Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 12-11-2004, 13.00.31   #1
Emanuele
Ospite
 
Data registrazione: 28-05-2003
Messaggi: 9
Insicurezza...

Ciao a tutti... sono proprio demotivato in questo periodo perchè come sempre da troppo tempo vorrei risolvere un mio problema ma negli ultimi mesi sta diventando sempre più insopportabile... mi sento molto insicuro... per esempio quando sono in compagnia non riesco a intervenire nei discorsi, questo perchè ho paura che della mia opinione non freghi niente a nessuno, spesso vorrei dire qualcosa ma non ci riesco, ho proprio un blocco... anche con le tipe non riesco a cogliere l'attimo... dove c'è un pò di gente ho sempre paura di fare qualcosa particolare perchè ho paura che venga criticato... mi sento spesso comparsa nella vita e non protagonista non dico che vorrei esserlo sempre, ma nel momento giusto mi piacerebbe... come si fà vorrei risolvere questo problema anche sono difetti che peggiorano col tempo... penso che sia più facile scalare una montagna perchè sei solo con te stesso e non ci sono gli altri di mezzo, mentre invece non è così... è indubbiamente più facile fare dei discorsi in compagnia... almeno... oggettivamente parlando...
Diciamo che nn riesco ad essere totale nelle cose... per esempio come dice Manuel Agnelli... "ho tutto in testa ma non riesco a dirlo" nel senso che quando parlo con qualcuno a volte mi impappino e mi mangio le parolo e non riesco ad esprimere il concetto in maniera esauriente... e non perchè mi manchi la cultura... ho un diploma normalissimo, leggo tanto etc... i vocaboli li so e so anche come metterli...
Spero che qualcuno mi offra un soluzione interessante... mi basterebbe superare un blocco interiore e via...

Ciao e grazie mille!!!
Emanuele is offline  
Vecchio 12-11-2004, 16.13.09   #2
sting antonio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-10-2004
Messaggi: 314
anche io avevo questa insicurezza ma mi e' passata.La migliore cura e non pensarci troppo... e dire in modo chiaro quelli che pensi senza aver paura di nessuno tanto tutti sbagliano ma il proverbio dice sbagliando si impara!!.Ti capisco molto anche io non comunico molto con la gente ho 13 anni e sono un tipo asociale non amo stare con la gente.Ti conviene dire tutto quello che pensi( che non sia stupido).Non pensarci troppo a quello che devi dire,vedrai che se magari il prof o qualcuno ti fara' una domanda e, saprai risponderla in modo giusto piano piano e con pazienza qusto stato di insicurezza andra' via.Questo problema c'e' l'hanno le persone timide,molto sensibili,e che hanno dei dejevu.Il dejevu' e' quando cammini per esempio e ti ricordi che quella scena l'hai gia' vissuta.

Saro sempre con te nei momenti più difficili perche' anche io gli ho vissuti


distinti saluti fammi sapere ciao!!!!
sting antonio is offline  
Vecchio 12-11-2004, 18.34.09   #3
Emanuele
Ospite
 
Data registrazione: 28-05-2003
Messaggi: 9
Si ma fidati che io sono un malato kroniko cmq è tutta teoria che conosco... e che provo sempre ad applicare ma non sempre ci riesco. Cmq Grazie!
Emanuele is offline  
Vecchio 12-11-2004, 20.04.18   #4
sting antonio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-10-2004
Messaggi: 314
abbi più fiducia in te stesso ma poi scusami che significa kronico??
sting antonio is offline  
Vecchio 13-11-2004, 11.48.32   #5
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
prova a digitare su un motore di ricerca -psicoterapia cognitiva- -fobia sociale- , dicono che dia ottimi risultati e in piuttosto breve tempo!
r.rubin is offline  
Vecchio 13-11-2004, 16.32.44   #6
Obi-Wan
Ospite
 
L'avatar di Obi-Wan
 
Data registrazione: 22-09-2004
Messaggi: 9
Credo che tu sia una persona molto emotiva e credo che la tua paura di esprimere ciò che pensi derivi proprio dal non volere che questa tua emotività abbia il sopravvento su di te.

Quindi penso che non è giusto, come dici, definirti NON TOTALE nelle cose...ma semplicemente TROPPO EMOTIVO ed, appunto, INSICURO! Non credo vi siano difetti cognitivi o fobie sociali, altrimenti sarebbe molto peggio di ciò che scrivi.

io ti posso consigliare di procedere gradualmente nel migliorare i tuoi rapporti sociali: comincia da piccoli gruppi di 3 o 4 persone e comincia lì a esprimere te stesso! Quando sarai in grado di padroneggiare le relazioni col prossimo, potrai passare ad allargare gli orizzonti!

Per ora vedine il lato positivo: probabilmente sei un lupo solitario, quindi hai più tempo da dedicare a te stesso. E, visto il nome del forum, questo tempo passalo a RIFLETTERE!!! Rifletti su cosa sei, rifletti su cosa vuoi...e rifletti sul mondo che ti circonda e su come puoi fare a buttartici dentro! Solo tu puoi arrivare ad una soluzione: io posso solo darti consigli, ma sarai tu a fare i passi avanti verso il mondo!

Obi-Wan is offline  
Vecchio 13-11-2004, 16.56.41   #7
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
fobia sociale è una definizione molto forte, ma si declina in un continuum di gravità - minore gravità.
una timidezza che porta a comportamenti -evitanti- (vorrei uscire con quella ragazza, ma è rischioso, quindi non ci esco), limitando (tanto, poco) la vita del soggetto, causandogli disagio, può essere trattata come fobia sociale.

resta che, se lieve, può essere affrontata con la propria buona volontà, come tu dici, abituandosi ad -esporsi- gradualmente alle situazioni eccessivamente temute. che è in sostanza il metodo comportamentale applicato da questo tipo di psicoterapia, che è anche -cognitiva- : questo non significa affatto parlare di "difetti cognitivi", ma di idee (su se stessi, -autostima, autoefficacia percepita-, sugli altri, sul mondo -pericoloso? vale solo chi dice cose interessanti? cos'è una cosa interessante? se una cosa non interessa ad uno significa che non è interessante? chi dice cose non interessanti che pericolo corre? di essere escluso? cosa temo? è un timore realistico? eccetera-) che provocano eccessivi timori... pensieri criticabili razionalmente, pensieri che possono essere guardati con occhio critico e messi in discussione magari finendo col scoprirne l'esagerazione. Socrate, con la sua maieutica, faceva esprimere le convinzioni dell'interlocutore, per così permettergli di verificarne il realismo.
r.rubin is offline  
Vecchio 13-11-2004, 18.17.00   #8
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
ti risponde una super super timida imbranata, impacciata......
Lo sono ancora, ma oggi non mi spaventa più nessuno.
Potrei dire che sono "un tipo riservato" a cui piace più ascoltare che parlare.
Ma se sei davvero capace di ascoltare e comprendere quello che gli altri dicono, ti accorgerai facilmente che quasi tutto quello che viene detto si basa su banalità, stupidaggini, pettegolezzi.

Stai bene attento alle parole che vengono dette in un discorso e vedrai che di vera comunicazione ce ne sta pochino. Tu sicuramente sei una persona sensibile, comincia con il non preoccuparti dei giudizi altrui.
E' meglio ascoltare, si impara tantissimo.
Si impara a conoscere gli altri, si impara a specchiarsi.

Potresti scoprire cose incredibili, te lo assicuro.
Nessuno di noi è superiore o inferiore a qualcun altro.
La nostra unicità è uno dei beni più preziosi che abbiamo.
E mai nessuno dovrebbe vergognarsene.

Sai come cominciai a vincere la mia timidezza? La sera prima di addormentarmi mi immaginavo una certa scena dell'indomani. Ed io che parlavo e mi comportavo così e colà. Così il giorno dopo non venivo colta dalla sorpresa, e qualche parola la spiccicavo.

Poi ho scoperto che le mie paure non erano diverse da quelle degli altri. Forse loro avevano più paura di me ma erano più bravi a fingere.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 13-11-2004, 18.41.46   #9
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Mary mi mancavano le tue parole piene di sensibilità. Non potrei aggiungere niente a ciò che hai scritto tu!
Emanuele

Per scherzare un po’ cerco di tradurre un detto della mia lingua di origine “L’ignorante non è abbastanza ignorante se non è anche molto sicuro di se stesso” (l’ho addolcito un po’ perché è molto più duro)---leggersi anche per quei “sicuri” che girano oggi come oggi nel mondo politico .

Un saluto particolare ad Antonio sting (ti consiglio di leggere un bel libro se non lo hai già fatto a scuola – ma questa volta leggilo per te stesso.
http://digilander.libero.it/Gretablu...cipe/pp00.html)

edali
edali is offline  
Vecchio 13-11-2004, 19.25.53   #10
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
Poi ho scoperto che le mie paure non erano diverse da quelle degli altri. Forse loro avevano più paura di me ma erano più bravi a fingere.

Il problema è che alcuni lo continueranno a fare per tutta la vita......

Un sorriso
Kim is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it