Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 24-12-2004, 09.17.46   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
amore bilaterale e totalizzante?

E' sempre una stella irraggiungibile che noi amiamo.
E ogni amore è sempre nella sua profonda essenza una segreta tragedia, ma proprio per il fatto di esserlo, riesce ad avere effetti così potentemente produttivi".

Lou Andreas-Salomè


Disattese aspettative di una vitale e reciproca comunicazione erotico-affettiva sono all'origine dell'aumento di separazioni e divorzi senza più le remore tradizionali a sciogliere il vincolo "finchè morte divida". Escludendo gl'indugi che derivano da eccessive penalizzazioni materiali.

Il connaturato bisogno d'amore induce a investire nell'altro anche superando l'individualismo e il timore di vincoli stabili tipici della nostra epoca. Ma non ci si aspetti troppo perchè anche le esperienze ritentate sono spesso le repliche di un copione deludente.

Si dovrebbero valutare sia le rispettive somiglianze che accomunano sia le differenze che allontanano; la propria capacità di amare attraverso l'autoconoscenza che viene approfondita dopo ogni relazione; quanto s'intende aspettare la persona giusta.

Per scoprire infine che la coppia è un organismo proteiforme dove nuove esigenze e necesari riequilibri sono imprevedibilmente mutevoli nel corso del tempo, che il senechiano "ama se vuoi essere amato" è perseguibile saggezza ma non certezza pari a quella di amare senza pretendere di essere amati. Perchè gli amori non corrisposti - o non nella stessa misura - sono quelli più numerosi. Inoltre le potenziali anime gemelle sono molto rare o non sempre riconoscibili.

La passione idealizza e chiede di essere rinfocolata da novità, mistero, rischio, distanza, fantasia, ecc. inconciliabili con l'adagiarsi nell'abitudinarietà di un'unione istituzionale o stabile. Destinata a trasformarsi in un nostalgico e irraggiungibile desiderio confinato nel sogno e nell'immaginario, le vere dimensioni dell'amore. Da sublimare - se si vuole - adattandosi a viverlo per procura tramite le fictions dei romanzi, dei film, della poesia.

Gl'intensi stati affettivi sono sempre e comunque vulnerabili e se le conflittualità coniugali non diventano insostenibili ci si può acquietare in una convivenza dove le condivise intimità - se c'erano - si sono ridefinite in tolleranza e rispetto per reciproche autonomie e alternativi spazi mentali.
Se si preferisce si può optare per la singletudine dove si spera di rintracciare le qualità ambite in vari e temporanei amanti.

Purchè non si cada nell'estrema disperazione di Ivan I'lich quando si accorge che un matrimonio senza felicità non gli ha concesso di vivere un'autenticità amorosa ormai irricuperabile. Anche perchè quando s'impara a vivere è tardi.
arsenio is offline  
Vecchio 24-12-2004, 11.12.14   #2
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
... ma se una cosa non è mai esistita non vuol dire che non possiamo inventarcela noi!!!

Ciao Arsenio,
guarda siamo alla vigilia di Natale... io ci voglio credere che questo amore bilaterale totalizzante (oddio, totalizzante ma non soffocante) esista e possa essere ogni giorno nutrito di amore e fantasia tali da rinnovarlo...

Eddai, non fare lo psicologo pure oggi!!!!

Scherzi a parte,
tanti cari auguri di Buone Feste

nevealsole
nevealsole is offline  
Vecchio 24-12-2004, 11.21.04   #3
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
auguri

Prometto che per il 2005 sarò più poeta che psicologo!

Tale thread perlomeno mi ha fatto ottenere i tuoi graditissimi auguri che contraccambio.

arsenio
arsenio is offline  
Vecchio 24-12-2004, 11.29.21   #4
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking joyce

Sono d'accordo con te, Arsenio...del resto, penso che l'amore "sano", come ho già detto su qualche altro thread, nasca nella condivisione, non nella unilateralità...le tue riflessioni "crepuscolari" mi fanno venire in mente l'ultimo episodio de "The dead" di James Joyce (dal quale è stato tratto, a mio giudizio, bellissimo film da John Huston...suo ultimo, fra l'altro)...anche lì il protagonista scopre molte cose di sua moglie durante una festa tra parenti...e scopre di aver amato e di essere stato amato (??) da una pressoché sconosciuta...il divorzio, spesso, è il fallimento della (mancata) comunicazione...
Auguri anche da parte mia...Herzog
herzog is offline  
Vecchio 24-12-2004, 11.44.24   #5
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Non ho capito tanto bene, Arsenio. Me lo spieghi con parole tue?
Fragola is offline  
Vecchio 24-12-2004, 12.30.18   #6
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Molto bello il racconto che citi.

Passione, Intimità e Impegno da parte di entrambi sono vincenti per la condivisione. Certo non è facile.

Contraccambio gli auguri
arsenio is offline  
Vecchio 24-12-2004, 12.32.45   #7
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
fragola

Volentieri.

Talora per voler dire molto con poche parole posso risultare oscuro. Comunque dovresti dirmi i punti che non ti risultano chiari e che vorresti approfondire.

Auguri
A lunedì
arsenio is offline  
Vecchio 24-12-2004, 13.14.56   #8
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: fragola

Citazione:
Messaggio originale inviato da arsenio
Volentieri.

Talora per voler dire molto con poche parole posso risultare oscuro. Comunque dovresti dirmi i punti che non ti risultano chiari e che vorresti approfondire.

Auguri
A lunedì

Facciamo così, provo a spiegarti quello che ho capito io.
Tanto per incominciare si parla del matrimonio e non dell’amore. E sappiamo bene che nella cultura occidentale è da meno di un secolo che si cerca di farli convivere.

Comunque, analizzo frase per frase:

”Disattese aspettative di una vitale e reciproca comunicazione erotico-affettiva sono all'origine dell'aumento di separazioni e divorzi senza più le remore tradizionali a sciogliere il vincolo "finché morte divida". Escludendo gl'indugi che derivano da eccessive penalizzazioni materiali.

Dunque, siccome il coniuge non ci da quello che ci aspettiamo, allora, visto che il divorzio non è più vietato, siamo disposti ad andare incontro ai disagi materiali di una separazione pur di non sopportare la frustrazione di una convivenza non gratificante. E fin qui, sebbene il linguaggio sia involuto, si capisce.

Il connaturato bisogno d'amore induce a investire nell'altro anche superando l'individualismo e il timore di vincoli stabili tipici della nostra epoca. Ma non ci si aspetti troppo perchè anche le esperienze ritentate sono spesso le repliche di un copione deludente.

Non ho ben capito cosa sia “il timore di vincoli stabiliti tipico della nostra epoca”. Comunque qui stai dicendo, anche se è andata male la prima volta, pur di non stare soli ci si riprova, ma è meglio non farsi troppe illusioni. Di solito va male ancora!

Si dovrebbero valutare sia le rispettive somiglianze che accomunano sia le differenze che allontanano; la propria capacità di amare attraverso l'autoconoscenza che viene approfondita dopo ogni relazione; quanto s'intende aspettare la persona giusta.

Dunque, per scegliere la persona con cui vivere, meglio valutare differenze e somiglianse e aspettare quella giusta. Ma quella giusta è quella che ci somiglia o quella complementare??? Il fatto che l’autoconoscenza venga approfondita dopo ogni relazione mi pare un’affermazione dogmatica e discutibile, ma prendiamola per buona. Interessante sarebbe anche capire che cosa sia per te questa “capacità di amare”.....

Per scoprire infine che la coppia è un organismo proteiforme dove nuove esigenze e necesari riequilibri sono imprevedibilmente mutevoli nel corso del tempo, che il senechiano "ama se vuoi essere amato" è perseguibile saggezza ma non certezza pari a quella di amare senza pretendere di essere amati. Perchè gli amori non corrisposti - o non nella stessa misura - sono quelli più numerosi. Inoltre le potenziali anime gemelle sono molto rare o non sempre riconoscibili.

Ecco, sinceramente non ho idea di che voglia dire proteiforme. A forma di proteina? O di protozooo? Ma mi pare che più con una cosa con una forma, tu la definisca come una cosa imprevedibile!!! Ma, insomma, imprevedibile? Diciamo viva, ma se non fosse viva che palle!
Seneca ha detto questo? Mi contestualizzi la citazione, per favore? Gli amori non corrisposti sono più numerosi e le anime gemelle rare? Forse, ma cosa c’entra? O forse non ho ancora capito che cosa vuoi veramente dire!!!

La passione idealizza e chiede di essere rinfocolata da novità, mistero, rischio, distanza, fantasia, ecc. inconciliabili con l'adagiarsi nell'abitudinarietà di un'unione istituzionale o stabile. Destinata a trasformarsi in un nostalgico e irraggiungibile desiderio confinato nel sogno e nell'immaginario, le vere dimensioni dell'amore. Da sublimare - se si vuole - adattandosi a viverlo per procura tramite le fictions dei romanzi, dei film, della poesia.

In soldoni: il matrimonio è la tomba dell’amore e l’abitudine spegne la passione che si basa su idealizzazioni e non su quello che l'altro è. Ma nulla viene detto della tenerezza e della condivisione, della complicità e della comunicazione profonda che nasce dall’intima conoscenza dell’altro.
Un'altra cosa, per me la parola “sublimare” non significa evadere, come suggerisci tu. Mi spieghi l’accezione del termine in questo contesto?

”Gl'intensi stati affettivi sono sempre e comunque vulnerabili e se le conflittualità coniugali non diventano insostenibili ci si può acquietare in una convivenza dove le condivise intimità - se c'erano - si sono ridefinite in tolleranza e rispetto per reciproche autonomie e alternativi spazi mentali.
Se si preferisce si può optare per la singletudine dove si spera di rintracciare le qualità ambite in vari e temporanei amanti”


La prima frase... proprio non capisco cosa voglia dire, proprio dal punto di vista grammaticale. Direi che intendi dire che siccome la passione rende vulnerabili, allora rifugiarsi in uno stagno tiepidino e marcetto di quotidianità squallida può essere una soluzione?

Purchè non si cada nell'estrema disperazione di Ivan I'lich quando si accorge che un matrimonio senza felicità non gli ha concesso di vivere un'autenticità amorosa ormai irricuperabile. Anche perchè quando s'impara a vivere è tardi

Ma, seguendo le tue "istruzioni" mi sembra inevitabile caderci!! Sempre che io le abbia capite.

Riassumento, mi pare che tu dica che il matrimonio è senza speranza, ma cosa c'entri l'amore in questo, no, non l'ho capito. Mi pare che dell'amore tu non faccia mai parola.

ciao

Fragola is offline  
Vecchio 24-12-2004, 15.19.18   #9
sting antonio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-10-2004
Messaggi: 314
bo... ho capito ben poco... pero' nn rispiegarlo nn e' il mio modo di scrivere quello troppo intellettuo ho solo 13 anni quello e' un modo di scrivere da saggi
sting antonio is offline  
Vecchio 24-12-2004, 16.57.33   #10
herzog
Ospite abituale
 
Data registrazione: 15-12-2004
Messaggi: 404
Talking tks, arsenio

Immaginavo che lo avessi letto...sono d'accordo con te, ma sono i punti fondamentali sui quali si può costruire un rapporto d'amore SANO...l'impegno di entrambi, la voglia di crescere assieme, non perdendo di vista la propria natura, diventare un nuova entità senza perdere la propria personalità...anche da parte mia, salvo qualche improvvisata...a lunedì.
Herzog
herzog is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it