Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 03-11-2003, 12.46.15   #1
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Il primo che dice che la sfiga non esiste, giuro..lo picchio a sangue!

Ora, ditemi che la sfiga non esiste e giuro, ripeto, giuro che vi meno tutti. Posso tranquillamente assicurare che, data sfiga, si è letteralmente impossessata di me.

Bene, venerdì pomeriggio, verso le 17.30, come ogni venerdì e dato che ho una famiglia e tal famiglia necessita di cibo per poter vivere, vado all'Esselunga a fare la spesa. Il tempo è da pazzi, acqua a catinelle. Arrivo con Hod al Super e... mi accorgo di non avere la moneta per il carrello, non solo, entrambi ci eravamo dimenticati di prelevare, quindi, io convinta che i soldi li avesse lui, lui convinto che la capitalista fossi io... ci dirigiamo un po' incazzosi verso il bancomat interno al supermercato. Nell'angolo più remoto di quell'enorme locale, la "macchinetta" mi osservava con fare sospetto, m'avvicino ed una scritta rossa annuncia "Prelievo fuori servizio, vuole procedere con altre operazioni?"..e certo, come no, la prossima operazione è prenderti a scarpate. Morire se ogni tanto funzionassero sti caspita di "cosi" sputasoldi. Hod mi dice "Che si fa?"..."Bella domanda, non hai davvero moneta?" "No, ho solo 70 centesimi"... io zero assoluto. Notare che per il carrello, una volta bastavano L. 500, oggi, dato che siamo divenuti tutti capitalisti, servono 2 Euro (alla faccia... dato che la scorsa settimana mi hanno ciucciato via carrello e spesa all'interno dello stesso supermercato, fatto fare annuncio, nessuno..preso altro carrello, rifatto tutto da capo... verso la fine del giro..tò..appare il mio carrello, debitamente spostato 5/6 corsie più avanti di dove l'avevo lasciato. Quando ho sbirciato in lungo ed in largo il super, sembrava dissolto nel nulla). Ma torniamo a questo venerdì.

Il bancomat è Ko, io, nel frattempo comincio a tremare ed il viso mi dona un colore paonazzo che va “ad ok” con il maglione nero che indosso. Essendo di Milano, posso apparire una fanatica Milanista, peccato, invece, sia una dei tanti poveracci interisti che sono costretti, immancabilmente ogni anno ad assistere al suicidio della squadra.

Avevo sentore che la febbre si stesse impossessando di me, ma data l'incazzatura..ed il tempo perso.. non davo peso a quest'aspetto.

Torniamo al super... Io e Hod chiediamo in cassa centrale se esiste nei dintorni un altro sportello, la cassiera, perplessa risponde "Non credo, provate qui di fianco al Decathlon o a Castorama." "mmm.. Decathlon e Castorama? non mi pare che questi grandi stores abbiano bancomat o simili"... in ogni caso, tentare non nuoce, oddio... pioveva che dio la mandava..ma... ci toccava.

Entriamo da Decathlon..nulla. idem Castorama. "Che cosa facciamo?" Chiedo sconsolata a mio marito? "Più avanti c'è un'altra Esselunga, sai quella nuova?" "Ok, andiamo"...

Torniamo all'interno del super, stiamo per prendere la rampa mobile che conduce nei sotterranei dove abbiamo parcheggiato la macchina quando... una coda di persone con carrello ci attende nervosa. La rampa discendente è bloccata per motivi di sicuerezza.

Domanda..."Esistono scale?"... "Naaaa, sia mai detto, e se ci fossero, sappiate che io non le ho trovate".... poco dopo, un bel giovanotto con giacca Esselunga, rimette in funzione la rampa... e..finalmente arriviamo nei sotterranei dove, come sempre, nessuno dei due ricorda dove mai possa essere parcheggiata la macchina. Diversi giri in lungo ed in largo....e... eccola.

Partiamo alla volta dell'altro store, l'acqua non cede, il traffico è bestiale di venerdì sera sulla Vigevanese... semafori rossi, macchine che strombazzano a rimbambiti che devono assolutamente arrivare primi a casa e tentano il tutto per tutto pur di superare.

Giunti, finalmente, a destinazione... scendiamo nei nuovi sotterranei per parcheggiare. Non mi pare vero, nel frattempo chiamo mia madre che sta tenendo mio figlio mentre io, in teoria, dovrei essere immersa tra scatolette di tonno, pasta, pelati, bistecche sanguinanti e polveri. "Mamma, arriviamo tardi, volevo avvisarti" "Va bene, vi aspetto" dall'altro capo del telefono.

Cerchiamo la rampa che conduce all'interno e... stupore.hahahah la rampa, anche in questo caso è fuori servizio, una lunga fila di carrelli è parcheggiata nel mezzo della salita. La guardia ci invita a prendere gli ascensori. Giustamente, detti lifts stanno sul lato opposto dello scantinato...

Con noi, circa una quindicina di persone con carrelli vuoti.

Ecco gli ascensori, folla, carrelli, acqua ovunque... riusciamo a salire adottando lo stile matrioska per i carrelli. All'interno, ricerca del bancomat. Dove sarà? Dove meno te l'aspetti..di fronte ai bagni.

Finalmente riesco a prelevare, vado in cassa centrale e chiedo se mi cambiano il pezzo in carta con la moneta. Evviva!!!!! Ho i due euro..quanto sono felice!!!!! Ora manca il carrello, ma manca proprio dato che nel magazzino non vi ne è neppure l’ombra.

Che si fa? Guardiamo fuori dall’entrata ma, ovviamente, non troviamo null’altro che acqua e macchine. Ok, si torna nei sotterranei. Finalmente, riesco a prendere l’amato e desiderato carrello ma…la rampa è sempre bloccata, indi per cui la quale, ascensore…arrivo! J

Riesco a fare la spesa, di corsa... e dimenticando, come sempre, alcune cose...

Nel frattempo, la febbre stava salendo, dolori alle gambe che non mi reggevano più, viso paonazzo e tremolio continuo.

Bene..sono arrivata a casa alle 21.00 circa. Roba da pazzi! E c'è chi dice che la sfiga non esiste... poi, oggi, la pentola in testa....
deirdre is offline  
Vecchio 03-11-2003, 13.52.40   #2
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
..... scioccante.....
Attilio is offline  
Vecchio 03-11-2003, 13.55.50   #3
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
ma tutto vero..ora ci rido..ma hai idea di come stessi venerdì?
deirdre is offline  
Vecchio 03-11-2003, 14.35.34   #4
Sngniaus
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2003
Messaggi: 49
La sfiga non esiste!!!

Suvvia deirdre, che eri una donna seria lo sapevo (che eri milanese no! argghhh!).
La sfiga non esiste.
O meglio, i momenti di sfiga o di fortuna ce li creiamo noi stessi.
Siamo noi stessi i fautori del nostro destino (e ne sono convinta).

Il che significa che: anche in un momento di sfiga basta ritrovare un pò di ottimismo che ci spinge a trovare soluzione ed ecco che una lucetta di fortuna inizia a brillare verso di noi

Per il carrello della spesa, non so se l'hai notato ma, nonostante sia cambiata la moneta in corso, guarda caso, la grandezza di taluni spicci è la medesima, tant'è vero che anche se il carrello richiede 2 euro tu puoi comunque utilizzare le 500 lire. Tanto devi solo prendere un carrello.
Io nel portafoglio tengo le 500 lire che mi sono conservata a tale proposito

Appena ho un pò di tempo ti inoltro una faccenda da non sottovalutare riguardo ai carrelli dei supermercati.


Accidenti però quanto scrivi


Su con più ottimismo deirdre

Ultima modifica di Sngniaus : 03-11-2003 alle ore 14.38.52.
Sngniaus is offline  
Vecchio 03-11-2003, 20.48.03   #5
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Dici? forse non hai torto, di fatto, quando accadono queste giornate...pare che tutto, ma proprio tutto vada storto..(a proposito, questa notte mi si è impallato il pc...ho dovuto reinstallare windows..sarà un caso? )...
Attendo notizie in merito al caarrello..
Confesso..nel carrello che mi hanno "ciucciato" il sabato precedente..avevo inserito il mio ultimo 500 L.
Ora che mi dici?
deirdre is offline  
Vecchio 04-11-2003, 05.00.13   #6
ObyWan
Tamagochi
 
L'avatar di ObyWan
 
Data registrazione: 30-03-2002
Messaggi: 151
La fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo!

E te lo dice uno che inizia la giornata così:

Sveglia, colpo della strega, biscotti terminati. Vabbè ... è lunedì mattina e devo solo prepararmi per andare a fare lezione.

Infilo le scarpe, e ... TRack! si rompe la stringa sinistra. Vabbè ... Può capitare. TRack! si rompe anche quella destra! Penso, giustamente, che se una è logora a tal punto da rompersi, probabilmente anche l'altra lo è allo stesso modo.

Autobus, senza biglietto per una volta su 10.000, becco il controllore, naturalmente spietato. Comincio a perdere il buonumore ...

Arrivo in aula, faccio la mia lezione, la n. 4 di 6, e mi sento dire una cosa così: Immagina di star facendo un corso di chimica e, arrivato a trattare i polimeri, sentirti chiedere: "Si, tutto chiaro, ma cos'è un elettrone?" ... Quando riescono a togliermelo dalle mani, penso: Vabbè, dopotutto è lunedì ...

Finisco la giornata ed esco, dimentico del fatto che c'è sciopero dei mezzi pubblici. Per chi conosce Torino: da Piazza Vittorio a Piazza Massaua, a scarpe, ce n'è parecchia di strada ...

Arrivo a casa con la sensazione incessante di avere lasciato aperto il gas, e mi ricordo, aprendo il frigo e contemplando la desolazione artica, che forse avrei dovuto comprare qualcosa per cena...

Vabbè, è lunedì... Considera anche che il lunedì è il mio giorno fortunato, e che quello che ti ho raccontato è ancora uno dei migliori ...

Le situazioni "Sfigate", lo sono meno se le trasformi in divertenti storielle. Se non fossi autoironico quando accadono, passerei il mio tempo ad incazzarmi come una bestia.

Mi è già capitato (sempre di Lunedì) di arrivare ad Ancona centrando nell'ordine: 1) Ostensione della Sindone 2) Casino della partita Juve-Milan 3) Uscita della folla a Imola per il GP 4) Temporale pauroso.

Arrivo tutto trullo, sfigurato dalla fatica ma con un sorriso (autoironico) stampato sulla faccia e presento la lettera d'incarico al tizio preposto, che mi guarda, fa un sorriso (non autoironico) e mi dice con garbato disappunto (Quasi come quello della suocera che passa il dito sulla credenza della nuora trovandoselo immacolato) che il giorno è giusto, ma che il mese è sbagliato. Il mio sorriso autoironico diventa una paresi da ictus bilaterale, saluto sbiascicando qualche monosillabo disarticolato, risalgo in macchina e, dopo aver messo su un CD di bestemmie in serbo-croato, ritorno a casa sotto un diluvio galattico.

Come già ho detto, era un lunedì.

A parte tutto, credo che l'importante, sempre, sia non perdere il buonumore e la voglia di trasformare un'apparente tragedia in una comica da raccontare agli amici, bevendo un buon qualcosa, qualsiasi cosa sia.

Ciao!
ObyWan is offline  
Vecchio 04-11-2003, 06.18.58   #7
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Oby, mi hai fatto sentire bene ..nel senso che, ho la consolazione di non essere la sola...
In ogni caso, non hai torto, ciò che mi domando è... perché accadano tutte contemporaneamente, magari è solo una mia fissa ma, di fatto, ho dovuto constatare che.... quando comincia in quel modo dal mattino..poi...per tutto il giorno, posso stare certa che qualsivoglia azione io compia..porterà ad una sorta di incasinamento.
Io ci rido e, tutto sommato, mi sono divertita a scrivere quel papirone....

ciao e
Buon Martedì
deirdre is offline  
Vecchio 04-11-2003, 16.22.18   #8
moni
Ospite abituale
 
Data registrazione: 03-11-2003
Messaggi: 78
Spesse volte ci ritroviamo protagonisti di episodi assurdi, sfigatissimi e per di più fuori dalla nostra portata...talmente fuori che ci ritroviamo a sbraitare, a urlare a fare casini e macelli, il più delle volte dentro di noi..perchè se li facessimo veramente...azzz
"ce vengono a pija e riaprono i manicomi apposta per noi co ttanto de stanzetta privata ma senza tv...perchè potrebbe esse pericoloso!!"
Eppure... se tali episodi.. poi li raccontiamo, o come hanno fatto Deird e Capitan uncino..ehm...no forse non si chiama così petta, che rileggo..a si dicesi tale "tama...etc"... come hanno fatto dicevo loro, li hanno scritti...diventano quasi racconti irreali da farti scompisciare dalle risate e rendono simpaticamente soave una giornata che di per se non aveva nulla di eccitante!!

Ok io sono una positiva di natura e a volte sono io a pijare pure i pesci in faccia... da casinista che sono, però... miiiiiiiiii ma quanto bello è ogni tanto ridere per ciò che ci succede?.. e come un minuto prima ti sentivi il re degli sfigati, un secondo dopo ti rendi conto di essere la regina... dei folletti... e risata più risata... diventa... un coro di risate... con le varie tonalità e pure le voci fuori campo... per non parlare dei contralti, dei tenori... e gli amati bassi.. ok ok pure gli alti... che danno vigore e tono alla risata in sè!!

Ps. per Deir...la prox volta che vai all'esselunga e vedi materiale da esposizione che si muove per conto proprio, come se fosse "vivo" nun te preoccupa'... sotto ce sto io...perchè non solo non uso carrelli.. ma parto sempre con l'idea de nun compra' nulla.. e poi me ritrovo piena de roba... che nun me serve...e pure senza moneta!!...Azzzzzz all'euro!!



baciabbracci!!
moni is offline  
Vecchio 04-11-2003, 17.36.04   #9
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Per queste piccole sfighe è proprio il caso di conservare il buon umore, dopo le dovute imprecazione. Fossero soltanto quelli i problemi! Per esempio a me capita brutto tempo ogni volta (e sono poche) che devo andare da qualche parte, che so un giretto a visitare una città, un bagnetto alle terme.. insomma quei tre giorni all'anno in cui faccio qualcosa stai sicuro che piove o fa brutto. Per lo meno due giorni su tre sì. Pensiamo perche il più delle volte non si tratta di sfiga personale, ovvero incanalata tutta apposta per noi. Le stesse persone che volevano vedere Roma sotto un bel sole, si sono beccate l'acqua insieme a me, così come gli stessi che hanno avuto il problema del carrello, dell'affollamento, del traffico, dell'ascensore, erano parecchi. Io penso si possa parlare di sfiga (ma più che altro per modo di dire) quando una catena di eventi infausti si abbattono soltanto su di noi in un determinato momento. Anche se non ci credo particolarmente, non mi piacciono quelli che menano caia facendoti previsioni grigie su qualcosa che stai per fare, tipo appunto un viaggio, un colloquio di lavoro, ecc.
Naima is offline  
Vecchio 04-11-2003, 18.11.27   #10
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Noto che non solo a me succedono tutte quelle piccole cose spiacevoli a non finire mai. Mal comune mezzo gaudio!
Io sto già facendo come un personaggio dei cartoni animati (non ricordo più quale ma ricordo la sua risata) Il fatto è che sto attraversando un periodaccio in cui non mi va nessuna bene e non è di una giornata ma ha iniziato nel mese di settembre e vedo che ancora non finisce. Può darsi che queste cose devono succedere per considerare la normalità un miracolo. Ma sono stanca e vorrei dire la nota frase: “Fermate il mondo! Voglio scendere!”


Moni, ben “atterrata” nel forum! È un piacere leggerti.
edali is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it