Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 27-03-2007, 11.45.46   #1
Raffa
Ospite
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 8
Unhappy stare con un divorziato...

Mi permetto di scriverVi con profondo sentimento di stima e rispetto perchè ormai da tre anni sto insieme ad un ragazzo di 32 che,ahimè,è divorziato.
All'inizio ho tentato di "evitare" un coinvolgimento d'Amore fra noi, per la mia religione Cristiana e per la mia famiglia....
A volte pero' non si riesce ad andare contro ai sentimenti e così....ci siamo messi insieme,il nostro sentimento cresce ancora oggi, ma insieme al sentimento d'amore cresce anche quello di timore....temo il Signore, temo la Sua punizione....e mi chiedo se sia possibile soffrire così tanto....so che sono peccatrice e so anche che avrei dovuto evitare,ma penso anche a lui, al mio ragazzo e mi domando se sia giusto che debba stare solo e soffrire per tutta la sua vita perchè appartiene, agli occhi di Dio, ad un'altra (che,tra l'altro, lo ha tradito ed umiliato).

Vi chiedo di scusarmi se ho offeso qualcuno, ho solo bisogno di capire,di fare chiarezza nella mia mente.....

Grazie di cuore
Raffa is offline  
Vecchio 27-03-2007, 13.17.07   #2
Disat
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 10-03-2007
Messaggi: 40
Riferimento: stare con un divorziato...

Per quello che può servire, ti sono vicina. Posso immaginare quello che stai passando e come tu ti possa sentire in questo momento agli occhi di Dio, della Chiesa e della tua famiglia.
Tante volte si fa di tutto per evitare di far nascere un sentimento, ma questo non dipende dalla nostra volontà. Un amore nasce. Un amore finisce. E tante volte non sappiamo neanche come avvenga tutto questo.
Non conosco la vostra storia. Quello che mi sento di dirti in questo momento è di non allontanarti assolutamente da Dio e dalla Chiesa, anche se ti metteranno in difficoltà. Continua a pregare e ad andare a Messa. Fai del bene. E vedrai che Dio, che è infinitamente buono e misericordioso. saprà salvarti anche in questo modo.
Ciao!
Disat is offline  
Vecchio 27-03-2007, 13.53.34   #3
amidar
Ospite abituale
 
L'avatar di amidar
 
Data registrazione: 13-03-2006
Messaggi: 239
Riferimento: stare con un divorziato...

Citazione:
Originalmente inviato da Raffa
Mi permetto di scriverVi con profondo sentimento di stima e rispetto perchè ormai da tre anni sto insieme ad un ragazzo di 32 che,ahimè,è divorziato.
il nostro sentimento cresce ancora oggi, ma insieme al sentimento d'amore cresce anche quello di timore....temo il Signore, temo la Sua punizione....e mi chiedo se sia possibile soffrire così tanto....so che sono peccatrice e so anche che avrei dovuto evitare,ma penso anche a lui, al mio ragazzo e mi domando se sia giusto che debba stare solo e soffrire per tutta la sua vita perchè appartiene, agli occhi di Dio, ad un'altra (che,tra l'altro, lo ha tradito ed umiliato).

Rispetto le tue concezioni religiose,anche se non le condivido e mi rendo conto del tuo disagio.
Non so dove,nella bibbia,si faccia riferimento alla punizione divina in casi come i tuoi,perchè non conosco il testo sacro in maniera approfondita da poterne citare i passi.
La sola cosa che mi sento di dirti è che l'unica verità è la tua,quella che ti appartiene,che rappresenta e fa fede alla tua esperienza personale,che ti permette di discernere dal giusto e sbagliato facendo ricorso soprattutto alle parole sussurrate dal tuo cuore e non solo dalla tua mente.
Perchè mai Dio dovrebbe benedire l'unione tra due persone dove magari non c'e più amore,ma odio,tradimento e in tanti casi anche violenza ...e punire una coppia dove invece l'AMORE,quello vero e tanto decantato dalla chiesa viene davvero vissuto e condiviso?!
Mi rattrista sapere che sentimenti sani e legittimi per una coppia di ragazzi che si amano,possano essere in qualche modo venire "sporcati" o farli percepire come tali,per un pregiudizio.
Ti auguro di fare chiarezza e di trovare un pò di serenità.
amidar is offline  
Vecchio 27-03-2007, 14.15.13   #4
Raffa
Ospite
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 8
Riferimento: stare con un divorziato...

Grazie Rejoice,

confesso che mi vorrei davvero riavvicinare alla Chiesa ma vivo un sentimento di inadeguatezza troppo grande.....mantengo comunque la mia Fede e prego Dio affinchè l'accresca giorno dopo giorno.....
Raffa is offline  
Vecchio 27-03-2007, 14.31.55   #5
Lucio Musto
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 943
Riferimento: stare con un divorziato...

Citazione:
Originalmente inviato da Raffa
Mi permetto di scriverVi con profondo sentimento di stima e rispetto perchè ormai da tre anni sto insieme ad un ragazzo di 32 che,ahimè,è divorziato.
All'inizio ho tentato di "evitare" un coinvolgimento d'Amore fra noi, per la mia religione Cristiana e per la mia famiglia....
A volte pero' non si riesce ad andare contro ai sentimenti e così....ci siamo messi insieme,il nostro sentimento cresce ancora oggi, ma insieme al sentimento d'amore cresce anche quello di timore....temo il Signore, temo la Sua punizione....e mi chiedo se sia possibile soffrire così tanto....so che sono peccatrice e so anche che avrei dovuto evitare,ma penso anche a lui, al mio ragazzo e mi domando se sia giusto che debba stare solo e soffrire per tutta la sua vita perchè appartiene, agli occhi di Dio, ad un'altra (che,tra l'altro, lo ha tradito ed umiliato).

Vi chiedo di scusarmi se ho offeso qualcuno, ho solo bisogno di capire,di fare chiarezza nella mia mente.....

Grazie di cuore

Non mi va di entrare in considerazioni "tecniche". Non in questa sede, almeno.

Ma penso possa esserti utile la seguente riflessione:
"Cos'è un divorziato?"...
Naturalmente può essere un sacco di cose, ma cosa è "sicuramente"?
"Sicuramente" è uno che si è messo su una strada che pensava buona e poi ha dovuto desistere, mancando l'obiettivo.
Quindi almeno per una volta, uno sconfitto. E sconfitta è comunque perdere qualcosa, è sofferenza, è debolezza.

Se tu vorrai volergi bene, quindi, dovrai volergliene due volte. Per quello che lui è per te, e per quello che a lui manca di se stesso.

Auguri, e ben arrivata a Riflessioni.it
Lucio Musto is offline  
Vecchio 27-03-2007, 15.02.04   #6
Jade_de_Montaigne
Ospite abituale
 
Data registrazione: 21-02-2007
Messaggi: 131
Wink Riferimento: stare con un divorziato...

Ciao,

mi permetto di rispondere al tuo post sperando di poterlo fare con lo stesso tuo rispetto. Lo dico perchè non riesco a spiegarmi da cosa derivi la tua paura di offendere qualcuno: a differenza tua, non sono Cristiana, eppure il tuo messaggio non ha nulla di offensivo! La mia religione coincide con un'etica basata sul rispetto di sè stessi e degli altri e, per questo, rispetto la religione, le idee e le scelte di tutti.
Purtroppo, non posso offrirti nessun tipo di sostegno cattolicamente inteso, ma, deontologicamente, ciò che tu ed il tuo fidanzato state facendo, non ha nulla di riprovevole. Vi amate, state insieme, vi rispettate: dov'è il problema? Non state facendo nulla di male e, parimenti, avrei piuttosto da ridire sul comportamento della ex moglie di quest'uomo che lo ha tradito ed umiliato. 'E giustissimo che lui ora voglia rifarsi una vita e lascirsi alle spalle un passato che lo ha fatto stare male. Tu, dal canto tuo, lo ami e offrire il proprio amore in maniera disinteressata, è il più grande atto di altruismo che possa esistere: se davvero lassù c'è qualcuno, allora questo Dio saprà apprezzare il tuo gesto e dare sostegno ad un uomo che è stato ferito. Se davvero qui c'è una peccatrice, quella non sei tu

Ti faccio i miei migliori auguri,

Jade
Jade_de_Montaigne is offline  
Vecchio 27-03-2007, 15.09.14   #7
devil
Ospite
 
L'avatar di devil
 
Data registrazione: 31-01-2007
Messaggi: 20
Riferimento: stare con un divorziato...

Ti senti peccatrice dell'amore sano, vero, pulito e sincero cha dai ad un uomo? Non credo che Dio ti giudichi per questo: stai dando amore e per questo stai facendo solo del bene come potrebbe punirti! E poi una cosa è il giudizio di Dio e tutt'altro è il giudizio dei "cattolici" con le loro "imposizioni". Io sono una credente non praticante ma ne ho viste e sentite tante per potermi avvicinare alla Chiesa ma per questo non posso dire di non avere la fede che è tutt'altra cosa... Sentiti pure in pace con Dio, i veri peccatori sono ben altri...
devil is offline  
Vecchio 27-03-2007, 16.00.58   #8
Raffa
Ospite
 
Data registrazione: 27-03-2007
Messaggi: 8
Riferimento: stare con un divorziato...

Il mio "problema" sta nel comandamento :"NON DESIDERARE LA DONNA(L'UOMO) DI ALTRI"....
mi spiego meglio : se il mio ragazzo è, agli occhi di Dio, della sua ex moglie, allora io sono quella che desidera l'uomo di altri, ergo, sono una peccatrice.

Sta diventando un pensiero "pesante" il sentimento,lo ribadisco, di inadeguatezza che provo se e quando entro in Chiesa,perchè so che cmq porto avanti un rapporto non benedetto dal Signore e non condiviso dalla comunità ecclesiastica.


Con questo non voglio assolutamente lasciarlo o sacrificare il mio rapporto con lui,so che Dio è Amore e che sa che agisco in nome di un sentimento Vero e Sincero, ma la paura di essere nel torto ultimamente mi fa stare un po' male.

Grazie ancora per le Vostre risposte
Raffa is offline  
Vecchio 27-03-2007, 17.17.39   #9
amidar
Ospite abituale
 
L'avatar di amidar
 
Data registrazione: 13-03-2006
Messaggi: 239
Riferimento: stare con un divorziato...

Citazione:
Originalmente inviato da Raffa
Il mio "problema" sta nel comandamento :"NON DESIDERARE LA DONNA(L'UOMO) DI ALTRI"....
mi spiego meglio : se il mio ragazzo è, agli occhi di Dio, della sua ex moglie, allora io sono quella che desidera l'uomo di altri, ergo, sono una peccatrice.

Mi sembra di aver capito che la sua ex moglie lo abbia tradito,perciò in un certo senso è stata lei a rinnegare il "suo uomo" e a non considerarlo unicamente come tale.
Probabilmente il comandamento si riferisce a quando si desidera o si corteggia un uomo o una donna quando sono ancora in coppia.
Quando vi siete conosciuti lui era già separato perciò il "peccato" non si pone dal mio punto di vista,di certo di gran lunga differente da quello della chiesa immagino.
Cmq secondo me,in cuor tuo sai di non star facendo nulla di male e prima o poi troverai la serenità che cerchi.
amidar is offline  
Vecchio 27-03-2007, 17.42.12   #10
hetman
Credente Bahá'í
 
L'avatar di hetman
 
Data registrazione: 26-02-2007
Messaggi: 447
Riferimento: stare con un divorziato...

Citazione:
Mi permetto di scriverVi con profondo sentimento di stima e rispetto perchè ormai da tre anni sto insieme ad un ragazzo di 32 che,ahimè,è divorziato.
All'inizio ho tentato di "evitare" un coinvolgimento d'Amore fra noi, per la mia religione Cristiana e per la mia famiglia....
A volte pero' non si riesce ad andare contro ai sentimenti e così....ci siamo messi insieme,il nostro sentimento cresce ancora oggi, ma insieme al sentimento d'amore cresce anche quello di timore....temo il Signore, temo la Sua punizione....e mi chiedo se sia possibile soffrire così tanto....so che sono peccatrice e so anche che avrei dovuto evitare,ma penso anche a lui, al mio ragazzo e mi domando se sia giusto che debba stare solo e soffrire per tutta la sua vita perchè appartiene, agli occhi di Dio, ad un'altra (che,tra l'altro, lo ha tradito ed umiliato).

Vi chiedo di scusarmi se ho offeso qualcuno, ho solo bisogno di capire,di fare chiarezza nella mia mente.....
Citazione:
Il mio "problema" sta nel comandamento :"NON DESIDERARE LA DONNA(L'UOMO) DI ALTRI"....
mi spiego meglio : se il mio ragazzo è, agli occhi di Dio, della sua ex moglie, allora io sono quella che desidera l'uomo di altri, ergo, sono una peccatrice.
Sta diventando un pensiero "pesante" il sentimento,lo ribadisco, di inadeguatezza che provo se e quando entro in Chiesa,perchè so che cmq porto avanti un rapporto non benedetto dal Signore e non condiviso dalla comunità ecclesiastica.
Con questo non voglio assolutamente lasciarlo o sacrificare il mio rapporto con lui,so che Dio è Amore e che sa che agisco in nome di un sentimento Vero e Sincero, ma la paura di essere nel torto ultimamente mi fa stare un po' male.

Cercherò di darti una risposta, sarà fredda senza sentimenti:
Il desiderare il compagno altrui può essere inteso solo nel momento che la persona sia compagno d'altri, nel tuo caso mi sembra che ciò non sia, visto che l'altro (ex moglie) si è di fatto legata a qualcun altro.
Quello che Dio unisce, uomo non divida. Questa frase è quella che secondo me entra in argomento e non riguarda Te ma un rapporto precedente al divorzio "tradimento ed umiliazione".
Dio non può, nella Sua giustizia, permettere che il colpevole sia libero e l'innocente paghi, ma il problema sorge nel momento in cui, uomini (clero) introducono nella Religione la "colpa", colpevolizzare non è da Gesù ma della chiesa degli uomini. L'allontanamento dei divorziati dai riti Cattolici e dall'eventuale nuovo matrimonio religioso, sono da ritenersi contrari a quanto affermato da Gesù nel caso dell'adultera, in cui si fà riferimento alla lapidazione ed Egli con la frase: "chi è senza peccato scagli la prima pietra" intendeva che nessuno uomo ha diritto di giudicare è che il Giudizio è di Dio.
Il fatto di voler imporre con la forza delle pene e della colpevolizzazione questioni di coscienza individuale non risolve i problemi ma ne crea di più grossi, quali quelli che stai sperimentando nel Tuo intimo.
Non posso in coscienza approvare una Tua convivenza senza matrimonio, a tal proposito Ti consiglierei un matrimonio civile inquanto agli occhi di Dio sono i due sposi che danno il loro assenso davanti a Lui e nessun altro.
So che per Te questo e certamente difficile in qualità di Cattolica ma tra i due mali cosa pensi sia più malefico: il convivere senza una legittima unione oppure il vivere coniugata anche se solo civilmente?

Di nuovo scusa la trattazione fredda dell'argomento.
hetman is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it