Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 01-02-2006, 19.45.15   #11
LelianaBrindisi
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-01-2006
Messaggi: 54
Per me l' AMICIZIA è:

-sincerità
-fiducia
-stima reciproca
-affetto


E' importante saper dare senza pretendere..
(per il piacere di dare)


I veri amici capiscono quanto dai, apprezzano quello che dai e ti restituiscono quello che hai seminato.


Tutti gli altri prendono ,opportunisticamente, e non restituiscono nulla.

NON IMPORTA...perchè DARE è BELLISSIMO e fa bene al cuore!!

LelianaBrindisi is offline  
Vecchio 01-02-2006, 20.04.13   #12
elims
Ospite abituale
 
Data registrazione: 22-01-2006
Messaggi: 50
non so se avete mai letto il piccolo principe...insomma se conoscete l autore antoine de saint exupery...beh io ho un amica che conosco da tanti anni...diciamo sin da quando ho iniziato ad esercitare l uso della ragione... da lei ho imparato molto...in piccola parte ci si compensa un pò a vicenda...abbiamo vissuto e quindi "trascorso" del tempo insieme...tantissime esperienze!non ricordo un esperienza importante senza la sua presenza...ed ecco...penso che il tempo che si trascorre con qualcuno, fa questo "qualcuno" davvero così importante!!...mi trovo molto bene perchè è difficile avere la fortuna di aver vicino qualcuno con cui confrontarsi ogni volta che se ne ha bisogno....molto molto apertamente!!si cresce tanto!ma un amicizia si deve anche saper coltivare....e prima di coltivare qualsiasi tipo di rapporto occorre operare costantemente su noi stessi!!!!!e fondamentale!! e poi volevo lasciarvi una frase di questo autore che mi piace molto...poi a ognuno libera interpretazione:
"Amico mio, accanto a te
non ho nulla di cui scusarmi,
nulla da cui difendermi,
nulla da dimostrare: trovo la pace...
Al di la' delle mie parole maldestre
tu riesci a vedere in me
semplicemente l'uomo."
~ Antoine de Saint-Exupery

Ultima modifica di elims : 01-02-2006 alle ore 20.07.24.
elims is offline  
Vecchio 03-02-2006, 14.13.05   #13
Guccia
ad maiora
 
L'avatar di Guccia
 
Data registrazione: 02-01-2005
Messaggi: 275
Letto: è immortale, bellissimo! Solo il Piccolo Principe, un bimbo dai capelli d'oro, poteva insegnarci tante cose insieme con parole semplici!
Guccia is offline  
Vecchio 03-02-2006, 18.06.30   #14
elisa.a
Ospite abituale
 
L'avatar di elisa.a
 
Data registrazione: 26-01-2005
Messaggi: 100
Ciao a tutti,

personalmente ho avuto bellissime esperienze di amicizia, ma principalmente con uomini, nei momenti più difficili e dolorosi della mia vita, ho trovato in loro l'obiettività e la razionalità che a me mancava, mi hanno fatto vedere sempre l'altra faccia della medaglia.

Sempre disponibili ad ascoltarmi, a darmi la spalla quando ero disperata, e a contraddirmi quando sbagliavo, se sono la persona che sono lo devo principalmente a loro; molte volte ho pensato che qualcuno lassù mi avesse mandato angeli sotto forma di amici.

Vi assicuro che non stò esagerando!!!

Da parte mia ho agito ugualmente, essendo disponibile nelle loro necessità.

Si avete ragione,l'amicizia non è trovare chi ti dà continuamente ragione, ma persone sincere che ti sappiano anche riprendere e correggere oltre che condividere sentimenti ed emozioni.

La cosa più spiacevole è che, come tutte le cose, ci si trasforma e ci si perde di vista, ma si capisce che l'amicizia esiste anche perchè anche se ci si incontra dopo anni, ci si accorge che le cose non sono cambiate ed è come ci si fosse visti il giorno prima.

Non nego che nelle mie esperienze vi siano state
anche quelle negative
sopratutto con donne, forse perchè con loro forse c'è stata rivalità , anche se questo non era nelle mie intenzioni.

Essere amici certamente non vuol dire nè dipendenza ne oblighi, ma rispetto della personalità altrui e massima libertà.

Buona serata a tutti.

Elisa





elisa.a is offline  
Vecchio 03-02-2006, 18.24.08   #15
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
E il meglio di voi sia per l'amico vostro.
Se lui dovrà conoscere il riflusso della vostra marea,
fate che ne conosca anche la piena.
Quale amico è il vostro, per cercarlo nelle ore di morte?
Cercatelo sempre nelle ore di vita.
Poiché lui può colmare ogni vostro bisogno, ma non il vostro vuoto.
E condividete i piaceri sorridendo nella dolcezza dell'amicizia.
Poiché nella rugiada delle piccole cose
il cuore ritrova il suo mattino e si ristora.


da "Il Profeta" - Kahlil Gibran
oizirbaf is offline  
Vecchio 03-02-2006, 19.58.58   #16
Guccia
ad maiora
 
L'avatar di Guccia
 
Data registrazione: 02-01-2005
Messaggi: 275
TRATTA DAL SITO
L’AMICIZIA autore anonimo
Segnalata da Claudio B.
Un uomo, il suo cavallo ed il suo cane camminavano lungo una strada.
Mentre passavano vicino ad un albero gigantesco, un fulmine li colpì, uccidendoli all'istante.
Ma il viandante non si accorse di aver lasciato questo mondo e continuò a camminare, accompagnato dai suoi animali. A volte, i morti impiegano qualche tempo per rendersi conto della loro nuova condizione...
Il cammino era molto lungo; dovevano salire una collina, il sole picchiava forte ed erano sudati e assetati. A una curva della strada, videro un portone magnifico, di marmo, che conduceva a una piazza pavimentata con blocchi d'oro, al centro della quale s'innalzava una fontana da cui sgorgava dell'acqua cristallina.
Il viandante si rivolse all'uomo che sorvegliava l'entrata.
"Buongiorno"
"Buongiorno" rispose il guardiano.
"Che luogo è mai questo, tanto bello?"
"E' il cielo"
"Che bello essere arrivati in cielo, abbiamo tanta sete!"
"Puoi entrare e bere a volontà".
Il guardiano indicò la fontana.
"Anche il mio cavallo ed il mio cane hanno sete"
"Mi dispiace molto", disse il guardiano, "ma qui non è permesso l'entrata agli animali".
L'uomo fu molto deluso: la sua sete era grande, ma non avrebbe mai bevuto da solo.
Ringraziò il guardiano e proseguì.
Dopo avere camminato a lungo su per la collina, il viandante e gli animali giunsero in un luogo il cui ingresso era costituito da una vecchia porta, che si apriva su un sentiero di terra battuta, fiancheggiato da alberi.
All'ombra di uno di essi era sdraiato un uomo che portava un cappello; probabilmente era addormentato.
"Buongiorno" disse il viandante.
L'uomo fece un cenno con il capo.
"Io, il mio cavallo ed il mio cane abbiamo molta sete".
"C'è una fonte fra quei massi", disse l'uomo, indicando il luogo, e aggiunse: "Potete bere a volontà". L'uomo, il cavallo ed il cane si avvicinarono alla fonte e si dissetarono.
Il viandante andò a ringraziare.
"Tornate quando volete", rispose l'uomo.
"A proposito, come si chiama questo posto?"
"Cielo"
"Cielo? Ma il guardiano del portone di marmo ha detto che il cielo era quello là!"
"Quello non è il cielo, è l'inferno".
Il viandante rimase perplesso.
"Dovreste proibire loro di utilizzare il vostro nome! Di certo, questa falsa informazione causa grandi confusioni!"
"Assolutamente no. In realtà, ci fanno un grande favore. Perché là si fermano tutti quelli che non esitano ad abbandonare i loro migliori amici...."
Guccia is offline  
Vecchio 03-02-2006, 21.11.14   #17
Pensierostupendo
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 26-01-2006
Messaggi: 230
Amicizia e' anche fluiditä..non dipendere..non competere..ma rapportarci con equilibrio..
Pensierostupendo
Pensierostupendo is offline  
Vecchio 03-02-2006, 21.19.01   #18
Melany
Ospite abituale
 
Data registrazione: 31-10-2005
Messaggi: 422
Devo dire che sono stata un po' combattuta dentro di me in questo post, di cose da dire ne ho però nello stesso tempo provo un misto di tristezza e desiderio dei tempi passati. Alla fine mi sono decisa a dire qualcosa anch'io. Come ho detto parlare di amicizia mi fa male perchè quella che io reputo la migliore amica che ho mai avuto nella mia vita purtroppo non è più tra noi da alcuni anni. Inutile dire che io sono stata male per la sua scomparsa come se avessi perso una parente. Ci conoscevamo da una quindicina d'anni e vi assicuro che in tutto quest'arco di tempo non avevamo mai litigato. Solo una volta abbiamo avuto un piccolo battibecco un sabato sera e ricordo che io quella sera sono stata malissimo. L'indomani alla 9 di mattina, senza pensare chi avesse torto o ragione le telefonai e in pochi minuti risolvemmo quella sciocchezza della sera prima, dopo di che ci mettemmo a parlare del più e del meno come se niente fosse stato. La nostra amicizia era fatta intanto da lunghissime chiacchierate, non la finivamo mai di parlare, anche se ci eravamo viste il giorno prima e ci eravamo dette un sacco di cose, trovavamo lo stesso un'infinità di cose da dire. Con questo non posso dire che lei e io eravamo uguali, avevamo alcune cose in comune ma molte differenze. Per noi niente prese in giro se una chiedeva un parere su una cosa, ci eravamo riproposte di dirci sempre quello che pensavamo perchè tutte e due eravamo d'accordo che non ha senso che io chiedo un'opinione e poi mi dà fastidio se l'altra la pensa in modo diverso rispetto a me. Questo valeva dal parere sulla cosa più banale, tipo come sta addosso un vestito, al discorso più importante di questo mondo. Facevamo lunghi discorsi seri ma ridevamo anche a più non posso. Il fatto che parlavamo, non vuol dire però che ognuna di noi faceva il resoconto completo all'altra, tutte e due dicevamo quello che avevamo voglia di dire. E' importante per me sottolineare questo perchè vedo che alcune persone si seccano se vengono a sapere che un'amica non ha detto loro qualcosa. Secondo me questo è sbagliato, in amicizia bisogna innanzitutto rispettarsi e questo vuol dire rispettare anche la volontà dell'amica di non voler dire qualcosa perchè magari non se la sente.
Una cosa che permetteva alla nostra amicizia di andare avanti è che nessuna delle due aveva pretese sull'altra, cosa che invece vedo spesso in altre persone.
La cosa che mi fa male è che poco prima della sua scomparsa ci eravamo riproposte che non avremmo mai litigato perchè avevamo notato che c'erano persone invidiose della nostra amicizia, perciò per alcune cose dette da alcuni per alcuni giorni si era creato un malinteso che ovviamente noi abbiamo subito chiarito. Così avevamo detto che non avremmo permesso a nessuno di farci litigare. Devo dire che dopo di lei non sono più riuscita a trovare un'altra amica come lei e una cosa che mi rattrista è che vedo che farsi degli amici diventa sempre più difficile man mano che si va avanti con l'età. Non so, ma mi sembra che dopo i vent'anni diventa molto difficile, mentre nell'adolescenza ( almeno per me ) è molto più facile.
Ciao a tutti.

Ultima modifica di Melany : 03-02-2006 alle ore 21.31.36.
Melany is offline  
Vecchio 04-02-2006, 09.03.51   #19
Salin
Ospite
 
L'avatar di Salin
 
Data registrazione: 11-10-2005
Messaggi: 35
IO CREDEVO nell'Amicizia
Salin is offline  
Vecchio 04-02-2006, 12.04.13   #20
Arco
Ospite
 
Data registrazione: 24-01-2006
Messaggi: 29
Invettiva contro l’amicizia

L’amicizia è quanto di più inconsistente, incontrollabile e inverificabile che esista.
Non soggetta a regole, regolamenti e contratti sfugge a ogni certezza, come un anguilla
E’ fragile, mutevole, suscettibile di cambiamenti improvvisi e di fini imprevedibili.
Non ha classificazioni, non la sai riconoscere facilmente (e vai incontro ad abbagli dolorosi.) Non è amore, non è buona conoscenza, te la fanno passare per cameratismo, bisogno d’aiuto e sostegno reciproco.
Mentre in amore si ama incondizionatamente, anche un sasso, anche un fedifrago, anche uno stupido, anche un nemico, anche un noioso…in amicizia devi essere: leale, solidale, sincero, altruista, comprensivo, capire, sorridere, sostenere, dare, dare, dare.
Meretrice pura, l’amicizia si vende al più interessante offerente. non ha pazienza, non perdona proprio per niente, si irrita facilmente.
Se le conviene ti manda a quel paese per un amor galante, per un appuntamento dal parrucchiere, per un fine settimana al mare, per non litigare con i canonici , perché ha altro da fare. In nome della reciproca comprensione(“…tu mi capisci”) non fa investire energie, non ti mette in moto.
Per un amico non si scala una montagna, non si affronta un drago, non la suocera, nemmeno un semaforo.
L’amico è là, normalmente aspetta che tu lo aspetti… quando è comodo, quando non ha da lavorare, quando non ha dubbi e paure, quando gli va.

Siamo più fedeli ad un dentista.

(
Arco is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it