Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 19-01-2005, 17.59.09   #21
kantaishi
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2004
Messaggi: 1,885
FIAT VOLUNTAS TUA.

"Sia fatta la Tua volontà.",dice il buon Jesus.

Ma dice anche:"Il Regno di Dio è dentro di voi."

E allora?Come la mettiamo?

Semplice:la mia volontà è la Sua volontà perchè,se il Regno è

dentro di me,allora le due volontà combaciano perfettamente.

O no?

Kantaishi,cristiano integrale(non integralista!)

Hare Rama! Hare Krishna!
kantaishi is offline  
Vecchio 19-01-2005, 20.11.13   #22
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Re: FIAT VOLUNTAS TUA.

Citazione:
Messaggio originale inviato da kantaishi
"E allora?Come la mettiamo?

Semplice...........
Ciao Kantaishi...... meno male che ci sei....
E' semplice ok..... magari è come dici tu, ma io non ho ancora capito se devo andare a fare il giro del mondo o se devo guardare il mio papà ultra novantenne e neppure ho capito come arrivo a quella decisione.......

P.S. Scrivo qui perché vorrei provare ad uscire dal campo dei massimi sistemi e delle armonie finali per provare almeno una volta a sviscerare un problema pratico, (come ha tentato, con altri contenuti, di fare Fragola in spiritualità)......
Ci provo ma forse ho scelto l'argomento sbagliato..... Oh forse il giorno sbagliato..... Oh forse il momento sbagliato..... Boh

VanLag is offline  
Vecchio 19-01-2005, 20.30.44   #23
edali
frequentatrice habitué
 
L'avatar di edali
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 780
Può darsi che do un’altra interpretazione a questa domanda. Un po’ come dice Paolo:
Citazione:
A me non sembra...secondo me non c'è nessuna strada da vedere prima sotto, c'è solamente bisogno di partire come una freccia e a costo della proria vita arrivare al bersaglio...
Ecco, mi è venuta la caratteristica principale della forza di volontà, cioè essere pronti a dare la propria vita senza fare calcoli dei rischi che si potrebbero incontrare; penso che in questo caso sia tutto realizzabile...

tralasciando le espressioni come “dare la vita” o “a costo della propria vita” perché non penso ai desideri cosi estremi, bensì alle piccole/grandi cose nel percorso della vita.
La forza di volontà vuol dire arrivare fino alla fine, non rinunciare a metà strada.

Ci sono dei casi in cui ti trovi a seguire una strada e alla metà del percorso ti rendi conto che non coincide con ciò che desideravi o ti immaginavi. Parlo di cose pratiche della vita come un percorso formativo e/o lavorativo.

Per gli altri desideri non so cosa dire. Sono per esempio certi desideri che non riguardano solo noi stessi. In questi casi la parola volontà è diversa. Volontà può essere anche una rinuncia.
edali is offline  
Vecchio 19-01-2005, 20.46.11   #24
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Re: Re: FIAT VOLUNTAS TUA.

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Ciao Kantaishi...... meno male che ci sei....
E' semplice ok..... magari è come dici tu, ma io non ho ancora capito se devo andare a fare il giro del mondo o se devo guardare il mio papà ultra novantenne e neppure ho capito come arrivo a quella decisione.......

Caro Van Lag,
ti ha appena perfettamente risposto Kantaishi ma tu ti aspetti
risposte banali...fai finta di niente...eludi...

Tutto quello che si fa, incertezze, indecisioni, scelte, una cosa o un altra...anche se noi siamo convinti di essere un "io" separato ed autonomono a farle, a determinarle ecc...invece siete "tu" e LUI, coincidenti in un Tutt'uno, a volere o non volere quel che poi di fatto accade.
Anche se sei ateo questo non conta...è solo una "tua" Sua idea...un sogno...irrilevante per il Ciò che E'.

Questo, per me, è il punto che potresti cogliere SpiritualMente, a meno che tu voglia divertirti a speculare solo filosofica-mente o psicologica-mente, forse steril-mente.

Anche se discute in altri forum a certi quesiti non si sfugge...si può, al massimo, temporeggiare amabilmente.


Ultima modifica di Mirror : 19-01-2005 alle ore 20.51.11.
Mirror is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.09.08   #25
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Questo non dovevi farmelo.....

Citazione:
Messaggio originale inviato da Mirror
Caro Van Lag,
ti ha appena perfettamente risposto Kantaishi ma tu ti aspetti
risposte banali...fai finta di niente...eludi...

Tutto quello che si fa, incertezze, indecisioni, scelte, una cosa o un altra...anche se noi siamo convinti di essere un "io" separato ed autonomono a farle, a determinarle ecc...invece siete "tu" e LUI, coincidenti in un Tutt'uno, a volere o non volere quel che poi di fatto accade.
Anche se sei ateo questo non conta...è solo una "tua" Sua idea...un sogno...irrilevante per il Ciò che E'.
Mirror se tu avessi non dico un decimo ma un millesimo della saggezza che dici di avere, avresti cercato dentro te le parole per raggiungere il mio cuore.
Quello che fai invece sciorinando la tua “armonia finale” ed evidenziando la mia pochezza nell’aspettarmi risposte banali o nel fare finta di niente o nell’eludere, mi sembra un insulto a quell’amore che, secondo me, chi si definisce spirituale esorcizza proprio parlandone.

Non sono caro, sono un’ortica più volte maledetta......
VanLag is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.29.11   #26
Mirror
Perfettamente imperfetto
 
L'avatar di Mirror
 
Data registrazione: 23-11-2003
Messaggi: 1,733
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Mirror se tu avessi non dico un decimo ma un millesimo della saggezza che dici di avere, avresti cercato dentro te le parole per raggiungere il mio cuore.
Quello che fai invece sciorinando la tua “armonia finale” ed evidenziando la mia pochezza nell’aspettarmi risposte banali o nel fare finta di niente o nell’eludere, mi sembra un insulto a quell’amore che, secondo me, chi si definisce spirituale esorcizza proprio parlandone.

Non sono caro, sono un’ortica più volte maledetta......

Eccolo che se la prende...invece di Comprendere.
Penso proprio di aver raggiunto il tuo cuore ma la testa lo nega.

Comunque scusami se ti ho disturbato...

Ero di passaggio e ho (anzi è accaduto) che ho/HA scritto quel che hai letto.
Non ho pensato a trovar le parole...le sentivo e sono emerse.

Chi l'ha fatto?

Cercherò di star lontano dalle ortiche...grazie dell'indicazione per
evitarmi dei fastidi urticanti.

Sono maledettamente ordinario, ignorante e tutt'altro che un Saggio...mai creduto e affermato...ma un semplice AnimaleUomoD.., come adesso si usa dire, che si è totalmente accettato.

Ciao

Ultima modifica di Mirror : 19-01-2005 alle ore 21.31.15.
Mirror is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.30.43   #27
rodi
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 07-05-2003
Messaggi: 1,952
Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag

...
Nasce quindi una domanda specifica che si può formulare anche nel seguente modo: - dove finisce il “bene” che devo a me stesso e dove inizia quello che devo agli altri? –
Pur sapendo che ogni situazione è una situazione a se stante che richiede quindi la giusta risposta, pur tuttavia chiedo: - esiste una regola, un approccio, una considerazione, che può aiutarmi ad orientarmi in questa scelta? –

Se in te esiste la voglia di occuparti dell'altro (sia esso genitore, figlio, compagno di vita o estraneo) credo sia importante stabilire quale è il punto oltre il quale tu ti produci un danno ed inneschi un meccanismo in cui non sei neanche più di vero aiuto all'altro.
Cerco di spiegarmi.
Dare a qualcun altro si può fare nel momento in cui tu sei in una condizione di poter dare, quindi se ti spremi oltre quello che è il tuo limite (ciascuno di noi ne ha uno diverso e ciascuno è buono) non riesci più a dare a chi hai di fronte quello che sarebbe tua intenzione dare.
La regola quindi potrebbe essere tenere a mente questo concetto e capire quando si sta oltrepassando quel limite.
Perchè da quel limite in poi arrivi a produrre danno a te stesso non dando vero beneficio all'altro.
Credo che questa sia la base minima dalla quale partire, con un'analisi sincera e costante di se stessi.
rodi is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.34.50   #28
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mirror
Comunque scusami se ti ho disturbato...
Quello "scusami se ti ho disturbato" ha raggiunto il mio cuore, perché in quelle parole hai dimostrato di avere a cuore me e non la mia anima, o la mia testa o le tue idee.... o non so che altro.

Non preoccuparti per le oriticature..... VanLag se lo conosci lo eviti..... Se lo conosci non ti ortica.

VanLag is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.38.26   #29
VanLag
Ospite abituale
 
L'avatar di VanLag
 
Data registrazione: 08-04-2002
Messaggi: 2,959
Citazione:
Messaggio originale inviato da rodi
Se in te esiste la voglia di occuparti dell'altro (sia esso genitore, figlio, compagno di vita o estraneo) credo sia importante stabilire quale è il punto oltre il quale tu ti produci un danno ed inneschi un meccanismo in cui non sei neanche più di vero aiuto all'altro.
Cerco di spiegarmi.
Dare a qualcun altro si può fare nel momento in cui tu sei in una condizione di poter dare, quindi se ti spremi oltre quello che è il tuo limite (ciascuno di noi ne ha uno diverso e ciascuno è buono) non riesci più a dare a chi hai di fronte quello che sarebbe tua intenzione dare.
La regola quindi potrebbe essere tenere a mente questo concetto e capire quando si sta oltrepassando quel limite.
Perchè da quel limite in poi arrivi a produrre danno a te stesso non dando vero beneficio all'altro.
Credo che questa sia la base minima dalla quale partire, con un'analisi sincera e costante di se stessi.

Ti quoto in toto.....
Grazie Rodi….. davvero, perché è una risposta che ha senso…. E’ una risposa che posso tenere, analizzare e considerare.
VanLag is offline  
Vecchio 19-01-2005, 21.44.29   #30
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Re: Quanto può la nostra volontà?

Citazione:
Messaggio originale inviato da VanLag
Quanto conta la volontà?

Possiamo guadagnare più soldi con la nostra volontà?
Possiamo fare passare un innamoramento?
Possiamo conoscere Dio?

Quanto può aiutarci la nostra volontà in questi tre ambiti ben precisi, (materiale, emotivo e spirituale).

Ho risposto pochi giorni fa a una domanda identica, ma non mi ricordo in quale discussione e quindi riscrivo tutto.
Secondo me è anche possibile che sia vera la frase "volore è potere" in qualsiasi campo della vita. Ma quando mai vogliamo davvero qualcosa? La volontà di ciascuno di noi tira in mille direzioni diverse. Vorremmo una cosa ma sotto sotto qualcosa in noi non la vuole, qualcosa ne ha paura, qualcosa vuole una cosa diversa, qualcosa che nulla cambi ecc. ecc.
Se tutta la nostra volontà fosse indirizzata in una direzione chissà, potrebbe anche accadere "un miracolo". Forse
Fragola is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it