Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 27-09-2005, 23.50.42   #1
Braveheart
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-09-2005
Messaggi: 162
Ignoranza e cattiveria

Secondo voi l'ignoranza e cattiveria sono collegate? Le cosidette persone ignoranti possono essere potenzialmente più cattive ed insensibili?
Braveheart is offline  
Vecchio 28-09-2005, 09.46.16   #2
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Secondo me no.

Per ignoranza si può far del male involontariamente.

Per caittiveria si fa del male essendo ben consci di farlo.

Bisogna sapere quello che si sta facendo per chiamarlo cattiveria.
Chimera is offline  
Vecchio 28-09-2005, 14.57.37   #3
Sirtaki
Ospite abituale
 
L'avatar di Sirtaki
 
Data registrazione: 14-09-2004
Messaggi: 203
d'accordo con chimera.

...vedi, spesso dico che non sopporto l'ignoranza altrui,
eppure riflettendo mi rendo conto che forse il seme della spontaneità, naturalezza e...felicità è proprio in essa!
Sirtaki is offline  
Vecchio 28-09-2005, 17.24.28   #4
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Tra ignoranza e cattiveria c'è comunque un collegamento, secondo me. Si è cattivi perché si ignora che si può essere buoni, o, meglio ancora, nè buoni nè cattivi, ma più semplicemente al di sopra di ogni forma dicotomica. La cattiveria è figlia della repressione. Si diventa cattivi perché si è costretti a sorridere a chi è più potente di noi, anche se in cuor nostro non vorremmo affatto obbedire.
Mr. Bean is offline  
Vecchio 28-09-2005, 17.42.09   #5
La_viandante
stella danzante
 
L'avatar di La_viandante
 
Data registrazione: 05-08-2004
Messaggi: 1,751
ma ignoranza nel senso di ignorare cosa? se ignoro tutte le opere di verga non credo che questo possa mai costituire un offesa alla sensibilita' di qualcuno, se invece conoscendole do' del'ignorante a chi non le conosce, be' mi sa che e' piu' cattivo il secondo caso, quello che nasce dalla cultura, quindi non so' mi appello al sesto emendamento, pero' non so qual e'

lo ignoro
La_viandante is offline  
Vecchio 28-09-2005, 17.51.22   #6
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
...cattiveria..nasce dal odio...ma si piu' odiare per ignoranza pure..quindi un certo collegamento c'e'...

,klara
klara is offline  
Vecchio 28-09-2005, 19.12.42   #7
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Citazione:
Messaggio originale inviato da Mr. Bean
Tra ignoranza e cattiveria c'è comunque un collegamento, secondo me. Si è cattivi perché si ignora che si può essere buoni, o, meglio ancora, nè buoni nè cattivi, ma più semplicemente al di sopra di ogni forma dicotomica. La cattiveria è figlia della repressione. Si diventa cattivi perché si è costretti a sorridere a chi è più potente di noi, anche se in cuor nostro non vorremmo affatto obbedire.

Molto ottimista.
Non vorrei fare sempre la parte del disilluso ma purtroppo tante persone "cattive" sanno benissimo che esiste il bene. Il problema e che lo conoscono così bene da sapere che... non conviene.

Non è la conoscenza a rendere buoni. Anzi la conoscenza ti da più mezzi per essere cattivo.

Per quanto riguarda la repressione. La maggior parte dei cattivi non è dalla parte dei repressi ma di coloro che reprimono gli altri.

Ho conosciuto molte persone ricche,potenti,di cultura ma con animo marcio.

Ed ho conosciuto tantissimi ignoranti poveri, ma felici e buoni.

Anzi... direi che funziona al contrario.
Almeno secondo la mia esperienza di vita.

L'ignoranza del male è un buon metodo per astenersi.
C'è chi segue il bene e chi segue il male... ma la maggior parte vuole sopravvivere e cercare il proprio interesse.

La conoscenza purtroppo porta a comprendere che il male è più conveniente. Semplicemente perché per ottenere il bene proprio un "cattivo" ha più fonti.
Può guadagnarselo come qualsiasi buono, o rubarlo a qualcuno.

Se uno è ingorante non riesce a farlo, o non sa che conviene farlo, quindi si asterra dal male.

L'ignoraza aiuta il bene più che il male.
Chimera is offline  
Vecchio 28-09-2005, 19.20.21   #8
Vaniglia
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 16-07-2005
Messaggi: 752
Se vuoi fare del male consapevolmente ad una persona lo fai con odio e cattiveria, l'ignoranza e' diversa...l'ignorante non se ne rende conto...e' l'inconsapevolezza



Vaniglia

Ultima modifica di Vaniglia : 28-09-2005 alle ore 19.32.23.
Vaniglia is offline  
Vecchio 28-09-2005, 19.46.38   #9
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
La poca apertura mentale di taluni individui che potrebbe definisi "ignoranza", induce gli stessi a trarre giudizi sulle persone è cio potrebbe definirsi "cattiveria"....

Questo un'esempio ce ne sarebbero miglioni di simili...si certo l'ignoranza va a braccetto con la cattiveria...con la differenza che l'ignoranza espressa, può' creare carriveria ed invece la cattiveria, se sola è fine a se stessa si autorigenera..direi che delle due la peggiore è la cattiveria...per l'altra si può sempre fare qualche cosa...credo....

che casino lasciamo perdere.....


Kim is offline  
Vecchio 28-09-2005, 19.52.57   #10
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
L'ignoranza è uno stato. Spesso non volontario.
Non ha nulla a che fare con l'animo di una persona.

Se ignoranza e cattiveria fossero proporzionali potremmo risolvere i problemi del mondo mettendo in carcerazione preventiva chiuque abbia meno della 3 media...

Non funziona così.

@vanglia.
Ti sembrara strano ma son d'accordo con te
Chimera is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it