Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 09-01-2008, 10.48.10   #11
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Caro Arsenio ,
questa discussione è molto bella a parer mio... la comunicazione è una tematica molto affascinante... sotto tutti i punti di vista...

Innanzi tutto vorrei porti una domanda: secondo te è possibile che il saper ben comunicare sia dote alquanto naturale? Ovvero se può esserci anche in questo caso una sorta di predisposizione "innata" per tale capacità...

Credo anch'io, come è già stato accennato da qualcuno, che un equilibrato rapporto con sé stessi possa sfociare in una buona dimestichezza comunicativa... conoscere quel che siamo, le nostre "idee", i nostri lati "chiari" e i nostri lati "oscuri", etc... ci può permette di essere "liberi" di essere noi stessi nel rapporto con gli altri... certo è qualcosa su cui "lavorare" tutti i giorni della nostra vita ( perché ogni giorno scopriamo sempre una piccola sfaccettatura in più di quel che siamo )... ma questo fa sì che più comprendiamo il nostro modo di essere giorno per giorno, più andiamo verso l'altro in modo maggiormente aperto, elastico, comprensivo, amorevole...
Per me il comunicare oggi non è più un bisogno (quando ero più piccolina lo è stato) ma uno strumento di "espansione"... ecco potrei dire che attualmente, riferendomi al mio temperamento personale, ho un equilibrio che si rappresenta bene con le stagioni naturali : in me convivono e si alternano l'"inverno" in cui rifletto in me stessa, mi scruto e mi accolgo; la primavera in cui comincio a riemergere timidamente con nuova energia verso l'esterno, verso il mondo che mi circonda; l'estate in cui sono comunicativamente aperta a 360° verso tutti e tutto; l'autunno momento in cui mi preparo a richiudermi per poter andare recuperare quelle energie che mi permetteranno di andare incontro ad un nuovo ciclo naturale interiore...

Restando in tema vorrei porre una domanda a tutti quelli che leggono, e ovviamente a te Arsenio, che sei molto preparato in questi "frangenti" ( )...:
Spesso in questo forum (mi riferisco a questo perché al momento partecipo a questo) ho letto che quando si mette in discussione ciò che qui si dice si mette in discussione l'idea e non la persona che la esprime... ora vorrei sapere se le nostre idee non sono "parte" di noi , ovvero se noi non siamo i pensieri che esprimiamo, e dunque se quando qualcuno giudica le nostre idee: non sta giudicando noi? Vorrei capire... perché a me non è chiara questa cosa... quel che comunico sono io oppure no? Io pensavo di si... e sinceramente ancora lo penso...

Buona giornata a tutti!
veraluce is offline  
Vecchio 10-01-2008, 10.07.30   #12
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
Caro Arsenio ,...

Buona giornata a tutti!

Grazie cara ... piccolina ...
La teoria dei Cinque Grandi fattori (Big Five) è adottata dagli psicologi della personalità. Postula che le strutture caratteriali siano costituite da cinque dimensioni fondamentali: Estroversione, Amicalità o Gradevolezza, Cosciennziosità, Stabilità emotiva, Apertura mentale.

Si associa la competenza comunicativa al fattore “Amicalità o Gradevolezza”. Si riferisce al grado di riuscita del processo di socializzazione e allo stile adottato nel rapportarsi agli altri. Quindi in positivo indica apertura alla relazione e alla comunicazione interpersonale; un atteggiamento di accettazione , fiducia e accoglienza dell'altro. Comprende socievolezza, come convivialità, piacere di stare con gli altri e di condividere esperienze ed emozioni; empatia ovvero sensibilità, calore, generosità, solidarietà, fiducia, lealtà. Secondo me è il tratto di personalità più desiderabile,negli altri e da raggiungere noi stessi. Si può tenerne conto, ma non imporselo tout court. L'”Amicalità” o Gradevolezza dipende anche da modelli educativi di cui si ha fruito durante l'infanzia.

Inoltre sono le donne le più abili conversatrici. L'uomo non avrebbe l'abilità femminile di comprendere i sottintesi, di leggere tra le righe e sotto la “superficie”. Le donne, da indagini, stabiliscono un legame tra ciò che dicono e le parole dell'interlocutore, sviluppano e approfondiscono gli argomenti oggetto della conversazione, passano gradualmente da un argomento a un altro; incoraggiano e mantengono la conversazione al di là della pura richiesta d' informazioni. Sanno rassicurarsi reciprocamente, c'è coinvolgimento emotivo nell'amicizia. Sono più sociali, emozionali, espressive, cooperative. Più abili nell'interpretare indici non verbali, fanno meno errori e meno pause riempitive mentre parlano.
Gli uomini spesso non si collegano alle espressioni dell'altro, cambiano bruscamente argomenti, ignorano le regole basilari della conversazione. Più che condividere, comprendere, solidarizzare, si atteggiano a “esperti”. Sono più aggressivi verbalmente. Si deduce che donne e uomini hanno diversi modi di relazionarsi con gli altri. Confermo tale teorie alla luce di gratificanti esperienze personali con “ragazze” d'ogni età e ceto.

Sull' educabilità di certe capacità durante tutto l'arco di vita sono ottimista. Ad esempio, ciò che voi possedete per istinto e tradizione culturale, io me lo sono imposto intenzionalmente: osservare espressioni, gesti e posture; ascoltare attivamente. Le teorie, soprattutto per conoscere gli errori che possono portare alla discomunicazione, sono pure utili, e da tenere sempre presenti. Giova un autentico rapporto con se stessi e inoltre trovare persone con cui condividiamo interessi; credere nelle proprie potenzialità per arricchire l'archivio delle proprie conoscenze, al fine di non annoiarsi e annoiare, sebbene non si tratti tanto di possedere contenuti quanto di dimostrare capacità relazionali, intelligenza sociale,ecc.
Tutti abbiamo bisogno di comunicare in forme a noi congeniali ... ora stiamo comunicando, anche se in modo imperfetto perchè manca la corporeità

Mi piacciono le tue metamorfosi climatiche. L'estate è anche la mia stagione, tanto che un tempo avrei voluto andare in letargo da novembre a maggio. Ma i mesi invernali sono adatti alle sale cinematografiche , alle soste nelle biblioteche,alle visite a mostre ed eventi, a conferenze e incontri conviviali; a indugiare un po' di più davanti al monitor

Mettere in discussione non l'idea espressa ma controbattere con appezzamenti “ad personam” è un comportamento da evitare, già previsto dalla retorica. Spesso chi non ha controargomentazioni sufficienti per contrastare con efficacia una tesi, che pur tacitamente ritiene, “superiore”, può ricorrere perfino all'insulto. E' frequente anche nei forum, dove per netiquette si dovrebbe astenersene, anche perchè è una trappola in cui si cade facilmente rilanciando a propria volta giudizi a volte pesanti. Purtroppo è successo anche a me In effetti saper dissentire con elegante assertività è un altro fattore di buona e riuscita comunicazione. Ma tu non hai bisogno di tale avvertimento.
Che poi ciò che esprimiamo sia nel parlato che nello scritto riveli molto di noi, per forma e contenuti, anche ricordando la teoria della personalità dei Big Five sopraccennata, è vero, ma è un altro argomento



Ho ridotto perchè no si accettano tante faccine
arsenio is offline  
Vecchio 10-01-2008, 12.20.26   #13
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

[CITAZIONE---Nevealsole---]

Restando in tema vorrei porre una domanda a tutti quelli che leggono, e ovviamente a te Arsenio, che sei molto preparato in questi "frangenti" ( )...:
Spesso in questo forum (mi riferisco a questo perché al momento partecipo a questo) ho letto che quando si mette in discussione ciò che qui si dice si mette in discussione l'idea e non la persona che la esprime... ora vorrei sapere se le nostre idee non sono "parte" di noi , ovvero se noi non siamo i pensieri che esprimiamo, e dunque se quando qualcuno giudica le nostre idee: non sta giudicando noi? Vorrei capire... perché a me non è chiara questa cosa... quel che comunico sono io oppure no? Io pensavo di si... e sinceramente ancora lo penso...[CITAZIONE]



Cara Nevealsole, vorrei rispondere alla tua domanda:
si, secondo me noi ci identifichiamo e siamo identificati in gran parte per le nostre idee. Ma spesso la risposta che riceviamo viene influenzata da altri fattori come stima, simpatia, sicche' il giudizio non riguarda soltanto l'esposizione di idee, che per altro sono spesso citazioni da fonti diverse e non nostre.
Direi pero' che nel tuo caso non faccio fatica ad identificarti con le tue idee.
hava is offline  
Vecchio 10-01-2008, 13.49.30   #14
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da hava
[CITAZIONE---Nevealsole---]

Restando in tema vorrei porre una domanda a tutti quelli che leggono, e ovviamente a te Arsenio, che sei molto preparato in questi "frangenti" ( )...:
Spesso in questo forum (mi riferisco a questo perché al momento partecipo a questo) ho letto che quando si mette in discussione ciò che qui si dice si mette in discussione l'idea e non la persona che la esprime... ora vorrei sapere se le nostre idee non sono "parte" di noi , ovvero se noi non siamo i pensieri che esprimiamo, e dunque se quando qualcuno giudica le nostre idee: non sta giudicando noi? Vorrei capire... perché a me non è chiara questa cosa... quel che comunico sono io oppure no? Io pensavo di si... e sinceramente ancora lo penso...[CITAZIONE]



Cara Nevealsole, vorrei rispondere alla tua domanda:
si, secondo me noi ci identifichiamo e siamo identificati in gran parte per le nostre idee. Ma spesso la risposta che riceviamo viene influenzata da altri fattori come stima, simpatia, sicche' il giudizio non riguarda soltanto l'esposizione di idee, che per altro sono spesso citazioni da fonti diverse e non nostre.
Direi pero' che nel tuo caso non faccio fatica ad identificarti con le tue idee.


chiedo scusa ma la risposta si riferisce alla domanda di Veraluce e non Nevealsole. Mi chiedo, perche' questa confusione?
hava is offline  
Vecchio 10-01-2008, 18.04.57   #15
daniele75
Ospite abituale
 
L'avatar di daniele75
 
Data registrazione: 12-10-2007
Messaggi: 127
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

comunichiamo tanto é con tutti canali che abbiamo a disposizione,la nostra comunicazione al 80% é inconscia,quindi io direi, quanto siamo in grado di comprendere il comunicare?......Si può alla fine dedurre che un comunicatore non si sà esprimere,ma in realtà il problema é sempre nostro,non capiamo,o capiamo quello possiamo capire....
In parole povere siamo tutti degli ottimi comunicatori,ognuno con il suo stile e originalità,ma non potrei dire altrettanto per chi ascolta,non esistono degli ottimi ascoltatori...il segreto é imparare ad ascoltare......
Quando si sà ascoltare con il cuore,si capisce chiunque.....
daniele75 is offline  
Vecchio 10-01-2008, 19.13.15   #16
veraluce
Ospite abituale
 
L'avatar di veraluce
 
Data registrazione: 16-08-2007
Messaggi: 603
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Da Hava:
chiedo scusa ma la risposta si riferisce alla domanda di Veraluce e non Nevealsole. Mi chiedo, perche' questa confusione?

Ciao Hava!
Non ti preoccupare, per me è una cosa bella...
nevealsole è molto carina...
quindi è come se mi avessi fatto un complimento indiretto ...
(per lei non so... )...
e devo dire che mi hai anche dato degli spunti per riflettere... circa la stima, la simpatia,etc... alcune volte trascuro quanto possano essere importanti certe cose... come magari possano influenzare la risposta... grazie quindi per gli input che mi hai dato (mi sta interessando molto la "comunicazione", per cui tutto mi aiuta a comprendere meglio).

Per Arsenio:

Molto bello tutto quello che hai scritto nel rispondermi ... la Teoria dei Cinque Grandi Fattori merita sicuramente un approfondimento da parte mia... vedrò di trovare qualche testo in proposito... perché mi hai proprio incuriosito!
E grazie per la costante gentilezza!

Buona serata a voi!
veraluce is offline  
Vecchio 11-01-2008, 09.25.02   #17
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da veraluce
Ciao Hava!
Non ti preoccupare, per me è una cosa bella...
nevealsole è molto carina...
quindi è come se mi avessi fatto un complimento indiretto ...
(per lei non so... )...
e devo dire che mi hai anche dato degli spunti per riflettere... circa la stima, la simpatia,etc... alcune volte trascuro quanto possano essere importanti certe cose... come magari possano influenzare la risposta... grazie quindi per gli input che mi hai dato (mi sta interessando molto la "comunicazione", per cui tutto mi aiuta a comprendere meglio).



Buongiorno!!!!

Grazie cara,
è un complimento anche per me.
Evidentemente comunichiamo noi stesse al forum in un modo simile (grande carica positiva ed entusiasmo + incavolature quando servono)
Anche i nick tutto sommato non sono distanti: la luce e la neve... un chiarore infinito

nevealsole is offline  
Vecchio 11-01-2008, 12.07.57   #18
hava
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-12-2005
Messaggi: 542
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da nevealsole
Buongiorno!!!!

Grazie cara,
è un complimento anche per me.
Evidentemente comunichiamo noi stesse al forum in un modo simile (grande carica positiva ed entusiasmo + incavolature quando servono)
Anche i nick tutto sommato non sono distanti: la luce e la neve... un chiarore infinito





Si, la confusione non si e' fatta per caso. Probabilmente intuisco in voi similarita' che per il momento non riesco a spiegare.
Secondo me nella comunicazione ci sono componenti intuitivi difficili da interpretare logicamente.
hava is offline  
Vecchio 11-01-2008, 12.46.42   #19
feng qi
Ospite abituale
 
L'avatar di feng qi
 
Data registrazione: 15-10-2005
Messaggi: 560
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
La teoria dei Cinque Grandi fattori .... Postula che le strutture caratteriali siano costituite da cinque dimensioni fondamentali: Estroversione, Amicalità o Gradevolezza, Cosciennziosità, Stabilità emotiva, Apertura mentale.

... L'”Amicalità” o Gradevolezza dipende anche da modelli educativi di cui si ha fruito durante l'infanzia.


Sull' educabilità di certe capacità durante tutto l'arco di vita sono ottimista. ..

Giova un autentico rapporto con se stessi e inoltre trovare persone con cui condividiamo interessi; credere nelle proprie potenzialità per arricchire l'archivio delle proprie conoscenze, al fine di non annoiarsi e annoiare, sebbene non si tratti tanto di possedere contenuti quanto di dimostrare capacità relazionali, intelligenza sociale,ecc.


carissimo! avrei quotato tutto...ma mi sono limitata solo a qualche spunto per me.
E' vero: la mia incapacità comunicativa, ovvero i miei limiti sono molto probabilmente legati a modelli educativi familiari. I miei comunicano perché sono entrambi nell'ambito dell'insegnamento, anzi erano, ma si è sempre trattato di una comunicazione falsa. Se tu parli e gli altri ascoltano, dove sta la comunicazione?

Inoltre soprattutto mia madre é molto aggressiva e si sente sempre messa in dubbio...per cui solo ora che io ho lasciato le armi e la lascio fluire, tirandole però un po' le orecchie quando eccede, riusciamo a comunicare meglio.

Inoltre anch'io mi sono imposta delle regole di comunicazione. Per scelta mi rifiuto di giudicare chi ho davanti, di temerlo, di rifiutarlo , anche se involontariamente un po' continuo a farlo. e penso, dopo le tue parole, di avere speranza di poter migliorare ancora e molto.

Tutto questo, sempre daccordo con te, avverrà pian piano mentre imparo chi sono e dove voglio essere e andare.

Piano piano.

E siccome non ho usato faccine possono metterne un po'



feng qi
feng qi is offline  
Vecchio 11-01-2008, 16.08.49   #20
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Riferimento: Quanto sappiamo comunicare?

Citazione:
Originalmente inviato da hava
Secondo me nella comunicazione ci sono componenti intuitivi difficili da interpretare logicamente.

Molto vero, Hava, molto vero.
Io faccio abbondante utilizzo dell'intuizione quando interagisco con qualcuno, però - proprio perché come dicevi tu in altro post, questa risorsa è un po' sottovalutata (o svalutata?) - alle volte ho il timore che le mie intuizioni siano semplicemente effetto di proiezioni, e cerco di aggiustare il tiro (oddio... non sarà di nuovo quel rompiscatole del super io?!?)
nevealsole is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it