Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 07-08-2006, 12.17.30   #61
Catone
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-01-2006
Messaggi: 193
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Il Cristianesimo è pieno di tantissimi problemi sul piano logico e su quello morale. Da San Paolo in avanti, la storia del pensiero cristiano è storia dell'esigenza di spiegare e conciliare questi problemi. Ma più si approfondiva, più si andava avanti e più problemi si creavano. Fino a quando sono arrivati gli illuministi che hanno risolto il problema alla radice: negando l'esistenza di Dio.
E aprendo nuovi, irrisolvibili problema. Il dramma del pensiero umano razionale occidentale è sempre lì: con la ragione non si può arrivare a delle spiegazioni che possano definirsi "ultime" ed esaustive.
Catone is offline  
Vecchio 08-08-2006, 17.42.41   #62
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Citazione:
Originalmente inviato da odissea
Grazie Elijah, sono andata a guardarmi i link che hai segnalato.

In merito a chi è stato così gentile da rispondermi sulla domanda "mysterium iniquitatis"(sunday, sweet cat, grazie!) vorrei farvi un esempio, perchè non riesco ad esprimere in altri modi le sensazioni che ho, pensando ad inferno e libero arbitrio.
Il fratellino di un mio carissimo amico è stato mandato in riformatorio per spaccio di haschish(o come si scrive). Da un po' i carabinieri lo tenevano sott'occhio, ma non lo avevano mai fermato perchè si trattava di un furfantello che comprava qualche pezzettino di fumo per se e pochi amici, niente di più. Ce ne sono tanti, i carabinieri non possono star dietro a tutti.
Un giorno sto ragazzino è stato segnalato alle forze dell'ordine da parte di un vicino di casa (un signore sulla 50ina)perchè costui aveva avuto un diverbio col ragazzino per via del giardino condominiale.
Ebbene i carabinieri si sono stufati; uno di loro si è "travestito" ed ha adescato il ragazzino chiedendogli di avere bisogno di fumo, tanto tanto fumo. Il ragazzino, al quale facevano gola i soldi che ne avrebbe guadagnato, si è attivato e ha procurato tutto ciò che serviva; al momento della consegna del pacchetto al carabiniere in borghese, è stato arrestato.
Questa storia la potrei trasportare sul piano spirituale. Se il ragazzino avesse avuto piena consapevolezza delle conseguenze, non avrebbe commesso il crimine; in oltre il ragazzino è stato istigato dalle stesse forze dell'ordine a commettere il fatto.
Io non credo che Dio possa agire come quel carabiniere in borghese; lo trovo sinceramente sleale.
Se io avessi un figlio, non lo sottoporrei volontariamente ad una tentazione, per verificare come si comporta, e per poi punirlo se cede a questa tentazione. Insomma c'è qualcosa che non mi quadra rispetto a Dio, alle tentazioni cui ci dovrebbe sottoporre per verificare la nostra coscenza, e alle rispettive eterne condanne. Mi rendo conto che la mia è una sciocca logica umana......ma non posso fare a meno di pensarle queste cose.


Il problema della tentazione che Dio avrebbe fatto all'uomo è sempre un tema molto sentito....
Però c'è una cosa da sottolineare, nella scena del Paradiso Terrestre Dio pone in mezzo al giardino l'albero della consocenza del bene e del male, ma Eva non ne è per nulla tentata, diciamo che non lo desidera fino a che non subentra il serpente.... che glielo fa sembrare il più desiderabile di tutti...
Perciò non è Dio in prima persona che fa cadare l'uomo in tentazione e nell'errore....
L'esempio che fai del ragazzino e del carabiniere è tutta un'altra faccenda, e non è certo da ammirare... certo che è un gioco sleale.... in cui però c'entra anche il vicino di casa... ma come vedi le faccende umane portano a delle ingiustizie palesi, ma per le faccende spirituali per fortuna va un po' diversamente... Dio non è colui che ti sta alle costole sperando di vederti cadere..... al contrario, è come un padre che ama tutti i suoi figli e fa grande festa quando uno di loro si ravvede e torna a casa...
Quindi non è Dio che dobbiamo temere, ma chi ci allontana da lui con l'inganno...

Ciao

sunday01 is offline  
Vecchio 08-08-2006, 18.09.43   #63
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
I Libri sacri per trasmettere il messaggio di cui sono portatori, spesso si affidano alle metafore. Pare evidente che luce e tenebra siano da intendere rispettivamente “Bene” e “Male”. Il cosmo fino a quel momento era quindi un groviglio indistricabile di Bene e Male, tanto che le due forze sarebbero state difficilmente identificate e conosciute nella loro essenza. Dio, nel primo giorno della Creazione, nel suo progettare l’ostello che avrebbe ospitato la sua più bella Creatura, predispose le cose affinché il Bene e il Male fossero ben distinti e distinguibili dalla creatura. Il Tentatore, il demonio (dyaballein-diaballo-diavolo, colui che separa), era posto nel Creato prima dell’avvento dell’uomo, tant’è che fa la sua comparsa sul palcoscenico senza che sia annunciato o presentato da un atto creativo divino. Quindi il Male era preesistente alla Creazione stessa e pervadeva, seppur nel Kaos, l’intero Cosmo nella sua caotica condizione primigenia.



E' vero che nel testo della creazione il tentatore fa la sua entrata senza che sia annunciato o presentato da un atto creativo divino.
Però il testo saco ci dice anche che il serpente era il più astuto di tutti gli animali....
e in questi versetti mise l'uomo al vertice del creato:

Genesi 1:28 Dio li benedisse e disse loro:
«Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra;
soggiogatela e dominate
sui pesci del mare
e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente,
che striscia sulla terra».

Quindi l'uomo era superiore al serpente e poteva soggiogarlo....

Dire che Dio aveva previsto che l'uomo cadesse in tentazione secondo me non è esatto....
E' esatto dire che Dio ha fatto la migliore creazione che poteva fare e ha messo l'uomo al suo vertice, dandogli però anche la responsabilità delle sue scelte... e avendolo per di più reso edotto delle conseguenze...
e comunque sempre con la possibilità di tornare a lui....
mi sembra che nemmeno per gli Angeli Dio abbia fatto tanto....

sunday01 is offline  
Vecchio 09-08-2006, 09.18.36   #64
Sweet Cat
Ospite abituale
 
L'avatar di Sweet Cat
 
Data registrazione: 04-09-2004
Messaggi: 586
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

vorrei solo aggiugere che il serpente " istigò" Eva ....fino a convincerla ad assaggiare il frutto dell'albero..
"Ma Dio sa che nel giorno in cui mangiaste di esso i vostri occhi si aprirebbero e diverreste come Dio"
questo significa che "bramando" poteri divini e illudendosi di diventare come Dio...Eva mangio il frutto e lo fece mangiare anche al suo compagno..trasgredendo la legge divina e cadendo nel peccato.
chiaro che la responsabilita è di Adamo e Eva in quanto scelsero (libero arbitrio) di mangiare il frutto....ma c'è anche "qualcuno" cioè il serpente che ha "istigato" il tutto e che fa parte anche ""lui " della creazione di Dio.
il serpente, a mio avviso, rappresenta i nostri istinti nascosti , le bramosie di potere, le illusioni che fanno parte di noi ma che allo stesso tempo dobbiamo imparare a controllare o meglio vincere...anche se mi rendo conto è un compito alquanto gravoso e difficile..




ciao sunday
Sweet Cat is offline  
Vecchio 09-08-2006, 10.01.08   #65
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

E’ vero, lo attesta il primo Libro della Bibbia: Dio pose l’uomo al vertice della Creazione, come se questa fosse cosa compiuta, nonché buona, solo in funzione dell’uomo. Solo dopo aver asservito il Creato all’uomo espresse il concetto di “cosa molto buona”. E’ ipotizzabile e verosimile pensare che Dio avesse generato la migliore Creazione che potesse fare. Un Creato che rispecchiasse la sua intima Natura, che prevedesse e contenesse in sé quegli elementi che del Suo essere erano e sono costitutivi. E’ altrettanto verosimile e conseguente immaginare che quell’elemento disgregante dovuto alla tentazione, ancorché non operante, ma silente, attivato per via della scelta dell’uomo, fosse anch’esso costitutivo del creatore e non alieno al suo essere.

L’uomo, fra quanti sono stati creati da Dio, è l’essere superiore - secondo solo alle figure angeliche, anch’esse parto della volontà creatrice divina - anche se soggiace alla propria indole e ai propri impulsi. Il desiderio e la brama non sono prodotto ed effetto della caduta, ma a lui connaturati. Instillare il sentimento di libertà, d’indipendenza e la tensione verso la conoscenza, soggiogare questa vocazione ad una prescrizione innaturale (che si oppone alla tensione naturale), ricalca e richiama il cammino che l’uomo come individuo compie nascendo.

Naturalmente ed istintivamente il bambino propende ad affermare se stesso acquisendo pian piano quella libertà e indipendenza che si concretano anche attraverso una sempre maggiore conoscenza del mondo, propensione che confligge e disputa con la necessità di trovare conforto e protezione fra le braccia amorevoli della propria madre. E il cammino dell’individualità, del suo esaltarsi ed affrancarsi dal giogo protettivo dell’amore materno, genera conflitto. Ciò è la replica eterna e quotidiana del conflitto originario.

In ogni uomo coesiste un Prometeo che lotta con se stesso, un esploratore, un Ulisse che tende ad abbandonare la propria patria per dar soddisfazione alla propria brama di conoscere e solcare nuovi mari. Confligge con la necessità di ottenere certezze, perché l’esplorazione che compie nel mondo è un varcare la soglia dell’ignoto, dell’occulto; è penetrare le tenebre, solcare le nebbie. Il passato che si crea attraverso il vissuto - la propria esperienza -, è il filo d’Arianna che dipana per non vagolare incerto all’interno di queste tenebre, è la lanterna che si porta dietro per rischiarare la strada avvolta dalle nebbie.

Il primo uomo non aveva un passato che fungesse da esperienza, era privo del filo d’Arianna, del lume. La prescrizione divina di non cibarsi dei frutti dell’albero della conoscenza, era l’unico rogo acceso che scaldasse e illuminasse il suo orizzonte. Volle attingere da quel rogo per condurre con sé quella brace che avvampò la terra. Una brace che illumina, che scalda ma che spesso anche incenerisce. L’atto di disubbidienza innescò l’incendio che dalla notte dei tempi avvampa sulla terra. La scelta originaria fu indotta e libera, costrizione ed espressione assoluta di libertà, perché indotta dalla propria natura ma consapevole disattesa della prescrizione divina. Ogni scelta è così. E’ un soggiacere alla propria indole che però afferma e conferma la nostra libertà di dannazione, ed ogni scelta attizza il fuoco del nostro inferno interiore, ogni nostra decisione ci separa da noi stessi.

Anche il linguaggio che utilizziamo come mezzo principe di relazione è un alienarsi da se stessi, perché perde quel filo che ci tiene in comunicazione con quel profondo che spesso tendiamo ad ignorare, che spesso non udiamo se non come una voce flebile.

Dio o la Natura instillò nell’uomo questa vocazione o tensione verso il trascendente. Vocazione o tensione costretta entro le maglie strette e inospitali del linguaggio, dell’impossibilità di cogliere il senso e il significato di quanto ci percuote dall’interno, perché esprimiamo in segni ciò che parla attraverso i simboli. I primi soggiacciono alla ratio, si adeguano ad essa e sono decisori; la sacra voce che proviene dal nostro intimo, invece, non ammette senso, essendo ambivalente ed aperta a più di un significato. La ratio e la coscienza operano come setacci, cogliendo di questa voce solo ciò che rispetta il principio razionale di non contraddizione e d’identità. Ciò che ci vive dentro: brame, desideri, impulsi di vita, è il serpente che dalla notte dei tempi ci tenta, ci chiama alla vita, l’unica che Dio o la Natura ha posto ai nostri piedi (o noi ai suoi piedi).

Non è corretto affermare che dobbiamo tacitare questa voce sconfiggendo queste brame, questa sete di vita, perché è la pretesa di sconfiggere noi stessi, di renderci amorfi e omologati, tutti uguali senza alterità, senza più nulla da scoprire. Non si può pretendere di sospendere la danza perché il danzatore disconosce i passi e la musica che lo accompagnano.

Se la creazione rispecchiasse davvero il disegno divino, non è pensabile che l’inferno che viviamo quotidianamente sia solo germinato dalla nostra Natura o indole peccaminosa. L’inferno abita il cuore di Dio, ed Egli volle crearci a Sua immagine e somiglianza anche sotto questo punto di vista. Se l’inferno è lontananza dalla fonte primigenia, sia essa la Vita in una visione dionisiaca, o quella propugnata dal cristianesimo, anche Dio visse il suo intimo inferno, divenne altro da Sé, tale alterità, tale sua alienazione è germinata nella Creazione che reca appunto i frutti del seme che l’ha fatta germogliare.
Ciao

visechi is offline  
Vecchio 09-08-2006, 10.37.03   #66
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Citazione:
Originalmente inviato da visechi
Il primo giorno della Creazione Dio separò la luce dalla tenebra, delle due, il libro della genesi solo d’una parla di “cosa buona”: la luce, lasciando intendere con chiarezza che il suo contrario, cioè le tenebre, siano cosa “non buona”.

3]Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. [4]Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre [5]e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno.

I Libri sacri per trasmettere il messaggio di cui sono portatori, spesso si affidano alle metafore. Pare evidente che luce e tenebra siano da intendere rispettivamente “Bene” e “Male”. Il cosmo fino a quel momento era quindi un groviglio indistricabile di Bene e Male, tanto che le due forze sarebbero state difficilmente identificate e conosciute nella loro essenza. Dio, nel primo giorno della Creazione, nel suo progettare l’ostello che avrebbe ospitato la sua più bella Creatura, predispose le cose affinché il Bene e il Male fossero ben distinti e distinguibili dalla creatura. Il Tentatore, il demonio (dyaballein-diaballo-diavolo, colui che separa), era posto nel Creato prima dell’avvento dell’uomo, tant’è che fa la sua comparsa sul palcoscenico senza che sia annunciato o presentato da un atto creativo divino. Quindi il Male era preesistente alla Creazione stessa e pervadeva, seppur nel Kaos, l’intero Cosmo nella sua caotica condizione primigenia. Dio impose un’unica prescrizione alla Creatura:

[16]Il Signore Dio diede questo comando all'uomo: «Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, [17]ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti».

Egli, dunque, dopo aver reso manifesto e aver definito i confini che separavano luce e tenebra, dopo aver immesso l’uomo all’interno della Creazione che era intrisa della possibilità del Male e della menzogna, gl’impose di disdegnare questa possibilità da Lui stesso inserita nel creato. Pretese un atto di fede indefettibile, inarretrabile, inalienabile, irrinunciabile, pur sapendo che l’uomo, per sua costituzione, anch’essa dal Creatore così voluta, sarebbe incespicato nell’eccedenza di vita e della propria Natura che Dio stesso aveva voluto. Nella Genesi è scritto con una certa chiarezza la ruvidezza del pretendere di Dio. Egli ben sapeva in anticipo che il Male sarebbe stato un richiamo irresistibile, che il conoscere è un propendere dissetante cui l’uomo non avrebbe potuto (proprio potuto, non voluto) rinunciare. La colpa dell’uomo non è quella dunque di aver disatteso l’unica prescrizione divina, non è un atto volitivo decisorio dell’uomo, ma è solo un adeguamento, un adagiarsi, un conformarsi alle propensioni naturalmente instillate da Dio. La colpa dell’uomo è ben misera cosa se rapportata al misfatto compiuto a suo danno da colui che volle e predispose tutto questo. L’inferno dell’uomo è proprio questa possibilità di decidere, di optare per la separazione in terra dal suo creatore, separazione che si perpetuerà nella dannazione eterna. E’ questa parvenza di libertà di scelta, che soggiace alla natura. E il tragico della vita è il risultato del sentore del profumo di quest’eterno conflitto, della disputa fra cielo e terra che è agonia in noi, com’è agonia del creato stesso. Noi permaniamo sospesi fra il cielo e la terra, poggiamo i piedi sul terreno per ricercare in esso le tracce del sacro, trovandovi spesso solo le lusinghe mondane, e volgiamo lo sguardo a rimirar le stelle, perché nel nostro immaginifico è da lì che proveniamo e lì dovremo tornare: verso il cielo, perdendo più spesso che no, il contatto col terreno che sorregge il peso del nostro corpo. Così, sovente, voliamo per mondi iperuranici, stringendo fra le dita contratte delle mani una verità - la Verità, la nostra verità - che si disfa e sfalda come cera al sole, come sabbia al vento, ributtandoci nell’incertezza e nel dubbio che un attimo prima avevamo la certezza di aver definitivamente abbandonato. Siamo così erranti, vagabondi, apolidi che non approdano in vita a quella certezza promessaci, che per vanagloria artificiosamente costruiamo per porre un tetto confortevole sopra la nostra testa.

La religione (da re-ligare, cioè unire) esorta all’abbandono di sé, all’oblio di sé, proprio perché in sé l’uomo reperisce quel vulnus decisorio che ammalia e tende alla separazione che innalza l’uomo a divinità che surroga Dio.

Eppure Dio è anche infinitamente buono. Se da una parte ha perpetrato questo misterioso e ambiguo gioco (almeno secondo i canoni di giudizio umani), Egli, non partecipando direttamente alla rappresentazione messa in scena nel mondo, oltre ad aver istillato nell’uomo l’incanto e il soggiacere alla malia ed alla fascinazione del Male, ha anche inculcato il richiamo soffuso dell’unione. L’uomo, passando attraverso il crocicchio sconvolgente del pentimento, ripercorre a ritroso le strade che riconducono all’abbraccio con il Creatore ed interseca il perdono e la Grazia, anche nell’ultimo istante di vita. Fatto precluso agli angeli decaduti. Così è che l’esistenza sia somiglianza e riflesso della Vita stessa: un perenne oscillare fra gli obbrobri della perdizione e i suadenti richiami della contrizione, un bordeggiare senza requie fra Bene e Male, un echeggiare fra Vita e Morte, un moto inesausto fra le tenebre che succedono e precedono la luce, come il giorno precede e succede la notte.
Ma l’inferno e la dannazione eterna sono la stasi di questo movimento ondulatorio, sono la stagnazione definitiva ed irredimibile del moto delle maree, non più costrette a lambire la costa per poi subitamente ritrarsi, sono il limite raggiunto, inarretrabile che mai più s’avanza. L’inferno è la Morte eterna, lontananza definitiva e separazione senza misericordia, senza remissione, senza più la possibilità di redenzione dalla fonte originaria che poggiò la prima pietra di questa notte ricca di luce, allora e sempre, in quella buia notte dei tempi rischiarata da un atto creativo a noi velato nella sua significanza, reso misterioso e conchiuso in sé stesso, nel mistero ambiguo che ogni giorno si rinnova, rinnova se stesso, contraendosi ed espandendosi nel respiro della Vita, in un determinarsi e crearsi incessante privato della voce e della presenza mondana di colui che tutto ciò volle. L’inferno della tradizione Cristiana è l’eterna e perpetua separazione (diaballeim – demonio) dal Creatore, fra le cui sole braccia, in un’unica visione che tutto disvela, è possibile cogliere il senso di tutto ciò che per noi è mistero.




Avrei voluto ridurre la tua citazione ma come al solito ti esprimi così bene che nulla è da cancellare........
tuttavia io penso che la creazione non finisce mai e sia ancora in corso
che Dio crea continuamente e che nulla sia separato da Lui, che
a noi fatti a Sua immagime ha datro grandissimi poteri che ancora non sfruttiamo del tutto, che errare, peccare, sbagliare sia l'inevitabile cammino di ogni essere per comprendere il valore del bene, della vera vita, della vera felicità.....pertanto a tutti, a tutti, vengono date infinite possibilità
di crescita anche attraverso infinite possibilità di errare....
il giudizio, il concetto di giustizialismo, il separare è tipico di chi non trova l'Unità con Dio ed in questo senso perpetua il suo ritorno in un mondo
pieno di "errori",è la teoria del dualismo necessario per comprendere l'unità
è la teoria della vita.....non ci può essere vita senza che due esseri si amino
e si uniscano per procreare una creatura
in questo senso l'anima è sempre in cerca del suo Spirito
e solo quando ad esso si congiunge nasce il Nuovo, l'Uomo Nuovo,
il Vero Uomo......fino ad allora è sempre in pena (nell'Inferno o nel Purgatorio)
chelei stessa crea......In fondo non c'è altra meta se non il cammino stesso,
e come dice santa Teresa il Paradiso è il cammino stesso...
trovare il Paradiso in terra, atraverso la scoperta del Bene, della Gioia e della Vita e scoprire che tutto è illuminato.....porta l'anima alla Unione con il Tutto
in un'estasi mistica che la rigenera e la prepara a nuove missioni......
paperapersa is offline  
Vecchio 10-08-2006, 00.02.26   #67
Weyl
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 728
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Il vero, intimo problema, a mio parere, è il problema del Male: ossia di come Dio possa averlo creato, permesso o reso possibile.
La questione fondamentale non sta affatto nel "perchè", quanto nel "come", ed è dunque una questione, paradossalmente più teoretica che etica o metafisica.
Perchè se "Male" non è ciò che non si conviene, bensì ciò che l'Uomo ritiene che non convenga al naturale decorso della sua esistenza, diviene estremamente problematico attribuire immediatamente al Male un valore "positivo": ossia quello di un ente emergente con qualità specifiche e peculiari.
In altre parole: il Male parrebbe piuttosto "limite" delle intenzioni umane, del suo Progetto, del suo agire nella Storia, e non potrebbe che coincidere con il "negativo" dell'esserci umano.
Così, ad esempio, la morte circoscrive la vita, come la notte il giorno.
In un senso tanto "debole" il Male sarebbe, allora, creato da Dio come naturale e intrinseca caratteristica dell'"esistenza", ossia del "darsi" dell'Uomo entro il percorso effimero della sua "esistenza": ossia di quell'occasione di consapevolezza che gli schiude la possibilità stessa di "interrogare" l'Essere del senso della sua presenza.
Il"Male" non sarebbe che il limite, la negazione, la temporalità in quanto "trasformazione" e percorso, la corporeità con le sue grevi insufficienze e patologie, il "freno" della carne alla "trascendenza" dell'Autocoscienza alla creazione di spazio per le sue creazioni...
Ma, se così fosse, accederemmo ad una teodicea assai debole, prossima alle filosofie orientali, all'aspirazione all'ascesi come pura e afinalistica frantumazione del limite biologico all'Essere dentro l'Esistere.
Una teodicea sgravata di ogni sostanza morale: ossia disancorata da ogni principio di valore attinente alle azioni umane.

Per questo, io credo, è legittima e razionale l'attribuzione "positiva" di qualità specifiche inerenti al Male, compresa la sua istanza ipostatica, che ne fa una sorta di persona, nel senso arcaico di "portatore di maschera".
Come si rende necessaria, dunque, dentro la Creazione, la determinazione di Satana?
Per chi avrà avuto la pazienza di seguire e comprendere i passi precedenti, la mia personale risposta apparirà intuitiva.
Satana fu creato affinchè fosse possibile ascendere ed attingere ad una ascesi operativa, ossia mediata dalla prassi e fondata sulla possibilità di una Morale.
Satana fu creato affinchè il tragitto frammentario dell'Uomo potesse comporsi e ordinarsi dentro una linearità storica.
Weyl is offline  
Vecchio 10-08-2006, 10.07.45   #68
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
Il vero, intimo problema, a mio parere, è il problema del Male: ossia di come Dio possa averlo creato, permesso o reso possibile.
La questione fondamentale non sta affatto nel "perchè", quanto nel "come", ed è dunque una questione, paradossalmente più teoretica che etica o metafisica.
Perchè se "Male" non è ciò che non si conviene, bensì ciò che l'Uomo ritiene che non convenga al naturale decorso della sua esistenza, diviene estremamente problematico attribuire immediatamente al Male un valore "positivo": ossia quello di un ente emergente con qualità specifiche e peculiari.
In altre parole: il Male parrebbe piuttosto "limite" delle intenzioni umane, del suo Progetto, del suo agire nella Storia, e non potrebbe che coincidere con il "negativo" dell'esserci umano.
Così, ad esempio, la morte circoscrive la vita, come la notte il giorno.
In un senso tanto "debole" il Male sarebbe, allora, creato da Dio come naturale e intrinseca caratteristica dell'"esistenza", ossia del "darsi" dell'Uomo entro il percorso effimero della sua "esistenza": ossia di quell'occasione di consapevolezza che gli schiude la possibilità stessa di "interrogare" l'Essere del senso della sua presenza.
Il"Male" non sarebbe che il limite, la negazione, la temporalità in quanto "trasformazione" e percorso, la corporeità con le sue grevi insufficienze e patologie, il "freno" della carne alla "trascendenza" dell'Autocoscienza alla creazione di spazio per le sue creazioni...
Ma, se così fosse, accederemmo ad una teodicea assai debole, prossima alle filosofie orientali, all'aspirazione all'ascesi come pura e afinalistica frantumazione del limite biologico all'Essere dentro l'Esistere.
Una teodicea sgravata di ogni sostanza morale: ossia disancorata da ogni principio di valore attinente alle azioni umane.

Per questo, io credo, è legittima e razionale l'attribuzione "positiva" di qualità specifiche inerenti al Male, compresa la sua istanza ipostatica, che ne fa una sorta di persona, nel senso arcaico di "portatore di maschera".
Come si rende necessaria, dunque, dentro la Creazione, la determinazione di Satana?
Per chi avrà avuto la pazienza di seguire e comprendere i passi precedenti, la mia personale risposta apparirà intuitiva.
Satana fu creato affinchè fosse possibile ascendere ed attingere ad una ascesi operativa, ossia mediata dalla prassi e fondata sulla possibilità di una Morale.
Satana fu creato affinchè il tragitto frammentario dell'Uomo potesse comporsi e ordinarsi dentro una linearità storica.


condivido con voi una bellissima poesia scritta da un mio amico

Nessuno che sia nato
può essere senza ombre,
le ha costruite percorrendo
il suo cammino.

Non colpe, ma inconsapevoli
esperienze di un'anima inesperta
delle cose del mondo materiale.
Lunga è la strada della consapevolezza di sè stessi,
il continuo confronto con l'accattivante mondo dei sensi
lastrica il percorso di inganni, ritardi, e ilciclo si perpetua nel tempo
passato in un lungo ritorno.

Occorre grande attenzione ai propri gesti
e grande fermezza nei principi
per poter abbandonare il pesante bahgaglio
costruito dalla mente e dall'ego..

Avvinghiati tenacemente
alle loro costruzioni
sanno farne spesso una vera prigione per l'anima
dalla quale difficilmente riusciranno ad uscire
nella vita terrena.

Non è il desiderio il problema,
senza non si vivrebbe,
ma il permettergli una supremazia
che non gli compete.
L'eccesso, qualunque forma assuma,
porta sempre con sè la rovina
e un lungo lavoro per ricostruire

Mauro Assosamsara
paperapersa is offline  
Vecchio 10-08-2006, 10.56.23   #69
visechi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-04-2002
Messaggi: 1,150
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
Il vero, intimo problema, a mio parere, è il problema del Male: ossia di come Dio possa averlo creato, permesso o reso possibile.
La questione fondamentale non sta affatto nel "perchè", quanto nel "come", ed è dunque una questione, paradossalmente più teoretica che etica o metafisica.

[...]



Credo di comprendere il concetto da te espresso, ed in una certa misura lo condivido anche.

L’accezione ‘debole’ del Male sfocia nella considerazione da te espressa. Se il Male è limite, lo sbocco teoretico che si riversa nell’agire, anzi nella non azione dell’umanità, è o sarebbe quella teorizzata dalla spiritualità orientale. Il limite è l’invalicabile catena montuosa che si erge al nostro orizzonte, che, con la sua presenza che colpisce i sensi, quindi l’esperienza diretta che l’uomo fa di questo limite, dischiude la possibilità di una sua (del limite) trascendenza (un po’ la siepe del Leopardi). La presenza dell’essere, del reale è manifestazione di sé nella sua incompletezza ed è anche annuncio, trans-parire (apparire oltre) del non-essere, è l’oltre, l’al di là del limite stesso. L’oggetto, la sua ‘datità’, il suo darsi ai sensi, è anche appalesamento di assenza ed annuncio di trascendenza. In questo senso il limite interroga l’essere nella sua completezza.

Il Male, coincidente con il limite, assumerebbe così la connotazione di negazione – tutto ciò che non è -, e la tensione alla trascendenza coinciderebbe con la tensione alla completezza.

Ma le Scritture, forse utilizzando un linguaggio allegorico che dischiude più sensi e significati, descrivono il Male come presenza ‘positiva’, come ipostasi non tanto del limite umano, ma come ‘essere’ che contende la pienezza dell’essere, velandogli la possibilità di un’ambivalenza ed ambiguità multiforme da cui la razionalità rifugge, perché l’intelletto, su cui poggiano i fondamenti del sapere occidentale, aborrisce la contraddizione che regge e sorregge l’ambivalenza.

Se da un lato la teodicea fondata sulla corrispondenza e identificazione del Male=Limite rende l’esperienza umana a-storica, privando di significato l’agire umano, dall’altro, quella che ipostatizza il Male, lo inserisce in un percorso teleologico, creando la storia, e l’agire umano è inserito in un percorso finalistico la cui meta è una promessa escatologica, che promuove una tensione esistenziale cui l’azione umana annette senso e significato in funzione appunto della meta da conseguire. Non è Satana che inserisce l’uomo entro la storia, è piuttosto la contesa fra male e la possibilità della sua definitiva sconfitta, che è appunto la promessa dell’ultimo giorno, a dare storicità all’agire umano ed alla sua esistenza. La storia esalta l’uomo e la sua scelta, riproponendolo al centro del creato, facendo germinare in questa architettura la necessità morale cui l’agire deve conformarsi. In tal modo responsabilizza l’essere, ma non svela o non mostra le assenze di cui l’essere è pregno, anzi le nega del tutto.

Freud, figlio del suo tempo e della cultura in cui era immerso, inventò l’inconscio, proprio perché colse nell’agire dell’uomo una lacunosità della coscienza. Egli tentò una razionalizzazione ed un impossessamento da parte dell’intelletto speculativo di quanto di noi sfugge allo schema, di quanto è evitamento, eccezione, eccedenza esistenziale, relegando tale eccedenza entro il campo della patologia. Così operando spezzò l’unitarietà dell’essere che è coscienza e inconscio, giorno e notte, presenza ed assenza, essere e non essere, segno e simbolo, linguaggio ed afasia. Esaltò la luce diurna disconoscendo le tenebre. Freud pretese con la sua pur meritoria opera di soggiogare l’insondabile, di proiettare un cono di luce che rischiarasse le ombre, dando risalto solo alla parte razionale dell’uomo che asserviva a sé, alla sua capacità d’analisi anche l’imponderabile e l’incommensurabile che ci permea. Freud attribuì valore solo all’azione della coscienza, ritenendo l’inconsulto come sintomo di patologia, e il disagio esistenziale fu ritenuto da lui come l’effetto della repressione pulsionale, quindi controllabile e redimibile attraverso un processo di analisi che consentisse l’emergere e la decodifica razionale del represso. Non tenne in alcun conto, e non poteva farlo, la possibilità che l’essere nella sua compiutezza sia crepuscolare, essendo sintesi e limine fra luce diurna e tenebre.

Quel Male di cui si cerca l’origine, il perché e il per come, è appunto il campo entro cui la luce si confonde con le tenebre, quell’area entro cui la luce è luce pur non essendo più se stessa, ed il buio è oscurità che si rischiara, ed è altro da sé stesso. Condizione colta meglio da Jung, che annesse rilevanza alla coscienza simbolica, cioè una coscienza che disputa con quella razionale ed ammette un’apertura a più sensi e significati, che meglio si coniuga con quell’inferno che ribolle nel profondo di ciascuno di noi.

Resta il problema del perché di questa nostra ambivalenza costitutiva.

Ovvio che tutto nasce da opinioni, e tutto si traduce e riversa entro un ambito speculativo assolutamente teoretico, ma che ha comunque una qualche attinenza con la realtà della vita.

La certezza attiene alla coscienza razionale che attinge apoditticamente dalla realtà, per quanto da essa attingibile in tal modo. Tutto il resto è velato dal dubbio e dal mistero, dall’ambivalenza e dal multiforme. La Vita è ambivalenza, è un coro a più voci che, nell’intonare il proprio canto corale, determina armonia e dissonanza. Negare questo è negare la Vita stessa. L’uomo, con le sue presenze ed assenze, le quali ultime informano circa la possibilità di un oltre rispetto a quanto percepito, rispecchia questa ambivalenza della Vita. Non soggiace ad un unico senso, così come la Vita aborrisce ed è la negazione dell’identità e dell’eguaglianza, essendo ambivalenza. La coscienza razionale, imperante in occidente, traduce questa ambivalenza in coincidenza; uniformando le diversità, smussando gli angoli e le asperità che incontra, lascia ricadere parti essenziali dell’esistere, rappresentandosi un orizzonte ad un unico significato e senso che non ammette la possibilità di più aperture ad sensi e significati non coglibili dall’intelletto, essendo campo d’azione del sentimento. Elide la contraddizione e l’ambiguità marchiandole con l’infamante bolla della patologia e della follia. Disconosce il ctonio e l’irrazionale, rifiutando l’ingresso entro l’antro degli inferi che, seppur negato, rifiutato o disconosciuto, impera invitto nel nostro profondo. La pretesa di tacitare e spegnere la dissonanza e il canto a più voci, è scaturigine di quel male d’esistere, di quel disagio esistenziale che informa il mondo e ciascuno di noi, è l’inferno che rivitalizziamo ed ossigeniamo attraverso la fantasia utopica irrelata e privata del contatto, conforto e confronto con la realtà della vita, fantasia di cui tante spiritualità si fanno portatrici.

Ciao
visechi is offline  
Vecchio 11-08-2006, 18.34.20   #70
sunday01
Ospite abituale
 
L'avatar di sunday01
 
Data registrazione: 05-07-2005
Messaggi: 464
Riferimento: Dio e il problema dell'inferno

Visechi

Dai tuoi scritti si evince prima di tutto questa domanda:
perchè Dio avrebbe dato all'uomo una natura tale da essere tentato alla trasgressione????
Come il bimbo che per crescere e diventare individuo deve staccarsi dalle braccia rassicuranti della madre e sperimentare...
Prima della caduta dell'uomo non esisteva la storia...
In effetti anche la storia biblica e delle vicende umane parte dalla caduta...
Quindi il male sarebbe in qualche modo necessario ma potenzialmente l'uomo può dominarlo...
Ma torniamo al fatto del bimbo che all'inizio si identifica con la madre, poi capisce di essere "altro" dalla madre... con una sua individualità... e attraverso la disobbedienza afferma se stesso e la sua personalità...
Ma se Dio è il Padre di tutti i suoi figli, e ha dato loro la vita, e li ha fatti a propria immagine e somiglianza.... considerando che la creazione e Dio stesso è Bene e Male, anche i suoi figli avranno una natura spirituale e un istinto che porta a trasgredire....
In effetti il serpente disse loro che sarebbero diventati simili a Dio, ma ha mentito sul fatto che non sarebbero morti...
Ora l'uomo conoscendo il bene e il male doveva sperimentare sia l'uno sia l'altro, il bene soprattutto legato alla Volontà di Dio, il male soprattuto legato alla carnalità e alla soddisfazione immediata dei propri istinti...
Tornando all'esempio della madre, questa prima di mettere al mondo i figli sa che esiste anche il male e cerca come può di evitarglielo... ma se un figlio, consapevolmente, nonostante tutto l'amore della madre, decide di voltarle la faccia e di fare di testa sua, e perde la vita e muore... non è la madre che l'ha condannato...
La creazione completa è intrisa di bene e di male, però la Bibbia ci dice che un giorno il male sarà sconfitto per sempre, e ci fa vedere questo mondo come l'arena dove si svolge questa lotta tra i due estremi... fino alla battaglia finale in cui il male e la morte vengono annientati e rimane solo la luce di Dio.
Quindi, se l'ipotesi che Dio è fatto di bene e di male è esatta, Dio dovrebbe sconfiggere una parte di se stesso....
In un certo senso questo è il cammino dell'uomo... per arrivare a essere uno con Dio, deve soffocare o superare certi istinti che lo portano alla trasgressione, in pratica morire a se stesso e rinascere uomo nuovo.
Ma nella storia il male non viene direttamente dall'uomo, ne è stato indotto da una figura esterna sia a Dio che all'uomo... anche se per forza di cose creata... ma in un certo senso sottomessa all'uomo, che doveva dominare sul creato e non essere dominato dal male.
In quanto alla consapevolezza, se all'uomo è stato precluso l'albero della vita, significa che la sua trasgressione non è stata poca cosa, avendo ottenuto la conoscenza del male non può essere più lo stesso di prima, è una trasformazione interiore e di conseguenza gli è stato precluso l'albero della vita...
Quell'albero della vita che si ritrova al Cap. 22 del libro dell'apocalisse... che è per tutti coloro che sono scritti nel libro della vita, e non hanno adorato Satana....
Quindi l'inferno è per Satana e per quanti lo hanno adorato.

Un saluto

sunday01 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it