Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 04-01-2004, 20.50.22   #21
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
"entrante"
S'intromette nel mio lavoro senza che lo debba fare!
Non fare preferenze...cosa intendi?
Se parli di utenza...certo che no...se parli di colleghe...le simpatie ci sono eccome, nel senso che si trovano, sul posto di lavoro, persone che sono simili a noi e ci andiamo più d'accordo.
Lei si è riferita all'utenza maschile...per cattiveria e invidia...mentre era presente la nostra responsabile.
Il discorso non è ancora chiuso, non mi piace che mi butti addosso cose non vere, questo non lo sopporto proprio.
Qui si parla di etica sul lavoro, e questo non glielo concedo assolutamente.
Non posso raccontare alcuni fatti, ma credimi, si è intromessa nella mia vita privata, rapportandola al lavoro, per questo dico che è cattiva...a cosa le serve?
Vi@nne is offline  
Vecchio 04-01-2004, 20.59.48   #22
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
cara Vi@nne, ma come fai a fare il tuo dolce al cioccolato per lei?!

penso tu abbia già provato tutte le strategie per risolvere il problema, l'unica possibilità logica penso sia ignorarla il più possibile, difendendosi quando è necessario, fregandosene di lei più che si può, usando l'ironia e l'indifferenza quando non puoi evitarla, e soprattutto non mostrare quanto male ti fa.

forse sono un po' drastica, ma dò per scontato che tu abbia già fatto tutti i tentativi possibili: a volte l'indifferenza è l'unica difesa, anche se non è bello da dire.

dana is offline  
Vecchio 04-01-2004, 21.08.19   #23
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
Cara Dana, ci devo lavorare insieme, il nostro è un lavoro di gruppo, ci dobbiamo informare l'una con l'altra, sempre.
Vedila così...il mio lavoro mi piace molto, lei attacca spesso, quando le faccio una cosa gradita, sta quieta per qualche giorno, non so fare altro...
Vi@nne is offline  
Vecchio 04-01-2004, 22.02.39   #24
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Non posso raccontare alcuni fatti, ma credimi, si è intromessa nella mia vita privata, rapportandola al lavoro, per questo dico che è cattiva...a cosa le serve?

pensavo proprio a una cosa del genere...da quello che hai scritto ho notato una certa confusione tra vita privata e vita lavorativa: dove tu tendi giustamente a lasciare la prima al suo posto e la seconda pure, lei mescola le carte portando la prima nella seconda e di conseguenza tu non riesci a non portare la seconda nella prima.

non lo so...anch'io quotidianamente mi accorgo che è più facile vedere i problemi e capirli (anche se non è una cosa poi così scontata) che risolverli al meglio, specialmente con gli altri.

Se tu le porti una torta al cioccolato sta tranquilla per un pò, se tu la farcisci con un pò di arsenico....sta tranquilla per sempre (risata malefica)


Ti dirò che ho avuto anch'io un'esperienza simile (come molti altri) sul posto di lavoro: anche lì si lavorava in equipe, e anche lì c'era la solita frustratella invidiosa maligna che parlava alle spalle mettendo in circolo voci maligne: voleva essere assolutamente l'apice della gerarchia...di fatto e sotto sotto...perchè formalmente non lo era.
E con questa non c'era neppure modo di rendere giustamente conto delle proprie attività ai coordinatori, perchè se ne stava sempre lì, ad ogni minuto libero, a sparlottare con loro raccontandogli quello che voleva....mah....l'arsenico... .avrei dovuto anch'io al tempo....
r.rubin is offline  
Vecchio 06-01-2004, 20.38.05   #25
gabbiano azzurro
Ospite
 
Data registrazione: 01-12-2003
Messaggi: 12
L'invindia altrui

Anch'io appartengo a quel gruppo di persone che non ha provato mai questo sentimento.Ma l'ho sperimentato come oggetto dell'altrui INVIDIA.
Non sempre l'ho riconosciuto in tempo e qualche volta ll'ho subito e pagato caro.
Ho , poi riflettutto su come interagire con chi prova per me invidia.
La mia esperienza sugerisce tre risposte simultanee:
L'autenticità e trasparenza.La mia mi porta verso una sorta di compassione , che passa , però dalla mia assertività.
Questa risponde con ironia , là dove trovo intelligenza e un terreno fertile per interagire in una relazione rinnovata e solidale...
Oppure con grinta e sana aggressività là dove si esprime con cattiveria e irrecuperabile solidarietà.
Nel tuo caso .La collega invidia la tua essenza.
Poco spazio alla solidarietà....inutile con chi vorrebbe essere come te!
Ampio spazio all'ironia e all'indifferenza gelida.O gli rilanci la palla..o ...la lasci morire d'invidia ..
NON TI CURAR DI LORO ...Ma GUARDA E PASSA...
Attenta però, sul lavoro possono creare problemi ...Da non sottovalutare...Ne so qualcosa
ciao Gabbiano Azzurro
gabbiano azzurro is offline  
Vecchio 06-01-2004, 22.55.00   #26
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
Lo so gabbiano azzurro...sigh!
Vi@nne is offline  
Vecchio 07-01-2004, 15.27.32   #27
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Cara Vi@nne anche io ho la tua stessa esperienza (due colleghe al posto di una, ma per fortuna una si è licenziata quest'anno facendomi un gran regalo) e ho notato che l'unico modo per "tranquillizzare" un invidioso è mostrarsi in qualche modo inferiore a lui. Tu sai benissimo il tuo valore e sai che se sei invidiata è perchè l'invidioso ti sente in qualche modo superiore, anche se non è vero. C'è qualcosa di te che ti invidia. Può essere il modo di fare appunto, tu sei aperta, comunicativa, gli uomini parlano volentieri con te. Lei magari è bella e non ha lo stesso successo. Comincia a criticarti per convincersi anche lei che vali poco. Ma tu continui ad avere successo e lei a rodersi sempre di più. Ti farà pesare tutto quello che può, se ci sono punti forti a suo favore cercerà di sfruttarli al massimo per svilirti quando sbagli, facendoti pesare le tue debolezze. Almeno per me è stato così e ho notato che più mi mostravo sicura più ero criticata. Quando mi mostravo incerta e con dei problemi, sia sul lavoro che nella vita privata, cambiavano atteggiamento, erano più cordiali e collaborative. Non mi invidiavano più! Ovviamente non potevo stravolgere il mio modo di essere e ho semplicemente ridotto al minimo essenziale i rapporti, mantenendoli in un contesto di cortesia ed educazione, ponendomi più come collaboratrice professionale che come amicona, ogni tanto facendo qualche piccola eccezione. Ma mai e poi mai sprecherei la mia superba torta al cioccolato fondente per loro. Almeno la tua collega ti dà soddisfazione, le mie sì e no che l'assaggiassero. Non so se abbiano mai interferito, ma l'anno scorso il mio capo mi aveva promesso senza che io glielo chiedessi un aumento che non è mai arrivato. Mi aveva detto di sua spontanea iniziativa che andavo bene e mi meritavo un aumento, ma poi non l'ha mai messo in pratica.... chissà perchè.... fatto sta che me l'ha promesso anche quest'anno, vediamo cosa succede. Notare che una delle colleghe in questione è dell'amministrazione e si occupa anche delle paghe.... mah! Io non ho consigli sicuri, bisognerebbe diventare false per farsi amiche certe persone e non credo che sia questo ciò che desideri. Comunque se ti invidia ti teme questo è certo.
Naima is offline  
Vecchio 07-01-2004, 17.24.18   #28
Vi@nne
Ospite abituale
 
L'avatar di Vi@nne
 
Data registrazione: 14-09-2003
Messaggi: 299
Cara Naima, come hai descritto bene "l'invidia". Ma come si fa a provarne un po'? Almeno capirei il suo atteggiamento!
I primi tempi che lavoravo con lei, me ne ha dette di tutti i colori se sbagliavo al pc! Era un programma nuovo per me, mi arrabattavo senza avere il suo aiuto.
Chissà perchè se arriva qualcuno nuovo al lavoro, gli spiego tutto quello che so! E' lavoro, mica un affare privato! Infatti i novizi sono tutti miei, perchè non faccio dispetti!
Chissà quale è il modo giusto di essere!
Io, il mio non lo cambio! Mi vogliono bene perchè sono disponibile e instauro un rapporto umano, come faccio anche dal fruttivendolo...forse essere str...e... paga di più...o no?
Vi@nne is offline  
Vecchio 07-01-2004, 18.01.37   #29
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Io l'ho provata l'invidia, pur non facendone un dramma, nel senso che non mi ha incattivita... semplicemente ho desiderato avere cose che avevano degli altri, ma la cosa si è risolta con un sospiro e un "evabbè pazienza". Credo ci siano poche donne che non abbiano mai invidiato le bellone di turno. Io non mi astengo dai comlimenti se una se li merita, ma senza farglielo pesare. Quante volte ho detto alla mia amica che avrei voluto avere il seno come lei! E certo lei in costume stava da favola, ma aveva anche lei i suoi problemi. Voglio dire che ci sarà sempre qualcuno che ha qualcosa che noi vorremmo però il tutto si dovrebbe risolvere con un sospiro e un "e va bè pazienza". E' patologico quando si imposta tutta la vita su questo. Ripeto che secondo me non ci si può stravolgere diventando str....e o altro. Siamo esseri deboli non macchine perfette, ognuno di noi sbaglia e persevera pure!
Mi raccomando la torta regalala a qualcun'altro.... io ho preso due kg per le feste ma sono sempre disponibile....
Naima is offline  
Vecchio 07-01-2004, 18.15.38   #30
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Per Vi@nne

Dipende dal pagamento che si vuole e dal tipo di persona dalla quale si vuole.
Da quello che capisco di te dai tuoi post mi sembri una persona dolce, riflessiva, rispettosa degli altri.
Se questa è la tua natura quasi sicuramente sarai apprezzata dalle persone in grado di comprendere quel che fai, quasi sicuramente i 'furbi' ti considereranno magari un po' 'fessacchiotta'.
Ma da quel che capisco di te non vedo una grande affinità con le persone che vivono 'in superficie'.

Magari va ricercato quell'equilibrio di comportamento che ti porta a non prevaricare, pur cercando di limitare le prevaricazioni altrui su di te.
Più facile a dirsi e a scriversi che a metterlo in pratica nel quotidiano... me ne rendo conto.

Per quel che riguarda il provare invidia... di solito noi invidiamo qualcosa che vorremmo avere o che vorremmo essere, come dice Naima.
Come fai a provare invidia per qualcosa che la tua parte più intima non condivide?
Credo che il problema non si ponga, le persone che ti conoscono non cambieranno di certo idea sul tuo conto solo per gli atteggiamenti di questa nuova venuta!

Se avanza un pezzetto di torta.... tanto sono così ingrassata che qualche grammo in più....


rodi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it