Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 19-12-2007, 17.25.09   #21
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: La... donna danno!

"Eppure quel "danno" è stata una mia ricchezza.
Ne sono seguiti altri, forse ben maggiori e di tanto: senza eroismi (peccato che non ci conosciamo!) io quei Danni li ringrazio tutti tutti!
Certo che non sarei come sono se non ci fossero stati. Ma, APPUNTO: è proprio per quello che li Amo: perchè Amo il risultato (me stessa di oggi), con tante buone Ragioni in più rispetto a quelle che avrei avute se non ci fossero stati i "Danni"!!!!"
[Donella]

Si Donella---certe volte mi faccio pensieri per quei bambini e giovani, che isolati in un ambiente protettivo non sono equipaggiati per confrontarsi con i tanti pericoli della vita.
hava is offline  
Vecchio 19-12-2007, 17.36.35   #22
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Dovrei rispondere

Citazione:
Originalmente inviato da marco gallione
Nel mio caso, la risposta è la sete di conquista quando e' in gioco l'amor proprio [tutte le donne cadono ai miei piedi e proprio questa no....].
Questa è - lo vedo piuttosto bene - la spiegazione che potrebbe portarmi a subire una donna-danno.

So che la risposta è questa. E credo che per molti altri possa essere questa.
Ma, trovata la risposta, non provo (nè ho provato) particolare sollievo.
Ed è proprio questo che mi mette a disagio.


.....e poi quando ci riesci e la ragazza ti e' caduta ai piedi, che fai? continua ad interessarti?
Mi sembra che la risposta sia importante perche' una donna cerca generalmente sicurezza.
hava is offline  
Vecchio 19-12-2007, 19.14.55   #23
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: La... donna danno!

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Questa discussione è troppo interessante. Talmente interessante che volentieri non vi parteciperei e starei ad ascoltare quello che state esponendo con tanto equilibrio, garbo e chiarezza.

Ma la tentazione è troppo forte, perchè, se Marco ha la libera docenza e Donella si propone da stagista, io mi metto tra quelli che hanno dovuto passare l'esame di stato della "donna-danno", peraltro ripetuto più volte e mai superato. Studente perseverante e diabolico per questo, quindi.

Quando parlo della questione diciamo che avverto dentro, con una alternanza che spesso mi spiazza, due stati d'animo: uno mi porta ad osservare il moto di rabbia che mi nasce dentro nel pensare a quello che ho subito, un altro mi porta a considerare il "danno" alle spalle della donna che mi ha fatto danno (come dice Marco) cercando di giusitficarne il comportamento.

Il primo, devo dire, è molto più forte del secondo e rimane un nodo irrisolto: per quanto a livello cosciente ormai il "danno" ricevuto è sicuramente superato, a livello emotivo il segno rimane e te ne accorgi con quello che io chiamo "agonismo sentimentale", un atteggiamento battagliero che nasce non appena sfiori l'argomento con qualcuno che conosce la situazione. Non riesci mai a parlarne con fair play, se non fingendo, magari verbalizzando addirittura una giustificazione per la tua "donna danno".

La parte sicuramente più interessante della discussione (cui mi sembra abbia fatto cenno hava) è quella relativa alla co-dipendenza che nasce fra la "donna danno" (potrebbe essere anche l'uomo danno, d'accordo con Donella, ma mi attengo al titolo del thread) e l'"uomo dannato" (che sta per danneggiato, ma anche per persona ossessionato dalla donna). E' lì che viene fuori anche la tara di chi subisce il fascino della donna dannosa.

Perchè sono attratto da lei? Cos'ha che solletica questo interesse viscerale? Secondo me è troppo facile concludere dicendo che tutta l'ossessione derivi dal fatto che rappresenta la persona (l'unica o una delle poche) che non sono riuscito a "conquistare". Per me non è così.

Nell'attrazione che esercita(va) su di me ci deve essere qualcos'altro. Se si analizza la storia di molti "dannati" si scopre che spesso tendono ad innamorarsi sempre dello stesso tipo di donna. E la donna danno, dal canto suo, tende a scegliere lo stesso tipo di uomo per rimettere in scena il proprio danno interiore.


Il dannato vede in lei quello che manca a lui e l'abbandono e il rifiuto sono sempre vissuti come conferme imperiture (da lì nasce il danneggiamento) che in lui qualcosa non va. Quindi anche nell'uomo dannato c'è già il danno, che trova nella donna (solo potenzialmente danno) le condizioni migliori per manifestarsi e danneggiare.

Se non ci fosse il danno nell'uomo dannato, la donna non diventerebbe mai danneggiante, sarebbe solo una persona che va per la sua strada. Invece assume i connotati della "grande conferma" sul proprio danno interiore. La cosa diabolica di queste situazioni è che solo lei, secondo il dannato, potrà riparare il danno. Come? Con il "ritorno", che rappresenta appunto l'annullamento di quella conferma. Da qui l'ossessione.

Fatto sta che la donna-danno, avendo anche lei danni alle spalle, potrà avere molte crisi in merito alla propria condotta, con atteggiamenti verso il dannato che non faranno altro che devastarlo ulteriormente. Chi subisce inscena tutti i comportamenti più adatti a far sì che la donna gli procuri danno. Se esce dal gioco, se si tira fuori, cogliendo la dinamica di cui è vittima, è salvo. Beato, senza danni. E' na parola! Il danno rimane fin quando quel danno serve a confermare qualcosa sul proprio modo di essere.

Spesso la donna danno può diventare "dannata" a conferma del fatto che ogni relazione è una storia a sè (come le partite) e che non esiste come persona una donna capace di risultare per tutti e sempre "danno", anche avendo alle spalle storie drammatiche.

Non so se sono stato chiaro, ma ho detto la mia su un argomento che mi sta a cuore.


Sei stato chiaro, ma io mi chiedo se vuoi veramente riparare il danno oppure ne cerchi la conferma.
Ognuno di noi ha sviluppata un'immagine di se stesso difficile a cambiare. Spesso e' l'informazione di un'identita' dannata che si trasmette agli altri aspettandone la conferma. Un circolo vizioso fra persone con bisogni che coincidono.
In questi casi da te prospettati anche la persona cosidetta dannosa non trova sempre il partner pronto a subire il danno.
hava is offline  
Vecchio 19-12-2007, 19.18.27   #24
Nadége
Ospite
 
Data registrazione: 10-11-2007
Messaggi: 31
Riferimento: La... donna danno!

Ciao Vagabondo.

Mi colpisce molto questo che tu hai scritto:

Il dannato vede in lei quello che manca a lui e l'abbandono e il rifiuto sono sempre vissuti come conferme imperiture (da lì nasce il danneggiamento) che in lui qualcosa non va. Quindi anche nell'uomo dannato c'è già il danno, che trova nella donna (solo potenzialmente danno) le condizioni migliori per manifestarsi e danneggiare.

Non so se posso farti queste domande.
Credo potrebbe essere utile sapere...
Nel momento in cui hai vissuto questa passione... insomma quando proprio c'eri dentro fino al collo... sapevi che era un "gioco perverso" in cui stavi mettendo in scena un atto in cui il finale era già scritto?
O lo hai capito a posteriori?
Tu sapevi che in realtà stavi cercando conferme come un assetato può cercare una goccia d'acqua nel deserto?

Scrivi anche:

Il danno rimane fin quando quel danno serve a confermare qualcosa sul proprio modo di essere.

Quindi, per uscirne è essenziale prendere coscienza del rapporto tra il "danno originale" e quello appena subìto? (magari per... abbandono, rifiuto e conseguente conferma della propria - presunta! - "inadeguatezza"?)

Si viene attratti da un certo tipo di persona in maniera inconsapevole? Quali antenne ci fanno captare che con certe persone potremo rimettere in scena il nostro "danno"?

Grazie... spero si capisca qualcosa!













Il danno rimane fin quando quel danno serve a confermare qualcosa sul proprio modo di essere.

Spesso la donna danno può diventare "dannata" a conferma del fatto che ogni relazione è una storia a sè (come le partite) e che non esiste come persona una donna capace di risultare per tutti e sempre "danno", anche avendo alle spalle storie drammatiche.

Non so se sono stato chiaro, ma ho detto la mia su un argomento che mi sta a cuore.[/quote]
Nadége is offline  
Vecchio 19-12-2007, 20.01.08   #25
cianotico
Ospite
 
L'avatar di cianotico
 
Data registrazione: 19-12-2007
Messaggi: 11
Riferimento: La... donna danno!

Bella questa discussione. Mi sono iscritto al forum solo per postare la mia opinione in merito, in quanto recentemente mi sono credo ritrovato nella parte di “uomo-normale-che-la-subisce”, per la seconda volta nella mia vita (e spero sinceramente anche l'ultima ).

La prima è stata diciamo il primo amore (durato 4 anni, di continui tira e molla) e lasciata col metodo consigliato dall'amico: ho troncato i rapporti di brutto e buonanotte al secchio. La seconda è in piedi da soli 7 mesi, ma già ci convivo e stò disperatamente cercando di sbrogliare la matassa, evitando soluzioni drastiche.

Dalla mia esperienza posso quindi affermare alcune cose...
  1. Comunque vada se si hanno rapporti sentimentali come amore o affetto con una "donna-danno" comunque vadano le cose ci sarà un danno .
  2. Che la "donna-danno" è una persona che ha subito dei danni.
  3. Che la "donna-danno" è una persona estremamente insicura.
  4. Che “uomo-normale-che-la-subisce” è una persona estremamente insicura.

Credo inoltre che l'“uomo-normale-che-la-subisce” non possa risollevare la situazione. Ma l'alternativa al troncare definitivamente i rapporti (e per questo in qualche modo ritirarsi e leccarsi le ferite come i cuccioli) è quella di postare la relazione su un piano normale, e se questo è impossibile far ricadere il peso sulla donna danno, che in qualche maniera sarà costretta a guardare in faccia alla realtà.

In questo scenario la "donna-danno" avrà come alternative quella di crescere, oppure semplicemente somatizzare la cosa e diventare 2x"donna-danno". Con buona pace degli altri “uomini-normali-che-la-subiscono”.
cianotico is offline  
Vecchio 19-12-2007, 20.25.11   #26
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: La... donna danno!

Citazione:
Originalmente inviato da hava
Sei stato chiaro, ma io mi chiedo se vuoi veramente riparare il danno oppure ne cerchi la conferma.
Ognuno di noi ha sviluppata un'immagine di se stesso difficile a cambiare. Spesso e' l'informazione di un'identita' dannata che si trasmette agli altri aspettandone la conferma. Un circolo vizioso fra persone con bisogni che coincidono.
In questi casi da te prospettati anche la persona cosidetta dannosa non trova sempre il partner pronto a subire il danno.


Ne cerchi la conferma. Inconsciamente naturalmente.

A volte la donna dannosa, come già accennavo, può trovare la persona che non interpreta il ruolo come si deve e si trova spiazzata. In quel caso lei non riesce a risultare dannosa e può anche darsi che l'uomo che lei non riesce a dannare la ossessioni.

Ma di solito sceglie sempre la persona che stia al gioco. Entrambi cercano conferma dei propri "danni" nell'altro. Non è una mia teoria, sia chiaro, è la teoria della co-dipendenza, che ho cercato di tradurre.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 19-12-2007, 20.34.23   #27
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: La... donna danno!

[quote=Nadége]Ciao Vagabondo.




Nel momento in cui hai vissuto questa passione... insomma quando proprio c'eri dentro fino al collo... sapevi che era un "gioco perverso" in cui stavi mettendo in scena un atto in cui il finale era già scritto?
O lo hai capito a posteriori?
Tu sapevi che in realtà stavi cercando conferme come un assetato può cercare una goccia d'acqua nel deserto?

L'ho capito a posteriori, quando ci stavo dentro non me ne accorgevo. E' un'analisi fredda e distaccata, fatta dopo. Sono riuscito a diventare consapevole di quello che mi era accaduto solo dopo un'osservazione costante dei miei stati d'animo. Come dice Donella, il danno è anche una grande opportunità.

Scrivi anche:

Il danno rimane fin quando quel danno serve a confermare qualcosa sul proprio modo di essere.

Quindi, per uscirne è essenziale prendere coscienza del rapporto tra il "danno originale" e quello appena subìto? (magari per... abbandono, rifiuto e conseguente conferma della propria - presunta! - "inadeguatezza"?)

Si viene attratti da un certo tipo di persona in maniera inconsapevole? Quali antenne ci fanno captare che con certe persone potremo rimettere in scena il nostro "danno"?

Grazie... spero si capisca qualcosa!



Si capisce quello che chiedi.
La scelta è del tutto inconsapevole, credo. In effetti il "danno" è quasi sempre una ferita che ci portiamo dentro che la donna danno non fa che solleticare. Perciò sembra sempre più brutto di quello che è, perchè dà accesso ad una sofferenza pregressa dovuta ad altro. La presa di coscienza al momento in cui accade che siamo vittime di un gioco teatrale (una tragedia), potremmo uscirne. Ma è estremamente difficile.
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 20-12-2007, 00.04.53   #28
Nadége
Ospite
 
Data registrazione: 10-11-2007
Messaggi: 31
Riferimento: La... donna danno!

Citazione:
Originalmente inviato da vagabondo del dharma
Ne cerchi la conferma. Inconsciamente naturalmente.

A volte la donna dannosa, come già accennavo, può trovare la persona che non interpreta il ruolo come si deve e si trova spiazzata. In quel caso lei non riesce a risultare dannosa e può anche darsi che l'uomo che lei non riesce a dannare la ossessioni.

Ma di solito sceglie sempre la persona che stia al gioco. Entrambi cercano conferma dei propri "danni" nell'altro. Non è una mia teoria, sia chiaro, è la teoria della co-dipendenza, che ho cercato di tradurre.

Io ho la sensazione che ella quasi mai si trovi spiazzata.

L'uomo che non la subisce [che lei non riesce a dannare] potrebbe anche essere un uomo che la ama per ciò che è.
Un uomo "risolto", senza drammi interiori da esorcizzare; un uomo che non cerca di guarirla, di salvarla, di redimerla o di sondare quella parte che lei ha reso inaccessibile a chiunque.
Le fa intravedere la "normalità". Un bene sconosciuto e prezioso.

Penso che la donna danno non cerchi le sue "vittime".
Le incrocia sulla sua strada o dietro l'angolo... e quando accade, le travolge.
E non ne va affatto fiera.

Questa però... è una mia teoria.

'notte a tutti!
Nadége is offline  
Vecchio 20-12-2007, 00.54.04   #29
vagabondo del dharma
a sud di nessun nord
 
Data registrazione: 28-08-2006
Messaggi: 245
Riferimento: La... donna danno!

Citazione:
Originalmente inviato da Nadége
Io ho la sensazione che ella quasi mai si trovi spiazzata.

L'uomo che non la subisce [che lei non riesce a dannare] potrebbe anche essere un uomo che la ama per ciò che è.
Un uomo "risolto", senza drammi interiori da esorcizzare; un uomo che non cerca di guarirla, di salvarla, di redimerla o di sondare quella parte che lei ha reso inaccessibile a chiunque.
Le fa intravedere la "normalità". Un bene sconosciuto e prezioso.

Penso che la donna danno non cerchi le sue "vittime".
Le incrocia sulla sua strada o dietro l'angolo... e quando accade, le travolge.
E non ne va affatto fiera.

Questa però... è una mia teoria.

'notte a tutti!

Chi la subisce non cerca di salvarla o redimerla, ma quasi sempre di "assicurarsela", di raggiungere una sicurezza con lei. Dal punto di vista dell'Amore, il danneggiato ha spesso tante colpe, secondo me.

Mi veniva un dubbio, anche se il tuo punto di vista è molto interessante:

ma la donna danno è capace di amare veramente una persona?

E se l'uomo "risolto" fosse capace di stare solo sul suo stesso piano, vale a dire di amare sempre con "riserva"?

Potrebbe essere questa la normalità di cui parli?
vagabondo del dharma is offline  
Vecchio 20-12-2007, 03.18.52   #30
marco gallione
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-05-2007
Messaggi: 363
Della donna danno e della comparsa minore Lino Banfi

La discussione resta interessante.
Non vorrei però si appiattisse su un equivoco, o su un confine che mi sembra un po’ vago, progressivamente incerto. Sembra a me, almeno.

Non vorrei che la figura mitizzata della donna-danno nelle sue relazioni con il malcapitato di turno, finisse per assumere qui il ruolo di icona urbis et orbis, simbolo di tutti i rapporti sentimentali conflittuali del mondo, parabola dell'amore di oggigiorno; assorbendo – non senza confusione – il campo delle relazioni sentimentali tutte, nella loro interezza ed in ogni stagione.

Per me, (e quindi in parziale dissenso con alcuni degli illustri cattedratici che mi hanno preceduto) la donna-danno resta una pericolosa picchiatella, per usare una espressione prosaica e sguaiata. Per capirci insomma.

Ha subito un vero trauma (nel mio immaginario, e nella mia esperienza) eminentemente di carattere sessuale, sentimentale, emotivo, relazionale; e oggi ne porta più o meno nascostamente le conseguenze. Alla lunga quelle conseguenze, però, vengon fuori, siccome sorpresone e malefizio.
Altro che nascondimento..

E’ fascinosa, intrigante (a casa mia si dice “figa”), e questo è una coincidenza beffarada, forse mero incidente di percorso, che si incastra nel personaggio giusto per avventura. Iniziamente disponibile e coinvolgente, ma poi ermetica e imprevidibile,
Fa del tira-e-molla la propria prerogativa preferita. Può diventare brutale.

Mi ripeto, ma mi sembra utile riprendere il punto, la donna-danno è una Circe. Nientemeno.
Il malcapitato non è necessariamente nè un insicuro, nè un missionario.
Può essere chiunque.
Se parliamo di donna-danno nel senso più autentico (quindi roba vera, danno vero, picchiatella vera, figa vera, tutto insieme…mica aria fresca..) il malcapitato può essere chiunque.
Paradossolmente più è sicuro di sè, e pieno di sè, più sarà malcapitato. Questa poi ve la spiego un giorno.

La sintesi – lo ribadisco – è il navigare a vista, il non avere niente da perdere. Credetemi. Questo fa la donna-danno.

La donna-danno vera fa disastri perchè gioca senza regole. Ribalta il tavolo da gioco quando c..zzo vuole lei, perchè non la disturba il fatto che non si giochi più.
Non vuole, e non voleva vincere. Non gliene frega di perdere.
Voleva solo tirare a campare alla bell’e meglio. Quelle che erano le proprie aspirazioni autentiche sono morte già.


Non facciamoci illusioni.
Il malcapitato LinoBanfi è una comparsa; giusto una comparsa. Il pirla sta a certe regole basilari, il codce di condtta minimo. Ed ella se ne batte bellamente i maroni.
Un comprimario insooma, che può avere (o avere avuto) un ruolo giusto nel caso in cui ella sia apparsa come donna-danno, e invece si dovesse scoprire che non lo era (possible anche questo peraltro).
Ma questa è un’altra storia.
La donna-danno non può mica diventare un sarchiapone, una cura per tutti i mali, una ricetta buona per tutte le stagioni.
E la donna danno (vera) non ammette co-protagonisti.

Mi spiego ancor di più, se possible, per farla breve con il bell’esempio.

Se la Ibella fosse una donna-danno, io sarei allora solo una comparsa nanesca. Mi sono fatto il cinema, mi sono chiesto se ho fatto bene questo e quell’altro, e lo ri-chiesto a voi forumisti, rompendo i maroni su Riflessioni per sei mesi buoni.
In maniera del tutto inutile però, perchè la spiegazione dell’inghippo sta solo nel (supposto) carattere di Ibella come dona-danno. Io sono solo una comparsa. Ho fatto giusto la mia comparsata (bravo pirla!).

Se la Ibella fosse – invece - una normale, una donna-danno-falsoallarme per dire.., allora sì le responsabilità, o le ragioni, di un fallimento o allontamento ermetico andrebbero cercate in me, o in lei, e/o un po’ in tutti e due… come si fa sempre. Senza scomodare l’icona delle icone: la magacirce donna-danno.

La circe non fa prigionieri. E non ammette comprimari.
Così la vedo io stasera.
marco gallione is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it