Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 17-06-2003, 23.20.17   #41
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Mah....le fragole amare

Citazione:
Messaggio originale inviato da visir
Non è che lasci molto spazio al contradditorio...comunque contenta tu!

P.S. una curiosità: perchè riporti per intero i miei post? io mi ricordo ancora quello che scrivo!

Ho riportato per intero il post perchè ho risposto con poco tempo a disposizione e quindi ho cliccato si quote e non ho ripulito.
Per questo, anche, non ho riscritto le almeno dieci pagine per in cui ho spiegato, in discussioni su quell'argomento, il mio personale approccio alla psicoterapia. Ma questa non è una discussione sulla psicoterapia e tu, non io, hai tirato in ballo concetti come Io e inconscio. Vedi, in alto, su questo forum, c'è scritto "psicologia". In questa sede, secondo me, se si usa una terminologia "psi" credo sarebbe meglio usarla con cognizione di causa. Ma poichè per discutere questo argomento non mi sembra necessario usare termini di questo genere, ho semplicemente riportato la tua definizione di inconscio dicendo che, benchè non corrisponda esattamente con la mia, la prendo per buona. Se poi vuoi sapere cos'è per me l'inconscio ... mi devi dare tempo perchè non basta un post per spiegarlo.

Contraddittorio? E cosa dovrei confutare? il fatto che mi attribuisci cose che non ho detto? Questo si capisce semplicemente leggendo quello che ho scritto io e quello che hai scritto tu. Non è che tu hai ragione e io no. E' che quello che tu hai scritto proprio non c'entra niente con quello che ho detto io e quindi non vedo che cosa ci sia da discutere. Se per te discutere significa attribuire ad una persona opinioni che non ha mai espresso non vedo proprio il senso della discussione. L'unica cosa che avevo detto, nella mia risposta, è che tu parlavi di una cosa diversa da quella di cui parlavano gli altri. Ma questo non significa che non sono d'accordo con quello che dici, anzi ho già detto di esserlo più sopra. Trovo quello che hai scritto sull'ombra giusto ma fuori tema perchè in questa discussione la parola ombra era stata presa in una accezione diversa. Solo questo volevo dire e non capisco come da questo tu mi abbia attribuito un approccio psicanalitico che lascia l'uomo disperato (?????) Poi psicanalitico vuol dire tutto e niente. Psicanalitico come? Cosa vuol dire approccio psicanalitico per te? So qual'è il mio approccio alla psicanalisi ma non è che io viva di pane e psicanalisi. Per di più io non mi occupo di psicanalisi ma di psicologia del profondo. Non è che coincidano esattamente! Poi, mi attribuisci questo approccio perchè sai cosa sto studiando o perchè traspariva dal mio scritto? A ma pare proprio di non avere tirato in ballo nulla del genere. Per questo mi sono irritata. Perchè hai rigirato quello che ho scritto facendomi dire cose che non ho detto.

E' tutto chiaro adesso? Spero di sì.
ciao
Fragola is offline  
Vecchio 19-06-2003, 13.05.17   #42
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Accettare

Citazione:
Messaggio originale inviato da r.rubin
Ciao Fragola, ho letto con interesse la discussione su psicanalisi e psicoterapie....ma tornando qui:

Accettare.

Può essere estremamente arduo, perchè non riconoscere una parte di noi può essere un modo per difendere quanto di noi conosciamo.
La nostra più quotidiana vita, le nostre più quotidiane relazioni possono, forse, continuare a resistere così come le conosciamo, solo continuando a nascondere questo lato oscuro:

e lo nascondiamo a noi stessi per un'incompatibilità di fondo, un'inconciliabilità di due (o più) lati di uno stesso io, che trovandosi faccia a faccia non possono non cozzare l'uno con l'altro.

Uno alla luce del sole, con un'indirizzo
Uno nella profondità, con un'altro, certo più ricco e più nostro...

Una crisi, quanto meno.
Una crisi che, una volta superata, porta ad una sintonia a livello più alto, una migliore integrazione di noi con noi stessi e una maggiore consapevolezza.

Tutto di guadagnato per chi guarda alla vita con gli occhi di un bimbo curioso con voglia di crescere.


Questa crisi della nostra quotidianità...può essere grave.

Accettiamo pure la crisi...

Dovremmo per un periodo continuare a vivere la nostra + o - routinaria esistenza, in una condizione nella quale questa stessa rete di relazioni che ora ci appare familiare, cambia, si trasforma.

Tutto di guadagnato, certo, alla fine.

Per il "durante" occorre una buona forza.

Cioè...trasformarsi, percorrere un periodo di instabilità, continuando a percorrere il parrallelo percorso della quotidiana, stabile routine...
Essere nel caos, e al contempo dover essere nell'ordine e funzionare ordinatamente e ordinariamente...
il mio capo non mi darà mai le ferie per motivi esistenziali...

Mi sembra, questo "periodo", un periodo molto intenso...o forse non è così?

Tu che ne pensi?
Esagero?

Grazie ancora

Ciao R.Rubin. Scusa il ritardo con cui ti rispondo. Lascio in quota tutto quello che hai scritto perchè è vermente passato tanto tempo e non credo che sarebbe facile ricollegare la mia risposta alla tua domanda.
Sono d'accordo con quello che scrivi. Io credo che spesso i processi di crescita avanzino per crisi. Un po' come se avessimo biosgno dello stimolo del dolore per tirarci su le maniche e fare un altro passo.
Io credo che non tutte le vite siano uguali e che non tutte le persone sentano la necessità di complicarsi la vita lavorando su se stesse. C'è tanta gente che passa anni, decenni, tutta la vita nella stessa tranquilla routine e che sta bene.
Ci sono persone cui ogni tanto l'equilibrio si sconvolge.
Cosa fare poi di queste crisi è, secondo me, una scelta etica.
Si può andare dal medico e farsi dare una bella scatola di prozac oppure ... affrontare la crisi con i mezzi che la vita ci ha messo a disposizione. Che siano la psicoterapia, la meditazione, la preghiera, l'introspezione, il lavoro sul corpo, l'arte... personalmente mescolo insieme tutte queste cose.
Certo è che l'uscita da una crisi spesso ci porta ad un altro livello di consapevolezza.
Sono momenti molto intensi, dici bene. Spesso difficili e dolorosi.
Ed hai ancora ragione quando dici che mentre afftontiamo questo maremoto interiore dobbiamo contemporaneamente continuare a galleggiare sulla stabile routine quotidiana. In pratica non perdere il contatto con la realtà. Non che sia facile!
Insomma, sono d'accordo con quello che scrivi.
un abbraccio
Fragola is offline  
Vecchio 19-06-2003, 14.39.45   #43
visir
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 436
alla fragola

Ok.
visir is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it