirci, nel non darci per vinti mai di fronte alla disumanità nostra e di altri.
Non è necessario essere santi o riusciti psicoanalisti, non è necessario essere cristiani o buddisti,
non è necessario essere differenti da ciò che siamo, ma coltivare ed abbracciare un no secco alla morte interiore,
un no capace nei tempi di fare la differenza, di essere somma alla somma di forze autentiche.
Non è necessario nemmeno essere forti, anzi talvolta la consapevolezza della nostra fragilità
ci dona quella spinta in più capace di impedirci di voltarci dall’altra parte, che sia lo specchio o l’altro a farci
(nel bene e nel male) da specchio in forma di implicite domande.

Possiamo non attendere che una rivoluzione sia,
possiamo non attendere che la sanità riconosca una psicoterapia psicoanalitica,
possiamo non attendere che chi ci ha ferito risani le nostre ferite,
possiamo anche sanguinanti essere un cammino di sanità.
Questa è la verità di cui abbiamo bisogno, urgente necessità.

Questa è la verità da non nascondere, da non demandare,
che non ha necessità di essere cercata ma richiede l’immediata nostra testimonianza.

Questa è la più alta realizzazione “filosofica”, politica, spirituale, sociale, individuale, personale, umana.
Si inizia dicendo sì ai diritti umani, sì al diritto alla tutela reciproca di pace,
sì alla dignità del riconoscere a te ciò che riconosco a me, sì alla possibile realizzazione dei nostri sogni,
sì al diritto ad una vita sana, ad un pensiero sano, sì al diritto ad un pensiero sano,
sì ad un cammino felice che non è utopia, sì al non abbassare mai la testa di fronte alla possibilità della morte interiore,
la mia e la tua, non per ‘solidarietà’ ma per dignità. Dignità umana, senza la quale io individuo sono cancellato.

Il piccolo ‘come’ ognuno di noi lo sa man mano nel suo cammino, secondo quanto conosce.
E’ sufficiente dire no, non mi volto dall’altra parte, non mi faccio violenza,
non resterò immobile mentre violentano te. E se magari quest’ultima cosa sempre non ci riesce
possiamo iniziare a prendere molto sul serio la violenza su di noi, quella che ci pare invisibile,
quella che ci obbligherebbe a credere ad un mondo fatto a misura di altri,
dove dell’individuo preciso si perdono tracce.
Dire no, non mi accontento di sopravvivere.

Questa verità che veniamo al mondo nello spirito sani ed abbiamo diritto a mantenerci sani nella mente,
questa saggezza primordiale possiamo insegnarla, abbiamo persino l’obbligo come individui di una realtà sofferente ad insegnarla,
nel nostro camminare, nel nostro muoverci, persino nei nostri momenti di ritiro e di silenzio
portiamo la nostra realtà al mondo, non serve la tv o la radio, né internet per essere una verità di cammino per la sanità.
Non miriamo a chi la mente l’ha totalmente ottenebrata, miriamo a chi come noi cammina giorno dopo giorno
lasciando che la disillusione imbratti quasi inavvertitamente i suoi polmoni,
a questi, alla maggior parte, a noi stessi questa verità è essenziale, è utile, e dovuta:
la verità che l’essere umano non è un’utopia.

Questa è la mia riflessione sulla verità,
su quella che ritengo la più alta verità.
gyta is offline  
Vecchio 08-05-2013, 20.37.41   #24
ulysse
Ospite abituale
 
L'avatar di ulysse
 
Data registrazione: 21-02-2008
Messaggi: 1,363
Riferimento: Si può insegnare la verità?

LA VERITA':
Se la conosci la insegni!
Ma ci sono almeno due difficoltà:
1)- quasi mai si conosce la verità...anzi direi proprio mai!
2)- anche se la conosci è difficile che ti si creda.

In proposito ricordo il caso di Gesù: non fu creduto e fu crocifisso!

Quindi anche la verità può essere pericolosa: se la possiedi cerca di diffonderla con prudenza...che se non sei creduto sei perso!

Magari è piu' facile che si creda alle tue menzogne... se le sai ben condire.

E poi c'è il caso delle ideologie politico-sociali, economiche, religiose, ecc...cui magari credono quegli stessi che le perseguono e diffondono: ma sono veramente verità?...ce ne sono tante!

C'è anche, eclatante, il caso della scienza che più che "La Verità" persegue la realtà dell'universo: forse è questa "realtà" la cosa più vicina alla verità: ma è una realtà percepita, pur con tutti i crismi e garanzie, ma inevitabilmente sempre in evoluzione via via che meglio si conoscono le cose...per effetto della ricerca.

Comunque una verità vera e univoca non esiste:
Diverse sono le contingenze e le esigenze.
Diverse sono le visioni:
...quindi diverse sono le pretese verità...al limite... una per ciascuno.

Invero ci può essere chi saprebbe al meglio interpretare il particolare momento storico, culturale o artistico, ecc...e potrebbe quindi esprimere una verità più vera...ma poi dipende se se la sente...o se lui stesso ci crede: si tratta di interpretare il particolare sentire culturale, spirituale e sociale del momento: comunque non sarebbe "verità": è sempre cosa troppo labile e variabile col vento delle impressioni e delle suggestioni.

Comunque, più che di verità si tratta di dovere: credo che la più grande verità sia che ciascuno debba e sappia esprimersi al meglio...nel perseguimento del mondo migliore in cui crede: se tutti, o quasi, lo fanno... la "Verità" è vicina!

A quell'altra "Verità" vera e assoluta di cui parlano i filosofi ed i teologi credo che dobbiamo rinunciare:

DOBBIAMO CAVARCELA EGUALMENTE MAGARI SCOVANDO E UTILIZZANDO DEI SUCCEDANEI...COME , DEL RESTO, FACCIAMO.

Ultima modifica di ulysse : 09-05-2013 alle ore 11.02.43.
ulysse is offline  
Vecchio 08-05-2013, 21.12.55   #25
Tempo2011
Ospite abituale
 
L'avatar di Tempo2011
 
Data registrazione: 12-04-2011
Messaggi: 630
Riferimento: Si può insegnare la verità?

Citazione:
Rolando

X Fragola
Te ne andresti via sensa nemmeno esplorare che cos'è la "verità" che questo qualcuno ti potesse insegnare?
Come può essere sicura che la verità non sarebbe possibile d´imparare ? (almeno teoretivamente o intellettualmente)?
Una tale reazione o impostazione non è espressione del preconcetto che la verità non esiste?
Parlare di verità senza spiegare di cosa si vuol parlare, con questa lacuna non si può arrivare a nessuna verità. A tale motivo mi associo a Fragola.
Per altro, non vi è nessuno, per il momento, che può insegnarla: nemmeno "intellettualmente"; sempre se stiamo parlando di una verità in assoluto.
Tempo2011 is offline  
Vecchio 18-05-2013, 16.21.52   #26
z4nz4r0
weird dreams
 
L'avatar di z4nz4r0
 
Data registrazione: 22-05-2005
Messaggi: 483
Riferimento: Si può insegnare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Armonia
Quali sono le vostre riflessioni in proposito?
Se ne è già parlato.
La nozione di verità non può intendersi separatamente dalla nozione di credenza; nello specifico 'verità' sta ad indicare la 'qualità' di una credenza.
Una credenza è una disposizione 'mentale' ed è vera nella misura in cui è adatta.
Che cosa significa, che cos'è una "disposizione adatta" e adatta a che cosa?
Disposizione adatta vuol dire disposizione formata/evoluta in funzione del contesto a cui fa fronte.

Quindi, in sintesi, una credenza è vera nella misura in cui si è formata in funzione del suo oggetto.
z4nz4r0 is offline  
Vecchio 13-06-2013, 10.14.33   #27
civile
Ospite
 
Data registrazione: 02-02-2012
Messaggi: 4
Riferimento: Si può insegnare la verità?

in verità,percepire la verità é difficile ai giorni nostri,perché una verità dominante utilizza mezzi molto soffisticati per imporre modelli di pensiero...
la mente é piena di informazioni devianti che ci allontanano dal reale.
La possiamo percepire,intuire e vivere attimi di completa armonia con il tutto,ma dobbiamo fare sempre i conti con la verità dominante che ci hanno imposto da piccoli.Bisogna scavare tantissimo e fuoriuscire dal concetto di dualità,distaccarsi dal significato dei termini,percepire come tramite i mass media e non solo....la verità dominante continui a miettere vittime,allontanandosi dal vero bisogno...la verità é una...scritta da millenni nel nostro cuore,leggendo certi testi filosofici la si può percepire,ma sarà sempre sfuggente,perché l'inquinamento mentale é continuamente ripristinato dalla comunicazione di chi ti vuole imporre una morale a scopo di lucro.
civile is offline  
Vecchio 16-07-2013, 20.48.13   #28
Duc in altum!
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-11-2012
Messaggi: 919
Riferimento: Si può insegnare la verità?

** Per insegnare c'è bisogno di sapere, per educare di essere.
Per insegnare la verità razionale bisogna essere colti, interessati, professori di/in una qualsiasi materia, per educare alla verità assoluta bisogna essere maestri.
Quindi la Verità Assoluta senza un Maestro non può essere rivelata.
Duc in altum! is offline  
Vecchio 14-08-2013, 12.05.08   #29
Parva
Ospite
 
Data registrazione: 12-08-2013
Messaggi: 33
Riferimento: Si può insegnare la verità?

Citazione:
Originalmente inviato da Armonia
LA filosofia (detestata da molti),non insegna la verità, ma aiuta l'individuo a scoprirla da solo. Non offre soluzioni, ma un metodo per ragionare a partire da se stessi.
La verità è una conquista personale e quindi l'educazione è sempre autoeducazione, un processo di maturazione interiore che può essere solo stimolato, ma non provocato, dall'esterno.

Quali sono le vostre riflessioni in proposito?

Qualcuno disse che per vedere bene il mondo devi pulire le lenti con cui lo guardi, io concordo, per cui un maestro non può descriverti il mondo, può solo aiutarti a pulire le tue lenti, cioè la mente che lo guarda. La verità non è il finale svelato di una storia, ma un modo di vedere il mondo, appannato o lucido. Se non vedi lucido non ti serve a nulla che qualcuno te lo descriva nella sua realtà, perchè tu continuo a non vederlo com'è.
Parva is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it