Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 23-10-2003, 21.01.42   #31
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Scusate ma vorrei aggiungere qualcosa: credo di aver scoperto qualche legge che governa le passioni e io riesco a governarla e dunque utilizzarla armonicamente con l'altro sesso. Quindi può benissimo funzionare per chiunque sia; del mio sesso che di quell'altro.

Una legge: nulla di meno e nulla di più.

Nel mio caso il problema è che in altri campi della vita: ad esempio la passione per lo Spirito o ciò che presumo tale non è per me governabile.

Quale è poi la chiave per farla funzionare non l'ho ancora scoperto........
freedom is offline  
Vecchio 23-10-2003, 23.53.10   #32
tammy
Nuovo iscritto
 
L'avatar di tammy
 
Data registrazione: 03-04-2002
Messaggi: 1,287
mha!

tammy is offline  
Vecchio 24-10-2003, 09.28.10   #33
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Caro freedom

non è detto che se so guidare una Panda sia in grado di farlo con una Ferrari!

La capacità di guida, il controllo non è cosa semplice.
Vi è un controllo che nasce dalla repressione ed equivale a guidare l'auto con l'istruttore accanto.
Vi è il controllo che nasce dalla consapevolezza ed allora equivale ad una guida attraverso la conoscenza completa del mezzo e di ogni sua parte.

Uno che guida sapendo solo cosa sia volante, frizione, freno ed accelleratore non si può dire che abbia il vero controllo dell'auto.

Ciao
mary
Mary is offline  
Vecchio 24-10-2003, 10.45.52   #34
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Verissimo Mary: è come quando ti riesce qualcosa, qualunque cosa e non ti accorgi perchè.......tuttavia questo fatto mi ha mostrato come tutte le pene d'amore siano assolutamente immaginarie. O quantomeno come ogni sofferenza amorosa non dipende dall'oggetto del tuo/mio "amore" ma dal nostro atteggiamento.

La verità è, a mio avviso, che ognuno vuole vivere quelle fortissime emozioni che caratterizzano la maggior parte delle relazioni amorose. Non è assolutamente questione di sesso ma di emozioni. Magari anche di sentimenti ma tantè. E dunque il risultato è di divenirne schiavi. Ma quando ti accorgi che nulla è autenticamente altruista nella relazione ma trattasi solo di scambi più o meno equilibrati allora sorridi e vuoi un gran bene a te stesso e alla tua innamorata.........poveri diavoli ciechi e sordi in ricerca disperata di emozioni............

Io provo un'autentica e profonda tenerezza verso me stesso e verso gli altri. Non cerchiamo altro che stare bene e perlopiù stiamo male. Se non fosse tragico sarebbe comico............
freedom is offline  
Vecchio 24-10-2003, 10.53.15   #35
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
...infatti...siamo solo noi che ci illudiamo o crediamo che un'altra persona possa essere come vogliamo...quando lo capiamo...tutto sarà più facile e forse saremo anche un po' felici...
Non è comico, è la natura umana!
Lo sto imparando a mie spese, ed è anche bello, perchè credo più in me stessa e non cadrò più nella trappola amorosa di assoggettarmi a un'altra persona, come lui...io sono... come sono!
Ciao
Vi@nne is offline  
Vecchio 24-10-2003, 13.22.46   #36
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Ciao freedom…… due piccole riflessioni su quanto esprimi…..

allora sorridi e vuoi un gran bene a te stesso e alla tua innamorata.........poveri diavoli ciechi e sordi in ricerca disperata di emozioni............

Trovo molto bello il fatto di essere coscienti che, in quanto di esseri umani, siamo in cerca “disperata di emozioni”. D’altro canto cos’altro c’è in noi oltre quelle emozioni? Le emozioni sono il fluire della vita, sono il nostro legame con essa.

Non cerchiamo altro che stare bene e perlopiù stiamo male. Se non fosse tragico sarebbe comico............

Quello "stare bene" che tutti cerchiamo è diventato, nel corso della storia, uno stato ideale e cristallizzato che, inevitabilmente, si scontra con la natura e la vita. Credo proprio che, se non ci avessero promesso “inesistenti paradisi futuri” oggi staremmo bene su questa terra e saremmo in pace con noi, con gli altri e con le nostre emozioni.
VanLag is offline  
Vecchio 24-10-2003, 15.49.36   #37
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Carissimo freedom

è proprio vero.
Le forti emozioni sono come luce accecante nel buio della notte. Cerchiamo disperatamente di far luce nell'oscurità e cerchiamo potenti lampade, ma con il risultato di non vedere neppure l'oscurità in cui siamo immersi.

Le emozioni troppo intense possono portare alla dipendenza come una qualsiasi droga. Sono necessarie alla nostra vita, senza emozioni saremmo morti. Ma la capacità di saperle gestire e vivere senza divenirne dipendenti fa la differenza.

Mio marito, l'altro ieri, ha raccolto una rosa in campagna e l'ha messa in un bicchiere sul tavolo. Quando sono tornata dal lavoro l'ho vista lì, bellissima. Era di un rosa acceso. Una vera rosa appena sbocciata, insolito di questi tempi. L'ho guardata ed il mio cuore batteva. Batteva per la sua bellezza, per la sua luce, per il suo splendore. Non amo i fiori recisi, ma sono capace di goderne la loro presenza quando ci sono. Anche questo è sentirsi vivi e parte del creato.
Basta poco, come un bicchiere d'acqua nel deserto.
Che te ne fai di una cisterna piena se ci affoghi dentro?!

A proposito della rosa, oggi l'ho vista tutta aperta, direbbero che è sfiorita, l'ho guardata era ancora molto bella nel suo declino, una bellezza nuova, diversa ma sempre importante a vedersi e godersi.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 25-10-2003, 16.21.02   #38
freedom
Moderatore
 
L'avatar di freedom
 
Data registrazione: 16-10-2003
Messaggi: 1,503
Ecco Mary quando guardavi quella rosa eri come un'iniziata......

....il mio nick tradisce ciò che per me conta più al mondo........e dunque l'emozione o la ricerca che più di ogni altra cosa potrebbero rendermi schiavo.........

........e guarda caso è pure il mio maggiore motivo di sofferenza.........neanche vivessi in un carcere........

Il più grande dono che può ricevere un essere umano è la capacità di rassegnarsi..........

...scusate ho scritto im modo libero..forse incoerente...
freedom is offline  
Vecchio 25-10-2003, 17.25.13   #39
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Carissimo freedom

non la rassegnazione ma l'accettazione. Sono termini molto diversi. La rassegnazione è sottomissione a qualcosa che non possiamo dominare, controllare, risolvere. Ci si rassegna ad una malattia, ad un governo, ad un modo di essere, ad un matrimonio fallito. Ci si può rassegnare a qualsiasi cosa, ma accettare è cosa ben diversa. Accettazione è vedere la realtà per quella che è, ed avere la possibilità di modificarla.

Mio marito non era quel che credevo fosse, non mi sono rassegnata ad un matrimonio infelice. Ho invece accettato la sua realtà, ed anche la mia. L'ho accettato così come è, ma vedendo lui ho fermato la parte di me che voleva costruire un mondo assurdo e ingiusto.

Accettare di vedere se stessi permette di apprendere da se stessi. Combattere contro se stessi è un lavoro pericoloso e inutile. Per liberarci dalla schiavitù è necessario divenire consapevoli di quel che realmente siamo. Delle vere motivazioni che ci portano ad essere fatti in un certo modo.

La libertà quella vera, quella che è dentro di noi possiamo ottenerla solo con pazienza, attenzione e conoscenza.

Mai arrendersi, ma sapere sempre che tutto quello che è non è per caso. Tutto ha un senso, dobbiamo solo trovarlo.

La sofferenza non viene dal mondo esterno, nasce e cresce dentro di noi. Siamo noi ad alimentarla.
Volerla eliminare completamente non avrebbe senso, non è possibile, occorre imparare a conoscere e riconoscere il suo dosaggio.

Un pizzico di sale sull'insalata ne esalta il sapore, mezzo chilo la rende buona per la spazzatura.

Ciao
Mary
Mary is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it