Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 22-10-2005, 21.21.38   #41
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Citazione:
Messaggio originale inviato da lobelia
Ci sono persone che hanno meno bisogno di stare in società e che comunque sono fortemente interessate al riconoscimento di sè da parte del mondo, anche a distanza di sicurezza enon lo ammetteranno mai nemmeno con se stessi.
C'è un po' di tutto in tutte le infinitesime sfumature possibili, ma non c'è nessuno che può prescindere dalla propria natura. Magari la rifiuta per protesta, ma non può prescinderne.
In ogni caso io credo che chiunque sia scontento della propria condizione, prima di decidere quale strada imboccare, sia prima doverosamente chiamato a chiedersi il perchè del proprio disagio. E quando si è dato una prima risposta, chiedersi di nuovo perchè ha sentito il bisogno di darsi quella risposta e così via fino a che non diventa consapevole delle profonde e reali motivazioni e scoprire magari che se la stava raccontando e che la strada scelta inizialmente è una boiata pazzesca e non risolverebbe mai il proprio disagio.
Io sono convinta che moltissime volte scelte e ragionamenti razionalissimi, sui quali nessuno potrà avere mai nulla da ridire, vengano scelti come migliori di altri ugualmente logici ed efficaci che sceglieremmo se spostassimo leggermente lo sguardo di osservazione, magari per gli stati emotivi che al momento viviamo o per le ferite che abbiamo subite, ma anche per condizioni concrete che ci inducono a non considerare altre possibilità.
Io sono convinta che non esistano scelte e ragionamenti razionali assoluti e unici per ogni singola situazione che ci troviamo ad affrontare. E non è colpa delle emozioni, ma solo perchè basta spostare il punto d'osservazione e tutto cambia. E spesso, chi ti fa spostare lo sguardo salvando l'empasse è proprio anche una diversa emozione che ti fa trovare una via logica e razionale insapettatamente diversa e molto più funzionale al nostro progetto o problema.
Mai sentito parlare dell'intuito? Del colpo di genio? Non sempre la strada che percorrono per emergere è razionale.
Solitario dice che le emozioni spesso provocano errori nel processo di scelta della cosa migliore da fare.
Io, come ho cercato di dimostrare fin'ora, dico che la razionalità spesso provoca errori nel processo di scelta della cosa migliore da fare.
Abbiamo entrambi ragione, perchè nessuno dei due esclude totalmente emozioni e razionalità. Cambia solo l'angolatura dello sguardo.
Perchè lui ha quello sguardo e io l'altro?
C'è parecchia roba lì sotto da indagare se vogliamo sapere cosa è davvero bene per noi e come perseguirlo



,

L'intuizione è il frutto di un processo mentale inconscio. Non segue strade razionali nel senso della razionalità cosciente, quella che analizza passo dopo passo la realtà e le sue interconnessioni logiche.. l'intuizione è un salto improvviso causato da chissà cosa. Non credo debba essere causato per forza da un emozione. Anche se è vero che, talvolta, una sorta di sesto senso emotivo ci attira in certe direzioni che possono rivelarsi perfette al nostro caso.

Comunque anch'io credo che ogni problema abbia molteplici soluzioni, anche tutte molto logiche. Ma non credo che solitario aspiri alla scoperta della soluzione univoca. Comuqneu il distacco non serve a riscoprire il "mondo oggettivo", la "realtà vera", cosa impossibile. Ma solo a considerarla con distacco, con quella tranquilla lucidità proveniente dal non ritrovarsi trascinati nel flusso turbolento della situazione, ma restando a osservarla dalla riva.
Quando vedo alla tv un politico che fa il simpaticone, se io mi lascio condizionare dal suo spirito, finirò per "provare" simpatia per lui, e trascinato da questa rosea amichevolezza, ascolterò quello che mi dice attraverso questo filtro di simpatia che tinge di rosa tutto ciò che lo attraversa. Se fossi distaccato, freddo, anzitutto "capirei" che lui vuole appare simpatico, e poi seguirei spietatamente la logica e le intenzioni del suo discorso. No?


Circa i perchè sono assolutamente d'accordo.
r.rubin is offline  
Vecchio 23-10-2005, 00.00.36   #42
Solitario
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 85
Vorrei rispondere ad alcune domande fatte da lobelia perchè probabilmente non mi sono spiegato bene.

Citazione:
Ma una domanda. La pulsione sessuale è un'emozione?


Ma, se non lo è quella non so cosa lo sia.

Citazione:
E pure un'altra. Solitario non proverà forse un'emozione profonda, quasi orgasmica, il giorno che riuscirà a fare transitare davanti a sè una bella ragazza senza distrarsi dal suo compito del momento oppure quando un altro giorno per un attimo riuscirà a sentirsi solo in mezzo a chiunque?


No se ho davvero imparato a fare cio di cui parliamo, altrementi avrei raggiunto un risultato solo parziale.

Citazione:
L'oggetto infatti non ha emozioni, ma non bada nemmeno a se stesso.
No, caro solitario. Senza emozioni saremmo estinti da mo'


Non metto in dubbio che saremmo estinti, infatti io non critico la loro utilità nel era della pietra, la critico nel era del informazione e critico quindi la mancanza di evoluzione comportamentale che sarebbe necessaria.

Quanto al discorso del oggetto: se uno pensa ai bisogni fisici e al miglioramento delle proprie capacità non sta necessariamente soddisfando delle emozioni, ma soddisfa solo la condizione necessaria alla propria esistenza e al proprio sviluppo e non finirà mai perchè ci sarà sempre qualcosa da migliorare, guarda caso sono i processi di base di qualsiasi entità vivente, anche quelle sicuramente non emotive come i batteri, mentre le emozioni appartengono solo ad alcune forme di vita, sarebbe arrogante ed equivalente a ritenersi perfetti affermare che le emozioni siano l'unico modo per sopravvivere.

Citazione:
La razionalità a volte si arrotola su se stessa, si incarta e non ci fa mai giungere a prendere decisioni.


Non è la razionalità che si incarta, la razionalità per definizione non può sbagliare, è l'incapacità umana di applicare la razionalità in modo completo e l'offuscamento emotivo sulla razionalità che portano a sbagliare.

Farò un esempio rispondendo a questo:

Citazione:
La prudenza, per esempio, invece è spesso un'ottima sintesi tra paura dell'ignoto, curiosità e raziocinio.


Io dissento da questo perchè la prudenza per me deriva totalmente dalla logica, la prudenza che deriva dalla paura è una falsa prudenza pechè porta a reazioni, come scappare, che in particolari situazioni possono essere sbagliate, supponi di essere in un palazzo in fiamme, puoi scappare o puoi correre alla valvola che apre l'acqua del impianto antincendio, se reagisco usando la paura evoluta nella savana sicuramente sbaglio perchè è appunto utile nella savana, non in un edificio o su un aereo.

Citazione:
Io sono convinta che non esistano scelte e ragionamenti razionali assoluti e unici per ogni singola situazione che ci troviamo ad affrontare. E non è colpa delle emozioni, ma solo perchè basta spostare il punto d'osservazione e tutto cambia.


L'avere un punto d'osservazione implica il non giudicare la realtà in modo oggettivo e forse non credere nemmeno al esistenza di una realtà oggettiva, sarà per deformazione professionale ma questo è l'opposto di come la penso io, se non ci troviamo d'accordo su questo si spiega il perchè di tutti i disaccordi, comunque nel caso di multiple scelte si può determinare, sempre con la logica, quale di queste è la più "performante" e in caso di equivalenze tra più scelte si può infine affidarsi al caso, questo modo di procedere è applicabile sia che siamo esperti in quello che facciamo, sia che non lo siamo, cambierà solo l'efficenza del risultato.

Citazione:
Ci possono essere ricerche estreme che intendono provare che l'uomo con la propria volontà può liberarsi da esigenze vitali considerandole spregevoli o fuorvianti dai veri obiettivi, come ad esempio quelle persone che pare riescano a vivere per anni immobili, silenziose e senza nemmeno mangiare (dicono) facendosi crescere quelle orribili unghie a dismisura in cerchi concentrici, ci sono gli eremiti, o più semplicemente quelli che sfidano l'istinto di sopravvivenza dedicandosi ad attività pericolosissime per la propria incolumità, i killer senza anima e senza paura, ma io sono convinta (posso certamente sbagliare) che la loro ricerca, in fondo in fondo, non sia solo per se stessi, ma sia rivolta al mondo al quale vogliono dimostrare delle cose perchè dal mondo sono stati feriti.


Il discorso può valere per alcuni ma sicuramente non si può generalizzare, cosa mi dici di quelli che sono obbligati per sopravvivere a questo tipo di condizioni? Non per tutti è una scelta, chi è obbligato ad andare contro le proprie emozioni per sopravvivere certamente otterrebbe risultati migliori se riuscisse a non provarle e certamente ci sono casi in cui non si può dire che sia una scusa per nascondersi dalle proprie ferite psicologiche.

Mi auguro di non apparire eccessivamente polemico, ma vorrei evitare fraintendimenti per essere stato poco preciso nel esprimermi.
Solitario is offline  
Vecchio 24-10-2005, 00.51.06   #43
lobelia
Utente bannato
 
Data registrazione: 28-07-2005
Messaggi: 448
eh caro solitario, in questo momento ti capisco molto bene...sto organizzando la mia vita in un modo moooolto particolare per me e assolutamente diverso da quello che io avrei sperato e voluto. La decisione l'ho presa sulla base di molta razionalità, ma l'ho presa davvero solo sulla spinta dell'emotività. Se no ci avrei pensato ancora anni e non l'avrei mai presa.
Ho scelto una soluzione che seppure praticamente m'ammazzerà l'anima per anni, so che per la persona per cui ho fatto questa scelta è la cosa migliore. Non avrei mai tollerato l'idea di fare soffrire quella persona prendendo una decisione più comoda per me. Sarei stata molto male.
In questo momento vorrei davvero come te poter controllare le mie emozioni e poter reggere serenamente un futuro che mi spaventa e che so sarà difficilissimo. Vorrei poter accogliere questa persona con una serenità oltre che affettuosa quando si farà amare, ma soprattutto con una serenità distaccata e sorridente nei momenti in cui invece ora mi fa perdere completamente la trebidosonda e le metterei le mani addosso per l'esasperazione a cui mi porta.
Sì, mi piacerebbe molto vivere quei momenti in modo distaccato, come se non mi riguardassero. Otterrei risultati certamente ottimi, per lei e per me. Non impazzirei, non mi dispererei e non la tratterei mai male.
Però io ho un grande dubbio e finchè ce l'ho, non cercherò mai di controllare scientemente le mie emozioni, facendole magari fluire con parsimonia a mio uso e consumo solo nel momento voluto e dove penso di non correre alcun rischio.
Io non voglio rischiare di diventare così e di non sapere più esplodere di felicità, di passione, di meraviglia, di tenerezza, di tristezza e di dolore.
Conosco persone che hanno bisogno di avere tutto sempre sotto controllo, se no stanno male.
Io non sono così. Sì certo mi fa comodo poter controllare ogni tanto qualcosa, ma faccio molta fatica perchè solo all'idea di dover avere tutto sotto controllo, visto che è impossibile e che soprattutto mi piacciono molto le sorprese, sto male.
Anche a me piace stare sola molte volte e anche quando mi capita di starci senza averlo scelto, non ho grandi problemi. Ma a me la gente piace molto. Direi moltissimo. E mi piace proprio perchè la gente nella sua diversità e labilità emotiva, destabilizza continuamente le mie aspettative, conoscenze e i miei luoghi comuni. Mi piace destabilizzarmi, stupirmi di fronte alle cose ed alle persone. Mi piace emozionarmi e sentire le emozioni degli altri di fronte a me.
E ho imparato che l'oggettività delle cose, cambia molto spesso sostanzialmente cambiando il punto d'osservazione.
Un tavolo può essere grande per una persona abituata a tavoli più piccoli o viceversa (non è possibile conoscere l'esatta dimensione media dei tavoli esistenti al mondo) o in base alla dimensione della stanza dove si trova. Può essere una scrivania, può essere un tavolo dove imbandire cene luculliane. Prova a guardare quel tavolo da centomilioni di anni luce di distanza o dall'interno di una delle cellule di cui è composto. Cambia parecchio l'oggettività di quello che vedi.
So per certo che se avessi scelto di seguire sempre la parte razionale del binomio, risparmiando sulle emozioni, non mi sarei divertita quanto mi sono divertita nella mia vita.
Oh, certo forse avrei sofferto anche meno, ma io sono felicissima di avere sofferto nella mia vita. Sì, lo so, durante non la si pensa così.
Per provare felicità, bisogna camminare con il cuore e le braccia aperte. Si prendono tranvate e le tranvate fanno male, si sbaglia eccome, i dolori si sentono forte, ma in caso contrario, si vive una vita a metà. Non ci si apre nemmeno alle possibili grandi felicità. Di tutto il resto, a me non interessa.
Solitario, questa è Lobelia e non pretendo che tutti debbano essere come me e non voglio nemmeno convincerti della giustezza della mia posizione.
Tu ritieni che le emozioni siano ormai inutili, a volte degradanti e dannose.
Io penso che siano vitali e che pericoloso sia l'estremo tentativo di controllarle.
Siamo su due posizioni diverse, niente di grave. Siamo diversi e mi ha fatto davvero piacere leggere le tue argomentazioni e pure immaginarti come persona.
Ti auguro buona fortuna.
Ora provo ad andare a dormire, se no sarà l'ottava notte in bianco. Buona notte
lobelia is offline  
Vecchio 24-10-2005, 06.56.12   #44
gyta
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,614
Ciao, Solitario.
In ciò che scrivi io vedo un terrore sconfinato (subconscio che pur sia!)
di prendere coscienza di ciò che alberga in te..! *

Vedi.. le emozioni come ha ricordato Rubin citando Freud
sono semplice energia:
tutto dipende dalla strada che prendono per esprimersi;
mentale, corporea..!

Ma ciò che "muove" ed "è"
è sempre la medesima "energia-vitale":
il tuo indirizzo ne fa sensazione corporea di passione o film di sfondo.. (!)

Consiglierei anch'io qualche immersione nella meditazione
o semplicemente sederti ad osservare te stesso ed ogni tuo pensiero..

Ma se cerchi di possedere il "controllo" sarai destinato
(dalla legge della compensazione-equilibrio delle forze) a perderlo,
se invece mai accettassi di perderlo (contrariamente a quanto la ragione della quale parli
ne dedurrebbe mai!).. lo abbracceresti!



*[e tale percorso non mi sembra un cammino di autoconoscenza,
indispensabile tra l'altro ad intraprendere la strada d'equilibrio che tanto brami..!]



Gyta

p.s x MistiK:
Sì.. Penso anch'io che sia colpa dei falò notturni attorno ai copertoni..
insufficienti a scaldare.. gli "animi"!
gyta is offline  
Vecchio 26-10-2005, 17.27.08   #45
Solitario
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 85
Citazione:
Ciao, Solitario.
In ciò che scrivi io vedo un terrore sconfinato (subconscio che pur sia!)
di prendere coscienza di ciò che alberga in te..! *

Vedi.. le emozioni come ha ricordato Rubin citando Freud
sono semplice energia:
tutto dipende dalla strada che prendono per esprimersi;
mentale, corporea..!

Ma ciò che "muove" ed "è"
è sempre la medesima "energia-vitale":
il tuo indirizzo ne fa sensazione corporea di passione o film di sfondo.. (!)

Consiglierei anch'io qualche immersione nella meditazione
o semplicemente sederti ad osservare te stesso ed ogni tuo pensiero..

Ma se cerchi di possedere il "controllo" sarai destinato
(dalla legge della compensazione-equilibrio delle forze) a perderlo,
se invece mai accettassi di perderlo (contrariamente a quanto la ragione della quale parli
ne dedurrebbe mai!).. lo abbracceresti!



*[e tale percorso non mi sembra un cammino di autoconoscenza,
indispensabile tra l'altro ad intraprendere la strada d'equilibrio che tanto brami..!]


Il controllo come lo intendi tu non ha nulla a che vedere con come lo intendo io, quello a cui ti riferisci tu è l'appagamento dei "disturbi" per non subirne le conseguenze, il vero controllo, invece, è la capacità di andare contro, ovviamente è molto più difficile perchè il terrore di cui tu parli può essere amplificato se si considera negativamente il voler modificare se stessi, o come direbbe erroneamente qualcuno " l' andar contro natura", solo che con un minimo di logica, come ho già fatto notare, si capisce subito che non è assolutamente un andar contro natura e il terrore di non accettarsi è solo un difetto evolutivo che bisogna analizzare logicamente ed affievolirlo, farlo sparire rendendosi conto di quanto ci limità nel evolverci.

Citazione:
Siamo diversi e mi ha fatto davvero piacere leggere le tue argomentazioni e pure immaginarti come persona.


Chissa solo se l'idea reciproca che ci siamo fatti l'uno del altro rispecchia, almeno in parte, la realtà, secondo me è improbabile ma è comunque interessante il tentativo.

ciao a tutti
Solitario is offline  
Vecchio 27-10-2005, 00.32.15   #46
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
x Solitario

Oggi ho dovuto guidare per diversi km e fra i diversi pensieri, mi sono venute alla mente le tue riflessioni.

La successione è stata: "Devo trovare il tempo e la concentrazione per ricominciare a dipingere"
Poi: "Non riesco a concentrarmi in questo periodo, troppo problemi e ansie".
Quando ci si concentra su qualcosa che coinvolge anche le emozioni, ma che richiede un processo creativo, ci si deve concentrare su quello e basta.

Questo vale anche per altri ambiti logicamente, come lo studio.

Ecco a quel punto mi è venuto in mente ciò che hai scritto qui.

E in quel senso penso che tu abbia ragione.

Però lo immagino come un atteggiamento o meglio un modo, che eventualmente darebbe più vantaggi se lo si potesse smettere all'occorrenza.

E anche ad una suddivisione fra le emozioni; fra quelle "ghiandolari" e dell'anima.
Non rinuncerei a certe emozioni che certamente - aggiungono.
cannella is offline  
Vecchio 27-10-2005, 02.22.04   #47
lobelia
Utente bannato
 
Data registrazione: 28-07-2005
Messaggi: 448
"Chissa solo se l'idea reciproca che ci siamo fatti l'uno del altro rispecchia, almeno in parte, la realtà, secondo me è improbabile ma è comunque interessante il tentativo"

interessante? Ma se l'immaginazione è il sale della vita!
lobelia is offline  
Vecchio 27-10-2005, 11.28.03   #48
r.rubin
può anche essere...
 
Data registrazione: 11-09-2002
Messaggi: 2,053
Re: x Solitario

Citazione:
Messaggio originale inviato da cannella
Oggi ho dovuto guidare per diversi km e fra i diversi pensieri, mi sono venute alla mente le tue riflessioni.

La successione è stata: "Devo trovare il tempo e la concentrazione per ricominciare a dipingere"
Poi: "Non riesco a concentrarmi in questo periodo, troppo problemi e ansie".
Quando ci si concentra su qualcosa che coinvolge anche le emozioni, ma che richiede un processo creativo, ci si deve concentrare su quello e basta.

Questo vale anche per altri ambiti logicamente, come lo studio.

Ecco a quel punto mi è venuto in mente ciò che hai scritto qui.

E in quel senso penso che tu abbia ragione.

Però lo immagino come un atteggiamento o meglio un modo, che eventualmente darebbe più vantaggi se lo si potesse smettere all'occorrenza.

E anche ad una suddivisione fra le emozioni; fra quelle "ghiandolari" e dell'anima.
Non rinuncerei a certe emozioni che certamente - aggiungono.


Nei casi di cui parli serve l'automotivazione, ossia bisogna scoprire i propri personali metodi di autocontrollo psicologico che ti permettono di indirizzare le energie verso gli obiettivi prescelti.
Anche capire cme fare a staccare la spina dai problemi che ti turbano, per chiuderli momentaneamente in un cassetto in attesa di riprendere energie, dedicandoti alle attività che ti piacciono, per poi riprenderli in mano al momento opportuno.
r.rubin is offline  
Vecchio 27-10-2005, 11.40.20   #49
cannella
Ospite abituale
 
L'avatar di cannella
 
Data registrazione: 21-09-2003
Messaggi: 611
x rubin

grazie
cannella is offline  
Vecchio 27-10-2005, 19.37.14   #50
Solitario
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 85
Citazione:
Ma se l'immaginazione è il sale della vita!


Non per me, per me lo è la previsione e in questo caso non ci sono abbastanza elementi per farne una!!!
Solitario is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it