Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 03-10-2005, 02.49.39   #1
bomber
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-09-2003
Messaggi: 4,154
Domani sarà

Domani sarà...
Cosa si ci può aspettare dal futuro per essere Felici??'






Oggi sono molto felice chissa se domani sarà come adesso
bomber is offline  
Vecchio 03-10-2005, 09.41.24   #2
Nemo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-08-2005
Messaggi: 297
Non credo che domani sarai felice come adesso perchè ti abituerai alla tua felicità e la darai per scontata... e quando ti verrà a mancare qualcosa che solo la fortuna ti ha regalato ti acorgerai che non potrai essere felice come lo eri quando questa cosa che davi per scontata esisteva...
E allora l'unica salvezza sarà la filosofia...
Nemo is offline  
Vecchio 03-10-2005, 10.00.20   #3
Kim
Utente bannato
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 1,288
Cosa si ci può aspettare dal futuro per essere Felici??'


Quantomeno che le cose rimangano tutte nel giusto equilibrio percui la sensazione di felicità permanga

Ma comunque credo che la felicità sia dispensata a gocce e tutta fatta di attimi, alcuni dei quali li costruiamo noi con fatica e poi raccogliamo i frutti ed altri che sono solo il non casuali momenti di fortuna che ci fanno imbroccare tutto giusto...per quanto possa durare.

Alla fine credo che essere infelici sia una bella motivazione per non aspettarsi nulla e fare qualche cosa.....
Kim is offline  
Vecchio 03-10-2005, 11.10.08   #4
Digitalgothic
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-09-2005
Messaggi: 40
Citazione:
Messaggio originale inviato da Nemo
Non credo che domani sarai felice come adesso perchè ti abituerai alla tua felicità e la darai per scontata... e quando ti verrà a mancare qualcosa che solo la fortuna ti ha regalato ti acorgerai che non potrai essere felice come lo eri quando questa cosa che davi per scontata esisteva...
E allora l'unica salvezza sarà la filosofia...

anche secondo me l'abitudine alla propria felicità, in un certo senso, la rovina. Infatti, l'uomo tende a desiderare un certo oggetto, di essere parte di una certa situazione... e finchè desidera ciò e non la possiede è infelice, ma in un certo senso, speranzoso di poter ottenere un giorno l'oggetto della sua felicità. quando ottiene l'oggetto o si trova nella situazione agognata, è felice, ma non appena scatta il meccanismo dell'abitudine, eccolo ripiombare di nuovo in una non felicità ed eccolo che si mette alla ricerca di una nuova felicità.

io non mi curerei per niente del futuro, perchè nell'uomo scatta sempre il meccanismo dell'"E se..... " e allora a furia di pensare al futuro ti rovini il presente e sarai sempre infelice...

... PRESENT POWER...
Digitalgothic is offline  
Vecchio 03-10-2005, 11.40.42   #5
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
E si concordo purtroppo questa è una caratteristica dell uomo.
Ma non direi che diventa proprio "infelice" in ogni caso è vero l'uomo ha l'istinto di cercare semrpe qualcosa di più

Questa e la più grande virtù è la più atroce maledizione del uomo.

Senza questa volontà di avere di più saremmo ancora nelle caverne.

La curiosità. La voglia di migliorare la propria vita, le proprie capacità giorno dopo giorno sempre di più.

E questa pulsione che ci ha portato dove siamo ora.
E' quello che ha portato scrittori, poeti, pittori, scultori, architetti, musicisti a cercare di creare meraviglie che in natura non esistevano.
E quello che ha portato l'uomo fuori dalle caverne a cercare le pelli per proteggersi il fuoco per scaldarsi... fio ad arrivare sulla luna.

L'abitudine. Quando diventerà una cosa soportabile,l'uomo avra finito la sua storia.


Gli animali sono felici. E li sono rimasti.
E' uno degli elementi che ci differenzia da loro.
L'ambizione. Forse l'unico. Perché ho dubbi sulla capacità di scegliere tra bene e male. Ho conosciuto animali buoni e cattivi.

Ultima modifica di Chimera : 03-10-2005 alle ore 11.42.31.
Chimera is offline  
Vecchio 03-10-2005, 12.08.11   #6
nevealsole
Moderatore
 
L'avatar di nevealsole
 
Data registrazione: 08-02-2004
Messaggi: 706
Come va?

Citazione:
Messaggio originale inviato da bomber


Oggi sono molto felice chissa se domani sarà come adesso

Ora, anche se tecnicamente non sarebbe domani ma ancora oggi, suppongo comunque che un paio d'orette di sonno te le sia fatte.
Allora ti domando: visto che "domani" è arrivato che te ne pare? Sei felice o è già cambiato l'umore?

nevealsole is offline  
Vecchio 03-10-2005, 12.23.12   #7
Aristippo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-10-2004
Messaggi: 365
Sono felice, ma incosciamente.

Come dice nemo, solo quando perdi le cose, ti accorgi che esse ti davano la felicità.....se non avessi l'acqua sarei triste...ma siccome ce l'ho mica festeggio tutti i giorni ( come dovrei fare ) ...

Se non ci fosse la tristezza, la felicità non esisterebbe....quindi se non mi macasse nulla non mi accorgerei nemmeno di essere felice....

Saludos
Aristippo is offline  
Vecchio 03-10-2005, 15.38.46   #8
Nemo
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-08-2005
Messaggi: 297
Credo che l'uomo sia spinto non dal "volere di più" ma dal desiderio dell'immortalità...
Gli animali non sono felici, sono inconsapevoli...
Un maiale che si rotola nel fango non è felice è incosapevole...
Probabilmente l'uomo è l'essere più evoluto(e forse il più intelligente) della terra perchè ha le mani...
Una mucca che pascola nel prato e che stà per essere macellata è felice?
Per la teoria degli opposti più sei in grado di essere felice più sei in grado di soffrire.
Ciò che ci differisce dagli animali è il limite delle emozioni e della "consapevolezza"...
Nemo is offline  
Vecchio 03-10-2005, 17.22.56   #9
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Citazione:
Messaggio originale inviato da Digitalgothic
......

io non mi curerei per niente del futuro, perchè nell'uomo scatta sempre il meccanismo dell'"E se..... " e allora a furia di pensare al futuro ti rovini il presente e sarai sempre infelice...

... PRESENT POWER...

concordo. Fin che siamo proiettati nel futuro non viviamo il presente. Dovremmo invece abituarci a vivere ogni attimo come se fosse il primo che viviamo. Dovremmo cancellare il passato, inesorabilmente, tenendo unicamente ciò che ci occorre per vivere, essendo noi stressi. Non credo sia facile ma nemmeno impossibile. O sbaglio?
Mr. Bean is offline  
Vecchio 03-10-2005, 17.30.39   #10
Chimera
Ospite abituale
 
L'avatar di Chimera
 
Data registrazione: 31-08-2005
Messaggi: 337
Citazione:
Messaggio originale inviato da Nemo
Credo che l'uomo sia spinto non dal "volere di più" ma dal desiderio dell'immortalità...
Gli animali non sono felici, sono inconsapevoli...
Un maiale che si rotola nel fango non è felice è incosapevole...
Probabilmente l'uomo è l'essere più evoluto(e forse il più intelligente) della terra perchè ha le mani...
Una mucca che pascola nel prato e che stà per essere macellata è felice?
Per la teoria degli opposti più sei in grado di essere felice più sei in grado di soffrire.
Ciò che ci differisce dagli animali è il limite delle emozioni e della "consapevolezza"...

Immortalità? Eppur c'è chi muore o rischia al vita per la curiosità e la voglia di andare avanti. Colombo voleva essere immortale? i fratelli wright? Chi va nello spazio?
No al voglia di andare oltre è più forte dello spirito di conservazione talvolta.

Per quanto riguarda gli animali è concenzione un po obsoleta gia smentita dalla scienza.
Ci sono varie specie animali con capacità celebrali superiori agli esseri umani. Che hanno sensibilità superiori alle nostre. Come per esempio i delfini. Hanno un linguaggio incredibilmente più comlesso ed atricolato del nostro. Anche se lo traducessimo nessuno di noi riuscirebbe a star dietro ad un delfino che posta su questo forum...

Percepiscono i pericoli.Difendono i piccoli. Aiutano le altre razze (i delfini salvano gli uomini in mare), fanno amicizie e riconoscono anche dopo anni gli esseri umani.
Sentono qunado stanno per morire e vanno a morire secondo tradizioni, fanno "cerimonie funebri". Seguoni rituali tradizioni di branco che si tramandano da generazioni... non istinto. Tradizioni, cerimonie. Nulla di logico o istintivo.
Sono "inconsapevoli"? Certe volte mi viene il dubbio che ne sappiano più loro di noi.
Pensi che gli uomini siano consapevoli? Di cosa?
Sappiamo come e perché siamo qui?

Ma noi non siamo contenti della nostra situazione... ed abbiamo cambiato il mondo. Aiutati anche dal pollice opponibile... con una pinna di delfino è più difficile.

Tutto questo proprio perchè noi siamo gli unici animali al mondo che non ci sentiamo al posto giusto. Siamo inconsapevoli di quale sia il nostro scopo e ne dobbiamo cercare uno.
Chimera is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it