Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 30-05-2003, 23.01.03   #1
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
L'Ombra

Il lato oscuro di noi stessi.
Abbiamo il coraggio di guardarlo in faccia e prenderne atto senza rimuoverlo con blande e ipocrite autosuggestioni?
irene is offline  
Vecchio 30-05-2003, 23.11.27   #2
ancient
Ospite abituale
 
L'avatar di ancient
 
Data registrazione: 10-01-2003
Messaggi: 758
Che intendi per "autosuggestioni", Irene? Mentire a se stessi?
ancient is offline  
Vecchio 30-05-2003, 23.33.27   #3
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Sì,Ancient...Mi riferisco esattamente a questo,alla (comune) incapacità di prendere atto dei propri impulsi negativi...e alla conseguente attitudine a difendersene,talora,proiettand oli sugli altri.
Goethe una volta disse che non esisteva un solo delitto di cui egli non sarebbe stato capace...
Anche facendo la tara,in questa frase,a quanto di provocatorio essa possa contenere,mi sembra meriti una riflessione da parte nostra...

Ultima modifica di irene : 30-05-2003 alle ore 23.51.24.
irene is offline  
Vecchio 30-05-2003, 23.33.48   #4
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
è bello, a volte fa piacere guardare questo strano lato.

Un lato non tanto sconosciuto, quanto volutamente ignorato. Un po' perverso ed un po' allucinato.
Compagno di tante serate di solitudine.

E voi che rapporto avete con il vostro lato oscuro?
Attilio is offline  
Vecchio 31-05-2003, 00.07.54   #5
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Che rapporto ho con il mio lato oscuro?
Cerco di guardarlo in faccia senza assoluzioni e senza condanne.Non è sempre facile,ma penso sia la maniera migliore per convivere con esso.
E inoltre va tenuto conto che ,almeno secondo me,non esiste creatività che possa dirsi disgiunta dall'emersione di qualche lato oscuro.La luce,la luce che ogni creazione reca impressa in sè stessa (e parlo della poesiola del 15 enne in crisi,come della Cappella Sistina)è tanto più abbagliante quanto più ampia è la zona d'ombra che essa sa portare allo scoperto...
irene is offline  
Vecchio 31-05-2003, 00.50.39   #6
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Letti così mi sembrano dei paragoni un po' arditi, non che non possano essere reali ma non sempre credo sia così.

Ad ogni modo questo lato oscuro, talmente piacevole e paradossalmente riposante a volte, non lo vado a cercare sempre per ottenere strane ispirazioni o cercare una creatività che non ho.
Solamente, quando me lo trovo davanti, lo riconosco come parte integrante di me. E ne traggo un conseguente piacere, derivante dalla consapevolezza che in me c'è ben altro di quello che viene manifestato.

Ciao ombre!
Attilio is offline  
Vecchio 31-05-2003, 05.42.34   #7
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Cara Irene, c'è anche chi ama profondamente il suo lato oscuro che, secondo me, non rappresenta unicamente l'aspetto negativo...e poi, negativo rispetto a cosa? ...Preferisco attribuire al termine in oggetto questo signifificato, ciò che è nascosto, ogni aspetto che si cela dietro a quanto, noi, vogliamo lasciar trasparire. Questo non implica sempre un aspetto negativo...a meno che tu, per negativo, intenda.... "in negativo", "ciò che non appare sotto la luce"... ma non tutto ciò che sta oltre la luce è male....
deirdre is offline  
Vecchio 31-05-2003, 15.23.10   #8
irene
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-11-2002
Messaggi: 474
Cara Deirdre,
sì,in effetti è necessario intendersi su cosa significhi per ciascuno di noi il "lato oscuro".
Io lo interpreto come tutto ciò che possa farsi ricondurre al predominio dell'istintualità,e anche dell'istintività,sul raziocinio.
Quindi,tutto l'ampio spettro dei modi di essere non attraversati dalla "solarità".
In un'ideale "progressione" che va dallo spleen...alle sensazioni più torve,allucinate e autodistruttive...agli impulsi "negativi" come la rabbia,l'odio,la volontà di fare e di farsi del male...
Lato oscuro,quindi,da intendersi come il nostro lato "demoniaco".Non privo di un suo sinistro fascino,che sembra recare in sè stesso quell'eco ancestrale da cui la nostra quotidiana "razionalità" si ingegna costantemente a prendere le distanze...
irene is offline  
Vecchio 31-05-2003, 15.37.48   #9
osho
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
Magari se tutti accettassimo il nostro lato oscuro impazzirebbe meno gente. Invece la parte più selvaggia sembra essere evitata
con vergogna. Forse perchè ci ricorda che siamo animali.
E' la parte oscura in un contesto etico-morale, che il nostro
super-io cerca di tenere a freno, ma essendo più forte in modo
sproporzionato sfocia sotto molteplici forme deviate.
osho is offline  
Vecchio 31-05-2003, 19.29.54   #10
ellysa
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 24-05-2003
Messaggi: 2
I nostri lati oscuri, o chiamiamoli quelli più nascosti, a volte ci fanno paura perchè se li esponiamo cambierebbe l'opinione che la gente ha di noi... e non è così facile liberarsene !
Io penso sia importante prenderne coscienza, e poi imparare a dosare questi nostri aspetti e magari conoscendoli meglio possono anche piacerci. ellysa
ellysa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it